martedì 7 settembre 2010

The Stunning New Global Regulations

The Stunning New Global Regulations that Will Put More Money in the Hands of Governments and the Power Elite

Governments like to operate deep in complex technical details, when they are up to really no good. Few in the general public understand or pay attention to complex technical details of obscure regulatory moves, though those moves can be highly damaging for a country's citizens.

In Basel, Switzerland, global banking capital regulations, known as the Basel III rules, are in the process of being finalized. The rules are nothing but a stunning move by governments and the elite to direct money flows in their direction. When implemented, it will, over time, result in a lower standard of living on a global level for nearly all and greater separation between the super-wealthy tied in with global governments, and the rest of us.

The committee drafting the new Basel III rules will meet in Switzerland on Tuesday. A final set of rules is expected to be agreed on September 12. The leaders of the Group of 20 nations are expected to then endorse the rules when they meet in November.

I have regularly warned that banking capital requirements are a means by which governments can force banks into holding certain securities at the expense of other investments. Thus, those favored by capital requirements squeeze out other investments that banks would make on their own.

The stunning manner in which Basel III will force banks to make "investments" in government and elite favored organizations is like nothing ever seen before. Indeed, incredibly, ranked as top tier investments that banks will be forced into buying will be sovereign debt that is on the edge of collapse and the edgy paper of Fannie Mae and Freddie Mac!

CNBC's John Carney has the stunning news:

A little noticed change in the proposed rules...could throw a monkey wrench into plans to reform Fannie and Freddie, the two mortgage giants that have spent the last two years on government life-support. So far, U.S. taxpayers have been forced to pony up around $150 billion for Fannie and Freddie, and the Congressional Budget Office says that the total cost could amount to three times that much...

Policy makers who hoped to eventually remove the costly government subsidies and guarantees for Fannie and Freddie will run into a stumbling block, however, if the Basel III rules are implemented. That’s because Basel III includes a liquidity requirement for banks that will encourage them to buy the debt of the Fannie and Freddie as well as the mortgage-backed securities they back...

Right from the start, the way the Basel Committee defined “high-quality liquid assets” was problematic. It included cash and central bank reserves, relatively non-controversial highly liquid assets. But it also included sovereign debt, a move that would inevitably encourage banks to hold more sovereign debt than they otherwise would. This is problematic for two reasons—it created an implicit subsidy for spend-thrift governments and it created the danger of over-exposing banks to sovereign defaults.

Recent amendments to the Bear Stearns Rule have extended this subsidy to Fannie and Freddie. The Basel Committee decided to include the debt of “Government Sponsored Entitites”—bureaucratic code for Fannie and Freddie—in the definition of “high quality liquid assets.” What’s more, it also included mortgage-backed securities guaranteed by Fannie and Freddie in the definition.

Up to 40% of a bank’s liquidity reserve can be made up of GSE obligations, under the rules likely to be approved in the next few weeks. And while it is true that these obligations get a 15% haircut under the rules because they are considered “Level 2” liquidity assets, compared with the cash, central bank reserves and sovereign debt that will now be considered Level 1 assets.

This creates a huge subsidy for Fannie and Freddie. Banks will load up on GSE obligations, especially in an era where central bank reserves and Treasury bond yields are being depressed by policy-makers seeking to keep sputtering economies afloat. This artificial demand will scramble market signals about the risk taken on by Fannie and Freddie—all but ensuring that Fannie and Freddie will once again unwittingly take on more risk than they can handle. In short, the very same toxic situation created by the once implicit government subsidy of Fannie and Freddie is being baked right into Basel III.

Perhaps even more troubling, this will create a vicious cycle that will make reform of Fannie and Freddie next to impossible. Once banks have loaded up on Fannie and Freddie obligations, there will be no way for the U.S. government to remove government guarantees without triggering a liquidity crisis in banks around the world.
Bottom line: The highly technical Basel III rules are all about driving bank money, on a global scale, away from making what banks would consider prudent investments and forcing them into investments into often highly questionable paper such as sovereign debt and Fannie and Freddie paper.

This on the one hand creates huge moral hazard since the banks know that they can buy this paper without fear of default, since with the Basel III rules stuffing this paper in banks globally, they know that this creates huge systemic risk and that, thus, governments will always protect this paper from default. Any such bail out would, of course, result in significant new inflation on a global scale.

Outside of various forms of government paper, the only other paper with a high ranking under Basel III rules will be certain non-financial large corporation debt. This will, of course, drive bankers to buy this debt, also over other investments. Thus making the interest rates cheaper for these corporations and creating a competitive advantage over other corporations who will not be able to get this favored interest rate, and will also crowd out other debt seekers.

Bottom line: The Basel III rules which are about to be approved by the Group of 20, in November, and will be trumpeted by governments and mainstream media as a major step toward global protection of the banking system from the type of financial crisis we just experienced, is nothing of the kind. It is nothing but a huge power grab directing money to governments and the elite. Further, since it drives banks to buy extremely risky debt, it will result in making the global banking system more unstable, and set the stage for a huge global inflation, when governments will be forced to bail out these bad investments by printing more money.

La grande mistificazione della rendita di posizione

La grande mistificazione della rendita di posizione
di Claudio Giudici - 07/09/2010

“E' ben noto, dalla letteratura sull'oligopolio che la spregiudicatezza è uno dei tratti caratteristici delle strategie e
tattiche che vi si adottano. In modo analogo, l'accentuazione in senso pessimistico di una situazione che ovviamente non sia brillante ma nemmeno catastrofica, può essere una strategia efficace per modificare l'esistente ordine delle cose, allorché si faccia avanti 'un nuovo pretendente che reclama una fetta di potere'”.
Federico Caffè, settembre 1972

Parlare di rendita di posizione, così com'è nell'accezione oramai diffusasi, è un inganno.

La dottrina economica ne parla originariamente in relazione alla rendita fondiaria per sottolineare il vantaggio reddituale che un'area ha sulle altre. Successivamente essa è divenuta il sovraprofitto ottenuto grazie alla non perfetta concorrenza nel mercato. Ma le idee di libero mercato e di concorrenza perfetta non hanno a che fare con la realtà delle cose umane. Diversamente, esse sono funzionali a combattere deboli operatori economici, a tutto vantaggio di operatori più forti.

