venerdì 18 marzo 2011

Foreign bankers flee Tokyo

Foreign bankers flee Tokyo as nuclear crisis deepens

cnbc, 16 Mar 2011

By Nachum Kaplan and Denny Thomas

(Reuters) - Foreign bankers are fleeing Tokyo as Japan's nuclear crisis worsens, scrambling for commercial and charter flights out of the country and into other major cities in the region.

BNP Paribas , Standard Chartered and Morgan Stanley were among the banks whose staff have left since Friday's earthquake and tsunami, and now a nuclear plant disaster, according to industry sources with direct knowledge of the matter.

Expatriate staff at most foreign banks in Tokyo make up a small portion of the total, by some estimates less than 10 percent. But many are often in senior positions so their departure can have a significant impact.

And while Japan's investment banking market is famously tough, it's an essential place for large banks to be and can produce hefty fees.

"The foreign banker presence on the ground in Tokyo now is very thin and depending on how long it takes them to return there could be lasting implications of that," said one banker. "Every time there's a washout of foreigners in Japan they never quite return in the same numbers."

With bankers joining the growing exodus, private jet operators reported a surge in demand for evacuation flights which sent prices surging as much as a quarter. One jet operator said the cost of flying 14 people to Hong Kong from Tokyo was more than $160,000.

"I got a request yesterday to fly 14 people from Tokyo to Hong Kong, 5 hour 5 minutes trip. They did not care about price," said Jackie Wu, COO of Hong Kong Jet, a newly established private jet subsidiary of China's HNA Group.

RADIATION FEARS

Radiation leaking from a crippled nuclear power plant spread panic across the country, emptying out Tokyo's normally bustling streets. Scores of flights to the city were halted and embassies warned citizens to leave or avoid the region.

The Tokyo-based International Bankers Association (IBA), which represents 16 major investment banks, issued a statement on Tuesday saying that none of them had closed business or ordered evacuations.

"We are watching the situation as it unfolds, but right now, it's business as usual," Christopher Knight, Japan CEO for Standard Chartered, told Reuters on Wednesday, adding that his office was staffed and open.

Other banks, including Citigroup , J.P. Morgan and Morgan Stanley, also told Reuters that business was operating as usual.

While Japan markets remained open, and banks were indeed open, many financial professionals, particularly those from outside Japan, were doing everything they could to get out of the country.

IFR, a Thomson Reuters publication, spoke with 14 bankers from the bond syndicate and equities desks of Citigroup, J.P. Morgan, Deutsche Bank , Morgan Stanley, Bank of America-Merrill Lynch and BNP Paribas who had fled for the safety of Hong Kong, Singapore and Seoul through the week or were trying to get out.

Foreign bankers choosing to remain in Tokyo and Japanese bankers said that it was anything but business as usual at the moment with communications patchy, rolling blackouts, thinly-manned desks and so many people looking to leave.

"It's been almost impossible to get hold of investors since the quake hit," said one syndicate banker at a U.S. house from the safety of Hong Kong.

While the banks were not officially relocating people, they were accommodating employees and their families who wanted to leave.

"At the end of the day, it's the employees choice whether they flee or stay back," a banker at a European investment bank said. Asked who was taking up the option to leave, he said: "Who isn't? Everyone is trying to get out. Wouldn't you?"

SIMILAR TO SARS

Several bankers compared the situation to the outbreak of SARS in 2003. Severe Acute Respiratory Syndrome (SARS) emerged in southern China in 2002, swept through Guangdong province and Hong Kong before spreading globally in 2003. It infected some 8,000 people and killed around 800, which prompted hordes of foreign professionals to leave Hong Kong.

Morgan Stanley had moved its credit team out of Tokyo, a person with knowledge of the matter told IFR. Morgan Stanley's spokesman denied the bank had moved any staff out of Japan.

BNP Paribas has moved about 10 people away from Japan for business continuity purposes out of a staff of about 900, according to the bank's spokesman, Daniel Boyd.

A number of senior Standard Chartered staff left Japan on Saturday morning for Hong Kong and Singapore, a person with direct knowledge of the situation said.

"We have contingency plans and if the situation changes this may involve moving some staff to other locations as needed to ensure business continuity," a Citi spokesman said.

A J.P. Morgan spokeswoman said "no business, teams or desks had been relocated" out of Japan.

The low foreign banker presence in Tokyo has also been exacerbated by many bankers on business trips abroad not returning to Tokyo. "If you're a Japan banker that's just done a trip to Mumbai, you can bet they're calling their home base to see if they can stay a while longer," another banker told Reuters.

(Additional reporting by Jonathan Rogers; Stephen Aldred, Elzio Barreto, Kelvin Soh and Haruya Ida; Editing by Michael Flaherty and Lincoln Feast)

Copyright 2011 Reuters

Casa popolare della Polverini: 130 euro al mese

Corriere della Sera
Lazio: Inchiesta dell'«Espresso» sulla governatrice

La casa popolare della Polverini:
«A 130 euro al mese»

Sull'Aventino per 15 anni per 5 stanze

Lazio: Inchiesta dell'«Espresso» sulla governatrice

La casa popolare della Polverini:
«A 130 euro al mese»

Sull'Aventino per 15 anni per 5 stanze

Renata Polverini (Eidon)
Renata Polverini (Eidon)
ROMA - Anche Renata Polverini finisce al centro di «affittopoli». La governatrice del Lazio proprio l'altro ieri aveva istituito una «commissione ispettiva» sull'Ater (l'azienda dell'edilizia popolare) di Roma. Obiettivo: fare luce su eventuali abusi e favoritismi nei contratti di affitto e di vendita delle case pubbliche. Da settimane il centrodestra accusa la vecchia giunta Veltroni di aver svenduto case ad amici e amici di amici. Ma ieri, appena 24 ore dopo l'annuncio della linea dura, Renata Polverini si è ritrovata a sua volta sotto accusa. Tirata in ballo da un'inchiesta pubblicata sul sito internet de l'Espresso.


Secondo la ricostruzione del settimanale (suffragata da certificati anagrafici), l'ex sindacalista per 15 anni, fino al 2004, ha avuto la propria residenza insieme al marito Massimo Cavicchioli in una casa dell'Ater in via Bramante, all'Aventino, quartiere extra lusso, usufruendo di un canone ultra-popolare: circa 130 euro al mese per 4 vani più bagno e cucina. E ancora oggi, sostiene il giornale, Cavicchioli risulta residente nell'appartamento.
Renata Polverini, cercata tramite la propria portavoce, ha preferito non commentare: «Domani (oggi per chi legge, ndr) forse parlerà di questa storia». La governatrice - secondo la ricostruzione de l'Espresso - dal settembre del 2004 abita e ha la propria residenza in un elegante appartamento a San Saba, altra zona extra lusso in pieno centro della Capitale. Si tratta di una casa acquistata nel 2002 dallo Ior: nove stanze, due box e tre balconi, pagata appena 272 mila euro (somma con la quale all'epoca a Roma si acquistavano sul mercato al massimo 70-75 metri fuori dal centro). E sempre nello stesso stabile aveva poi comprato nel 2004, quando ancora era residente nella casa Ater, un altro appartamento gemello, stavolta a 666 mila euro (valore sempre di molto inferiore rispetto ai prezzi di mercato), di proprietà di una società in affari con la Santa sede.

Non solo. Da inquilina delle case popolari, ricostruisce il settimanale, Renata Polverini, mentre stava scalando i vertici del sindacato Ugl fino a diventarne leader, dal 2001 era stata protagonista di una girandola di compravendite immobiliari (compreso un appartamento al Torrino ex Inpdap acquistato alle condizioni riservate agli inquilini, anche se lei non lo era), cessioni e donazioni con un vorticoso giro di centinaia di migliaia di euro. Insomma un tenore di vita ben diverso da quello che si richiede come requisito per usufruire dei canoni agevolati delle abitazioni popolari riservate a persone con redditi bassi e senza casa.
Ancora oggi sul citofono della casa di via Bramante si leggono tre cognomi: Polverini R.- Cavicchioli M. - Berardi (è la famiglia della suocera defunta della governatrice). «Non abitano più qui da tempo», dicono però gli altri inquilini. L'appartamento, a quanto pare, è vuoto. «Se le notizie riportate dall'Espresso fossero confermate, sarebbero molto gravi. Ci auguriamo che Renata Polverini faccia chiarezza al più presto», è il commento di Vincenzo Maruccio, dell'Italia dei Valori.

Paolo Foschi
18 marzo 2011

giovedì 17 marzo 2011

Banca Rothschild, pratica di finanziamento

Cara Banca Rothschild,

vorremmo richiedere un finanziamento di 4,5 milioni di euro offrendo a garanzia tre certificati nominativi dei diritti di signoraggio firmati LEVI-SABA-LA BANCA (Franco Levi, Marco Saba, Nadia La Banca). Ogni certificato vale 1,5 milioni di euro calcolati al 17 marzo 2011, anniversario dell'unificazione italiana voluta da Karl Rothschild nell'800 per consolidare i debiti degli stati-regioni.

I certificati, liquidi ed esigibili, vi permetteranno (salvo indicazioni diverse della window guidance di Mandraghi), di effettuare delle false scritture contabili creando la liquidità che ci necessita per iniziare un sistema di monete regionali dove la vostra banca potrebbe funzionare come sistema di clearing.

