lunedì 21 giugno 2010

La guerre de l’énergie

journal intime 940 de Bernard Maris

Dimanche 20 Juin 2010 19:47

Extrait du Journal intime 940

La guerre de l’énergie


L’Amérique punie par là où elle a péché, la France dans la débâcle du photovoltaïque.
L’Amérique est la fille du pétrole et de la bagnole. Elle a fait la guerre à l’Irak pour du pétrole. Ce sont des pétroliers, les Bush, qui ont dirigé le pays pendant 12 ans. Son aménagement du territoire repose sur la voiture et le fioul bon marché. Or voilà qu’on fore de plus en plus profond pour ramener du fioul, et qu’un jour l’écorce terrestre saute comme un bouchon, libérant le champagne noir ! Oublions l’irréversible, la destruction irrémédiable de la nature, l’économie ignore l’irréversibilité, elle ne connaît que le coût ; ce coût est de l’ordre de 6 milliards de dollars aujourd’hui. A terme, le gouvernement américain estime que le coût se situera entre 10 et... 100 milliards de dollars (on admire la précision). Donc BP doit créer une fonds d’indemnisation des victimes, et d’ores et déjà provisionner 20 milliards de dollars.
BP représente 240 milliards de dollars de capital. Elle a fait 17 milliards de dollars de bénéfices l’année dernière. Elle a, en gros, 10 milliards dans ses caisses. Mais 20 milliards est néanmoins une grosse somme. La terreur de BP est qu’une décision judiciaire (d’un tribunal de Louisiane par exemple) la rende responsable de la catastrophe. Dans ce cas, vu les indemnités à verser aux habitants de Louisiane, la facture pourrait dépasser les 100 milliards. Même BP ne peut pas payer. Pour éviter la ruine, BP envisage, dans une faillite préventive, de placer les coûts du nettoyage et les indemnisations dans une entité juridique séparée.
Shell et Exxon guettent la ruine de BP pour l’avaler. Mais elles hésitent à se ruer sur la proie, dont la valeur de l’action a baissé de 30%, car elles avaleraient aussi les coûts de dépollution et d’indemnisation. Barak Obama en profite pour remettre en avant la défense de l’environnement, qui était au cœur de son programme. Il laisse entendre que la catastrophe du golfe du Mexique est le « Tchernobyl » américain. Mais pour favoriser les énergies renouvelables au détriment du pétrole et de l’atome, il faudra un troisième Tchernobyl.
Pendant ce temps, la France poignarde dans le dos les énergies renouvelables. Le lobby nucléaire a gagné. Le gouvernement vient de publier une réglementation diminuant les prix de l’électricité photovoltaïque, prenant prétexte d’une baisse du prix des panneaux et du risque d’une « bulle » photovoltaïque (sic). Kaputt le Grenelle de l’environnement, capitulation. Finie la mise en ligne d’une puissance photovoltaïque de 3000 mégawatts. C’est la moitié de ce que l’Allemagne met en ligne cette année, au prix d’un tarif plus cher de l’électricité, c’est exact. Mais le dogme de l’énergie bon marché conduit aux Tchernobyl pétroliers. Alors que l’Allemagne a créé 100.000 emplois dans les secteurs éolien et solaire en dix ans, la France n’en a créé que 12.000. Jamais l’objectif de 5.400 mégawatt ne sera atteint en 2020. En 2020 le différentiel d’emploi France Allemagne dans le photovoltaïque sera de 250.000 emplois. La production sera Allemande, la qualité allemande. L’Allemagne, ce jour du dix-huit juin, nous flanque encore une raclée. Merci Monsieur Ollier, porte-parole du lobby nucléaire, par qui la chute du photovoltaïque est arrivée.

domenica 20 giugno 2010

That ’30s Feeling

Op-Ed Columnist

That ’30s Feeling

Suddenly, creating jobs is out, inflicting pain is in. Condemning deficits and refusing to help a still-struggling economy has become the new fashion everywhere, including the United States, where 52 senators voted against extending aid to the unemployed despite the highest rate of long-term joblessness since the 1930s.

Many economists, myself included, regard this turn to austerity as a huge mistake. It raises memories of 1937, when F.D.R.’s premature attempt to balance the budget helped plunge a recovering economy back into severe recession. And here in Germany, a few scholars see parallels to the policies of Heinrich Brüning, the chancellor from 1930 to 1932, whose devotion to financial orthodoxy ended up sealing the doom of the Weimar Republic.