Oggi, non sentiamo mai parlare di libero mercato in merito al settore bancario o a quello petrolifero, controllati a livello mondiale da ristrettissimi oligopoli. Il mercato turistico globale è in mano ad un solo grande operatore. In Italia il settore bancario è controllato da due operatori; la distribuzione commerciale (liberalizzata a fine anni '90) è già oggetto di oligopolio, mentre il sistema infrastrutturale – aeroporti, stazioni ferroviarie, autostrade, che sono monopoli naturali – è controllato da pochissimi operatori.

Il paradosso, è che queste situazioni di controllo del mercato – che però i corrotti apologeti delle liberalizzazioni mai denunciano – sono il frutto di un precedente processo di liberalizzazione, dove si è messo sotto accusa un sistema di mercato diffuso tra piccoli operatori (paradigmatico, appunto, il caso della liberalizzazione del commercio in Italia, attraverso il primo decreto Bersani) o concentrato nella mano pubblica.

Ciò a cui dobbiamo guardare, è se una rivendicazione sia o meno funzionale al raggiungimento di un più elevato livello di bene comune. A quest'ultimo, infatti, dobbiamo mirare, e non al libero mercato integralisticamente inteso, che lungi dall'essere un presupposto del bene comune, ne è storicamente (e per la Costituzione italiana) un suo nemico. Il “libero” mercato, rimesso alla mano invisibile del mercato – come vorrebbe la teoria liberista – , è nella realtà un mercato controllato dagli operatori finanziari più forti. Il mercato deve essere ben regolamentato, così come si mira a regolamentare qualsiasi umana espressione, per il raggiungimento dei fini che gli sono propri.

Allora, all'idea di “libero mercato” si deve contrapporre quella di “giusto mercato”.

All'indomani dell'approvazione in Consiglio dei Ministri della seconda lenzuolata Bersani (2006), dopo quella del 1998, l'allora Ministro alle infrastrutture Antonio di Pietro[1] affermò: “Quando una rendita di posizione è messa in discussione è ovvio che le categorie interessate, penso ad esempio ai tassisti, alle farmacie e ai notai, si sentano in qualche modo defraudate di un diritto. Ma il libero mercato non è fatto di rendite e un governo ha l’obbligo di tutelare la pluralità dei cittadini, non una singola categoria.”

Esatto, il Governo ha l'obbligo di tutelare la pluralità dei cittadini e non una singola categoria, né tanto meno combattere quella singola categoria per consentire agli amici di farsene un sol boccone![2]

Il ragionamento di Di Pietro parrebbe non fare una piega. Eppure, se andiamo a guardare come operò il d. lgs. 214/1998, più comunemente conosciuto come primo decreto Bersani, ciò che ad una prima lettura appare come prezioso oro, risulterà ben presto del misero ottone.

Il primo decreto Bersani aveva in scopo, nelle intenzioni dichiarate dal legislatore e da molti opinion makers (politici, economisti, giornalisti, ecc.), una maggiore diffusione dei prodotti sul territorio, di modo da consentire all'anziana signora di trovare sotto casa l'ortolano, piuttosto che il negozio di scarpe (questa era la toccante storiella raccontata con più frequenza). Così, venne meno l'obbligo del rispetto delle distanze tra un esercizio economico ed uno di pari settore merceologico (venne meno anche la regolamentazione tra settori merceologici), e si aprì la porta alle grosse catene commerciali che poterono collocarsi in prossimità di quelli che, con nome esotico, oggi vengono chiamati “centri commerciali naturali”. Il risultato del processo avviato, è stato diametralmente opposto a quello auspicato dal legislatore e dagli opinion makers: la forte capacità finanziaria dei grossi gruppi commerciali ha sbaragliato la concorrenza, portando così alla moria dei piccoli esercizi commerciali (nel frattempo trasformati in mono e bilocali che hanno pasturato nel grande mare della speculazione immobiliare), fino ad arrivare ad un mercato controllato per oltre il 70%, da un ristretto oligopolio. Così, adesso, l'anziana signora non ha più né a pochi passi, né tanto meno sotto casa, l'ortolano o il calzolaio … ma di Bersani che abbiano interesse a ricordarsene è difficile trovarne!

Non è un caso, per esempio, che la rivista della Coop, l'Informatore, del dicembre 2000, riportasse: “La rendita di posizione del negozietto a prezzi stratosferici [sic!] non può essere difesa a scapito della pensionata sociale, dell'operaio che deve fare i conti col salario”[3]. I “prezzi stratosferici” del negozietto … la pensionata e l'operaio che trovano rifugio nella Coop (da guinness dei primati, che da lì a poco sarebbe stata aperta a Le Piagge di Firenze …).

Ma dobbiamo trovare dei validi riferimenti, per capire se parlare di rendita di posizione sia strumentale a qualche disegno oligarchico, oppure meritevole in sé stesso.

Nei Discorsi sulla prima deca di Tito Livio, Niccolò Machiavelli afferma:

“ … quelle repubbliche dove si è mantenuto il vivere politico ed incorrotto, non sopportono che alcuno loro cittadino né sia né viva a uso di gentiluomo, anzi mantengono intra loro una pari equalità, ed a quelli signori e gentiluomini che sono in quella provincia sono inimicissimi, e se per caso alcuni pervengono loro nelle mani, come principii di corruttele e cagione d'ogni scandolo, gli ammazzono. E per chiarire questo nome di gentiluomini quale e' sia, dico che gentiluomini sono chiamati quelli che oziosi vivono delle rendite delle loro possessioni abbondantemente, sanza avere cura alcuna o di coltivazione o di altra necessaria fatica a vivere. Questi tali sono perniziosi in ogni republica ed in ogni provincia; ma più perniziosi sono quelli che oltre alle predette fortune comandano a castella, ed hanno sudditi che ubbidiscono a loro.”