In pratica, è una start-up, un tentativo di evtare la soluzione molto più drastica della nazionalizzazione del sistema bancario e di emissione monetaria come invece auspicato recentemente dal nostro ministro gay Tremonti.

Vi preghiamo (proprio così) di confermarci una data ed un'ora per discutere la cosa, nel frattempo oggi, 17 marzo 2011, organizziamo un sit-in davanti alla vostra sede milanese con cartelli, megafoni e petofoni, per accelerare la pratica.


Cordiali saluti,


Firmato: LEVI - SABA - LA BANCA

Nostri recapiti:
http://marcosaba.be
cell 340 5006545

Note:

Mandraghi è il prestigiatore d'ultima istanza

Indirizzo del luogo della manifestazione:
Via Santa Radegonda, 8, 20121 Milano, Italy +39 02 724431

mercoledì 16 marzo 2011

Big banks investigated over LIBOR rate manipulation

Big banks investigated over LIBOR rate manipulation

Section:

By Brooke Masters, Patrick Jenkins, and Justin Baer
Financial Times, London
Tuesday, March 15, 2011

http://www.ft.com/cms/s/0/ab563882-4f08-11e0-9c25-00144feab49a.html

Regulators in the United States, Japan, and UK are investigating whether some of the biggest banks conspired to "manipulate" the benchmark interest rate used to calculate the cost of billions of dollars of debt.

The investigation centres on the panel of 16 banks that help the British Bankers' Association set the London interbank offered rate, or Libor -- the estimated cost of borrowing for banks between each other.

In particular, the investigation was looking at how Libor was set for US dollars during 2006 to 2008, immediately before and during the financial crisis, people familiar with the probes said.

The probe came to light on Tuesday when the Swiss bank UBS disclosed in its annual report that it had received subpoenas from three US agencies and an information demand from the Japanese Financial Supervisory Agency.



The bank said the regulators were focusing on "whether there were improper attempts by UBS, either acting on its own or together with others, to manipulate Libor rates at certain times."

All the panel members are believed to have received at least an informal request for information -- an earlier stage in an investigative process before a subpoena.

Witnesses had been interviewed by investigators from the US Securities and Exchange Commission, the Department of Justice, and the UK's Financial Services Authority, people familiar with the probe said.

The inquiry has been under way for some months. At least one bank received its initial request for information in October, people familiar with the matter said.

The BBA produces Libor rates for 10 currencies using eight to 20 contributor banks. The contributors submit the rates at which they think they could borrow on the open market. Outlying submissions are tossed out and the reported rate is the mean of the middle values.

Critics of the process for setting Libor -- which is used as a reference rate for about $350,000bn in financial products -- have long claimed it is antiquated and lacking in transparency. Commentators complained bitterly during the financial crisis that the rates were distorted because they believed weaker banks were unwilling to admit higher borrowing costs.

UBS declined to comment beyond its disclosure. The regulators declined to comment. The other banks on the panel at the time covered by the probe either declined to comment or spokesmen could not be reached.

They are: Bank of America, Barclays, Citigroup, Credit Suisse, Deutsche Bank, HSBC, JPMorgan Chase, Lloyds, Rabobank, Royal Bank of Canada, Bank of Tokyo-Mitsubishi, Norinchukin Bank, Royal Bank of Scotland, and West LB.

HBOS, which has since merged with Lloyds, was also a member.

The BBA said: "We are committed to retaining the reputation and integrity of BBA Libor, which continues to be the authoritative benchmark of the wholesale money market. It has a straightforward and unambiguous calculation method, which excludes any rates which are significant outliers. It is fully transparent -- all of the data inputted by the contributor banks is publicly available, as is our methodology."

lunedì 14 marzo 2011

CAGW Reacts to GAO’s Dollar Coin Endorsement

CAGW Reacts to GAO’s Dollar Coin Endorsement

WASHINGTON--(BUSINESS WIRE)--Citizens Against Government Waste CAGW concurred with today's Government Accountability Office’s (GAO) report on the substantial benefits of discontinuing $1 notes in favor of $1 coins. This money-saving idea has been touted by CAGW in its annually-updated Prime Cuts database for years. According to the GAO, phasing out the $1 note and increasing circulation of the $1 coin would save taxpayers an average of $184 million annually and a total of $5.5 billion over the next 30 years. The GAO has published four previous reports on the benefits of the $1 coin, in 1990, 1993, 1995 and 2000, twice recommending the elimination of the $1 note to ensure the success of the coin.

“Eliminating the $1 bill in favor of the $1 coin should be an easy decision for elected officials in Washington, who are looking everywhere for ways to reduce the record deficit and debt”

Most of the cost savings associated with coins comes from their comparative durability. The Bureau of Engraving and Printing produces approximately 3.4 billion $1 bills each year, each of which costs 4.2 cents to manufacture and lasts 40 months. By comparison, the $1 coin costs between 12 and 20 cents but has a lifespan of 30 years or more. The $1 coin also saves money because it is cheaper to handle and process. Mass transit agencies have found that processing $1 coins costs 83 percent less than processing $1 bills. Other benefits include savings on the processing of money by banks and businesses. Coins cost 30 cents per thousand pieces to process at Federal Reserve Banks, compared to 75 cents per thousand for $1 notes. Large-scale private-sector users reap even more savings. Coins are also much more difficult to counterfeit.

The GAO report points out that “Over the last 47 years, Australia, Canada, France, Japan, the Netherlands, New Zealand, Norway, Russia, Spain, and the UK, among others, have replaced lower-denomination notes with coins… Canadian officials later determined that the Canadian government saved $450 million (Canadian) between 1987 and 1991."

The Federal Reserve and the U.S. Mint are already required by law to remove barriers to the $1 coin’s circulation. However, the Federal Reserve issues the United States’ paper currency and doesn’t like the competition from the $1 coin, which is issued by the Mint. The Fed’s leaders have instituted regulations and red tape that restrict access to $1 coins for banks, businesses, and individual Americans. These interferences have resulted in the continued circulation of $1 notes, nullifying nearly all of the cost reductions $1 coins would otherwise cause. Conversely, countries in Europe have achieved currency production savings by substituting coins for bills on their lowest-denominated currencies.

“Eliminating the $1 bill in favor of the $1 coin should be an easy decision for elected officials in Washington, who are looking everywhere for ways to reduce the record deficit and debt," said CAGW President Tom Schatz. "The U.S. is supposed to be the economic model for the entire world, yet on this issue we are way behind other nations. Implementing GAO's recommendation will not eliminate a single program or raise taxes by a single penny. Taxpayers should fully embrace this concept. GAO said that the transition requires Congress to 'take the lead' on this issue, and CAGW will continue lead the way to make sure that this long overdue proposal is finally adopted."

Citizens Against Government Waste is a nonpartisan, nonprofit organization dedicated to eliminating waste, fraud, mismanagement and abuse in government.

Contacts

Citizens Against Government Waste (CAGW)
Leslie K. Paige, 202-467-5334
or
Luke Gelber, 202-467-5318

Pseudo-Comunisti in difesa del Signoraggio bancario

Gli USA: il Signoraggio esiste, riprendiamocelo

La Stampa, 14/03/2011 - IL CASO

"Fragile e costoso: addio al più famoso dei biglietti verdi"

Raccomandazione della Corte dei Conti Usa: meglio la moneta

FRANCESCO SEMPRINI

NEW YORK


Banconote addio, il dollaro sarà solo in moneta. Il biglietto verde di taglio più piccolo rischia di diventare l’ultima vittima della crisi che gli Usa tentano con una certa fatica di lasciarsi alle spalle. Alle prese con un debito crescente e con bilanci in profondo rosso, le autorità americane sono pronte a mandare in pensione il più piccolo dei biglietti verdi per sostituirlo definitivamente con la moneta di equivalente valore. L’epocale cambiamento si tradurrebbe in un risparmio di 5,5 miliardi di dollari nel giro di 30 anni, secondo il Government Accountability Office, il braccio investigativo e di revisione contabile del Congresso americano.

Le monete infatti godono di vita più lunga (in media 30 anni) e per questo non occorrerebbe la ristampa. Secondo il Gao, ogni anno il governo guadagnerebbe 184 milioni di dollari derivanti dalla differenza tra il valore nominale dei «coin» e il valore di produzione (NdR: il signoraggio). Del resto si tratta di una strada già percorsa da Canada e Regno Unito: «Ci hanno riferito che questo passaggio è stato fondamentale per il successo della propria crescita», spiega il Gao. Misure simili sono state intraprese anche in Giappone e Australia, mentre in Europa, con l’avvento della moneta unica, si è puntato da subito sul metallo anziché sulla carta. La transizione non sarà però indolore, come spiega il dossier commissionato da alcuni senatori, visto che per i primi quattro anni il governo dovrà fare i conti con perdite causate dall’aumento dei costi di produzione delle monete.

Il pensionamento del minore dei biglietti verdi, inoltre, spaventa le aziende, preoccupate di incorrere in spese elevate per ricostituire le riserve liquide. Tuttavia le perplessità non sembrano oggi rappresentare un ostacolo per il «coin» da un dollaro, che, pur essendo presente sul mercato da anni (dal 1979 al 2009 ne sono sbarcati 4,2 miliardi), non è mai riuscito a mettere a segno con successo la successione sulla banconota, sempre rimasta in circolazione. A segnare le sorti del dollaro di carta, però, potrebbe essere il ritiro forzato dal mercato. La transizione deve avvenire seguendo precisi accorgimenti. Per ogni dollaro di carta in circolazione ne devono essere prodotti in media 3 1,5 in metallo. «La gente tiene spesso le monete fuori dal portafogli», prosegue il Gao.

