venerdì 17 dicembre 2010

Audit the Fed in 2011

Audit the Fed in 2011

The Daily Bell, December 14, 2010 – by Dr. Ron Paul


Dr. Ron Paul

Since the announcement last week that I will chair the congressional subcommittee that oversees the Federal Reserve, the media response has been overwhelming. The groundswell of opposition to Fed actions among ordinary citizens is reflected not only in the rhetoric coming out of Capitol Hill, but also in the tremendous interest shown by the financial press. The demand for transparency is growing, whether the political and financial establishment likes it or not. The Fed is losing its vaunted status as an institution that somehow is above politics and public scrutiny. Fed transparency will be the cornerstone of my efforts as subcommittee chairman.

Thanks to public pressure earlier this year, Congress did pass legislation that requires the Fed to disclose some information about its bailout of select industries and companies following the 2008 financial crisis. So two weeks ago the Fed released data concerning more than $3 trillion of assistance it offered to banks through its bailout facilities. After reviewing this data, however, we are left with many more questions about the Fed's "lending".

In the "Term Securities Lending Facility", the Fed was supposed to have loaned against AAA-rated securities – yet over half of the collateral put up by banks to obtain loans had no listed credit rating. Should we assume that the Fed accepted absolute junk rated securities as collateral for loans? Presumably these securities were so bad that they wouldn't even publicize their credit rating. So why should our central bank, backed up by your taxes, accept such collateral?

On another note, of the $1.25 trillion purchased under the Fed's "Mortgage-Backed Securities Purchase Program," only $877 billion in purchases have been publicized. What happened to the remaining $400 billion?

These kinds of limited disclosures by the Fed only underscore the need for a full and complete audit of the Fed's financial books. This audit should be done by an independent third party, in the same manner that public companies are audited. The Fed should make public its balance sheet, income statement, and perhaps most importantly its cash flow statement. It also should publicize the notes explaining those financial statements.

We seem to forget sometimes that Congress created the Fed – it is a government-created banking monopoly, and its top decision-makers are appointed by the President and confirmed by the Senate. If the Fed does not perform satisfactorily in the eyes of these politicians and their constituents, the Chairman and Governors may not be re-nominated.

In theory, Congress could even repeal the Federal Reserve Act altogether since it has the authority to do so. Obviously Congress is within its authority to audit an organization it created by statute, and it is time to assume that responsibility.

With 320 Members of Congress cosponsoring my legislation to fully audit the Fed in the 111th Congress, my hope is that we can build on our broad bipartisan coalition in 2011 and continue the push for greater Fed transparency going forward.

Totally Busted: The Truth About Goldman's Bailout

EPJ, December 15, 2010

Totally Busted: The Truth About Goldman's Bailout by the Fed

Eric Fry has put together the pieces, searched the articles and has done the timeline that show's how the Fed shoveled money into the coffers of Goldman Sachs. Even to help Goldman pay off its TARP debt.

This investigative report from Eric Fry is must reading. It should also be kept in mind that this is separate from the Goldman/AIG antics that Janet Tavakoli has been reporting on. Here's Fry :

Recent disclosures from the Federal Reserve reveal that honesty was one of the earliest casualties of the 2008 financial crisis. These disclosures contain a number of juicy tidbits, like the fact that Goldman Sachs received tens of billions of dollars in direct and indirect succor from the Fed.

Thanks to these spectacularly large taxpayer-funded bailouts, Goldman was able to continue “doing God’s Work” – as CEO Lloyd Blankfein infamously remarked – like the work of producing billion-dollar trading profits without ever suffering a single day of losses.

Thanks to the Fed’s massive, undisclosed assistance, Goldman Sachs managed to project an image of financial well-being, even while accessing tens of billions of dollars of direct assistance from the Federal Reserve.

By repaying its TARP loan, for example, Goldman wriggled out from under the nettlesome compensation limits imposed by TARP, while also conveying an image of financial strength. But this “strength” was illusory. Goldman repaid the TARP loans with funds it procured days earlier from the Federal Reserve. Then, over the ensuing months, Goldman recapitalized its balance sheet by selling tens of billions of dollars of mortgage-backed securities to the Fed.

And the public never knew anything about these activities until two weeks ago, when the Fed was forced to reveal them....

Secret bailouts do not merely benefit recipients; they also deceive investors into mistaking fantasy for fact. Such deceptions often punish honest investors, like the honest investors who sold short the shares of insolvent financial institutions early in 2009.

Some of these investors had done enough homework to understand that no private-market remedy could ride to the rescue of certain financial firms. Therefore, these investors sold short the shares of certain ailing institutions and waited for nature to take its course. But the course that nature would take would be shockingly unnatural. We now know why. The Federal Reserve altered the course of nature, and did so without telling anyone.

Many of the investors who sold short ailing financial firms in 2009 were alert to the possibility that bailouts by the Federal Reserve could change the calculus. In other words, the Fed could make the bearish case less bearish...at least temporarily. Therefore, many of these investors studied the Federal Reserve’s disclosures, as well as corporate press releases, in order to quantify the Fed’s influence.

Based on all available public disclosures, the story remained fairly grim into the spring of 2009. Accordingly, the short interest – i.e., number of shares sold short – on Goldman Sachs common stock hit a record 16.3 million shares on May 15, 2009 – about 3.3% of the public float. But over the ensuing six months, Goldman’s stock soared more than 30% – producing roughly $500 million in losses for those investors who had sold short its stock. Not surprisingly, the total short interest during that timeframe plummeted to less than 6 million shares, as short-sellers closed out their losing positions.

Was it just bad luck? Or was something more nefarious at work here?

Let the reader decide. But before deciding, let the reader carefully examine the chart below, while also carefully considering a selection of public announcements from Goldman Sachs during this timeframe.



Based upon contemporaneous public disclosures, Goldman Sachs was “forced” by the Federal Reserve to accept a $10 billion loan from the TARP facility in October 2008. But Goldman’s top officers repeatedly – and very publicly – bristled under the compensation limits the TARP loan imposed.
Therefore, as early as February 5, 2009, Goldman’s chief financial officer, David Viniar, remarked, “Operating our business without the government capital would be an easier thing to do. We’d be under less scrutiny...” And on February 11, 2009, CEO Blankfein magnanimously remarked, “We look forward to paying back the government’s investment so that money can be used elsewhere to support our economy.”

But at that exact moment, we now know, Goldman was operating its business with at least $25 billion of undisclosed “government capital.”

In April, 2009, The Wall Street Journal observed, “Goldman Sachs group Inc., frustrated at federally mandated pay caps, has been plotting for months to get out from under the government’s thumb... Goldman’s managers have a big incentive to escape the state’s clutches. Last year, 953 Goldman employees – nearly one in 30 – were paid in excess of $1 million apiece... But tight federal restrictions connected to the financial-sector bailout have severely crimp the Wall Street firm’s ability to offer such lavish pay this year.”

On May 7, 2009, a Goldman press release states: “We are pleased that the Federal Reserve’s Supervisory Capital Assessment Program has been completed... With respect to Goldman Sachs, the tests determined that the firm does not require further capital... We will soon repay the government’s investment from the TARP’s Capital Purchase Program.”

On June 17, 2009, Goldman finally got its wish, thanks to some timely, undisclosed assistance from the Federal Reserve. Goldman repaid its $10 billion TARP loan. But just six days before this announcement, Goldman sold $11 billion of MBS to the Fed. In other words, Goldman “repaid” the Treasury by secretly selling illiquid assets to the Fed.

One month later, Goldman’s CEO Lloyd Blankfein beamed, “We are grateful for the government efforts and are pleased that [the monies we repaid] can be used by the government to revitalize the economy, a priority in which we all have a common stake.”

As it turns out, the government continued to “revitalize” that small sliver of the economy known as Goldman Sachs. During the three months following Goldman’s re-payment of its $10 billion TARP loan, the Fed purchased $27 billion of MBS from Goldman. In all, the Fed would purchase more than $100 billion of MBS from Goldman during the 12 months that followed Goldman’s TARP re-payment.

Did private investors not have the right to know that the Federal Reserve was secretly recapitalizing Goldman’s balance sheet during this period? Did they not deserve to know that the Fed’s MBS buying was producing Goldman’s “perfect” trading record during this timeframe?

Yes, would seem to be the obvious answer.

“There’s a saying in poker: If you don’t know who the patsy is at the table, it’s you,” observes Henry Blodget, the once and again stock market analyst, “Next time you feel like bellying up to the Wall Street poker table, therefore, ask yourself again who the sucker is.”

To be continued...

The above originally appeared in a slightly longer version as Outing Ben Bernanke at the Daily Reckoning. To learn more about the Daily Reckoning visit here.

Il crack del Banco Emiliano Romagnolo

Il crack del Banco Emiliano Romagnolo
di Beppe Grillo - 17/12/2010

Fonte: Il Blog di Beppe Grillo [scheda fonte]

Crack Banco Emiliano Romagnolo

Oggi ho ricevuto una mail sul fallimento del Banco Emiliano Romagnolo (BER) e il congelamento di conti correnti e dei titoli (che non sono di proprietà della banca) su disposizione della Banca d'Italia. Il blog ha verificato con una telefonata (la voce è stata modificata per evitare problemi a ci ha fornito le risposte) che è tutto vero. Provate a immaginare di trovarvi domani senza poter accedere al conto corrente, al bancomat, ai titoli in deposito, ai pagamenti automatici dal conto. Come vi sentireste?
Di seguito la segnalazione e l'intervista alla BER.