Dunque per Machiavelli la rendita è un fenomeno dove la redditività è svincolata dal lavoro. Si tratta allora di un fenomeno tipico dei grossi gruppi societari, ma più in generale della rendita immobiliare e di quella finanziaria (tutti fenomeni che, durante gli anni '90. mentre si invocavano le liberalizzazioni come strumento di democrazia, venivano avvantaggiati da legislazioni di favore).

Il paradosso è che oggi, come fa Di Pietro con l'affermazione di cui sopra, si parla di rendita in merito a soggetti che vedono derivare la propria redditività economica dal lavoro: tassisti, farmacisti, liberi professionisti, ambulanti. Fra l'altro, lo stesso accostamento dell'una con l'altra categoria di lavoratori appare ridicolo, ma comunque legato dall'aspetto per cui si tratta di mercati regolamentati – proprio come nelle intenzioni del Costituente – e non rimessi all'arbitrio ed alle voglie del mercato. Ed invece, di questa fantomatica rendita di posizione, non se ne sente parlare in merito a quei settori che paradossalmente sono oggi strutturati come monopolio od oligopolio (cosa che non vale per tassisti, farmacisti, liberi professionisti, o il piccolo commercio, dove ogni operatore rappresenta sé stesso e controlla solo il suo lavoro e non l'intero settore), conseguentemente a quei processi di liberalizzazione e privatizzazione che avrebbero dovuto portare a maggiore concorrenza. Si pensi agli aeroporti, alle stazioni ed alle autostrade, messi in mano a singoli operatori che per forza di cose monopolizzano intere aree (non può verosimilmente esserci nella medesima città un numero tale di aeroporti, da potersi parlare di concorrenza) sfruttando – paradosso per paradosso – infrastrutture create nei decenni grazie ai contributi dei cittadini. Sarà possibile a chiunque rilevare come una bottiglietta d'acqua da 75 ml costi 2 euro all'Aeroporto di Firenze, ed una da 50 ml costi 1 euro e 10 centesimi alla stazione di Santa Maria Novella, ecc. ecc. Tutte realtà di monopolio naturale controllate oggi da privati, dove, vista la mancanza di alternative per l'utenza, i prezzi di vendita dovrebbero essere controllati e non spiccare per l'eccessiva onerosità. Oppure ancora, come i bagni presso queste infrastrutture, invece che essere civile strumento per la soddisfazione di esigenze primarie, siano fonte di ricavo (1 euro alla stazione di Napoli!). Oppure ancora, come manchino le sale d'aspetto (perchè non remunerative …). Un panino prodotto in serie, ai privatizzati Autrogrill delle privatizzate Autostrade, può arrivare a costare 4 euro; un prezzo che si può pagare alla gastronomia dietro Piazza della Signoria per un panino di qualità fatto sul momento. Per l'Informatore della Coop, e per gli apologeti delle liberalizzazioni – in quest'ultimo caso, dovevasi parlare di “prezzi stratosferici del negozietto che gode della rendita di posizione”.

Ma al supermercato, presso la grande catena commerciale, un apparente risparmio lo si ha. Va considerata la abituale pratica di maneggiare al ribasso la qualità dei prodotti (si pensi a quelli cerealicoli, per i rialzi subiti dalla materia prima conseguentemente alle speculazioni della finanza internazionale con le linee di credito concesse dal settore pubblico – !!! – : la pasta in particolare, per la quale, per mantenerne costante il prezzo di vendita, si cambia produttore, passando a quello di minor pregio) oppure, a contrari, si pensi alla maturata “nobile” sensibilità di vendere sacchetti biodegradabili (la cui capacità di sfondarsi è stata sperimentata da ogni consumatore), portandoli da 0,03 euro a 0,05 euro l'uno (un aumento di circa il 70% giustificato da sensibili istanze ambientaliste). Tuttavia, questo risparmio, ai fini di una complessiva politica economica nazionale è un qualcosa di apparente ed in ultima analisi, di anti-economico. Infatti, non siamo di fronte ad alcun risparmio, ma ad un vero e proprio processo redistributivo al contrario, ossia in favore degli operatori finanziariamente più forti. Infatti, il negozietto che vende generi alimentari, è solitamente una ditta individuale con un dipendente a cui riconoscere un trattamento economico tradizionale, con tanto di contributi, che un domani, da pensionato, potrà mantenere un certo tenore di vita (e dunque a sua volta essere un buon acquirente – o consumatore). Diversamente, presso il grosso gruppo commerciale, grazie alla liberalizzazione del mercato del lavoro operata tra la fine degli anni '90 ed i primi del 2000, il lavoratore dipendente avrà un trattamento economico ridotto, con contributi, versati dal datore, più esigui rispetto al passato. Questo lavoratore sarà a sua volta consumatore presso qualche altro grosso gruppo che vende a “buon mercato” od altro operatore, ma lo sarà con capacità d'acquisto ridotte, proprio perchè lui stesso è uno dei motivi determinanti (insieme a quello fiscale) per cui il gruppo di cui è dipendente riesce a vendere a prezzi ridotti rispetto al negozietto.

L'altro motivo determinante per cui il grosso gruppo, in potenza, può tenere più bassi i prezzi di vendita, è quello fiscale. Il moderno sistema fiscale, differentemente da quello che andò adottandosi durante la ricostruzione post-bellica, premia la rendita finanziaria e quella immobiliare, a dispetto dei redditi da lavoro. Così, tutto questo sul fronte della personalità giuridica dei soggetti agenti, si traduce con legislazioni di favore per le società di capitali e di sfavore per le persone fisiche. Una recente indagine del gruppo degli economisti di Stanford, ha rilevato come le grosse società paghino mediamente aliquote fiscali che si aggirano tra l'1 ed il 2%, grazie ai paradisi fiscali, ai sistemi di transfer pricing e ad altri metodi che di fatto legalizzano l'evasione fiscale. Si pensi anche alla diffusa pratica, nella cosiddetta società bene, di essere azionisti di qualche società off shore, che permette di far risultare nella dichiarazione dei redditi personale, la perdita di quella società, ma che in realtà fungono da copertura per l'intestazione di immobili, yacht, auto di lusso, beni di lusso, ecc. E' alla luce di tutto ciò che recentemente il Ministro dell'Economia Giulio Tremonti, ha richiesto in molteplici sedi internazionali, la messa al bando dei paradisi fiscali.