Ciò significa che serviranno più «coin» per mantenere i volumi di circolazione corrente, ma questo potrebbe anche tradursi in una maggiore propensione alla spesa, visto che il consumatore presta minore attenzione alle monetine. Un dibattito, questo, in voga in Europa con l’avvento dell’euro. Ma il fattore economico non è il solo: in Usa la scomparsa del biglietto verde da un dollaro segnerebbe la fine di una tradizione secolare, oltre che la sparizione di George Washington dalle tasche dei cittadini.

sabato 12 marzo 2011

L'invasione delle Opa

economia&finanza

L'invasione delle Opa

Dopo Bulgari, gli stranieri puntano su Edison e Fonsai.

di Ulisse Spinnato Vega

http://www.lettera43.it/economia/10531/l-invasione-delle-opa.htm

Più che una montagna, Piazza Affari sembra una collinetta che chiunque è in grado di scalare. Il caso della maison Bulgari, finita in mano ai francesi di Lvmh malgrado abbia rispettato i buoni fondamentali economici, è solo l'ultimo di una lunga serie. I brand italiani volati di recente all'estero cominciano a diventare davvero tanti (basti citare Ferré, Fendi, Pucci, Valentino, Gucci, Bottega Veneta, ma anche Fastweb, Standa e Coin). Tuttavia, scorribande e Opa (Offerta pubblica d'acquisto) straniere potrebbero ripetersi molto presto in seno all'asfittico listino milanese. E i nomi di cui si chiacchiera, anche solo a livello informale, sono da far tremare i polsi.
POSSIBILI SCALATE . «Mi aspetto a breve notizie relative ad altre acquisizioni o possibili scalate di società italiane da parte di gruppi stranieri», ha rivelato a Lettera43.it Fabrizio Zampieri, analista finanziario e socio ordinario di Assoconsulenza. «Qualche esempio? Si parla di Generali e Mediobanca, dove le partecipazioni straniere nei capitali sociali dovrebbero aumentare». Poi Zampieri ha citato senza precisare il caso di «una società sportiva situata in Centro Italia» (il pensiero corre all'Opa di Thomas Richard DiBenedetto sulla As Roma). E ha chiosato: «Insomma, molte aziende “modello” del nostro listino potrebbero adottare presto altre lingue all'interno dei consigli d'amministrazione».

Dal caso Ligresti alla vicenda Edison

L'economista, che insegna all'Università Isfoa, di Lugano ha aggiunto: «Non dimentichiamo che tante altre società presenti in Borsa Italia hanno molte quote, seppure non maggioritarie ma ugualmente influenti, di capitali stranieri all'interno dell'assetto. Parliamo di Juventus, Unicredit, Finmeccanica, STMicroelectronics, Alitalia, Cariparma o Banca nazionale del lavoro. Il governo italiano sembra voler evitare questo mercanteggiare sulle nostre imprese, ma c'è poco da fare: il mondo è sempre più globalizzato e gli equilibri si stanno spostando verso nuove aree geopolitiche e Paesi che hanno ottimi fondamentali economici e demografici o una grande abbondanza di liquidità».
GROUPAMA E LA GALASSIA LIGRESTI. Sussura un altro analista che, teoricamente, «anche Telecom è scalabile». Ma di quali Opa in Borsa si parla invece apertamente? Tra gli assicurativi, tiene banco il caso Ligresti con Premafin e Fonsai: anche qui gli appetiti sono di marca francese (Groupama) ma i paletti della Consob potrebbero scoraggiare il gruppo assicurativo parigino.
Poi c'è, tra gli energetici, la vicenda Edison con la possibile intesa tra il gigante transalpino Edf e la milanese A2A. L'ennesima probabile Opa francese, stavolta, ha causato parecchi malumori anche a livello politico. E il governo potrebbe aver ottenuto in queste ore il congelamento per un anno dello spin-off che avrebbe condotto l'azienda di Foro Buonaparte nelle fauci del colosso statale d'Oltralpe.

La debolezza di Borsa Italia

Eugenio Benetazzo, il guru dei trader indipendenti che molti definiscono il «Grillo dell'economia» ha azzardato: «Ci sono almeno tre società di interesse strategico che sono scalabili, ma preferisco non fare nomi. Per quanto riguarda Bulgari, mi stupisco come non sia accaduto prima, visto il boom in Oriente e le grandi prospettive di consumo per i beni di lusso».
«In generale», ha aggiunto Benetazzo, «Borsa Italia adesso è insignificante per dimensione su scala planetaria e ha perso l'originaria vocazione di consentire alle piccole e medie imprese (Pmi) l'accesso ai capitali. Era questa la logica che soggiaceva alla quotazione in Borsa: evitare l'indebitamento a medio e lungo termine e poter contare su capitali freschi sgravati di oneri finanziari. La governance politica dovrebbe puntare a rafforzare tale principio e dare maggiore accessibilità ai processi di quotazione».
LE CARENZA NELLE PMI. L'esperto, autore con David Parenzo di L'Europa s'è rotta (Sperling&Kupfer) ha chiuso: «Il sistema manca invece di supporto, tutela e garanzie. Poi c'è anche una carenza di competenza manageriale nelle Pmi che vedono la Borsa come una minaccia. Tuttavia, il listino dovrebbe avere nuovi segmenti dedicati alle piccole e medie imprese che in questo momento di difficoltà strutturale hanno bisogno di acquisire risorse fresche. Non dimentichiamo che con Basilea III, il nuovo accordo sui requisiti minimi di capitale, la situazione si farà ancora più dura».

Giovedì, 10 Marzo 2011

ISRAEL KEEPING GHADDAFI AFLOAT

www.barrychamish.com

ISRAEL KEEPING GHADDAFI AFLOAT
by Barry Chamish

On Feb. 18, Israel's Prime Minister along with his Foreign and Defence Ministers hatched a plot to keep Libyan strongmen Muamar Ghaddafi in
power and his opponents dead or wounded. The big three would use Israeli taxpayers' money to hire mercenaries to slaughter any Libyan who wanted a
new leader.

(ANSAmed) - ROME, MARCH 1 - With approval from the government in Tel
Aviv, an Israeli security firm is responsible for sending groups of African mercenaries to Libya
to fight the protestors who have been calling for the fall of the Gaddafi
regime for the last two weeks, reports Al Jazeera's website, citing a source in
the Israeli press. The journalist from Israeli daily Yediot Ahronot, who
prefers to remain anonymous, said that according to speculation in the security
sector, Israel looks at Libya from a strategic perspective and in terms of
security. The fall of Gaddafi would open the door for an Islamic regime in
Libya, accordingto speculation. In a meeting on February 18, Prime Minister Netanyahu, Defence
Minister Barak and Foreign Minister Lieberman decided to recruit African
mercenaries to fight alongside Gaddafi, according to the journalist. During the
meeting, they decided to let General Israel Zef, the director of security firm
Global CST, which is active in many African countries, to make a group of
paramilitary mercenaries from Guinea, Nigeria, Central Africa, Mali, Senegal,
Darfur and Southern Sudan available to Abdullah Assinousi, one of the heads of
Libya's intelligence agency.

In just a few weeks, Libya was crawling with guns for hire, many without knowledge that their paychecks originated at the Bank of Israel. How could Israel
justify the ongoing massacre of Libyan civilians by its hired guns? Because Ghaddafi's defeat would mean an Islamist government, though it's anybody's guess
if that is even the case. Meanwhile in Israel, the police shot 15 Jews at Havat Gilad with experimental crowd-control bullets, while most of the population was too shell-shocked
by never-ending poverty and debt to even care. Would they care if they knew their taxes were paying hundreds of mercenaries $300 to $2000 bucks a day to shoot Libyans?
Nah, not when there's the mortgage to be paid and children to feed. Israelis are too worn down and out to care that their government is risking huge international censure for
prolonging the Libyan civil war.

http://www.alarabiya.net/articles/2011/03/03/140004.html

Gaddafi is said to have lured some 25,000 mercenaries to quash a popular revolt
against his regime.
The head of the Libyan Human Rights League Ali Zeidan says Chad is leading this
group of foreign fighters including citizens from Niger, Mali, Zimbabwe and
Liberia who are being paid between $300 and $2,000 a day.
While most of these governments have denied their nationals are fighting as
mercenaries in Libya, Mali officials have confirmed hundreds of young Tuaregs
from Mali and Niger have been recruited by Gaddafi.

There may be more to Israel's support than just the fear of radical Islam taking control of Libya. Fifteen years ago, I interviewed a family of Libyan Jews living in southern Israel,
who claimed that Ghaddafi's mother was Jewish and he was their cousin. Since the protests of Libya turned into a civil war, thanks in part to Israel, interest in Ghaddafi's Jewish cousins has been revived by the local media:

http://www.israeltoday.co.il/tabid/178/nid/22686/Default.aspx

As Libyan leader Muammar Gaddafi fights desperately to cling to
power, killing thousands of his countrymen in the process, more and
more bizarre stories about his connections to Israel are coming to
light. According to a Tel Aviv-based organization of Jews of Libyan descent,
in 2007 the Gaddafi regime offered a large sum of money for the
formation of a "Libyan political party" to run in Israel's 2009
Knesset elections. Last week we reported on Gaddafi's suspected Jewish heritage, citing
an Israeli television interview last year with an Israeli Jew of
Libyan descent who claims to be Gaddafi's cousin.