But despite these warnings, the deficit hawks are prevailing in most places — and nowhere more than here, where the government has pledged 80 billion euros, almost $100 billion, in tax increases and spending cuts even though the economy continues to operate far below capacity.

What’s the economic logic behind the government’s moves? The answer, as far as I can tell, is that there isn’t any. Press German officials to explain why they need to impose austerity on a depressed economy, and you get rationales that don’t add up. Point this out, and they come up with different rationales, which also don’t add up. Arguing with German deficit hawks feels more than a bit like arguing with U.S. Iraq hawks back in 2002: They know what they want to do, and every time you refute one argument, they just come up with another.

Here’s roughly how the typical conversation goes (this is based both on my own experience and that of other American economists):

German hawk: “We must cut deficits immediately, because we have to deal with the fiscal burden of an aging population.”

Ugly American: “But that doesn’t make sense. Even if you manage to save 80 billion euros — which you won’t, because the budget cuts will hurt your economy and reduce revenues — the interest payments on that much debt would be less than a tenth of a percent of your G.D.P. So the austerity you’re pursuing will threaten economic recovery while doing next to nothing to improve your long-run budget position.”

German hawk: “I won’t try to argue the arithmetic. You have to take into account the market reaction.”

Ugly American: “But how do you know how the market will react? And anyway, why should the market be moved by policies that have almost no impact on the long-run fiscal position?”

German hawk: “You just don’t understand our situation.”

The key point is that while the advocates of austerity pose as hardheaded realists, doing what has to be done, they can’t and won’t justify their stance with actual numbers — because the numbers do not, in fact, support their position. Nor can they claim that markets are demanding austerity. On the contrary, the German government remains able to borrow at rock-bottom interest rates.

So the real motivations for their obsession with austerity lie somewhere else.

In America, many self-described deficit hawks are hypocrites, pure and simple: They’re eager to slash benefits for those in need, but their concerns about red ink vanish when it comes to tax breaks for the wealthy. Thus, Senator Ben Nelson, who sanctimoniously declared that we can’t afford $77 billion in aid to the unemployed, was instrumental in passing the first Bush tax cut, which cost a cool $1.3 trillion.

German deficit hawkery seems more sincere. But it still has nothing to do with fiscal realism. Instead, it’s about moralizing and posturing. Germans tend to think of running deficits as being morally wrong, while balancing budgets is considered virtuous, never mind the circumstances or economic logic. “The last few hours were a singular show of strength,” declared Angela Merkel, the German chancellor, after a special cabinet meeting agreed on the austerity plan. And showing strength — or what is perceived as strength — is what it’s all about.

There will, of course, be a price for this posturing. Only part of that price will fall on Germany: German austerity will worsen the crisis in the euro area, making it that much harder for Spain and other troubled economies to recover. Europe’s troubles are also leading to a weak euro, which perversely helps German manufacturing, but also exports the consequences of German austerity to the rest of the world, including the United States.

But German politicians seem determined to prove their strength by imposing suffering — and politicians around the world are following their lead.

How bad will it be? Will it really be 1937 all over again? I don’t know. What I do know is that economic policy around the world has taken a major wrong turn, and that the odds of a prolonged slump are rising by the day.

Bretton Woods Update No.71 June/July 2010

Bretton Woods Update No.71 June/July 2010

PDF version | At Issue PDF | text version

Debt crisis in Europe: Beware IMF bearing gifts

News|17 June 2010

Illustration by Robin Heighway-Bury/Thorogood.net

The descent of Greece into a sovereign debt crisis marks the first time a country that uses the euro has gone to the IMF. The fear of adverse market reaction has now moved Europe towards greater coordination and the G20 to argue against continued fiscal stimulus. read article...

IMF's latest prescription: Cure the crisis with austerity

News|17 June 2010

The IMF has gone back to promoting fiscal austerity and pressuring governments to implement spending cuts and structural reforms. Austerity also remains at the heart of the Fund's debt sustainability policies. read article...

IMF bank tax proposals cause controversy

News|17 June 2010

A leaked copy of the IMF's report to the G20 on A fair and substantial contribution by the financial sector which proposes two new financial sector taxes to cover some of the costs of the financial and economic crisis, has been criticised by campaigners for inadequate analysis of the potential of the financial transactions tax (FTT), dubbed the Robin Hood tax. read article...