Quando molti politici ed osservatori economici, parlano di rendita di posizione, si riferiscono a processi dove il cosiddetto sovraprofitto è conseguenza di due elementi intrinseci della natura umana: lo spazio ed il tempo. Recentemente il Sindaco di Firenze, Matteo Renzi, ha superficialmente (e demagogicamente, anche se il far demagogia non gli è proprio) invitato le attività commerciali fiorentine ad abbassare i prezzi. Si pensi ad un bar in Piazza della Signoria a Firenze che offre un caffè al tavolo a 4,5 euro. Questo prezzo di vendita gli è consentito dalla posizione unica che questo può vantare. Tuttavia, il gestore, con quei 4,5 euro dovrà remunerare, più che i costi variabili di gestione, quelli fissi: il personale dipendente – ma in un sistema che funzioni, questo deve esser ben remunerato – , ma soprattutto il canone d'affitto del locale (o se il fondo è di proprietà, l'altissimo prezzo che egli avrà pagato per rilevarlo). La vera differenza tra oggi ed il passato, è che il locatore (il proprietario dell'immobile) è oggi, di fatto, socio di maggioranza o paritario con l'imprenditore che gestisce il locale, ma con una tassazione e con costi vivi assai più bassi. Tutto ciò, non vuol dire disconoscere il privilegio che il gestore del bar di piazza della Signoria ha rispetto ad attività di altre zone; ma il punto è che sarà pura demagogia la denuncia di eccessiva esosità di quel gestore. Un amministratore che realmente volesse rendere più a buon mercato i prodotti di quell'esercizio, dovrà combattere la rendita immobiliare che alle spalle di quell'attività si nutre.

A quest'ultimo proposito sono due i mezzi per farlo: agendo per via diretta sulla rendita immobiliare imponendo dei limiti di legge ai canoni di locazione (secondo il principio seguito con l'equo-canone); per via indiretta agendo sul fattore spazio-tempo, cioè sul sistema economico di base, ossia quello infrastrutturale.

Alla luce di quest'ultimo punto, l'esistenza di fenomeni sperequativi tra un'area ed un'altra, è dovuta all'assenza di una sostanziale armonia tra aree di una medesima regione geografica: disparità nella presenza di infrastrutture e/o di elementi di attrazione. Operando su questi ultimi si potrà avere il sorgere di elementi di “concorrenza” tra una zona e l'altra. Ma non è della “concorrenza” che ha bisogno un'economia ben funzionante, quanto di soluzioni al più alto livello di efficienza, in grado di ben assolvere ai bisogni della gente. Ed ovviamente operare sul livello delle infrastrutture significa aumentare la qualità delle stesse in modo tendenzialmente uniforme su tutto il territorio, di modo che esse fungano da volano per la spontanea nascita di nuovi poli attrattivi. Conseguentemente, è una politica di spesa pubblica per l'avanzamento tecnologico infrastrutturale, a generare ricchezza reale: non quella dei tagli alla spesa! Non è un caso che a livello internazionale le economie più ricche, dove più alta è la politica di investimenti pubblici pro-capite e per chilometro quadrato (Germania, Svizzera, Giappone ...), siano non quelle che offrono prezzi al consumo più bassi, ma quelle che hanno prezzi al consumo nominali più elevati, e redditi da lavoro nominali altrettanto elevati (non una politica del lavoro centrata sullo sfruttamento del lavoro a basso costo).

A Firenze, con la creazione del nuovo polo universitario e del nuovo palazzo di giustizia, abbiamo avuto la rivalutazione degli immobili presenti in quell'area. Purtroppo, in quell'area, non si è pensato anche ad implementare il sistema di viabilità; ciò ha reso meno efficienti quegli interventi urbanistici.

Interventi di questo genere, portano con sé i benefici del tempo, poiché consentono a chi agisce su quell'area, di adattarsi gradualmente al virtuoso mutare del sistema economico. Le “terapie d'urto” alla Jeffrey Sachs, o le “terapie shock” profetizzate da Walter Veltroni tra il 2006 ed il 2007, sono invece più che altro utili agli speculatori, grazie ai vantaggi offerti loro dalle asimmetrie informative (insider trading).

Processi simili possono essere attivati anche per gli altri settori: si pensi al settore dei taxi. Il luogocomune vuole che quelli italiani siano tra i più cari al mondo. Ogni studio competente ci dice invece che i taxi italiani sono tra i meno cari d'Europa, tuttavia ciò non vuol dire che questo servizio non possa essere reso più efficiente nel suo complesso (dal lato del lavoratore e da quello dell'utente). Si pensi così alla creazione di un efficiente sistema di viabilità, attraverso delle corsie preferenziali oppure attraverso la creazione di una metropolitana. Con la creazione della seconda, si rende più snella la mobilità di superficie, portando così ad una riduzione dei tempi medi di percorrenza dei tragitti dei mezzi di superficie e dunque di espletamento del servizio taxi e conseguentemente all'abbassamento del prezzo finale della corsa. Ulteriormente, ciò porterà ad un aumento dei fruitori di questo servizio e così si sarà messo in moto un processo virtuoso dove è attraverso lo sviluppo tecnologico che si sarà reso complessivamente più efficiente un settore economico nella sua relazione con la vita cittadina.

Dunque, è una frode parlare di rendita di posizione, quando le tesi sono funzionali a modificare il titolare di quella rendita, trasferendo attività od interi settori economici da un operatore all'altro. Diversamente, l'unico vero modo per combattere una posizione di vantaggio economico, passa, all'interno di un quadro legislativo ispirato a giustizia, attraverso un'azione governativo-amministrativa sul livello delle infrastrutture.

Claudio Giudici

La malfaisance de Suez et Veolia

Chère amie, cher ami,

tu trouveras, ci-après, un Appel pour mobiliser tes proches et les convaincre d'assister à la "première" du film Water makes money.

"De proche en proche", c'est cette sollicitude commune qui permettra à ce documentaire courageux de connaître le succès qu'il mérite.