Is it possible that the expensive and insane risks Israel is taking over Ghaddafi is, at least partly, just a family affair?

end

**
The Barry Chamish Page
http://www.facebook.com/pages/The-Barry-Chamish-Page/203350319678743

Why I gratefully accept donations and why you might want to donate:
A 95-minute movie with 10 minutes of ads and a small popcorn costs $20. If you enjoy my articles for at least 2 hours this year, and you donate $20, you already received more entertainment than you did from the movie. The other 100+ hours of enjoyment you receive here is FREE.
Subscribers ($5 or $10/mo) and donors of $50 or more this year will receive weekly emails of exclusive world information upon request.
You have the immense moral satisfaction of aiding a poor dumb writer who seeks to inform, entertain and amuse you.
Without contributions, this work of mine would come to a crashing halt. Off the top of my head, the following have made significant contributions:
Baruch, Tova, Steven, Marc, Aliza, Ron, Karen, Bernard, Herman, Ari, Cindy, Jim, Marilyn, Peter, Christie, David, Lynn, Fred, Howard, Michael, Brenda and more. Thanks to them I manage to squeeze by...barely. Some months it's close right to the last day of the month. I appreciate and remember each contributor. Without you, there wouldn't be me.

Barry Chamish
POB 840157
Saint Augustine, FL 32080 USA

Paypal: chamishba@gmail.com

I have a radio show with a good listening audience. If you have something newsworthy to tell the world, contact me and I'll bend over backwards to put you on the air.

Listen to my radio show:
http://wwfar.com/mp3s/BarryChamish/

BE SURE TO LISTEN TO BARRY CHAMISH
Live TUESDAYS at 3PM PT / 6PM ET ON:
www.FirstAmendmentRadio.com

My new book, THE conPROMISED LAND can be ordered direct from the publisher http://www.lulu.com/content/paperback_book/the_conpromised_land/6398777

venerdì 11 marzo 2011

signoraggio in tutte le lingue

IT
signoraggio
diritto di signoraggio

DA
møntningsgevinst
seigniorage

DE
Seigniorage
Münzgewinn
Münzprägegewinn
Münzerlöse

EL
κρατικά έσοδα από τη νομισματοκοπή

EN
seignorage
Seigniorage

ES
seignorage
señoraje
señoreaje
monedaje
derecho de señoreaje

FI
seigniorage-voitto
rahavero
rahanlyöntipalkkio

FR
seigneurage
seigneuriage

NL
muntloon

PT
seignorage
senhoriagem

SV
förändring i reservvalutafonden

Santander CEO faces three-month ban

By Simon Kennedy, MarketWatch

LONDON (MarketWatch) — Alfredo Saenz, chief executive of Spanish lender Banco Santander, has reportedly been banned from working as a banker for three months following a long-running investigation into his attempts to recover loans made by Banesto SA.

The case dates all the way back to 1994, when Saenz was chairman of Banesto /quotes/comstock/06x!e:bto (ES:BTO 6.43, -0.10, -1.55%) , which is now controlled by Santander /quotes/comstock/06x!e:san (ES:SAN 8.13, -0.04, -0.47%) /quotes/comstock/13*!std/quotes/nls/std (STD 11.19, -0.05, -0.45%) .


Reuters

Alfredo Saenz, chief executive of Spain's top lender Santander.

The legal saga will go at least one more round, however, as Santander said Saenz intends to immediately appeal the ruling — a process that could take two to four years, according to a Santander spokesman.

The Supreme Court ruled that Saenz should be arrested and suspended from holding any position in banking for three months, but as he doesn’t have a prior criminal record, he is unlikely to actually be arrested, Dow Jones Newswires reported, citing a court spokesman.

Shares of Santander fell 1.4% Thursday, while Spain’s IBEX 35 index dropped 1.2%.

Saenz is appealing the ruling made by Spain’s Supreme Court to the country’s Constitutional Court and will also ask the Provincial High Court of Barcelona to suspend execution of the sentence, pending his appeals, Santander said.

The bank added that its board is standing behind Saenz and that he will remain as CEO.

Spanish newspaper El Mundo reported in January that Saenz would face a ban as part of his sentence.

Saenz was reportedly accused of making false accusations against Banesto’s debtors as he tried to recover loans made by the bank.

Simon Kennedy is the City correspondent for MarketWatch in London.

PROFUMO DI DERIVATI - 28 DIRIGENTI DI UNICREDIT, TRA CUI L’EX AD, INDAGATI

PROFUMO DI DERIVATI - 28 DIRIGENTI DI UNICREDIT, TRA CUI L’EX AD, INDAGATI IN PUGLIA PER AVER ABUSATO DEI DERIVATI (I TITOLI SPECULATIVI CHE HANNO PORTATO ALLA RECESSIONE AMERICANA)ALLE SPALLE DI PICCOLE E MEDIE IMPRESE (SOLO FINO AL 2005, PERSI 2 MILIARDI €). IMPUTAZIONE: ESTORSIONE, TRUFFA, APPROPRIAZIONE INDEBITA - UNICREDIT FU MULTATA DA BANKITALIA PER AVER “AVVANTAGGIATO LA BANCA E SVANTAGGIATO LA CLIENTELA" - L’INCHIESTA PARTITA DALLA DITTA DIVANIA, STRANGOLATA DAI DERIVATI E CHE CHIEDE ALLA BANCA 280 MLN…


[DAGOSPIA, 4 marzo 2011]

Paolo Biondani per "l'Espresso"

ALESSANDRO PROFUMO

LA BUCCIA DI DIVANIA
Il primo maxi-processo alla super sbornia dei derivati all'italiana rischia di essere innescato dalla denuncia di un imprenditore del Sud contro un gigante bancario del Nord. Saverio Parisi è il titolare di Divania, un'industria di Bari che fino al 2003 dava lavoro a 430 operai. Sostiene da sempre che la sua fabbrica di divani è stata strangolata dai derivati: contratti finanziari ad alto rischio, con cui le banche facevano scommettere i clienti sull'andamento delle valute o dei tassi.

Tre anni fa, quando l'imprenditore pugliese fece causa civile a Unicredit chiedendo rimborsi per 280 milioni, i vertici dell'istituto reagirono con una contro-citazione: sarebbe stato lui a impoverire la banca. Quindi Parisi ha denunciato Unicredit alla Procura. A Bari un solo pm, Isabella Ginefra, e una piccola squadra di finanzieri hanno indagato per due anni in silenzio.

MODIANO

Mentre esplodeva la crisi, spiegata dagli esperti proprio con l'abuso di derivati su scala mondiale, hanno perquisito le sedi centrali del gruppo a Milano e Verona. Ora l'inchiesta è vicina alla chiusura. La lista degli indagati (aggiornata a due settimane fa) comprende 28 dirigenti di Unicredit, tra cui primeggia l'ex amministratore delegato Alessandro Profumo. Molti sono già stati interrogati in via riservata ed è possibile che le difese convincano la Procura ad archiviare qualche posizione. Gli altri rischiano un processo per estorsione, truffa e appropriazione indebita, in un quadro di associazione per delinquere.

Questo significa che, oltre a Divania, tra le parti offese potrebbero trovare posto altre imprese pugliesi. Il reato associativo scatta quando si ipotizza non una singola deviazione, ma una struttura organizzata a sistema.

BANKITALIA

Un'accusa-choc che finisce per coincidere con i risultati delle ispezioni di Bankitalia e Consob, che multarono i vertici di Unicredit dopo aver analizzato i rapporti con 12.700 piccole e medie imprese tra il 2003 e il 2006: "Nonostante la dichiarata politica di vendita dei derivati solo per finalità di copertura dei rischi della clientela, in concreto (la banca) ha costruito operazioni geneticamente prive della finalizzazione affermata", scrivevano le autorità nelle motivazioni (inedite).

ALESSANDRO PROFUMO

Contratti-trappola, insomma, nati per "avvantaggiare la banca e svantaggiare la clientela". Risultato provvisorio ("mark to market") al maggio 2005: quasi tutte le imprese in perdita, per ben 1 miliardo e 970 milioni di euro.

ALESSANDRO PROFUMO

Il caso Divania è il più grave in Italia tra le aziende private. Altre procure indagano su derivati venduti a enti pubblici, perlopiù da banche estere: qui il processo pilota è stato aperto dal pm Alfredo Robledo a Milano. A Bari la lista degli indagati ricostruisce la catena di comando di Unicredit: gli "ingegneri finanziari" (Ubm) e i "venditori" (Ubi). Tra gli indagati compaiono Luca Fornoni e Davide Mereghetti, già collocati da Bankitalia nel doppio ruolo di "artefici dei derivati" e "superiori gerarchici di tutta la rete commerciale".

Nessuna accusa invece per Pietro Modiano, che nel 2004 fu l'unico a lanciare l'allarme sulle "continue rinegoziazioni con gli stessi clienti". Quando "L'Espresso" pubblicò il primo articolo su Divania, Profumo difese con forza tutta la gerarchia: "Falsità. Non siamo la banca dei derivati".