Segnalazione


"Voglio segnalare che il Banco Emiliano Romagnolo è stato bloccato dalla Banca d'Italia e che tutti i conto correnti sono stati congelati per evitare che tutti ritirino i soldi. Stanno cercando di vendere la banca al gruppo Intesa, non si sa altro. E dicono che fino al 7 gennaio non si saprà nulla. Passeranno le vacanze di Natale serene, loro! E non per il freddo... Mi ritrovo come tante altre persone a non poter ricevere bonifici, stipendi, addebiti e neanche ritirare contanti allo sportello. Il tutto senza preavviso e tenendo tutto nascosto. Ancora sui giornali non si legge niente.Chiamate direttamente voi in banca per vedere che è tutto vero:
0514135595 - 0514135539
Saluti" A.C.

Trascrizione telefonata del blog alla BER:


BER
: E’ stato durante un provvedimento di Banca d’Italia del 7 di dicembre in cui stabilisce che un congelamento dell’entrata e uscita dell’operatività dei conti correnti,questa tutela dei conti correnti , salvaguardare le procedure di transizione che ci sono in questo momento significa che il conto congelato, non si possono fare né ricevere bonifici assegni, RID, bancomat.. il conto è bloccato completamente. Purtroppo anche noi dipendenti siamo nella stessa situazione, non si riesce a fare la spesa, se qualcuno ha altra possibilità la situazione è cristallizzata allo stato in cui si trovava. Guardi, noi stessi che siamo all’interno che potevamo tutelarci, per prelevare, noi stessi siamo stati avvisati da un minuto all’altro, soprattutto nel rapporto con i clienti. Il 6 sera è stato preso questo provvedimento, emanato dalla Gazzetta Ufficiale della Banca d’Italia e sui giornali a tiratura nazionale. Il 7 mattina all’apertura della filiale ci ha comunicato questo. Provvedimento drastico, che chiaramente suscita, ha suscitato e susciterà enormi problemisti che alla Banca d’Italia stessa suppongo, altresì possa farlo, prenderà un sacco di denunce. Comunque sia, ovviamente che sono in forte difficoltà sono soprattutto le aziende, un disastro terribile.
Blog: Aldilà dei depositi dei CC, invece l’operatività della banca è semplice intermediaria tipo Conto Titoli anche quello è bloccato?
BER: Si Tutto, completamente tutto.
Blog: I titoli di fatto sono intestati al correntista, non alla banca.
BER: Si,bloccati nel senso che non possono essere trasferiti da un conto all’altro, lì sono e lì rimangono fino a che non si sbloccano, poi ognuno potrà disporre come vuole.
Blog:In questo periodo di congelamento non posso operare sui miei titoli?
BER: No, ma neanche sul conto corrente
Blog: Neanche da nessun altro operatore?
BER: Assolutamente no, guardi, non entrano nemmeno i bonifici
Blog:Sul conto mi è più facile capire perché è un asset della banca
BER: Capisco la sua obiezione, però anche i titoli fanno parte di una sorta di liquidità totale, credo che la maggior parte delle persone si preoccupi della liquidità per fare la spesa per pagare un mutuo, una utenza, un affitto.
Blog: Si, nella peggior delle ipotesi, congelato il conto corrente, liquido una parte dei titoli e mi arrangio in un altro modo
BER: Si ho capito, certo, infatti questo è un problema per la Borsa, per tutto, perché c’è una sorta di compra vendita, di negoziazione quanto meno, e comunque si investe anche finché tiene.

Paul's potential questions for Ben Bernanke

Gary North: Ron Paul's potential questions for Ben Bernanke

Section:

1:15p ET Thursday, December 16, 2010

Dear Friend of GATA and Gold:

U.S. Rep. Ron Paul's former research assistant, the economist Gary North, this week joined most of the rest of the civilized world in delighting that Paul soon may be in charge of the questions put to Federal Reserve Chairman Ben Bernanke by the House Monetary Policy Subcommittee. In an essay posted at Lew Rockwell's Internet site, North offers a few potential questions while acknowledging that there will be many more good ones aimed at exploding the secrecy of the least accountable and most totalitarian agency of the the U.S. government. North's essay is headlined "Ron Paul's Questions for Ben Bernanke" and you can find it here:

http://www.lewrockwell.com/north/north920.html

CHRIS POWELL, Secretary/Treasurer
Gold Anti-Trust Action Committee Inc.

Reato di "Sostituzione di persona" : diffida

Governo del Popolo Veneto

Istituzione di Autogoverno - Stato delle Venetie

Mittente : Loris Palmerini - Presidente del Governo del Popolo Veneto , istituzione di Autogoverno del Popolo Veneto - Stato delle Venetie

http://www.statoveneto.net

Al direttore responsabile.

Oggetto: Reato di "Sostituzione di persona" : diffida ad associare persone a noi estranee

Gentile direttore,

Vi sono in queste ore persone che compiono i reato di sostituzione di persona (art. 494 C.P.) anche con False dichiarazioni sulla identità o su qualità personali proprie o di altri (Art. 496 C.P.) spacciandosi per il Governo del Popolo Veneto o parlando in nome dell'Assemblea del Popolo Veneto .

La cosa è falsa e compiuta da persone che, sostituendosi illegalmente nella rappresentanza del Governo del Popolo Veneto e delle altra Istituzioni, creano confusione al fine di realizzare un danno al popolo veneto e a me personalmente.

La dimostrazione che essi vogliono procurare danno è data dal fatto che scrivendo all'ONU e chiedendo insistentemente l'apertura di una inchiesta internazionale hanno di fatto bloccato i numerosi procedimenti pendenti in Consiglio d'Europa (il tribunale dei diritti dell'Uomo), bloccando così tutti i cittadini veneti, me compreso, che hanno un ricorso pendente. Si tratta di una sottile tecnica di regime atta a bloccare il processo di autodeterminazione inevitabile anche con la collaborazione di persone inconsapevoli ed ignoranti.

Il Consiglio d'Europa infatti per statuto non può decidere sui procedimenti che vertono sugli stessi elementi dove già una inchiesta internazionale sia aperta. Appunto la continua insistenza di questi individui nel chiedere all'ONU di aprire una inchiesta, le minacce di azioni di forza contro le autorità italiane, intendendo appunto far partire una inchiesta ONU e bloccare così ogni decisione del Consiglio d'Europa. Infatti se il Consiglio d'Europa decidesse, essendo un giudice supremo dell'Ordinamento anche per l'Italia in quanto riconosciuto dal trattato di Lisbona, qualora il Consiglio d'Europa decidesse obbligherebbe giuridicamente lo stato italiano a liberare il territorio Lombardo Veneto invaso nel 1866 come ha già fatto in passato.

Infatti, dovendo proteggere i diritti umani, l'Amministrazione italiana, essendo abusiva fin da allora, non è per definizione imparziale.

A nostro avviso dietro questo movimento clone e fasullo , si cela il progetto di nuovo tentativo del Governo Italiano di creare un governo fantoccio, come già fatto nel 1866. Lo dimostrano che al vertice del finto governo alle cronache ci sono poliziotti, ex-poliziotti, parenti stretti di carabinieri, e agitatori di carriera.

Rivolgendomi a Lei in qualità di responsabile di un organo di Stampa Le rammento che e' comunque suo dovere non permettere che attraverso false comunicazioni sociali si compiano reati e si danneggi l'immagine altrui.

Di conseguenze rivolgendosi a questi individui che si sostituiscono a noi, non potrà rappresentarli con le nostre sigle perché di fatto collaborerebbe al compimento di un reato, provocando danno, e innescando il diritto di replica e di risarcimento.

D'altra parte, dato che essi sono invece riferibili al gruppo della "Polizia Veneta" che l'anno scorso è stata incriminata per associazione paramilitare, Lei potrà parlare di essi come derivazione di essa, ma non certo come rappresentati del Governo del Popolo Veneto , o dell'Assemblea del Popolo Veneto, o delle Istituzioni di Autogoverno del Popolo Veneto - Stato delle Venetie.

L'Assemblea del Popolo Veneto li ha estromessi in data 29 agosto 2009, per sistematica violazione delle Regole e degli statuti, ecco la delibera di estromissione

http://www.statoveneto.net/assemblea/?p=37

e il seguito http://www.statoveneto.net/assemblea/?p=64

Purtroppo tutto nasce dalla Questura di Treviso che indagando sulla polizia veneta ha confuso le persone e i ruoli, sebbene in possesso di ampie intercettazioni, iniziate quando il 25 giugno il presidente LIFE Treviso Quaglia dichiarò alla stampa l'intenzione di creare una polizia armata senza che ne avesse alcuna autorizzazione.

Purtroppo a nulla è valso interpellare il giudice di Padova per la tutela della nostra immagine, alla nostra richiesta ha risposto che "esistono altri modi" per tutelarla, intendendo forse la diffida stampa e il diritto di replica che tuttavia non è stata garantita dalla stampa in maniera equa. A causa di questa carenza di chiarezza della stampa la cosa si sta ora ripetendo con danno sempre maggiore per la popolazione.

Il danno d'immagine dell'anno scorso è stato solo parzialmente lenito dal fatto che tutti i giornali hanno in seguito eliminato dai loro siti le notizie che associavano noi a loro, dopo aver verificato la fondatezza delle nostre richieste.