Bien à toi.

Jean Flinker

__________

Le jeudi 23 septembre, 21 heures 30,

au cinéma Arenberg

ATTAC-Bruxelles présente

en «première mondiale»

«WATER MAKES MONEY»

de Leslie FRANKE et Herdolor LORENZ

La malfaisance de Suez et Veolia

enfin dénoncée dans un reportage sensationnel.

Un réquisitoire impeccable, juste et justifié

que les deux multinationales

–leaders sur le marché de l’eau–

ont l’intention de censurer par tous les moyens…

ê

Dès 20 heures 30,

LE GRAND DÉBAT:

Privatisation, hausse des prix, mainmise sur l’eau…

« UN MONDE POTABLE ? »

avec, notamment,

Mathieu SONCK

Secrétaire général d’Inter-Environnement Bruxelles,

et Gabriella ZANZANAINI,

chargée des affaires européennes à Food&Water Europe

__________________

EAU SECOURS… !

Miriam Guiuo, activiste philippine : «Avec l’arrivée de Suez à Manille, le prix de l’eau a augmenté de 500%...».

«A Alto Lima, le plus vieux quartier de la capitale, la distribution de l’eau est gérée par le consortium français, sous le nom d’"Aquas del Illimani". La compagnie a été condamnée pour avoir coupé, pendant plusieurs semaines, l’approvisionnement des administrations municipales –dont la totalité des écoles de la ville. Mais en général, les coupures d’eau se font dans l’impunité totale : ainsi, les deuxième et troisième secteurs d’Alto Lima n’ont pas été desservis pendant plusieurs mois, témoigne le Bolivien Abel Mamani. À El Alto, la multinationale n’a pas construit assez d’égouts pour évacuer les eaux usées. Tout est rejeté dans la rivière traversant la cité. Ça n’arrête pas de puer. C’est plein de sang et d’immondices mêlés. C’est là que les gosses viennent boire, après avoir joué».

Vandana Shiva, la militante écolo : «Chez moi en Inde, les paysans en ont assez. Ils ont monté leurs propres tribunaux pour notifier aux "hydropirates" l’ordre de quitter le pays. Dans les grands centres urbains, un véritable mouvement de désobéissance civile dénonce les privatisations encouragées par la Banque Mondiale et la cession du Gange aux entreprises privées. À Delhi, depuis que le retraitement des eaux a été confié en 2002 à Degrémont, la filiale de Suez, les prix ont été multipliés par dix»

Citer et réciter les faits bruts, dans leur brutalité ordinaire, est-ce suffisamment révoltant que pour vous rendre révolté ? Manifestement, non. Alors pourquoi ne pas les filmer et les inciter à être encore plus vrais, plus indéniables, plus indécents ? Après trois années à parcourir le monde, la réalisatrice franco-américaine Irena Salina était parvenue à relever le défi –ramenant de son périple internationaliste un reportage incontestable. Etayé, implacable et accablant, Arte accepte aussitôt de le diffuser : «For Love of Water» («FLOW») passe en novembre 2008 sur la chaîne franco-allemande. Mis en cause par huit fois dans ce reportage trop juste, trop exemplaire, Suez dépose immédiatement plainte en diffamation contre Arte et fait comprendre à Irena Salina que toute nouvelle diffusion (où que ce soit, dans quelque circonstance que ce soit) sera suivie de la même réplique judiciaire, à savoir : 50.000 euros de dommages et intérêts, réclamés pour chaque projection, au titre d’atteintes et offenses graves à l’honneur et à la réputation de la firme. Conséquences : depuis l’unique diffusion de «For Love of Water» il y a deux ans, le film est l’objet d’une procédure de contrainte et de censure caractérisée, dont le dénouement éventuel devrait être connu ce… 29 septembre devant le Tribunal de grande instance de Paris.

Question. Comment dénoncer les actes de corruption successifs et les pactes de soumission toujours plus excessifs, perpétrés et entretenus par les deux groupes leaders en matière de gestion de l’eau? Oui, comment s’opposer à Suez et Veolia ? Fin 2008, dès l’annonce du procès intenté par Suez Environnement contre «FLOW», deux réalisateurs allemands, Leslie Franke et Herdolor Lorenz (secondés par celui qui fut le numéro 2 de la CGT-Veolia, Jean-Luc Touly), décident de récidiver –mais en frappant mieux, plus haut et plus fort qu’Irena Salina.

Ce sera «Water makes Money»…

UN FILM QUI FAIT PEUR… Pas besoin d’un dessin. Pour financer cette nouvelle enquête à charge, Franke et Lorenz n’ont trouvé aucun sponsor institutionnel prêt à mettre de l’argent dans un film qui «fait peur», sans parler des diffuseurs privés qui se sont tous dérobés… Seul ressort possible : l’appel aux gens d’en bas, à l’engagement et à la solidarité citoyenne. Cent quinze mille euros ? En moins d’un an, le montant de la souscription est largement dépassé. Et la liste d’associations –d’accord de parrainer, donc de légitimer, la démarche des démarcheurs– est aussi vite comble que comblée.

Il faut dire que les raisons d’être motivés ne manquent pas. Les exemples courroucés non plus. À commencer par la France dont la gestion de l’eau est devenue un modèle de trafics et de traficages: dans les agglomérations urbaines de l’Hexagone, neuf ménages sur dix doivent acheter leur eau aux deux grands fournisseurs privés, lesquels constituent un véritable duopole. Cette position dominante facilite les abus les plus divers, notamment pour Veolia qui, dans de nombreuses villes, ne contrôle pas seulement l´eau mais presque tous les secteurs du service public, l´électricité, le gaz, le traitement des ordures, le chauffage urbain, le nettoyage municipal, les transports en commun de proximité, les cantines, les services sanitaires. C'est ainsi que bon nombre de municipalités courent le risque de «se faire avoir». Et se sont fait avoir.