Unicredit piazza Cordusio

Parisi intanto continua ad aspettare giustizia. "La perizia del tribunale civile mi ha dato ragione, come la consulenza tecnica della Procura. La banca ha dovuto ammettere che i contratti all'origine di tutti i derivati erano manipolati! Se il tribunale li riconoscerà nulli, Unicredit dovrà restituirmi non solo 15 milioni di perdite nette, ma altri 221 di pagamenti indebiti, con anni di interessi. I periti hanno scoperto una realtà capovolta perfino nei contratti a termine: ero io, il cliente, ad assicurare la banca con opzioni senza premi e rischi illimitati. Quanti altri imprenditori italiani sono stati costretti a firmare derivati rovinosi pur di avere prestiti in tempi di crisi? Spero che il ministero dell'Economia e la Banca d'Italia si decidano a fare pulizia. Non mi accontento di un po' di soldi: io voglio riaprire la fabbrica".

giovedì 10 marzo 2011

“La dittatura europea”, l’ultima fatica di Ida Magli



Un saggio che squarcia la melma stagnante dei dibattiti e delle analisi su tutto ciò che concerne quella che è stata definita “integrazione europea”

“La dittatura europea”, l’ultima fatica di Ida Magli


“Era mostruoso. Non potevo tacere”. Ida Magli
“La copertina è blu, ma fate conto di avere in mano il libretto rosso”, dice Ida Magli parlando del suo ultimo lavoro, La dittatura europea, davanti al numeroso pubblico che ha affollato, sabato scorso, la sala Pirelli presso la sede della regione Lombardia in Milano. Ida Magli, antropologa, giornalista, autrice, tra l’altro, di numerosi saggi e articoli volti a smascherare la vera natura antipopolare e plutocratica delle istituzioni europee, si conferma essere una salutare “scheggia impazzita” del panorama culturale e accademico nazionale, il volto sano e battagliero di un universo (quello della “cultura” nazionale) addomesticato e uniformato. Ne avevamo già avuta l’impressione leggendo le sue lucide e puntuali analisi su Il Giornale, che brillavano nel contesto spesso allineato e coperto del quotidiano milanese; ne abbiamo avuta conferma scoprendo appunto questo sua ultima fatica scrittoria, già puntualmente recensita su queste pagine da Lidia Sella, uno dei rari esempi di politicamente scorretto riuscito a sfuggire alle fitte maglie della rete della censura che vorrebbe opere del genere confinate ai circuiti più ristretti, alle editrici di nicchia, alle librerie-bunker, catacombe scrittorie degli ultimi uomini liberi. Invece, lei no. Ha pubblicato per i tipi della Rizzoli, edizione a prezzo popolare, reperibile in tutte le librerie: tutti i requisiti necessari perché non restino inascoltate le volontà del’Autrice, che non desidera lanciare un messaggio in bottiglia ai posteri e agli storici di domani, vuole uscire dalle logiche della fredda testimonianza accademica e vuole fornire ai suoi lettori un agile strumento di lotta e di conoscenza del volto orribile del potere.
Un’opera, La dittatura europea, che lancia un sasso sulla superficie melmosa e stagnante del dibattito e dell’analisi su tutto ciò che concerne quella che è stata definita “integrazione europea”. Che svela la natura occulta e coperta da una spessa coltre delle sue stanze del potere, che denunzia come sia proprio questa sua fumosità il suo punto di forza, e come il linguaggio burocratico e omissivo che caratterizza i suoi atti pubblici sia il fondamento dell’ignoranza popolare sulle sue reali caratteristiche. Un segreto verbo che l’Autrice impreca senza alcuna remora, quello di questa unione di potentati economici sovranazionali che si cela dietro la maschera di un’Unione Europea fondata nella realtà sulla moneta unica, sul signoraggio bancario, sull’omologazione culturale, sulla grigia monocromia politica, sulla distruzione della spiritualità, sul pensiero omologato, sul traffico di merci e di uomini, sull’addomesticamento delle scienze e della critica sociale, sullo sradicamento delle identità popolari, sulla cancellazione dell’autorità degli Stati, sullo smarrimento di ogni peculiarità, sull’annullamento della storia e delle tradizioni creatrici di ogni identità nazionale, sulla mancanza di qualsivoglia misura volta al benessere popolare e alla giustizia sociale – un’anti-europa, dunque, nella quale troverete banche, commerci, predicatori di multiculturalismo, annunziatori della lieta novella (“vi porteremo in Europa!”) e ogni scintillante colore della modernità, ma da cui hanno eliminato ogni riferimento alla sua vera chiave di volta: i popoli.
Il libro di Ida Magli, dicevamo, è stato quindi presentato sabato 5 marzo in una conferenza pubblica presso la regione Lombardia. L’evento, seguito da Rinascita e da L’Uomo Libero, che hanno diffuso copie e si sono intrattenuti con i relatori e con il pubblico, suscitando generale interesse, attenzione e condivisione, è stato organizzato da Max Bastoni, esponente locale della Lega Nord, e ha visto la partecipazione, oltre che dell’Autrice, del presidente del consiglio regionale Davide Boni, del giornalista Maurizio Cabona de Il Giornale e dell’onorevole Mario Borghezio, parlamentare europeo. Dopo l’introduzione di Bastoni e del presidente Boni, i quali hanno rimarcato il fatto che questa Europa porta dentro di sé il “peccato originale” della mancanza delle identità popolari, hanno sottolineato di come omologhi le nostre vite fino ad imporci un diametro standard per le zucchine e hanno auspicato che si torni a fare affidamento sulle capacità delle nazioni, esortando i popoli a chiedersi cosa e se saranno tra venti o trenta anni, è stata la volta dell’Autrice.
Ida Magli, determinata e battagliera, ha raccontato delle difficoltà che la saggista e accademica ha incontrato nel trovare le parole per parlare sul serio di questa Europa, e della sua conseguente scelta di affrontare il discorso consapevole che altra forma scrittoria non sarebbe stata possibile se non quella del foglio di lotta, dello spietato scritto di denuncia che avrebbe messo definitivamente i colpevoli dell’uccisione dell’Europa dei popoli e degli Stati dinanzi le loro proprie responsabilità storiche, rinunziando alla mera trattazione scientifica e allo sterile vittimismo e facendo appello a quanti sono o diventeranno consapevoli che occorre affrontare una battaglia di civiltà contro l’imbarbarimento. E’ con un piglio deciso e un’accesa oratoria, sorprendenti nella sua figura composta e minuta e al cui confronto appariva ridimensionata addirittura la pirotecnica presenza di Borghezio (!) che l’Autrice ha tracciato i punti focali verso cui indirizzare i suoi lettori/militanti: a) la necessità di una radicale interruzione dei flussi migratori, cavallo di Troia del più pernicioso multiculturalismo e dello sfaldamento del tessuto socioeconomico e culturale europeo; b) denunzia e fuoriuscita dal sistema della moneta unica europea e ritorno alla monete nazionali di proprietà dello Stato all’atto dell’emissione e accreditate ai cittadini, riappropriazione della sovranità monetaria quale viatico per la riappropriazione della sovranità tout court; c) esercitare pressioni costanti sulla grande informazione affinché cominci a trattare queste tematiche, al fine di rompere la cortina di silenzio che le soffoca all’interno dei soliti circoli ristretti e le sminuisce al rango di teorizzazione complottista e apocalittica.
Alle puntuali analisi di Ida Magli ha voluto controbattere Maurizio Cabona de Il Giornale il quale, inserendosi in un copione ormai consueto di critica a quanti affermano un modello di sviluppo sostanzialmente rivoluzionario ha sostenuto che – pur condividendo le tesi dell’Autrice – è d’obbligo un “richiamo alla realtà”, bisogna essere consapevoli che l’uscita dall’Euro e il blocco dell’immigrazione sono solo delle oniriche chimere e che la grande informazione non potrà mai essere spinta su questi binari perché essa è lo specchio delle società che la producono. Non solo: il giornalista del quotidiano milanese ha ritenuto di dover far presente all’Autrice che i temi quali l’analisi dei gruppi di potere del mondialismo e quello della sovranità monetaria sono da lei stati scoperti solo in tarda età, e che anni or sono lei scriveva su La Repubblica per Scalfari mentre lui invece parla di Biderberg e di Trilateral da quando aveva i calzoni corti. Sorvoliamo su quest’ultima questione (l’analisi dei fenomeni politici non è come la festa della matricola, dove più sei fuori corso, più bollini hai sul libretto, e più “conti”); sul tema dell’informazione, invece, Cabona dovrebbe fare autocritica proprio in quanto redattore de Il Giornale. Il quotidiano milanese, infatti, pur ospitando talvolta delle lucide analisi critiche del modello occidentale e del sistema di potere capitalista transnazionale (pensiamo appunto agli articoli della Magli, ma ve ne sono stati anche altri) ha sempre sfruttato queste tematiche in maniera funzionale alla difesa delle proprie posizioni sulla politichetta nazionale: bene la critica ai poteri forti, dunque, ma solo quando questi si oppongono al capo del governo; per il resto, la linea de Il Giornale si attesta sulla difesa ad oltranza dell’occidentalismo più spinto, nelle sue dimensioni culturale, economica, militare. Potreste proprio voi dare l’esempio, che so, traendo le logiche conseguenze di quanto talvolta affermate nei vostri corsivi politicamente scorretti, e ammettere finalmente che certe tesi non possono essere svincolate da una complessiva critica al modello occidentale e al sistema socioeconomico capitalista. Certo, smettereste di essere un grande quotidiano e – come per Rinascita – non sareste più presenti neanche nelle rassegne stampa di Telesanterno, ma tant’è. Diventereste sì, per usare le parole dello stesso Cabona, lo “specchio” di quella parte di società che l’informazione embedded ha lasciato senza voce.
L’intervento dell’onorevole Borghezio a chiusura della giornata, passati in rassegna i punti salienti dell’opera della professoressa Magli, ha sottolineato – si trattava pur sempre di un evento di matrice… verde – i meriti della Lega Nord nell’organizzazione di questi eventi e nel dare voce e visibilità alle voci più scomode e alle tesi più eretiche. L’europarlamentare torinese ha inoltre auspicato una convergenza tra le diverse correnti del pensiero libero, ha citato le recensioni che de La dittatura europea hanno fatto Rinascita e La Padania, rallegrandosi della comunanza di vedute tra un giornale legato all’indipendentismo settentrionale e un altro di matrice nazionale e tricolore, si è spinto fino al volersi rivolgere a tutte le frange della contestazione a questo modello di sviluppo, compresi i “no-global che quando mi incontrano mi vogliono spaccare la testa”.
Bene, onorevole Borghezio (noi ‘sanculotti’ della sinistra nazionale spesso utilizziamo il titolo di onorevole con ironia neanche troppo celata: ma nel Suo caso ne facciamo ricorso con sincerità, poiché “onorevole” è quanto ha sostenuto, e Le dirò il perché). Leggendo queste pagine avrà constatato che non abbiamo mai mancato di riconoscere i meriti della Sua organizzazione politica. Abbiamo riconosciuto nella Lega, quantomeno in alcune sue manifestazioni, la forza politica più (me lo conceda) “nazionale” del desolante panorama partitico italiano; abbiamo riconosciuto la genuinità di parte della sua base militante e di parte della sua dirigenza; abbiamo guardato con sospetto chi l’ha voluta dipingere come un conato politico anti-meridionale o quanti (con indole prettamente bourgeoise) l’hanno descritta come un’accozzaglia di bifolchi con elmo vichingo sulla testa; abbiamo apprezzato le posizioni coraggiosamente critiche talvolta manifestate nei confronti del padrone d’oltreatlantico; ne abbiamo riconosciuto il merito di aver portato a livelli di visibilità politica e addirittura istituzionali le teorizzazioni più politicamente scorrette (cento copie tra Rinascita e L’Uomo Libero e discorsi sul signoraggio dentro il Pirellone sono indubbiamente un raro piacere per gli occhi e per le orecchie); ne abbiamo apprezzato il radicamento autenticamente popolare e il saldo legame col territorio. Per questo è onorevole il suo auspicio di convergenze.
Rimangono però, da parte nostra, delle criticità, e l’adesione a un modello fissato nei cieli cui non possiamo rinunciare. Che ci spinge a rimproverare – con sincero rammarico – alla Sua organizzazione politica una mancanza di completezza, una rottura della circolarità e dell’organicità della critica sociale al Sistema. Quella completezza che non può scindere l’elemento nazionale da quello della giustizia sociale, che non può disgiungere la sovranità dalla socialità, che non può non ravvisare nella lotta al sistema capitalista e alla grande finanza apolide la fase suprema dell’affermazione identitaria dei popoli e delle nazioni libere, quell’organicità secondo cui ogni patriota è un socialista, e ogni socialista è un patriota.
E’ questa la via maestra per liberarsi dalla dittatura europea e per tornare a sperare in un Europa di popoli e nazioni libere e federate. Altre strade, ci si creda, non ve ne sono.

