venerdì 4 giugno 2010

Wikipedia inattendibile anche sul signoraggio

Signoraggio.it:
Wikipedia inattendibile


4 giugno 2010

Perchè Wikipedia sulla questione SIGNORAGGIO non può essere considerata attendibile:

Sappiamo che i grandi network della rete, sopratutto quelli che dovrebbero divulgare le informazioni sono controllati dalle lobby di potere, nel caso specifico Wikipedia è controllata da una potente fondazione bancaria: "chi paga il pifferaio sceglie la musica".

Alla voce: "signoraggio", "signoraggio bancario", Wikipedia è infestata dagli stessi negazionisti del signoraggio: [leggi_articolo] che generano rimanendo anonimi, siti web e blog con contenuti colmi di palesi idiozie nel tentativo di negare la truffa del signoraggio. Infatti, se andiamo su Wikipedia alla voce signoraggio, l'utente che desidera informarsi ne esce stordito, senza essere riuscito a capire nulla, quindi lo scopo è allontanare le persone dall'interessarsi.

Inoltre, vengono diffamati gli studiosi e divulgatori della problematica etichettandoli in maniera che alla prima impressione l'utente venga indotto a credere che siano dei pazzi furiosi con idee politiche malsane.

Nella serata del 1 giugno 2010 il canale televisivo ITALIA1 ha messo in onda la trasmissione di approfondimento MISTERO, condotta da RAZ DEGAN, ha fatto luce sul SIGNORAGGIO, divulgando a livello nazionale la questione, immediatamente i negazionisti del signoraggio si sono scatenati in rabbiose repliche supportate da solenni scandalose colossali sciocchezze, tutte tese a dimostrare che quello che è stato affermato dagli autorevoli personaggi intervistati da Raz Degan siano dei ciarlatani, che non sanno di cosa parlano, per chi non ha visto la trasmissione può cliccare sul seguente link: VIDEO-MISTERO visionando tutta la parte che riguarda la questione.

Criminali al soldo delle lobby bancarie, ai quali vengono garantiti privilegi e lauti compensi per infestare la rete e infiltrarsi in ogni forum di discussione, per disturbare, insultare e generare grande confusione sempre per indurre l'utente ad abbandonare, sono nel gergo della rete i "FAKES TROLLS" non usano mai nome e cognome, come diversamente i sostenitori della verità sulla truffa del signoraggio usano, esponendo la propria identità per affermare il principio che: "se non si ha il coraggio di ciò che si dice, o non vale niente quello che si dice, o non vale niente la persona che lo dice".

Questi "criminali" quando non riescono a penetrare nelle discussioni, attivano con false identità siti e blog su spazi web gratuiti, inondando di articoli la rete con le ripetitive solenni idiozie, terminando con la diffamazione e l'ingiuria rivolta verso gli autorevoli studiosi divulgatori di questo criminale fenomeno economico che opprime le economie dei popoli.

Questo sito, http://www.signoraggio.it è continuamente sotto attacco informatico che i sistemi di protezione, dopo il primo maldestro attacco sono stati implementati, difendendo perfettamente i contenuti del server, ultimamente il sito www.signoraggio.info è stato craccato da degli hackers, hanno sotituito tutte le pagine del sito con demenziali proclami politici, possiamo immaginare chi sono i mandanti di tale attività criminale, ricordate i giga-byte di videoporno trovati nei computer dell'ente di controllo delle banche americane?
E' stato un pianificato attacco informatico, una chiara vendetta per screditare l'ente e le persone che vi lavorano, dopo che tale ente aveva messo sotto accusa per gravi irregolarità la Goldman Sachs la più potente banca d'affari del mondo, la stessa che controlla il governatore di Banca d'Italia, la stessa che ha pagato la campagna elettorale di Romano Prodi, video testimonianza:

Non ci rimane che riflettere sulla guerra a colpi di informazioni corrette e disinformazione generata dai potenti mandanti.

Art. del Citt. Sovr. Giovanni Sandi

http://www.signoraggio.it http://www.signoraggio.net

1 commento:

  1. Verissimo. Se si inserisce nella voce signoraggio, in bibliografia, il riferimento al testo del Procuratore Generale Bruno Tarquini, "La banca, la moneta, l'usura - la Costituzione tradita", lo cancellano quasi subito a ripetizione, disperati come trolls. Provate voi ad inserirlo, per credere. Oppure, meglio, leggete e diffondete il testo di Tarquini:
    http://www.controcorrentedizioni.it/banca-moneta-lusura-p-113.html

    RispondiElimina