Abbiamo a che fare con persone di cui molte sono appartenenti o appartenevano a LIFE, una associazione che già in passato ha istigato all'uso della forza, e la polizia Veneta è stata di fatto una loro estensione che abusivamente cercava legittimità nello spacciarsi per la nostra organizzazione come già in passato ha tentato di fare con i Serenissimi dopo i ripetuti fallimenti legali del loro movimento. Non entro nel merito della loro ragioni e storia, ma certamente essi non hanno nulla a che fare con noi tanto più a seguito di come hanno slealmente mistificato i nostri rapporti.

Per tanto con la Presente sono a diffidarvi ad associare l'organizzazione che rappresento, l'Autogoverno del Popolo Veneto e le sue Istituzioni, a persone diverse, in particolare Vi diffido dal associare persone diverse da quelle scritte nel nostro sito alle seguenti entità organizzate e giuridiche:

- autogoverno del popolo veneto - Stato delle Venetie

- governo del popolo veneto

- tribunale del popolo veneto

- assemblea del popolo veneto

- anagrafe del popolo veneto

Ogni intenzione o notizia non proveniente dallo scrivente non dovrà in alcun modo essere associata ad alcuna delle sigle sopra descritte né al leone in moeca che capeggia nel nostro sito e che è legalmente protetto e di Ns esclusivo uso, con registrazione di marchio. L'uso del "Leone in Moeca" risale al 2002 e nessun altro organismo può vantarne l'uso legittimo.

Qualora erroneamente il Vs giornale commettesse questa imprudenza o errore, saremo costretti a richiederVI il diritto di rettifica ed eventualmente i nostri avvocati sono pronti per il risarcimento del danno di immagine, di ingente entità, qualora esso non fosse rispettato con pari rilievo. Infatti sarebbe il grave danno di associare persone che commettono reati e annunciano possibili atti di forza a persone che per molti anni hanno professato i diritti del popolo veneto in maniera legale e pacifica, mai inneggiando al compimento di atti di violenza, a nostro modo utili solo allo stato occupante che militarmente ha invaso il territorio nel 1866.

Il danno sarà ingente tanto più che l'Autogoverno del Popolo Veneto, le sue Istituzioni e lo scrivente non hanno mai in nessuna maniera inneggiato alla violenza né indotto alcuno alla lotta armata o all'uso di armi, e risultiamo del tutto incensurato ed estranei a qualunque iniziativa armata, essendo note solo le mie numerose denunce di violazione di leggi e della costituzione , cose che mi hanno esposto alla repressione del regime ma alla quale abbiamo risposto sempre con la non violenza.

Lo scrivente è l'ideatore e fondatore nel 1999 delle Istituzioni di Autogoverno e certamente non le ho pensate per darle a simili individui di cui mi pento anche della conoscenza.

Per tanto l' associazione del Governo del popolo veneto, dell'Autogoverno del popolo Veneto e dello Stato delle Venetie ed di ogni altra organizzazione a qualunque individuo diverso da quelli specificati nel nostro sito, è altamente lesiva della nostra dignità personale e il danno d'immagine sarà debitamente risarcito.

Cordialmente

Loris Palmerini

Presidente del Governo del Popolo Veneto

Autogoverno del Popolo Veneto - Stato delle Venetie

http://www.statoveneto.net

v.Rossi 73 − 35030 Rubano, PD.


Guerriglia di Roma: liberi i 23 fermati

Il Giornale, 16 dicembre 2010, 18:31

Guerriglia di Roma: liberi i 23 fermati Alemanno contro i giudici: "Assurdità"


Vota
Risultato

Scarcerati 22 dei 23 fermati nella Capitale per gli scontri in centro di martedì. Alemanno non ci sta: "Protesto a nome di tutta la città. Profondo senso di ingiustizia". L'Anm non ci sta. Spintoni e urla in tribunale tra gli amici dei fermati e le forze dell'ordine. Fermato il giovane fotografato con la pala: non era un agente infiltrato, ma un liceale 16enne con precedenti per violenze

Roma - Convalida degli arresti e remissione in libertà per 22 dei 23 arrestati dopo gli scontri di Roma comparsi oggi davanti ai giudici. Ma il sindaco della Capitale non ci sta: "Sono costretto a protestare - dice Gianni Alemanno - a nome della mia città contro le decisioni di rimettere in libertà in attesa di giudizio quasi tutti gli imputati degli incidenti di martedì scorso. C’è una profonda sensazione di ingiustizia di fronte a queste decisioni perché i danni provocati alla città e la gravità degli scontri richiedono ben altra fermezza nel giudizio della magistratura sui presunti responsabili di questi reati".

L'Anm risponde "Non possiamo che ribadire che è legittima la critica ai provvedimenti dei magistrati, ma non lo sono gli insulti nei confronti dei giudici e dell’istituzione nel suo complesso". Così il presidente dell’associazione nazionale magistrati, Luca Palamara, ha replicato al sindaco di Roma che ha protestato contro le scarcerazioni dei giovani protagonisti degli scontri dei giorni scorsi nella Capitale.

Le decisioni Arresti domiciliari per Mario Migliucci. Divieto di dimora a Roma per tre liguri, Dario Campagnolo, Emanuele Gatti e Fabrizio Ripoli; obbligo di firma due volte al giorno per Patrizio D’Acunzo; piena libertà per Charlie Robin Thibault Plaze. Per un altro imputato, Edoardo Zanetti, i giudici hanno disposto la scarcerazione senza alcun obbligo. Tutti questi imputati saranno processati il 23 dicembre prossimo dalle rispettive sezioni. Obbligo di firma per Matteo Sordini e Alessandro Zeruoli, nessuna misura nei confronti di Michele Lucani, Matteo Angius e Leo Fantoni. Tornano a casa Michele Borromeo, Martino Reviglio Della Veneria e Anna Chiara Mazzani, Sacha Montanini, Angelo De Matteis, Nicola Corsini, Gerardo Morsella, Federico Serra, Andrea Donato, Alice Niffoi e Riccardo Li Calzi.

I legali: è una vittoria Per gli avvocati che hanno assistito i ragazzi è una "vittoria". L’avvocato Flavio Rossi Albertini ha spiegato: "Ci sono contestazioni che non stanno in piedi. L’accusa di concorso è affibbiata a persone che vengono da Palermo, Bari, Trento e Pisa. Che non si erano mai viste prima. Nei verbali di polizia si dice che sono stati presi tutti insieme. L’esame sul banco dei testimoni ha provato che invece i fermi sono avvenuti ben lontano da dove sono state effettuate le cariche di polizia".

Spintoni e urla in tribunale Al termine dell’udienza di convalida di un gruppo di fermati è scoppiata una gazzarra tra alcuni amici di uno dei fermati e le forze dell’ordine dopo che una ragazza ha tentato di forzare il cordone di polizia formato per far uscire i detenuti. Sono volanti spintoni, qualche parolaccia: la giovane è stata identificata e, in base a quanto si apprende, potrebbe essere denunciata.

Il mistero è finito Il giovane ritratto in alcune foto mentre martedi, durante gli scontri di Roma, impugnava una pala, un manganello e un paio di manette in diversi momenti della manifestazione, è stato individuato. Contrariamente a quanto alcuni avevano insinuato non è un agente inflitrato: ha sedici anni, è uno studente liceale ed ha alcuni precedenti penali. È stato accompagnato in un centro di accoglienza per minori ed è a disposizione dell’autorità giudiziaria. Intanto è in corso il processo per direttissima nei confronti di ventitre arrestati durante gli scontri. La loro età media è di 22 anni, il più anziano ne ha 32. Provengono da tutta Italia, uno da Parigi. Sono quasi tutti incensurati.

Tribunale blindato Cittadella giudiziaria di Roma blindata questa mattina in vista delle direttissime nei confronti di 23 manifestanti fermati durante gli scontri avvenuti nel centro storico della Capitale. Sono circa una decina, tra blindati e auto, i mezzi delle forze dell’ordine che stazionano nella zona dell’ingresso del tribunale di Piazzale Clodio. All’esterno sono presenti alcuni manifestanti che hanno esposto un striscione con la scritta: "Reprimete e processate ciò che non potrete mai fermare". "Libertà per tutti".

Il giovane con la pala È accusato di rapina aggravata il giovane di 16 anni fermato dalla polizia e ritratto in alcune foto mentre, durante gli scontri, impugna una pala, un manganello e un paio di manette in diversi momenti della manifestazione. Il ragazzo è stato riconosciuto attraverso il giaccone indossato durante la guerriglia urbana e per una ferita riportata sulla mano destra. Il minore, che da questa mattina si trova in un centro di accoglienza a disposizione dell’autorità giudiziaria, è tra i responsabili dell’aggressione ai danni di un finanziere e della rapina delle manette e del manganello dello stesso agente. Per questo è scattato per lui il fermo di indiziato di delitto per rapina aggravata. Il minore, con precedenti per rissa e resistenza a pubblico ufficiale, era stato fermato in occasione di un episodio diverso rispetto a quello dell’aggressione del finanziere, fotosegnalato e poi rilasciato, in attesa del riscontro della documentazione realizzata durante gli scontri. Proprio durante il fotosegnalamento il minore aveva attirato l’attenzione degli operatori per il fatto che indossava il giaccone al rovescio, per evitare il riconoscimento del colore avena della giacca come ritratta nelle foto anche pubblicate.