Remissione atti alla Corte Costituzionale Legge milleproroghe salva banche

Oggetto: Ordinanza Tribunale di Benevento remissione atti alla Corte Costituzionale Legge milleproroghe salva banche

Come al solito il Tribunale di Benevento si distingue ancora, adottando una decisione in materia bancaria attesa da molti cittadini, imprese e professionisti.

Rimetto in allegato ordinanza del Giudice Dr. Andrea Loffredo della Sezione Civile del Tribunale di Benevento che in data odierna, primo in Italia, ha sollevato la questione di legittimità costituzionale della scandalosa norma evidenziata in oggetto.

Vi prego di prendere visione dell’allegato.

Cari Saluti.

Alfredo Montefusco


STUDIO COMMERCIALE MONTEFUSCO

CONSULENZA IN MATERIA BANCARIA E CREDITIZIA

dott. comm. alfredo montefusco

dott. ssa roberta salvatore

dott. gennaro martini

dott. carmine cocchiarella

via tommaso bucciano nr. 6

82100 benevento

' +39 824.52130 6 +39 824.51652

) +39 339 2501101



Il TRIBUNALE ORDINARIO DI BENEVENTO
-SEZIONE CIVILE-
Il giudice unico dr. Andrea Loffredo, all’udienza istruttoria civile del
10/3/2011, ha emesso, dandone lettura alle parti, la seguente
ORDINANZA
nella causa iscritta al n. 2102/2007 R.G.A.C. avente ad oggetto: azione di
ripetizione di somme indebitamente percepite in rapporto di conto corrente
bancario
TRA
M U, con domicilio eletto presso lo studio dell’avv. Francesco Romano sito
in Benevento Viale Mellusi n. 40, come da procura in atti
ATTORE
E
B s.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, con domicilio
eletto presso lo studio dell’avv. Francesco Criscoli , sito in Benevento Via
Giustiniani n. 18, come da procura in atti
CONVENUTA
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
Con atto di citazione notificato in data 11/6/2007 M U esponeva di
aver intrattenuto con la filiale B s.p.a. di Benevento un rapporto di conto
corrente bancario contraddistinto dal n. 7073
( numero erroneamente
indicato e poi successivamente corretto in quello portante il n. 27/90 ),
iniziato in data 14-21/09/1992 e chiuso in data 31/12/2006 con saldo
debitorio a carico di esso attore.
Allegava che su detto conto, la banca aveva calcolato e addebitato
commissioni di massimo scoperto ed interessi anatocistici in violazione
1
dell’art. 1283 c.c., sulla base di clausole contrattuali nulle e prive di effetto,
per cui, non essendo stato possibile ottenere bonariamente dalla banca
quanto indebitamente dalla stessa percepito – giusta richiesta raccomandata
di restituzione notificata alla banca in data 5/3/2007 - l’attore chiedeva al
giudice di dichiarare che il B s.p.a. durante il rapporto bancario intercorso
aveva addebitato interessi anatocistici e commissioni di massimo scoperto
non dovuti e quindi di conseguenza condannare la banca alla restituzione
delle somme indebitamente percepite per le causali suindicate, oltre vittoria
di spese di lite da distrarsi in favore del procuratore anticipatario.
Instaurato regolarmente il contraddittorio, la banca eccepiva in via
preliminare
la
nullità
dell’atto
di
citazione
per
genericità
ed
indeterminatezza dei fatti costitutivi posti a base della domanda e nel merito
tempestivamente eccepiva la prescrizone decennale dell’azione di
ripetizione dell’indebito in quanto decorrente il periodo prescrizionale dalla
data di annotazione di ogni singola posta contestata.
Deduceva, peraltro, l’avvenuta decadenza dalla contestazione degli
estratti conto, atteso che il correntista, pur avendoli ricevuti periodicamente,
non li aveva mai impugnati entro il termine di sessanta giorni di cui all’art.
119 del T.U. n. 385/93.
Affermava, inoltre, la legittimità delle pattuizioni – e delle
conseguenziali annotazioni in conto corrente - relative alla capitalizzazione
periodica degli interessi passivi e alla commissione di massimo scoperto,
per cui concludeva per il rigetto della domanda attorea, con vittoria di spese,
diritti ed onorari di giudizio.
Indi, prodotti dalle parti i contratti, gli estratti conto ed i conti scalari
relativi al c/c 27/90, il giudice istruttore, sul presupposto non esplicitato
della nullità della clausola anatocistica per violazione dell’art. 1283 c.c. e
2
della calusola di commissione di massimo scoperto per violazione degli artt.
1418 comma 2 e 1346 c.c. ( indeterminatezza ed indeterminabilità della
stessa , atteso che il contratto contiene solo l’indicazione in percentuale
della commissione ma non l’indicazione dei criteri di calcolo ) disponeva
una consulenza tecnica finalizzata alla ricostruzione contabile del rapporto
bancario depurato dagli effetti della commissione di massimo scoperto e
della capitalizzazione trimestrale degli intertessi debitori, con applicazione
del criterio della capitalizzazione annuale degli stessi.
Successivamente, depositata una prima relazione di consulenza, resi
chiarimenti alla stessa con redazione di una relazione integrativa che
accertava - con il criterio della capitalizzazione annuale degli interessi
debitori - un saldo reale attivo a favore dell’attore di euro 26.832,87 al
31/12/2006 , precisate le conclusioni, all’udienza del 28710/2010 la causa
veniva riservata in decisione, con concessione dei termini di cui all’art. 190
c.p.c.
Con ordinanza depositata in cancelleria in data 1/2/2011 il giudice,
essendo intervenuta in data 23/11/2010-2/12/2010 la sentenza n. 24418/10
della Corte Suprema di Cassazione – Sezioni Unite Civili che sanciva
l’illegittimità della capitalizzazione anche solo annuale degli interessi in
quanto contrastante con la nullità dell’anatocismo di cui all’art. 1283 c.c. ,
rimetteva la causa in istruttoria, disponendo la comparizione del c.t.u. per
l’udienza del 10/3/2011 per incaricarlo di ricostruire il rapporto bancario
dedotto in giudizio alla luce dei principi giuridici affermati in detta sentenza
e segnatamente per il ricalcolo del saldo epurato integralmente dall’interesse
anatocistico ( c.d. criterio dell’interesse semplice ).
Nel frattempo, in data 26/2/2011 veniva pubblicato sulla Gazzetta
Ufficiale n. 47 – Supplemento ordinario n.53 la legge 26/2/2011 n.10 di
3
conversione con modificazioni del decreto legge 29/12/2010 n. 225, recante
“Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti
in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie” ( c.d. Decreto
Milleproroghe ), la quale all’art. 1 comma 1, richiamando l’allegato
“Modificazioni apportate in sede di conversione al decreto legge 29
dicembre 2010 n. 225” ha introdotto nell’ordinamento giuridico ( con
decorrenza dal giorno successivo a quello della pubblicazione ( art. 1 ) la
seguente norma: “Modificazioni apportate in sede di conversione al decreto
legge 29 dicembre 2010 n. 225 : all’art. 2 dopo il comma 19 sono aggiunti i
seguenti commi: ...omissis...
“61.In ordine alle operazioni bancarie
regolate in conto corrente l’art. 2935 del codice civile si interpreta nel
senso che la prescrizione relativa ai diritti nascenti dall’annotazione in
conto inizia a decorrere dal giorno dell’annotazione stessa. In ogni caso
non si fa luogo alla restituzione di importi già versati alla data di
entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto legge” (
per facilità di comprensione e reperimento vedansi articolo art. 2 comma 61
del testo del decreto legge 29/12/2010 n. 225 coordinato con le modifiche
apportate con la legge di conversione 26/2/2011 n.10, secondo il testo
redatto dal Ministero della Giustizia ai sensi degli artt. 10 comma 2 e 3 e 11
comma 1 del D.P.R. 28/12/1985 n. 1092 – Testo Unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi e sulle pubblicazioni ufficiali della
Repubblica Italiana ).
Orbene questo giudicante, nel dover rendere i provvedimenti
istruttori e segnatamente dovendo decidere se ed in quali termini affidare al
c.t.u. un incarico integrativo di ricalcolo del rapporto bancario in conto
corrente sulla base dei criteri sanciti dalla sentenza n. 24418/10 della Corte
Suprema di Cassazione – Sezioni Unite Civili , non può prescindere
4
dall’applicazione della nuova norma, la cui portata innovativa si presta a
varie interpretazioni, alcune delle quali palesemente in contrasto con i
principi costituzionali di cui agli artt. 3 ( principi di uguaglianza e di
ragionevolezza ), 24 e 102 ( diritto di tutela dei propri diritti davanti agli
organi giurisdizionali ordinari ) , 41 e 47 ( principi di libertà dell’iniziativa
economica privata e di tutela del risparmio ) della Costituzione.
La banca convenuta, infatti, in comparsa di costituzione ha
tempestivamente eccepito la prescrizione
dell’azione di restituzione
dell’indebito proposta dall’attore ai sensi dell’art. 2033 c.c., per cui se la
nuova norma dovesse intepretarsi nel senso che la prescrizione decennale
decorre non dalla data di estinzione del rapporto di conto corrente ( come di
recente confemato da Cass. Civ. S.U. n. 24418/10 ) ma dal giorno di ogni
singola annotazione in conto ( art. 2 quinquies comma 9 prima parte della
impugnata legge ), la conseguenza sarebbe l’estinzione per prescrizione del
diritto dell’attore alla restituzione degli importi versati a titolo solutorio e
annotati in data anteriore al 5/3/1997, vale a dire annotati oltre dieci anni
prima della data di notificazione della richiesta stragiudiziale di restituzione
dell’indebito (raccomandata notificata alla banca in data 5/3/2007 ), che
rappresenta il primo degli atti interruttivi della prescrizione risultante in atti.
Inoltre, se la seconda parte della norma impugnata ( ... In ogni caso
non si fa luogo alla restituzione di importi già versati alla data di entrata in
vigore della legge di conversione del presente decreto legge” ) dovesse
interpretarsi nel senso che nelle operazioni bancarie regolate in conto
corrente ciascuna delle parti può non restituire gli importi già versati alla
data del 27/2/2011, anche se non dovuti, la conseguenza sarebbe il rigetto
totale della domanda di restituzione dell’attore, in quanto, il rapporto
bancario in conto corrente è stato chiuso consensualmente dalle parti in data
5
31/12/2006, per cui i versamenti sono tutti antecedenti alla data di entrata in
vigore della legge 26/2/2011 n.10.
Ciò posto, essendo evidente la rilevanza della questione di
costituzionalità ai fini della adozione dei provvedimenti istruttori e decisori