Cas le plus emblématique : les droits d’entrée, une somme conséquente versée à toute collectivité locale pour y décrocher la gestion de l’eau. En 2003, l'association Eau Secours 31 a ainsi découvert la véritable nature du «ticket d'entrée», payé par Veolia lors de la signature du contrat avec Toulouse : 473 millions de francs que Dominique Baudis, le maire de l'époque, présentait comme une véritable prouesse dans le deal «imposé» par lui à la multinationale. Avec cette somme, la ville n’allait-elle pas boucher les trous de son budget, subventionner la construction de bâtiments publics et baisser les impôts locaux ? Or un passage, resté secret, du contrat de cession prévoyait au contraire une augmentation du prix de l'eau –à payer par le public pour financer le fameux droit d'entrée prétendument privé. Résultat : ce n'est pas Veolia mais bel et bien l'usager toulousain qui paie. «De sorte qu’au final, Veolia a versé 473 millions à la ville mais se fera rembourser d'ici à la fin 2020, date d'échéance du contrat, 1,47 milliard de francs. Les Toulousains auront donc déboursé un milliard de plus»… Bien entendu, la concurrence procède de la même manière. A Castres (dans le Tarn), ville de 56.000 habitants, l’action d’un comité d’usagers a conduit le maire UMP à se séparer de la Lyonnaise des eaux (aujourd’hui dénommée «Suez-Ondeo»). «Tout a commencé en 1992, avec une augmentation de 60 % de notre facture, explique le président du comité. Nous avons donc décidé d’en savoir un peu plus...». Et de découvrir qu’en 1990 la Lyonnaise des eaux et la ville avaient signé un contrat trentenaire, en contrepartie duquel l’entreprise a dû acquitter un «droit d’entrée» de 96 millions de francs. Officiellement baptisé «Contribution spéciale au titre du droit d’utilisation des réseaux concédés», «ce cadeau » était, est et sera en réalité discrètement remboursé à la Lyonnaise (sur la facture d’eau des usagers) à un taux de 8,76 % –ce qui, à l’issue des trente ans, va lui permettre de récupérer trois fois sa mise initiale…

Jugement expéditif, réitéré chaque année –après investigations exhaustives– par l’UFC-Que Choisir ? (la célèbre association de défense des consommateurs): «Les prix pratiqués dans les grandes entités urbaines sont parfaitement abusifs. Les taux de marge nette sur chiffres d’affaires, pour les deux opérateurs, oscillent entre 26 et 42%. Ils atteignent même 59% en Ile-de-France. Ce n’est plus possible. Désormais, il s’agit d’envisager sérieusement l’opportunité d’un retour en régie publique».

CORRUPTION. C’est peu de le dire: le système des «droits d´entrée» est de plus en plus mal vu. Mais l’ingénierie financière permet de contourner habilement les interdits en tous genres. Une discipline que Veolia maîtrise parfaitement dans ses transactions internationales. En 2005, la multinationale a donc «acheté» le système d´assainissement de la ville de Braunschweig-Allemagne. Sans dépenser un cent en fonds propres puisque, ici aussi, le prix d´achat sera entièrement payé par les redevances des générations futures (redevances augmentées des intérêts et des intérêts composés) –et cela indépendamment du fait que Veolia fournisse des prestations, se retire ou fasse faillite. Idem à Berlin où le partenaire privé s’est assuré «de façon durable» contre tout contrôle public et parlementaire. Même les députés n´ont pas la possibilité juridique de faire valoir un droit de regard. A Berlin, c’est l´ancienne députée Gerlinde Schermer qui a découvert le pot aux roses et le bouquet de faveurs à l’adresse du secteur privé. Le contrat secret garantit, en effet, à Veolia un gain de 8%, plus une augmentation pérenne : le Sénat de Berlin s´engage à payer les dédommagements si ces bénéfices ne sont pas atteints. En 2004, la ville a dû, de ce fait, renoncer à 41,2 millions d'euros. La même année, le prix de l´eau a été rehaussé de 15%, tout comme les trois années suivantes. En 2003, le Conseil Constitutionnel du Land déclara certes l´illégalité de cette garantie de gains, mais une clause du contrat prévoit que le Sénat berlinois doit des dédommagements même en cas de jugements défavorables. Les exigences des multinationales sont, en conséquence, intégralement garanties –indépendamment du droit, de la loi et des décisions démocratiques.

Cela va de soi. Suez et Veolia traitent de la même façon, vulgaire, des centaines d´entreprises à travers tout le continent (à Berlin comme à Klagenfurt, Budapest, Odessa, Tbilissi ou Erivan…). Pour ces rentes de confort contractualisé, les deux grandes multinationales de l’eau ont toujours reçu l’appui sans réserve des instances européennes. Car, dans ce domaine vital, «il y a, selon la Commission, véritablement concurrence libre et non faussée»… Cette empathie a évidemment une explication. Veolia participe activement aux programmes de recherche subventionnés par l´Union européenne. La multinationale joue un rôle-clé dans «la Plate-forme technologique pour l´eau et l´assainissement»: celle-ci est directement établie près la Commission européenne et, dans son comité de dix membres, siègent trois représentants de la firme. N’empêche, par souci de discrétion, la multinationale préfère exercer sa politique de racolage dans les coulisses et appliquer ses talents de lobbying à travers l’influence efficace d’au moins 50 organisations. Suez n’est d’ailleurs pas en reste. Son PDG, Yves Thibault de Silguy, est un ancien Commissaire européen.