Collettivo studentesco Figlio di un ex-brigatista romano attivo negli anni ’70, il sedicenne frequenta l’istituto superiore "Gelasio Caetani", in viale Mazzini a Roma. E' un attivista politico del collettivo studentesco di estrema sinistra "Senza tregua". Alcuni suoi amici riferiscono che ha già partecipato a diversi blitz e manifestazioni a Roma. "Lui è un compagno, uno di noi, ma qualsiasi cosa detta su di lui non può fare altro che aggravare la sua attuale situazione - dice un amico del collettivo Senza tregua. Di certo se le foto che lo ritraggono non avessero avuto questa eco mediatica ora non sarebbe in Questura. Ma lui di certo non è un infiltrato". "Il nostro disgusto per questa società, per questo governo è senza tregua - spiega un altro amico del giovane, riferendosi allo slogan del collettivo -. Così come è senza tregua la nostra lotta. E' per questo che ci chiamiamo così".

Repaying bondholders while immiserating people

Repaying bondholders while immiserating people: Ireland’s EU-IMF programme

Comment|Andy Storey|16 December 2010|url
print|email |bookmark FacebookTweet thisdel.icio.usDigg!Stumble UponRedditGoogle BookmarksYahoo Buzz

Ireland has been a member of the IMF since 1957. Despite ongoing calls from global justice groups for Ireland to help reform the undemocratic governance of the IMF and end the damaging impact of the IMF’s policy conditions, the country has failed to influence the institution in a pro-democracy or anti-poverty direction. Partly as a result of these failures of successive Irish governments, Irish people are now confronted with the same anti-democratic and immiserising consequences the IMF has imposed around the rest of the world.

The Irish government has recently negotiated a ‘bail out’ package with the EU and the IMF. The loan agreement locks Ireland into a very specific neo-liberal economic model. The document, for example, emphasises the need for a “business friendly environment”, “vigorous action to remove remaining restrictions on trade and competition”, and claimed private sector efficiency including in how public utilities (such as gas, electricity and water supply) are run. ‘Bail out’ disbursements will depend on the speedy implementation of the agreement and there is virtually no flexibility to allow for changes to the content of the agreement, even if (as is likely) a new government takes office in the coming months.

In return for this erosion of democracy, what is gained? The loans from the EU and the IMF will be used, in large part, to repay the bondholders (mainly European financial institutions) who lent to the Irish banks that have now crashed and burned, and whose liabilities the Irish state has recklessly guaranteed. As Paul Krugman has pointed out, “The [bank] debts were incurred, not to pay for public programs, but by private wheeler-dealers seeking nothing but their own profit. Yet ordinary Irish citizens are now bearing the burden of these debts.”

Many economists are calling for Ireland to default on that portion of the debt that is owed to the bank bondholders on the grounds of both equity and economic sustainability. Irish economist David McWilliams frames the issue: “We are witnessing a monumental struggle between the innocent average Irish person and the guilty creditors of the bust Irish banks. … The Irish negotiators … acted as debt collecting agents of foreign banks. So the very banks that should be punished for their failures are being bailed out by the Irish citizens.”

If a (partial) default occurred, would Ireland be isolated from international financial markets and be unable to raise the funds to keep basic state services running? In fact, the markets are currently punishing Ireland (through exceptionally high interest rates being demanded on Irish bonds), and the ratings agencies are downgrading Ireland’s credit rating, precisely because they see the attempt to repay bank debt in full as futile. Drawing a clear line between the portion of the debt that guarantees the bank bondholders (and which should not be paid) and that portion that is the government’s own debt would actually serve to calm the markets, and allow Ireland to borrow the money necessary to cover government running costs at a reasonable rate of interest.

And any market ‘punishment’ would almost certainly be short-lived – research suggests that markets, on average, fully ‘forgive’ defaulters within three years (though at least partial access to the money markets recovers well before then). The recent experience of Iceland, which defaulted on a portion of its foreign debts and is now able to borrow at reasonable rates, supports this point.

A first step in a default could be the establishment of a debt audit to determine the precise sums and actors involved, as the identity of the bondholders is not precisely known. This initiative would mirror comprehensive debt audits that have been carried out throughout the Global South, including the official debt audit commission established by Ecuador in 2007 to assess the legitimacy (or lack of it) of historical lending to that country.

The stated reasons for opposing an Irish default on bank debt do not stand up to scrutiny. But the real reasons are very different to the stated reasons. As Lapavitsas et al.in a Research on Money and Finance report observed in relation to the Greek ‘bail out’ of May 2010, “Although the rhetoric of European leaders was about saving the European Monetary Union by rescuing peripheral countries, the real problem was the parlous state of the banks of the core. The intervention was less concerned with the unfolding disaster in Athens and more worried about European (mainly German and French) banks facing a wave of losses and further funding difficulties.”

Greece’s debt burden is as unsustainable as Ireland’s. A recent report by Citigroup argues that at the end of Greece’s three-year “adjustment” period, debt restructuring will still have to take place – but that, by then, at least half the debt will be owed to the EU and the European Central Bank. In other words, the private institutions will have gotten off the hook to a significant extent and the write-downs will be largely borne by the public sector. This is the same logic driving the Irish ‘bail out’ – the privatisation of profits and the socialisation of losses.

Opposition to the EU-IMF intervention, and to the Irish government’s cutbacks (including cuts in the minimum wage and social welfare), must demand a default on bank debt and not just a reorganisation of which sectors of Irish society should bear the cost of debt repayments. In the words of the Italian playwright Dario Fo, Irish people need to insist that they ‘can’t pay, won’t pay’ – and shouldn’t pay.


By Andy Storey, lecturer in political economy, University College Dublin, Ireland; chairperson of the NGO Action from Ireland (www.afri.ie)

This article is extracted from The IMF and Ireland: What we can learn from the global South, a paper prepared by Afri, December 2010.


We welcome submissions from representatives of Southern civil society organisations for the “comment” feature. If you are interested in contributing please contact comment@brettonwoodsproject.org.

mercoledì 15 dicembre 2010

NIPPING IT IN THE BUD

NIPPING IT IN THE BUD
by Barry Chamish

Last night Joel Skousen was on my radio show discussing Wikileaks. His point of view was that the scandal was either planned or exploited to put an end to whistleblowers. The first
volley was cutting off funding and the squeeze was put on Paypal to cancel the Wikileaks account, though spokesman Julian Assange has not yet been indicted for any crime. As illegal as a bank canceling an account of a so-far innocent client was, Skousen foresees a much broader and far more insidious future for honest journalists the powers deem as purveyors of espionage.
That future has arrived on my doorstep.
I have found the Wiki leaks most useful to my own work. Recall that I recently wrote of the Islamic "master plan" to inundate Israel with tens of thousands of missiles in one night before the country could mobilize to stop its destruction. Thanks to Wikileaks we discover that the plan exists but Syria turned Iran down to join in because it is "too weak." That is vital information that we all should have known and, more to the point, why weren't we so informed? Releasing that information would have calmed the Israeli public and given all of us more peace of mind.
Wikileaks did us all a favor, at least in this case, and we have to be grateful. But gratitude was not on someone's mind when the show:

Dec 13th -to Barry Chamish- I am hearing over your broadcast the
radioshow of Bob Tuskin and Friends so your show is unlistenable..
Note-both fedes West and Eastern have same problem..

So, the Skousen interview was not heard, at least by many listeners, if not all of them. This was not the first interference in my show. The guest before, Lowell Gallin, was blocked from phoning the station and with our first hour scrubbed, the show was all but lost. My producer told me outright:

Barry, We were sabotaged, BUT all of our phone lines are now fixed and things are back to normal for your program next Tuesday.

So someone is fooling with my radio show or maybe not, you say. Well, onward we go. Ten days ago was a Sunday, my day to watch football and relax. But first I had to answer my e-mails. When I tried to download them I got a message that read something like this: Psst. The POP server netvision has stopped transferring your mail. First I phoned two trusted computer technicians, Joel Skousen's son Derek and my webmaster Steve. For hours we sought the reason for the blockage in my computer, but to no avail. Then I phoned netvision in Israel and after determining that they were sending my mail out, their technician could not find the source of the blockage. He assured me that a higher ranking technician would have to phone me back. He didn't but the blockage stopped miraculously after a day. There was no football or relaxing for me that Sunday. Nope, I spent it trying to fix, what was certainly, a warning to me. Yes, they control my electronic mail...
As well as my snail mail. For the past 13 days, my post office box has been empty. Since that never happened before, and rationalizations couldn't explain this away, I suspected my mail was being diverted far from me. Just as bad, the packages of books I sent out, well before the Christmas rush, never made it to their destinations. Just look at some of my correspondence:

At 01:32 AM 12/14/2010, you wrote:
> No the package has still not arrived. Unfortunately.
> Bye for now,
> Your friend Lyle

Lyle, I have the customs form from the post office. The number is LC892841964US. It was sent out of the U.S. PLEASE check your post office. BTW, I'll check mine as well. Barry

At 01:17 AM 12/14/2010, you wrote:
> Hi Barry,
> I still haven't received the books but I can send you the check if you would like. I hope that they arrive soon.
> Blessings,
> Doug
***
...otto@gmail.com>
To: Barry Chamish

I'm sending you a check on Monday. Sorry for the delay.

> Did you send the check? I suspect theft. Barry
yes... i'll check to see if it cleared. MO
**
Date: Mon, 6 Dec 2010 17:07:49 -0500
To: dave@

Was your check cashed? Please, let me know. Barry

it was a note 50 sterling but it may come as i just received cash from ireland.