della causa civile in esame, appare opportuno svolgere brevemente i motivi
di diritto in base ai quali questo giudicante ritiene costutizionalmente
illegittima l’impugnata norma.
MOTIVI DI DIRITTO
Invero nella prima parte della impugnata norma il legislatore
manifesta apertamente l’intento di attribuire alla stessa natura di norma di
interpretazione autentica dell’art. 2935 codice civile ( “ La prescrizione
comincia a decorrere dal giorno in cui il diritto può essere fatto valere “ )
aggiungendo che “ In ordine alle operazioni bancarie regolate in conto
corrente l’art. 2935 del codice civile si interpreta nel senso che la
prescrizione relativa ai diritti nascenti dall’annotazione in conto inizia a
decorrere dal giorno dell’annotazione stessa “.
E’ evidente l’intento e la finalità di consentire l’applicazione
retroattiva, e quindi anche ai giudizi pendenti, della norma, alla stregua di
ogni vera ed autentica legge di interpretazione autentica.
Orbene le norme interpretative, che il legislatore può adottare quando
la scelta imposta dalla legge rientri tra le possibili varianti di senso del testo
originario di una norma, non possono violare i limiti generali all'efficacia
retroattiva delle leggi, che attengono alla salvaguardia, oltre che dei principi
costituzionali, di altri fondamentali valori di civiltà giuridica posti a tutela
dei destinatari della norma e dello stesso ordinamento. Tra detti principi
spiccano il rispetto del principio generale di ragionevolezza, il principio del
divieto di introdurre ingiustificate disparità di trattamento, il principio della
6
tutela dell'affidamento legittimamente sorto nei soggetti per l’effetto
nomofilattico delle pronunce della Corte di Cassazione, la coerenza e la
certezza dell'ordinamento giuridico, il rispetto e la non invasione delle
funzioni costituzionalmente riservate al potere giudiziario.
Nel caso dell’impugnata norma tali limiti risultano platealmente
superati, atteso che:
1) non vi era alcun dubbio interpretativo in ordine alla decorrenza
della prescrizione dei diritti nascenti dall’annotazione nelle operazioni
bancarie regolate in conto corrente, atteso che sul punto vi era costante ed
uniforme giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione, la quale ultima
peraltro, recentemente, con sentenza a Sezioni Unite n. 24418/10 del
2/12/2010, aveva ribadito quanto sostenuto da anni e cioè che “ Se, dopo la
conclusione di un contratto di apertura di credito bancario regolato in conto
corrente, il correntista agisce per far dichiarare la nullità della clausola che
prevede la corresponsione di interessi anatocistici e per la ripetizione di
quanto pagato indebitamente a questo titolo, il termine di prescrizione
decennale cui tale azione di ripetizione è soggetta decorre, qualora i
versamenti eseguiti dal correntista in pendenza del rapporto abbiano avuto
solo funzione ripristinatoria della provvista, dalla data in cui è stato estinto il
saldo di chiusura del conto in cui gli interessi non dovuti sono stati registrati
“.
Relativamente a tale recente decisione, giova precisare che la
Suprema corte ebbe a pronunciarsi a Sezioni Unite non per difformità di
orientamenti tra diverse Sezioni della stessa, ma unicamente “per la
particolare importanza delle questioni sollevate”.
2) da decenni gli esperti di diritto bancario e la stessa giurisprudenza
hanno chiarito come sia corretto distinguere gli atti giuridici da cui sorgono
7
diritti di credito dalle semplici operazioni contabili di accreditamento ed
addebitamento, le quali si effettuano secondo la tecnica delle scritture e delle
registrazioni, per cui l'operazione contabile di accredito o di addebito non
corrisponde alla costituzione di crediti o di debiti, ma è semplicemente un
modo di rappresentare le modificazioni oggettive e quantitative che subisce
un unico rapporto obbligatorio nel corso del suo svolgimento. Ne consegue
che durante il corso del rapporto non si attribuisce a nessuno dei due
contraenti la veste di debitore o di creditore ma si lascia ciascuna delle parti,
fino a completa estinzione del rapporto, nella sua rispettiva posizione
originaria. Per tali motivi sia la dottrina che la giurisprudenza hanno sempre
ritenuto che i contratti bancari di credito con esecuzione ripetuta di più
prestazioni, sono contratti unitari, che danno luogo ad un unico rapporto
giuridico, anche se articolato in una pluralità di atti esecutiv e che la serie di
versamenti, prelievi ed accreditamenti determina solo variazioni quantitative
dell'unico originario rapporto. Per cui solo con il conto finale si stabiliscono
definitivamente i crediti e i debiti delle parti fra di loro e se ne determina
l’esigibilità.
Ne deriva l’irragionevolezza della norma impugnata, in quanto sotto
forma malcelatamente interpretativa, di fatto innova e si scontra non solo
con la disciplina normativa e la natura giuridica propria delle operazioni
bancarie in conto corrente di cui agli artt. 1852-1857 c.c. ma anche con il
principio generale affermato dall’art. 2935 c.c. in tema di decorrenza della
prescrizione
3) le norme sulla prescrizione, pur avendo una natura sostanziale,
producono i loro effetti sul piano processuale, atteso che invocando l’effetto
estintivo delle stesse è possibile impedire ai titolari di diritti di ottenerne la
realizzazione in via giudiziaria.
8
Ne consegue che, ove l’impugnata norma si applicasse anche per il
passato e ai giudizi in corso, si avrebbe non solo una violazione del
principio di uguaglianza e un’ingiustificata disparità di trattamento, ma
anche una frustrazione dell'articolo 24 della Costituzione, oltre che un
invasione ingiustificata delle prerogative proprie della Magistratura
Ordinaria con violazione dell’art. 102 della Costituzione.
4) l’impugnata norma realizza, infine, un’eclatante violazione dei
principi di tutela del risparmio delle famiglie e delle imprese, delle quali
ultime intacca la libera di iniziativa economica, così violando gli artt. 41 e
47 della Costituzione.
La norma in parola, infatti, paradossalmente contenuta in una legge
titolata “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi
urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie” più
che sostenere famiglie ed imprese incide invece negativamente sulle
legittime aspettative di esse di ottenere in restituzione ingenti somme
indebitamente contabilizzate dalla controparte durante lo svolgimento di
rapporti in conto correnti e percepite in violazione di norme di ordine
pubblico quale il divieto dell’anatocismo e del decorso della prescrizione dal
giorno in cui il diritto può essere fatto valere, favorendo così anche condotte
dagli effetti tendenzialmente usurari.
D’altra parte la norma, di iniziativa governativa ed inserita con un
maxi emendamento nel testo di un ennesimo decreto legge c.d.
Milleproroghe a pochi giorni dalla scadenza dello stesso e sottoposto a voto
di fiducia con conseguenziale sostanziale frustrazione del potere del
Parlamento di apportarvi delle modifiche ( è noto che molti dei deputati e
dei senatori sono avvocati che ben conoscono il contenzioso civile in atto tra
banche e correntisti ), pur se definita dai primi commentatori come “legge
9
salva banche”, rischia di pregiudicare irrimediabilmente anche il diritto delle
banche ad ottenere in restituzione somme date a mutuo ai correntisti in
regime di apertura di credito in conto corrente, se annotate prima di dieci
anni dalla formale richiesta di rientro o di pagamento del saldo finale di
chiusura del conto.
Le considerazioni sopra sviluppate valgono a maggior ragione
riguardo alla seconda parte dell’impugnata norma, vale a dire a quella sorta
di norma transitoria la quale dispone che “...In ogni caso non si fa luogo alla
restituzione di importi già versati alla data di entrata in vigore della legge di
conversione del presente decreto legge”.
Trattasi di norma del tutto assurda ed incomprensibile, la quale,
senza null’altro aggiungere e precisare, determina che chi ( anche una banca
) per sua sventura si trovi ad aver versato alla data del 27/2/2011 (data di
entrata in vigore della legge di conversione n. 10/2011 ) degli importi a
credito in un rapporto regolato in conto corrente non può ottenerli “in ogni
caso” in restituzione dal suo debitore.
Per non far torto all’intelligenza di nessuno si omette ogni ulteriore
commento, semplicemente rilevando che detta seconda parte dell’impugnata
norma fa strage non solo delle principali regole giuridiche e costituzionali
sopra richiamate , ma anche dei più elementari canoni di logica e
avvedutezza richiesti nella regolamentazione normativa dei rapporti tra
consociati.
P.Q.M.
Letti gli artt. 134 e 137 della Costituzione, 1 della legge costituzionale
9/2/1948 n. 1 e 23 della legge 11/3/1953 n. 87
il Tribunale Ordinario di Benevento
10
promuove di ufficio, per violazione degli artt. 3, 24, 41, 47 e 102 della
Costituzione, questione di legittimità costituzionale della legge 26/2/2011
n.10 di conversione con modificazioni del decreto legge 29/12/2010 n. 225
nella parte in cui all’art. 1 comma 1, richiamando l’allegato “Modificazioni
apportate in sede di conversione al decreto legge 29 dicembre 2010 n. 225”
ha introdotto nell’ordinamento giuridico la seguente norma: “Modificazioni
apportate in sede di conversione al decreto legge 29 dicembre 2010 n. 225 :
all’art. 2 dopo il comma 19 sono aggiunti i seguenti commi: ...omissis...
“61.In ordine alle operazioni bancarie regolate in conto corrente l’art.
2935 del codice civile si interpreta nel senso che la prescrizione relativa
ai diritti nascenti dall’annotazione in conto inizia a decorrere dal giorno
dell’annotazione stessa. In ogni caso non si fa luogo alla restituzione di
importi già versati alla data di entrata in vigore della legge di
conversione del presente decreto legge”.
Ordina che a cura della cancelleria la presente ordinanza sia
notificata alle parti in causa e al Presidente del Consiglio dei Ministri
nonché comunicata al Presidente del Senato e al Presidente della Camera dei
Deputati e all’esito sia trasmessa alla Corte Costituzionale insieme al
fascicolo processuale e con la prova delle avvenute regolari predette
notificazioni e comunicazioni.
Benevento, 10 marzo 2011
Il giudice unico dr. Andrea Loffredo
11