Plus performant encore : the World Water Council. Collaboration planétaire d'ONG, de gouvernements et d'organisations internationales pour soi-disant résoudre les problèmes globalement…, le Conseil Mondial de l’Eau (créé officiellement pour arbitrer entre les intérêts contradictoires des États, des entreprises et des citoyens) est ouvertement dirigé par Veolia et Suez…

LES VILLES SE RÉVOLTENT. A Milwaukee-Wisconsin, c’était systématique. Pour cause de non entretien des canalisations, des milliards de litres d’eau usée (provenant notamment des WC) se déversaient dans le lac Michigan. En 2008, le district métropolitain a donc décidé de rompre avec Suez: 20 avis de non-conformité confirmaient que les clauses contractuelles n’avaient jamais été respectées par la si célèbre firme. Implantée aux USA, principalement à travers la société United Water, Suez Environnement est désormais en train d’y essuyer échec sur échec. Ainsi, le contrat-phare de Suez (la plus importante privatisation de l’eau dans l’histoire des Etats-Unis) signé avec la ville d’Atlanta en Géorgie : il a été prématurément cassé avec 16 ans d’avance, après que la municipalité ait découvert d’innombrables problèmes, dont des retards de maintenance chroniques. Une saga de mauvaises prestations? En 2009, le Bureau du Contrôleur de l’Etat du New Jersey a publié un audit cinglant sur les pratiques de la société à Camden. Le rapport conclut à une supervision insuffisante du contrat –la mauvaise performance de United Water ayant coûté des millions de dollars à la ville et potentiellement mis en péril la santé de ses résidents. Toujours l’année passée, Suez a perdu son business avec la ville de Gloucester (Massachusetts) suite à la violation des normes de qualité: la contamination bactérienne y a contraint habitants et entreprises à bouillir leur eau potable vingt jours de suite.

Résiliations à la chaîne : à Gary (Indiana), North Brunswick (New Jersey), Houston et Laredo (Texas), ou Fairfield (Californie), dans chacune de ces entités, les autorités (poussées par les associations de défense des usagers) sont repassées à la municipalisation de la gestion de l’eau. Meilleure et moins cher.

Dans de nombreux autres pays, la prise de conscience populaire est d’ailleurs pareille et les usagers décidés à ne plus se laisser faire. À la demande du gouvernement de Johannesburg, Suez s’est hystériquement impliquée dans la mise en place d’une tarification à Soweto… Problème : la transnationale doit faire face à une forte mobilisation d’une partie des habitants qui refusent de payer pour l’accès à l’eau, accès que les autorités sud-africaines ont érigé en droit constitutionnel. Autres triomphes prémonitoires : en Uruguay et… aux Pays-Bas, la privatisation de l’or bleu est dorénavant interdite par la loi.

Quant à la France, les batailles pour l’eau publique y sont devenues «une utopie» réalisable à très court terme. Bordeaux, Lyon, Toulouse, Paris : ici aussi, la défense du bien commun, la revalorisation du service public et le développement soutenable des territoires sont au cœur de combats éclatés qui enregistrent –dès à présent– des victoires éclatantes.

____________

Jean FLINKER

Cinéma ARENBERG

(26 Galerie de la Reine)

WATER MAKES MONEY

France-Allemagne 2010 / Durée 82 minutes

Prix d’entrée

6,6 euros y compris pour le débat

(sauf les Article 27)

ATTAC-Bruxelles 1

16 avenue Nouvelle, 1040 Bruxelles

mail : bxl 1@attac.be http://bxl.attac.be tél : 0494 / 808 854

Raymond et les marchands du temple

Raymond et les marchands du temple
Les éditoriaux de Jacques Cheminade

Raymond Domenech vient d’être licencié. Ce qui aurait paru impossible il y a quelques années devient une évidence. Alors, je pense ici à d’autres, à beaucoup d’autres qui ont imposé et continuent à imposer au monde un système bien pire que notre entraîneur national à ses Bleus.

L’économie du jeu est partout. Nicolas Sarkozy et Eric Woerth, assistés par le savoir-faire d’un brillant énarque de 32 ans, Sébastien Proto, ont fait voter la loi qui autorise les jeux en ligne sur internet. M. Proto, directeur de cabinet de M. Woerth, est un ami proche d’Antoine Arnault, lui-même beau-fils de Patrick de Maistre, qui doit sa Légion d’honneur au ministre du Travail. Nous pourrions ajouter, pour faire plein carton, que Mme Bernadette Chirac a intégré il y a quelques mois le conseil d’administration de LVMH, la firme de M. Arnault père. Cette inceste entre initiés du monde de l’argent ne se limite malheureusement pas à notre pays.

Le grand jeu s’étend jusqu’à la folie absolue. Aujourd’hui, le « trading à haute fréquence », dont les ordres sont déclenchés par des ordinateurs préprogrammés, représente au moins 30 % du volume d’activité des marchés au comptant européens et 50 % des opérations sur leurs équivalents américains. Tous les jours, quelque 4000 milliards de dollars changent de mains sur le marché des changes : il y passe en 4 jours l’équivalent de l’ensemble du commerce mondial sur une année. Les institutions financières non bancaires et les particuliers spéculateurs s’y précipitent. Sur les Bourses, le « nouveau produit », apparu avec la réglementation MIFID de l’Union européenne, fin 2007, est le Contrat financier pour différences (CFD) avec lequel on peut risquer 10 à 20 fois sa mise en jouant, non plus sur les titres ou produits supports eux-mêmes, mais sur l’amplitude de la variation de leurs prix ! La folle finance est devenue bien plus folle qu’en 2007-2008.

Le mal qui en résulte, par delà l’inéluctable effondrement financier de cette pyramide, est la destruction de la personne humaine. Le joueur – trader ou particulier - est prisonnier de la magie de l’immédiat, surtout s’il se trouve seul face à son ordinateur. Livré à sa cupidité, il ne peut penser au bien commun et au sort des générations futures. C’est vrai pour les hommes politiques enfermés dans le jeu de leur système, comme M. Claude Guéant lorsqu’il répète que la « réforme des retraites est indispensable » ou M. Yvon Gattaz, ancien président de l’Académie des sciences morales et politiques et dirigeant du patronat, acclamé par les participants au Congrès du Medef pour avoir écrit que « les syndicats (…) sont inutiles et nuisibles au XXIe siècle et doivent disparaître ».

La manifestation qui aura lieu demain – j’écris ce 6 septembre au soir – doit montrer la porte à tout ce beau monde. La condition est de lui opposer un vrai combat et un vrai projet. Lorsque j’entends quelqu’un comme Susan George nous dire que l’avenir appartient à un « new deal vert » et qu’il n’y a plus de Bastilles à prendre, « ni à Wall Street ni à la City de Londres », je vois les croupiers politiques et leurs sponsors financiers rire autour du tapis vert mondial. Car le fascisme financier a un visage et ne peut être extirpé que par un grand rassemblement populaire ouvert à toutes les forces qui lui sont hostiles, autour de grands projets d’équipement de l’homme et de la nature. Rouvrir ainsi un horizon à long terme, avec du crédit productif public, notre arme à tous, est un impératif catégorique pour arracher la victoire.