Imagine how you'd survive if the radio show you spent a day preparing was made unlistenable, if your e-mail was in the hands of unknown hackers, and if your snail mail was blocked coming and going.
For all its publicity, Wikileaks has been spewing idle gossip in its 250,000 heisted messages compared to the 2500 pages of truly top secret documents I uncovered just on the Rabin assassination. I sabotaged a murder plot and the effects on Israel will not go away. Hebrew speakers, look at the latest of many "leaks" of my proofs:

http://www.sos-israel.com/index.asp?catID=41467&siteLang=3

But Mr. Skousen, I already knew what Israel could do to this whistleblower. In my last days there I suffered a stroke, days wasted in court, and was clinically dead in a car "accident" that was covered up by the police to the extent that even my lawyer and insurance company weren't told who hit me.
I thought America would be my refuge, but the same old attacks to shut me down are on again. For coming up to five years, my readers have made my writing in America viable.
Now, I'm in danger of being cut off from you. What do we do about it?

end

If you sent a check to me, odds are it hasn't arrived. Please resend it certified. Then, at least we'll have a paper trail to collect as evidence.

Barry Chamish
POB 840157
Saint Augustine, FL 32080 USA

Paypal: chamishba@gmail.com

Listen to my radio show:
http://wwfar.com/mp3s/BarryChamish/

BE SURE TO LISTEN TO BARRY CHAMISH
Live TUESDAYS at 3PM PT / 6PM ET ON:
www.FirstAmendmentRadio.com

martedì 14 dicembre 2010

Banca condannata per usura: restituirà 529 mila euro

Banca condannata per usura: restituirà 529 mila euro a imprenditore ortonese

ORTONA. Il Tribunale ha accertato che un istituto di credito per 5 anni ha praticato «usura» nei confronti di un imprenditore al quale adesso spetta un maxi risarcimento

Con sentenza del tribunale di Ortona, numero 77 del 2010, estesa dal giudice Rita Carosella ad un imprenditore immobiliare di Ortona, è stata decretata la restituzione di ben 421.441,87 € di «illegittimi interessi, spese e usura», più ulteriori 107.751,90 € di interessi legali e rivalutazione monetaria per un totale di 529.193,77 €.

Il caso è stato seguito dallo sportello Sos Utenti che oggi festeggia (ma non svela il nome dell'istituto di credito condannato) e parla di «pioggia cospicua di risorse finanziarie sulla imprenditoria ortonese, che nessuna provvidenza regionale riuscirebbe a totaliare».

L’associazione a cui si è rivolto l'imprenditore, con la difesa legale dell'avvocato Maurizio Mililli e la consulenza e assistenza tecnica del proprio presidente, esperto e teorico in materia di disciplina bancaria, Gennaro Baccile, sottolinea la «chiara, articolata e ben argomentata» sentenza scritta dal giudice Rita Carosella. Il giudice, infatti, richiama spesso la completa e corretta consulenza del suo Ctu (Consulente Tecnico D’Ufficio), Fabio Falasca.

La difesa tecnica che aveva citato in giudizio la Banca e chiesto la restituzione di 292.807,68 €, è riuscita a far riconoscere all'imprenditore quasi il doppio dell'importo richiesto.

Il giudice Carosella ha riconosciuto, infatti, all'imprenditore tutti gli interessi superiori a quelli legali, tutte le Commissioni di Massimo Scoperto, tutte le spese e tutte le Valute illegittime, annullando la capitalizzazione degli interessi, e riconoscendo la restituzione del maltolto sin dall'inizio del rapporto, risalente all’anno 1983.

«Di particolare rilievo», riferisce Gennaro Baccile, «è che il Tribunale abbia accertato che la Banca per 5 anni (dall’1 ottobre del 1999 al 30 settembre 2004) abbia praticato «usura» nei confronti dell'imprenditore. Da ciò anche il riconoscimento degli interessi legali per quel periodo».

«Altro particolare rilevante», sottolinea ancora Baccile, «è che nel corso di causa la Banca aveva offerto poco meno di 100.000 Euro all’imprenditore, per indurlo a desistere dalla lite».

Con una sua accurata relazione tecnica Baccile ha però dimostrato l’incongruenza dell’offerta, consigliando di non accettare e di proseguire.

«Importantissime», dicono ancora con soddisfazione dallo sportello Sos Utenti, «le ragioni che hanno determinato la condanna della Banca: è stata sentenziata la nullità dei contratti stipulati e delle condizioni pattuite perché sovrastate dalle condizioni “uso piazza”»

10/09/2010 9.54

sabato 11 dicembre 2010

Salta in aria il Banco Emiliano Romagnolo

Salta in aria il Banco Emiliano Romagnolo

Segnaliamo che con provvedimento della Banca d'Italia il 6 DICEMBRE 2010 è stata bloccata l'operatività del BANCO EMILIANO ROMAGNOLO.
Come da previsioni, nessun organo di stampa nazionale (tutti controllati direttamente o indirettamente da istituti di credito) ha dato risalto alla notizia.
Sono stati bloccati TUTTI I CONTI CORRENTI DELLA CLIENTELA (RID, tasse F24, bollette, pagamenti a fornitori etc etc) ED I RISPARMI DEI PRIVATI.
La sorpresa dei clienti è stata grande:
La Banca d'Italia ha bloccato tutti gli strumenti finanziari dei clienti, non solo quelli dove l'emittente sia lo stesso BANCO EMILIANO ROMAGNOLO, ma anche TITOLI DI STATO, AZIONI E DERIVATI.
Al momento, nessun cliente ha la possibilità di poter gestire i propri risparmi privati o amministrare le attività aziendali.

Ron Paul really might 'End the Fed'

With the right questions now, Paul really might 'End the Fed'

Section:

But first, get that man a few bodyguards.

* * *

Ron Paul, Author of 'End the Fed,' to Lead Panel Overseeing Central Bank

By Phil Mattingly
Bloomberg News
Thursday, December 9, 2010

http://www.bloomberg.com/news/2010-12-09/ron-paul-author-of-end-the-fed-...

WASHINGTON -- Rep. Ron Paul, Texas Republican and author of "End the Fed," will take control of the House subcommittee that oversees the Federal Reserve.

House Financial Services Chairman-elect Spencer Bachus, an Alabama Republican, selected Paul, 75, to lead the panel's domestic monetary policy subcommittee when their party takes the House majority next month, the committee chairman said today.

"This is the leadership team that crafted the first comprehensive financial reform bill to put an end to the bailouts, wind down the taxpayer funding of Fannie Mae and Freddie Mac, and enforce a strong audit of the Federal Reserve," Bachus said in a statement.

Paul, in an interview last week, said he plans a slate of hearings on U.S. monetary policy and will restart his push for a full audit of the Fed's functions.

"We are ready to hit the ground running, and I look forward to continuing our work in the next Congress," Bachus said.

Paul, who has introduced legislation to abolish the Fed, became nationally known during his 2008 presidential campaign. His campaign to audit the Fed picked up steam as the central bank deployed trillions of dollars in emergency loans in the midst of the worst financial crisis since the Great Depression. Paul's bill gained the support of 320 of 435 members of the House and a portion of the measure ended up in the Dodd-Frank financial regulatory overhaul enacted this year.

Paul's assignment comes as the Republican Party has stepped up attacks on Fed Chairman Ben S. Bernanke and the central bank in the wake of the Nov. 3 announcement that it would buy bonds in an attempt to bring down unemployment and prevent inflation.

"Congress must act to rein in Chairman Bernanke and the Fed before they destroy our currency and permanently damage our economy and financial system," Sen. Jim Bunning, a Kentucky Republican, said in his farewell speech on the Senate floor today. "Public awareness of what the Fed is doing is increasing while public opinion of the Fed is falling."

Bunning's views are reflected throughout the country, according to a Bloomberg National Poll that reveals deep skepticism about the Fed.

Americans across the political spectrum say the central bank shouldn't retain its current structure or independence, according to the poll. Asked if the central bank should be more accountable to Congress, left independent, or abolished entirely, 39 percent said it should be held more accountable and 16 percent that it should be abolished. Thirty-seven percent favor the status quo.

Paul, who has been passed up twice before for the subcommittee chairmanship, may cause a problem for Republicans who have traditionally defended the central bank, Rep. Barney Frank, the outgoing chairman of the Financial Services Committee, said today in a Bloomberg Television interview.

"I think you're going to see a significant dispute within the Republican Party," said Frank, who was re-appointed by his party as the senior Democrat on the committee. "I do not believe that Ron Paul's views on the Fed represent the views of most Republicans."

Bachus will keep the senior Republicans on the panel in leadership positions. Rep. Jeb Hensarling of Texas will take over as the panel's vice chairman, replacing fellow Texas Rep. Randy Neugebauer, who moves over to lead the oversight and investigations subcommittee.

Rep. Scott Garrett of New Jersey will become chairman of the capital markets panel, which would oversee any work done on government-owned mortgage companies Fannie Mae and Freddie Mac. Reps. Shelley Moore Capito of West Virginia and Judy Biggert of Illinois will take over the financial institutions and housing subcommittees, respectively. Rep. Gary Miller of California will take over as chairman of the international monetary policy panel.