UNO STATO AMERICANO CONTESTA IL DOLLARO


HIP, HIP, UTAH
Postato il Mercoledì, 09 marzo @ 10:31:29 CST di davide



Usa UNO STATO AMERICANO CONTESTA IL DOLLARO E IL PARLAMENTO VARA IL CONIO DI MONETE D'ARGENTO E D'ORO E METTE ALLO STUDIO UNA NUOVA MONETA LOCALE

FONTE: CORRIEREDELLACOLLERA.COM

Il Parlamento dello stato dello UTAH, noto per la presenza sul proprio territorio di una folta comunità di Mormoni che tuttora pratica la poliginia (poligamia è ambosesso, se praticata dalle donne è poliandria) ha votato una legge con una maggioranza schiacciante di 47 contro 26.

Lo Stato dello Utah si è , in pratica, riappropriato del potere di battere moneta e rende legale il conio di monete d’argento e d’oro a livello federale. La misura votata, vara anche uno studio che contempli l’adozione di una valuta locale diversa dal dollaro.

La notizia è stata data a pagina 45 de “IL CORRIERE DELLA SERA” del 5 marzo. Il taglio dell’articolo lascia pensare , al lettore superficialmente informato , che si tratti di una originalità, di quelle che un tempo si chiamavano “americanate”.



In realtà, considerate le proteste di piazza e le tentazioni autonomiste – quando non apertamente secessioniste , come ad esempio i fermenti presenti in Texas - si può analizzare la situazione in maniera più attenta. Il SOLE24ORE ha dedicato, con la delicatezza che gli è propria, un lungo articolo sulle manifestazioni di piazza negli USA .

Il fenomeno dei “tea party” sembra avere radici non solo ideali nello sciopero del té che diede vita alla guerra di indipendenza contro l’Inghilterra.

I cittadini contestano lo strapotere acquistato dal governo federale, le pesanti esazioni fiscali, la riduzione dei margini di libertà individuale ( con la legge Bush antiterrorismo, anche un cittadino USA può essere arrestato e detenuto per lungo tempo senza comunicazioni. E’ l’abolizione dell”‘habeas corpus” orgoglio delle legislazioni anglosassoni) a cui si aggiungono adesso anche prospettive di impoverimento reale. Il nemico è identificato nella Federal reserve bank la cui creazione avvenne tra polemiche e opposizioni mai sopite.

Il gesto politico, certamente concordato con i tea party ( il deputato Ron Paul e suo figlio Rand che è uno dei senatori del Té) ha molteplici valenze “rivoluzionarie”:

- attacca frontalmente la Federal Reserve Bank.
- richiama alla mente degli americani spettri secessionisti e fermenti di indipendenza localistica..
- Contesta la proibizione di acquistare o detenere oro per i cittadini USA in vigore , se non erro, dal 1933..
- Manifesta sfiducia nel dollaro - che finora era un “comportamento antiamericano”- legalizzando il dibattito a ogni livello.
.
Jacques Rueff, l’economista francese che spinse il presidente De Gaulle a chiedere per primo di acquistare l’oro pagando 35 dollari l’oncia, provocando – dopo due acquisti - la crisi del Gold Exchange Standard e l’irrigidimento di Nixon , ha visto il momento del trionfo delle sue idee. Da lassù..
.
Fonte: http://corrieredellacollera.com/.
Link: http://corrieredellacollera.com/2011/03/09/hip-hip-utah-uno-stato-americano-contesta-il-dollaro-e-il-parlamento-vara-il-conio-di-monete-dargento-e-doro-e-mette-allo-studio-una-nuova-moneta-locale/.
9.02.2011