INIZIATIVE FORMATIVE DEL FORUM NAZIONALE ANTIUSURA

USURA – SCILIPOTI (IDV): A TUTELA DEI CONSUMATORI, INIZIATIVE FORMATIVE DEL FORUM NAZIONALE ANTIUSURA BANCARIA

Roma, 06/09/2010 – “Le espropriazioni di patrimoni a prezzi sviliti in favore delle immobiliari collegate alle banche, rivenduti dopo pochi mesi a prezzi quadruplicati, lasciano i malcapitati senza tetto e sovente indebitati per tutta la vita”. Così l’On. Scilipoti (IDV), in riferimento agli accadimenti dei consumatori e alle iniziative del Forum volte ad assicurare una più efficace tutela delle vittime dell’usura bancaria e non. “E’ capitato all’inizio di quest’anno ad un agricoltore di Morbegno in Valtellina, associato del Forum, a cui, per un presunto debito di circa 85.000 €, è stato svenduto all’asta il suo patrimonio immobiliare stimato ben 850.000 euro, per soli 35.000 euro, somma che ha appena soddisfatto i costi giudiziari della procedura, lasciando il malcapitato e la sua famiglia completamente privato di ogni avere e debitore verso la banca dell’intero debito vantato ed azionato per il quale gli hanno svenduto l’intero patrimonio immobiliare”. Continua il deputato di Italia dei Valori: “Nell’ambito delle iniziative del Forum Antiusura Bancaria, entro la metà di novembre, ad iniziativa di suoi componenti docenti ed esperti del comparto, sarà tenuto un seminario formativo-operativo rivolto ad avvocati, commercialisti e delegati del Forum di ogni provincia al fine di integrare le loro conoscenze con una ampia trattazione sull’attuale sistema bancario e sulle illegittime attività poste in essere a danno degli utenti”. Prosegue l’On. Scilipoti (IDV): “Sarà presentata un’ ampia rassegna della innovativa giurisprudenza di merito per la predisposizione di citazioni risarcitorie, e per le attività di difesa e opposizione nel corso dei giudizi incardinati dalle banche, oltre che per attuare ogni possibile iniziativa di tutela in prevenzione a favore degli utenti, già a far data dalla ricezione delle comunicazioni di revoche creditizie”. “Iniziative meritevoli di essere conosciute dalla grande platea degli utenti bancari, la cui sensibilizzazione e le cui contestazioni potranno influenzare le scelte degli organi delle istituzioni creditizie”. “Diciamo basta a questi soprusi - conclude l’On. Scilipoti - tuteliamo la legalità e la vera giustizia: uniti, possiamo vincere”.

Dott. Giuseppe Cuschera

Ufficio Stampa

On. Dott. Domenico Scilipoti

TEL.: 06 67604225

Fax: 06 67608346

scilipoti_d@camera.it

Bundesbank, espulso il banchiere che parlava troppo

Bundesbank, espulso il banchiere che parlava troppo chiaro

Thilo Sarrazin, il controverso ‘Bundesbanker´ socialdemocratico che aveva fatto scandalo con i suoi attacchi agli immigrati musulmani e poi parlando di «gene che tutti gli ebrei hanno», dovrà lasciare il vertice della Buba. Ma i tedeschi protestano, sono al 90% con lui. Rischiava di far saltare il piano di Axel Weber, n.1 a Francoforte, nella sua corsa alla sostituzione di Trichet in Bce.

Pubblicato il 03 settembre 2010 | Ora 19:19

Fonte: La Repubblica (WSI) – Un membro della Bundesbank non può permettersi dichiarazioni sospette di razzismo: ne va dell´immagine dell´istituto e del paese. Mosso da queste considerazioni, il presidente della Banca centrale tedesca Axel Weber ieri alla fine ha deciso, dopo giorni di pressing del potere politico, dopo aver trascorso forse le ore più difficili della sua vita. Thilo Sarrazin, il controverso ‘Bundesbanker´ socialdemocratico che aveva fatto scandalo con i suoi attacchi agli immigrati musulmani e poi parlando di «gene che tutti gli ebrei hanno», dovrà lasciare il vertice della Buba. Dalla cancelliera Angela Merkel è arrivato il primo commento a caldo: lei che aveva condannato Sarrazin con le parole più dure ha subito espresso soddisfazione per «la decisione indipendente» di Francoforte. Eppure Sarrazin resta una mina vagante: lo mostra il fortissimo consenso dell´opinione pubblica, tanto che la Spd, il più antico partito della sinistra europea, affronta una rivolta della sua base contro la sua espulsione. Il caso Sarrazin investe così quella che a suo modo è ancora la più autorevole istituzione della Germania postbellica. Da caso Sarrazin era diventato quasi un caso Weber: un problema del genere in casa era troppo per il presidente dell´Istituto, stava trasformandosi in un ostacolo pericolosissimo alla sua corsa alla successione a Jean-Claude Trichet alla guida della Banca centrale europea, sebbene Weber non avesse alcuna responsabilità per gli show di Sarrazin stesso. Nel suo libro appena uscito ("La Germania si distrugge") e in diverse dichiarazioni pubbliche, Sarrazin aveva sostenuto che gli immigrati musulmani sono retrogradi, incapaci di integrarsi, pesano sul welfare più di quanto non producano, e che siccome fanno molti figli la Germania diventa sempre più povera e stupida. Aveva poi aggiunto che «tutti gli ebrei hanno un loro gene». E alle critiche di Michel Friedman, noto anchorman ed esponente della comunità ebraica, aveva risposto insultandolo come "Arschloch", cioè, tradotto, "buco di c...". La levata di scudi era stata immediata: domenica Angela Merkel aveva auspicato una decisione della Buba.

lunedì 6 settembre 2010

The Economics and Politics of the World Social Forum

The Economics and Politics of the World Social Forum: Lessons for the Struggle against 'Globalisation'