Neurolandia

Neurolandia
di Eugenio Benetazzo - 10/12/2010

Fonte: Eugenio Benetazzo


Sono pazzi questi europei: non ci sono più tante giustificazioni a cui aggrapparsi, ormai l’Europa è fallita platealmente, sepolta dal peso insostenibile dei suoi debiti sovrani. La colpa dovrebbe essere tutta addossata ai germanesi, una popolazione che si è sempre contraddistinta in passato per una spiccata etica ed efficienza sul lavoro, quella che purtroppo sembra essere mancata alla stesura embrionale dell’Europa unita concepita oltre dieci anni fa. Non si possono lasciare fallire paesi come Grecia, Portogallo ed Irlanda in quanto i principali detentori dei titoli di stato di questi paesi sono proprio banche e fondi pensione della nazione germanese. Le comunità finanziarie non guardano ad altro, le scommesse su quanto potrà ancora durare questa farsa sono i temi principali dei grandi opertaori di borsa.

Quando allora si inizierà a parlare di fallimento della moneta unica ?

Che futuro può avere un’unione forzata di stati (accomunati dal nulla) il cui delicato equilibrio si basa sulla detenzione del debito dei paesi periferici (leggasi più deboli) da parte dei paesi cosidetti virtuosi (Germania, Francia & Company) ? L’euro tecnicamente è già una moneta fallimentare: non si può obbligare ad usare una divisa troppo forte a paesi che hanno un economia debole (per questa ragione stanno saltando tutti i PIGS). Che senso ha una politica monetaria accentrata per tutti gli stati europei a fronte di oltre una dozzina di tassi di interesse diversi ? Pensateci un momento: quello di cui avevamo veramente bisogno erano questi famigerati Euro Bond ovvero obbligazioni comunitarie emesse dalla BCE ad un unico tasso di interesse, il ricavato del quale sarebbe andato a finanziare i rispettivi paesi, i quali invece devono andare ciascuno singolarmente sul mercato proponendo tassi di interesse il più allettanti possibile.

Sono stati proprio i germanesi di recente che hanno posto il veto agli Euro Bond aprendo nuovamente le scommesse su quanto potrà reggere ancora l’Europa così come la conosciamo. Persino Zingales adesso parla della spaccatura valutaria dell’euro (quando invece ne parlavo io nel 2008 tutti mi davano del catastrofista finanziario). Studiare un sistema economico non è poi così difficile, ogni sistema reagisce agli stimoli esterni come un organismo vivente: pertanto ad ogni azione corrisponde un azione uguale e contraria. Le conseguenze dalla sua introduzione non hanno tardato ad arrivare. L’euro ha limitato la crescita e danneggiato la competività di alcuni paesi europei (Italia, Spagna, Grecia, Portogallo, Irlanda e Grecia) che avevano intensi e prosperosi rapporti con l’estero al di fuori dei confini europei (pensiamo oltre all’export manifatturiero anche tutto l’indotto turistico).

Le divise rappresentano delle valvole di sfogo per ogni paese nei momenti di tensione economica: pretendere di assoggetare una dozzina di stati al dictat egemonico dei germanesi è stata una manovra da ricovero psichiatrico. L’euro ha consentito infatti ai precedenti governi dei paesi PIGS di attuare poltiche di bilancio che producessero costanti defit annui (tanto il costo del rifinanziamento era molto contenuto), il quale si è poi riflesso sulla massa totale del debito pregresso. Nelle epoche precedenti paesi come l’Italia hanno superato momenti di contrazione economica proprio grazie alla svalutazione, quello che invece impedisce oggi la moneta unica. Senza euro avremmo avuto i tassi di interesse molto più alti e questo avrebbe obbligato la nostra classe politica a intraprendere manovre di risanamento dei conti pubblici per contenere l’onere degli interessi sul debito pubblico.

Senza l’euro non avremmo avuto la bolla immobiliare alimentata dai mutui farlocco ad intervento integrale. Senza l’euro avremmo avuto maggiore sicurezza e solidità per le nostre banche. Adesso di sicurezza ne rimane veramente poca, addirittura se parafrasiamo la stessa Merkel ci dovremmo aspettare almeno il default parziale su una parte di emissioni dei titoli di stato anche di paesi virtuosi: la classifica soluzione a colpo di spugna. Di certo non è più consigliabile detenere debiti di stato al momento, siano essi BUND oppure OAT. Se il tutto verrà salvato, grazie magari ad una superpatrimoniale, preparatevi perché in ogni caso perderete denaro, anche detenendo il vostro caro ed amato «pagherò nazionale» infatti nell’ipotesi più accreditata faranno partire una inflazione a due cifre per ridimensionare in qualche anno i debiti degli stati. La Fed insegna. Mala tempora currunt, sed peiora parantur.

Tante altre notizie su www.ariannaeditrice.it

Eugenio Benetazzo, David Parenzo,
Salvano le banche, fanno fallire gli Stati: che ne sarà dei nostri risparmi?
Pagine 110 - Formato 13x18
Prezzo € 10,20 (invece di 12,00)

Ci avevano detto che il terremoto finanziario che aveva messo in ginocchio il mondo intero era ormai un ricordo e che era giunto il momento di guardare al futuro con ottimismo. Ma dalla primavera del 2010, dopo il crollo...

venerdì 10 dicembre 2010

Eredità oscure della Destra Illuminata

Eredità oscure della Destra Illuminata



di: Ugo Gaudenzi, Rinascita, 09 Dicembre 2010

Chissà se i seguaci della disciolta An, quelli di Fini o quelli dei colonnelli rimasti nel Pdl, lo ricordano...
Un sabato del 1995, per l’esattezza l’11 febbraio, il Corriere della sera pubblicava un trafiletto in due colonne titolato: “Proposta di legge An: La moneta al popolo”.
L’organo del liberistume filo-atlantico vi descriveva con una certa spocchiosità e con un po’ di satira a basso costo il disegno di legge sulla “proprietà popolare della moneta” appena presentato il giorno prima da sedici parlamentari dalla quasi neonata Alleanza Nazionale.
Secondo i parlamentari di An - vi si leggeva - “il popolo è come la pecora che non sa di produrre lana”. L’uomo, aggiungevano i relatori del ddl, “non si accorge di creare valori monetari e, come il pastore tosa la lana, le banche centrali tosano il gregge umano della sua lana monetaria”.  E ricordavano che la moneta non è altro che la misura del valore creato dal popolo, al quale dovrebbe esserne attribuita dunque la titolarità. Ogni volta che la Banca d’Italia emette moneta, questa dovrebbe essere accreditata allo Stato e su questa attività i cittadini dovrebbero percepire un reddito di cittadinanza. A occhio e croce, secondo i firmatari del disegno di legge, fan cinque milioni di lire l’anno a testa.
Tali sacrosanti principii venivano più o meno commentati dall’illustre articolista anonimo come le seguenti frasi: “Dall’esproprio a opera della Banca d’Italia all’esproprio proletario”; “Al popolo, al popolo: la moneta deve tornare a chi ne è effettivamente titolare; “un pamphlet situazionista (anarchico) o “il sommario di un bollettino delle Brigate rosse”.
A memoria ricordiamo che gli autori di quel disegno di legge - finito com’è ovvio nei faldoni delle norme mai discusse e mai emanate dal nostro cosiddetto “potere legislativo” - erano dei parlamentari exMsi guidati (si fa per dire) da Antonio Parlato. Questi, con l’occasione del nuovo corso politico nazionale - quella che chiamavano “seconda repubblica”, oggi risultata assai peggio della prima - avevano ritenuto corretto riprendere il frutto di una battaglia ventennale di un docente di Diritto, Giacinto Auriti, ora scomparso, che aveva dedicato gran parte della sua attività all’analisi storica, economica e sociale sulla proprietà della moneta dalla nascita della Banca d’Inghilterra - e degli Lloyds - ai nostri tempi.
Il professor Auriti aveva così scoperto che gradualmente agli inizi, con forti accelerazioni poi, la moneta - emessa quale controvalore di scambio delle produzioni, delle braccia e della mente, dell’uomo (e quindi strumento di base economico e sociale di una qualunque istituzione statale o comunque collettiva, comunitaria) - era stata sottratta dalla proprietà di tutti ed era diventata una banconota, una sorta di cambiale, che le banche centrali prestavano ai legittimi proprietari, i cittadini, lucrandoci un interesse pazzesco, chiamato “tasso di sconto”.
Un interesse usuraio (al cui riguardo l’unico lavoro della Banca d’Italia - e oggi della Bce - ad esempio è quello di emettere (stampare e distribuire alle banche) dei fogli di carta chiamati banconote). Un interesse che da solo, quantomeno, azzererebbe tutto il deficit pubblico nazionale, quello per cui dai primi Anni Novanta ad oggi siamo tutti soggetti alle cure da cavallo lacrime e sangue, distruzione dello stato sociale e del lavoro incluse.
Ohps. C’è qualcuno che discetta, in queste ore, sulla bontà della linea “laica e moderna” anti-Cavaliere dei finioti.
Mettiamoli alla prova. Approvino quell’antico ddl.

What Happens When Currencies Go Bust?

What Happens When Currencies Go Bust?

leadimage

12/07/10 Tampa, Florida – I was telling the doctor that I distinctly heard a popping sound inside my head when I saw that the foul Federal Reserve had created, last week alone, another $24.2 billion in Fed Credit, which was instantly turned into money when the Fed bought $24.2 billion of US government securities, and all in One Freaking Week (OFW)! It made a kind of “sizzling” sound.

Furthermore, a tortured howl of outrage boils up inside me (which tastes surprisingly like stale beer and pepperoni pizza) at the Sheer Inflationary Horror (SIH) of this creation of $24.2 billion in new money in One Freaking Week (OFW)!!

The doctor dismissed my complaint, but billed me anyway, although you can obviously see the seriousness of it by the use of two exclamation points, and by the use of another one at the end of this sentence used to explain the significance of the prior exclamation points! It’s self-proving! Proving!

Perhaps you are saying to yourself, “This seems to be important, as indicated by the sudden plethora of exclamation points, but for reasons which are not clear. Why am I wasting my time with this Stupid Mogambo Crap (SMC) anyway?”

If you are, indeed, asking yourself such a question, then lean forward and look deep, deep, deep into my bloodshot-yet-limpid blue eyes to see my Utter, Utter, Utter Sincerity (UUUS) when I tell you that “When the supply of money goes up, prices soon go up.”

And since prices going up is just another way of saying that a currency is doomed, a reader, Chet, wrote to Casey Research and said, “I fear that the dollar is doomed as are other fiat currencies, and time is getting short. So the question that came to mind is, what happens if one is invested in metal stocks or any vehicle that is denominated in a fiat currency, and that currency goes bust, blotto?”

As a guy who has been both bust and blotto many, many times, often at the same time, I deem myself somewhat of an expert on the topics, and so, without waiting for either David or Terry to give their response, I jumped up and replied, “What happens is that the price of everything adjusts according to supply and demand, just like everything else in the whole freaking world always does all the time, you moron!”

Chet apparently did not like my unsolicited response, and continued as if I had not just explained it, “What value does that investment retain? Does it become a total loss? Redefined into the currency of the locality that operations are in? Converted into some other New World Order monetary unit, SDR’s or nationalization of any regional assets by the locals? Is this impossible to plan for?”

Growing more frustrated by the minute, again I interrupt and politely say, “What in the hell is wrong with you, ya dimwit? The price, in the local currency, of everything will adjust. If bread is $2 a loaf, gasoline is $3 a gallon and gold is at $1,400 an ounce, will you better off if bread is $40 a loaf, gasoline is $60 a gallon and your gold is selling at $28,000 an ounce, assuming that prices adjust perfectly in proportion to the loss of buying power of the dollar due to over-issuance?”

Suddenly, I realized that the reason that Chet was ignoring me was that I was reading it on the computer, and people are looking at me while I am yelling at my computer screen, “Chet, you’re an idiot! The answer is no; thanks to gold, your financial situation will be exactly the same in terms of loaves of bread and gallons of gasoline!”

Embarrassed, I sat back down and pretended nothing happened, so that after a few minutes, everyone went back to work. I pretended to go back to work, too, but secretly I was thinking to myself, “While he will be unchanged, those who do not own gold, silver and oil will be worse off, even if temporarily offset by still having $1,400 in cash instead of an ounce of gold, and who will, in turn, be better off than the vast, overwhelming majority of the population who will be the worst off, as they do not have gold, nor silver, nor oil, and this is to say nothing of them not having $1,400 in cash!”

Unfortunately, these poor people still have to somehow pay $40 for a loaf of bread and $60 for a gallon of gasoline. Welcome to the wonderful world of inflation! Hahaha!

And the reason that you should be buying gold, silver and oil against the onslaught of the Federal Reserve and the federal government against the value of the dollar will become very clear, very soon.

In the meantime, rest your pretty head, my darling Junior Mogambo Ranger (JMR), as all you need to do is buy gold, silver and oil at your leisure, which is so easy that you, too, will happily exclaim, “Whee! This investing stuff is easy!”

The Mogambo Guru
for The Daily Reckoning

Fed's Bernanke should be criminally charged

Jim Kouri

Fed's Bernanke should be criminally charged, says watchdog

Examiner.com, December 10th, 2010

"Today, the entire Western financial world holds its breath every time the Fed chairman [Ben Bernanke] speaks, so influential are the central bank's decisions on markets, interest rates and the economy in general. Yet the Fed, supposedly created to smooth out business cycles and prevent disruptive economic downswings like the Great Depression, has actually done the opposite." - Glenn Beck

While there is an abundant amount of news coverage regarding the activities of Wikileaks' Julian Assange, with government, military, intelligence and law enforcement officials calling for his punishment for publishing classified documents, if there is one American who deserves to be charged with treason, it is Federal Reserve Chairman Ben Bernanke, according to Gerard Adams of the National Inflation Association.

Adams states that Bernanke, this past Sunday on '60 Minutes,' outright lied to the American public when he said that the Federal Reserve isn't printing money.

Less than two years earlier on the same television program, Bernanke admitted that the Federal Reserve is printing money. However, back then, nobody was questioning the Federal Reserve's actions.

"Thanks to alternative media organizations that have worked tirelessly to help expose the Federal Reserve's dangerous and destructive actions, Americans are starting to finally question the Federal Reserve and Bernanke is now clearly on the defensive," said Adams.

Bernanke's lie on '60 Minutes' that the Federal Reserve isn't printing money is similar to the lie he made under oath on June 3, 2009, when he testified in front of Congress saying, "The Federal Reserve will not monetize the debt."

Today, the Federal Reserve is monetizing the debt (as admitted by both the Kansas City and Dallas Fed Presidents). When Bernanke uses the term "quantitative easing," he is insulting the intelligence of Americans. "Quantitative easing" is nothing more than printing money, claims Adams.

Bernanke said in his interview that the purpose of the Federal Reserve's quantitative easing [my emphasis] is to keep interest rates low, but the yield on 10-year U.S. treasuries rose to a new six month high on Thursday, December 9.

"The truth is, quantitative easing is causing interest rates to rise because all of the money being printed is about to cause an outbreak of massive price inflation. The yield on the 10-year bond has risen by 38 points during the past three days alone and is now up to 3.26%. NIA continues to believe that interest rates have seen their lows and yields on the 10-year bond will likely rise above 4% in the first half of 2011," said Adams.

When the 10-year bond yield rises to above 4%, instead of Bernanke admitting that he lied to the American public and his money printing actually caused interest rates to rise, Bernanke will likely claim that his "quantitative easing" just wasn't large enough. Bernanke will use rising interest rates as an excuse to expand the size of QE2 and/or possibly launch QE3. Remember, every 1% rise in interest rates means an extra $100 billion that will need to be spent each year on interest payments on our national debt. Rising interest payments on our national debt can only be paid by Bernanke printing even more money, according to an NIA analysis.

Bernanke promises that he won't let price inflation in the U.S. rise above 2%, but all Americans who live in the real world realize that price inflation is already well above 2%. Whether it be food, gas, heat, clothes, healthcare, college tuition, entertainment, or just about anything else, prices have risen over the past twelve months for just about all goods and services in America by a lot more than 2%.

"How is Bernanke, the Fed and Obama's economic team covering up this increased inflation? They've removed food, energy and gasoline from the list of items indexed in government analyses of inflation," said political strategist Mike Baker.

"Bernanke and Obama tell Americans there's no inflation, but ask anyone who shops for food at the supermarket or pays the home heating bills," Baker said.

It is a real shame that absolutely nobody in the mainstream media has acknowledged this fact and called Bernanke out on it. Bernanke deserves to be impeached for his previous acts of perjury and for blatantly ignoring the price inflation that exists all around us.

"Unfortunately, the news media are either ignorant of this government scam or it is beyond their understanding. Either way, Americans are being kept in the dark except for a few financial reporters and commentators," adds Baker.

"Bernanke is currently leading a misinformation campaign that will prevent the majority of Americans from preparing for and surviving U.S. hyperinflation. Bernanke's misinformation campaign is similar to what took place in Weimar Germany in the 1920s when they experienced hyperinflation. In Weimar Germany, the misinformed public always focused on rising prices, but never understood that prices were rising because the German mark was losing its purchasing power," NIA's Adams said Thursday.

The Germans believed that there was a shortage of marks and it was therefore necessary to print as many marks as possible. Germans placed all of the blame for their crisis on the symptoms of inflation. They blamed greedy tourists, selfish industrialists and profiteers, the wage demands of laborers, speculators in Germany who were buying foreign currencies and sending their wealth out of the country, and other nations that were buying up German assets with foreign currencies. They failed to grasp that it was their government's own printing of marks and increasing the money supply that caused the inflationary disease.

"Bernanke is trying to convince the world that he can create an economic recovery through "quantitative easing" (printing money), without creating price inflation, because he claims to have the tools to unwind the Federal Reserve's massive asset purchases. He is trying to trick the world into believing that he has the ability to pinpoint an exact time in which the U.S. economy is recovering without massive price inflation, where he can exit his inflationary strategy before prices start to dramatically rise. Bernanke has no exit strategy that he can implement without sending the U.S. economy into the next Great Depression," Adams warned.

Bernanke, being a self-proclaimed scholar of the Great Depression, is not going to allow another one to occur. Bernanke didn't like the market's reaction when he allowed Lehman Brothers to fail (the only right decision he made during the whole panic of 2008). After the failure of Lehman Brothers caused the stock market to crash, Bernanke didn't allow another major U.S. bank to fail.

"NIA predicts that we will one day see Bernanke attempt to launch his exit strategy by raising the Federal Funds Rate, but as soon as the stock market begins to go south like in late-2008, Bernanke will reverse his decision and either lower the Federal Funds Rate again or leave it at artificially low levels until the U.S. dollar loses all of its purchasing power," said Adams.

One organization out there that has perhaps played the largest role in helping expose the Federal Reserve's manipulation of gold and silver prices is the Gold Anti-Trust Action Committee (GATA). NIA considers GATA's President Bill Murphy to be a hero for having the courage to expose evidence of gold and silver price manipulation at the CFTC hearing on position limits that was held on March 25th of this year.

Jim Kouri, CPP, formerly Fifth Vice-President, is currently a Board Member of the National Association of Chiefs of Police and he's a columnist for Examiner.com and New Media Alliance (thenma.org). In addition, he's a blogger for the Cheyenne, Wyoming Fox News Radio affiliate KGAB (www.kgab.com). Kouri also serves as political advisor for Emmy and Golden Globe winning actor Michael Moriarty.

He's former chief at a New York City housing project in Washington Heights nicknamed "Crack City" by reporters covering the drug war in the 1980s. In addition, he served as director of public safety at a New Jersey university and director of security for several major organizations. He's also served on the National Drug Task Force and trained police and security officers throughout the country. Kouri writes for many police and security magazines including Chief of Police, Police Times, The Narc Officer and others. He's a news writer and columnist for AmericanDaily.Com, MensNewsDaily.Com, MichNews.Com, and he's syndicated by AXcessNews.Com. Kouri appears regularly as on-air commentator for over 100 TV and radio news and talk shows including Fox News Channel, Oprah, McLaughlin Report, CNN Headline News, MTV, etc.

To subscribe to Kouri's newsletter write to COPmagazine@aol.com and write "Subscription" on the subject line.

Banca rinviata a giudizio per usura aggravata

giovedì 9 dicembre 2010

Con quella faccia da banchiere

Con quella faccia da banchiere

L’antico saggio greco scriveva: “Man mano che invecchio, vado imparando”. L’antico saggio romano scriveva: “Sbagliando, s’impara”. Io, invece, diventando vecchio vado disimparando. E, sbagliando, mi avvoltolo nei miei errori. Colpa mia? Io penso di no. E difatti..... E difatti il saggio greco e il saggio romano facevano ampio ricorso alla “meditazione” e relativo ricorso alla “lettura” e allo “ascolto”. Oggi, invece, io sono bombardato da “notizie” e da “commenti” che mi vengono forniti dai “media”. E mi nasce il crudele sospetto che i media ci siano perché tanti “prezzolati” mi confondano le idee.

Parole in libertà? Vogliamo vedere assieme? Leggo oggi un interessante articolo di Marcello Messori (1). In detto articolo si riporta l’opinione, commendandola positivamente, di Wolfang Schauble, Ministro alle Finanze della Repubblica Federale Tedesca. Dice Schauble: noi, dando vita all’EURO e alla BCE, abbiamo rinunciato alla “sovranità monetaria” dei singoli Stati, non abbiamo rinunciato alla “sovranità fiscale” dei singoli Stati. Perché, ora, vengono a proporci che i singoli Stati devono intervenire per salvare alcuni stati spendaccioni?

Discorso ineccepibile, solo che..... Solo che alcuni “statisti” (?!?) europei, tra i quali il “nostro Tremonti”, vanno proponendo di dar vita agli “EUROBOND”, per “affrontare unitariamente” le crisi finanziarie (2). A me pareva e pare un discorso contorto. E mi ero espresso. Torno a ripetere: la BCE dovrebbe stampare una certa quantità di Euro. Euro che presterebbe alle Banche. Dopodiché gli Stati europei dovrebbero farsi prestare i soldi dalle Banche per prestarli agli Stati che ne hanno bisogno.

Scusate, non vi pare che ci siano troppi passaggi? Non sarebbe più logico se la BCE comprasse i titoli degli Stati europei che ne hanno bisogno? Qualche banchiere e/o statista saggio potrebbe oppormi: “Così facendo la BCE rischierebbe i soldi che presta e l’Euro si indebolirebbe”. Ed io risponderei: “Perché gli speculatori, nel prestare soldi agli Stati in difficoltà, ci guadagnano e la BCE dovrebbe rimetterci?”. Ed ancora: “Stampare in tipografia una certa quantità di EURO e prestarli alle Banche all’1% è politica saggia e prestare i soldi agli Stati ad un interesse superiore sarebbe politica avventata?”. Oltretutto, la BCE esiste e, se come sostiene il Ministro alle Finanze tedesco, gli Stati hanno ceduto alla BCE la loro sovranità monetaria, la BCE può disporre liberamente la “quantità di Euro” da stampare e “a chi prestarli”. O queste sono solo prerogative della FED? C’è forse una qualche differenza tra la “sovranità monetaria” che la FED esercita sugli US$ e la “sovranità monetaria” che la BCE esercita sull’EURO? E, se c’è, perché questa differenza?

***

Ahimè! La differenza c’è, ma non la si può dichiarare pubblicamente. Se no, i popoli potrebbero ribellarsi. Ma su questo tornerò.

Al momento mi preme segnalare che Frau Merkel risponde “NEIN”. E Danilo Taino ci spiega il “perché del diniego”:la Merkel non è “renana” e “cattolica”, come tanti suoi predecessori, ma “prussiana” e “luterana”. Oltretutto la tedescaccia è cresciuta bevendo birra, non vino (3). Confesso, di fronte a tanto acume, sono rimasto intontito. E io, modestissimo pubblicista che scribacchia gratis, non posso che rendere omaggio ad un brillante “corrispondente estero” del “Corrierone”, pagato ad un tanto a riga. Eppure......

Eppure un dubbio mi assale. Mi spiego. E’ da una vita che vengo ripreso da tantissimi personaggi autorevoli che mi condannano per alcuni testi razzisti letti in gioventù. Di fronte alla lettura del dotto “esperto di cose germaniche del Corrierone”, pagato ad un tanto a riga, mi verrebbe da chiedere: “Esiste forse un razzismo buono ed un razzismo cattivo?”. Mah! Io, ad ogni caso, ho una mia personale opinione. E ve la sottopongo gratis. I Tedeschi hanno perso la Seconda Guerra Mondiale e, dopo la guerra, si sono visti smembrati in 2 Stati. Era giocoforza tenersi buoni i “vincitori” che chiedevano sempre soldi con motivazioni varie (chi in nome della Shoah; chi in nome del fatto che i Tedeschi erano brutti, sporchi e cattivi; chi in nome della nascente Europa). E i Tedeschi a dire “mea culpa” e a pagare. Finché un certo giorno i Tedeschi arrivarono alla sospirata unificazione. E, da allora, hanno cominciato a dire: “Niente più estorsioni monetarie”. C’è da meravigliarsi che la Frau, pur florida e in buona salute, non ami farsi strizzare le mammelle?

***

Torniamo alle differenze tra la FED e la BCE. Che possono essere ben spiegate con i “casi di casa nostra”. Ordunque, nella “prima Repubblica” c’erano i “ladroni” che, giustamente, finirono in galera. Poi subentrarono gli “uomini probi” (Amato, Ciampi, Draghi, Prodi e compagnia cantante le.... lodi del Signore). I quali uomini probi svendettero le industrie di stato a prezzi vilissimi. Tra le attività cedute alcune “banche di diritto pubblico”. Ed erano così ossessionati dalla “idea di vendere subito” da non accorgersi che, in dette banche, erano depositate le azioni della Banca d’Italia. Fu così che le azioni della Banca d’Italia finirono in mani private.

La svista era troppo grossa (si derubava il popolo di un enorme tesoro) e si provvide a correggerla con una leggina. Solo che la leggina, varata a fine 2005, non ha trovato ancora attuazione. E, dunque, il tesoro del popolo italiano, detenuto dalla banca d’Italia, è nelle mani di alcuni banchieri. E su questo ci sarebbero colpe gravissime, anche di natura penale. Solo che in giro si trovano magistrati di tutti i colori ma non si trova un “magistrato fascista”. Che volete farci? Non era il fascismo il male assoluto? Fini dixit. E allora..... Ed allora gli uomini probi non sono finiti in galera, ma godono del consenso universale.

E allora il buon Tremonti accenna a nazionalizzare le azioni della Banca d’Italia, ma Draghi si oppone. Draghi chi? Draghi, il Governatore della banca d’Italia che, evidentemente, preferisce essere amministrato dai suoi amici banchieri piuttosto che essere il “Governatore della Banca d’Italia degli Italiani”. E non venite a dirmi che Draghi è italiano. Con quella faccia, “Draghi è un banchiere”. E non fatemi dire altro.

In compenso Tremonti lancia la proposta sugli “EUROBOND” (2) e Draghi dispensa consigli al popolo sprecone (4). Roba da prenderlo a schiaffoni. Solo mi domando: Chi? Chi darà dei ceffoni a Draghi? Non Berlusconi e Tremonti, poveretti loro. Non Casini e Fini, troppo indaffarati a cercare di disarcionare Berlusconi. Per sostituirlo. Non le anime moribonde del centrosinistra, ridotti ad aggrapparsi a “Fini fascista” pur di sopravvivere.

Avete notato? Tutti strillano, tutti strepitano, tutti sproloquiano. Ma nessuno chiede: l’oro e le valute estere depositate nei forzieri della Banca d’Italia sono dei banchieri oppure degli Italiani? Lo chiedo io, ma non ottengo risposta. Perché non provate a chiederlo anche voi? Forse che noi Europei siamo preda delle banche e dei banchieri?

Antonino Amato

(1) LA RETE DI PROTEZIONE” in “Corriere della Sera” del 7 dicembre 2010, pagina 1;

(2) Eurobond e fondo salva Stati” in “Corriere della Sera” del 7 dicembre 2010, pagina 2;

(3) Da Merkel niente più concessioni al Club Med” in “Corriere della Sera” del 7 dicembre 2010, pagina 2;

(4) L’Euro non è in discussione” in “Corriere della Sera” del 7 dicembre 2010, pagina 3.