The Greek crisis and the involvement of the IMF

by Elena Papadopoulou

Comment|17 June 2010

The “Greek expression” of the crisis has revealed an amazingly broad range of issues not only concerning the structural problems of the Greek economy, but also those of the European Union (EU) as an economic and currency area, and its unwillingness or inability to react to the problem in a timely, meaningful and collective way. read article...

IMF board shies away from bold mandate changes

News|11 June 2010

In a series of four papers the IMF executive board has been discussing fundamental changes to the way it does business. Despite the financial, economic and debt crises demonstrating the failures in the current international architecture, there was no consensus on the need for, or direction of, reform. read article...

IFI governance reform freezing over?

News|17 June 2010

An in-depth analysis of the latest round of World Bank reforms shows they delivered significantly less than proclaimed, while IMF governance reforms, slated to conclude in January 2011, are proceeding slowly and promising only minor changes. read article...

World Bank work on land supports "a new form of colonialism"

News|17 June 2010

A set of voluntary principles for agricultural investment in developing countries, launched by the World Bank and other institutions in April, veils the promotion of investors' interests at the expense of host populations, warn civil society groups. read article...

World Bank clings to fossil fuels, stumbles on clean energy

News|17 June 2010

The World Bank's energy lending suggests that it remains wedded to fossil fuels, as independent evaluators and civil society groups raise serious concerns about its approach to energy efficiency and renewables. read article...

Is IFC palm oil investment a foregone conclusion?

News|18 June 2010

The World Bank is currently undertaking a major review of its controversial engagement in palm oil production, but critics warn that consultation has been inadequate and that the Bank seems to have already decided to continue investment in the sector. read article...

Resistance to Bank's role in climate finance as alternatives gain traction

by Ama Marston

News|17 June 2010

As talks aim toward an agreement on climate finance in December in Cancun, fault lines remain about the role of the World Bank. Contradictions in recent Bank lending and contributions to alternative financing mechanisms have fuelled ongoing debates about the Bank’s role. read article...

World Bank performance standards review reveals need to raise the bar

by Ama Marston

News|18 June 2010

With a review of the social and environmental performance standards of the International Finance Corporation (IFC) underway, reports from within the World Bank Group as well as civil society highlight the need for reform. read article...

Human rights (the World Bank way)

by Kirk Herbertson, Kim Thompson & Robert Goodland

At Issue|18 June 2010

Most of the world's governments have ratified at least one human rights treaty or convention. Kirk Herbertson, Kim Thompson and Robert Goodland of the World Resources Institute ask why the World Bank Group - which is owned by these same governments - is hesitant to discuss human rights openly. read article...

Other stories in this issue

8^ COMUNICATO ANTI-USURA

www.orsiniemidio.it

Ascoli Piceno 18 Giugno 2010

Visita il nostro Forum www.forumantiusura.org

8^ COMUNICATO

24^ settimana del 2010 (clicca qui per scaricare in formato PDF)

DEDICATO ALLE SOLE VITTIME delle BANCHE, AGLI AMICI, SOSTENITORI ED ORGANI DI INFORMAZIONE .

*** *** *** *** ***

PER IL 25 GIUGNO E’ TUTTO PRONTO

LEGGETE IL PROGRAMMA (clicca qui)

PARTECIPIAMO IN MASSA

Non farti schiacciare – Solo Uniti possiamo vincere (clicca qui)

Questa settimana proponiamo :

- Il Forum attivo in Toscana e nelle Marche (clicca qui) ;

- Ma anche nel Friuli (clicca qui) -

- Siamo finiti su ALTALEX (clicca qui) – Sui Grilli Pistoiesi (clicca qui) ;

- Sulle NewNotizie.it (clicca qui) - Un Gazebo con i fiocchi al centro storico di Ancona (clicca qui) ;

- Ma anche in Ascoli Piceno sono apparsi altri banchetti con amici incavolati (clicca qui) – ed altri che non demordono, in provincia di Padova (clicca qui) .

Mandateci le foto dei Vostri presidi e le pubblicheremo .

Giovedì 25 giugno, pullman da ogni Regione italiana, invaderanno ROMA per manifestare contro i privilegi dei banchieri i quali, come gli Antichi Imperatori Romani, con il pollice verso decidono liberamente la vita o la morte di Aziende e Famiglie. Proponiamo il manifesto pubblicato dalla SOS Utenti (clicca qui) .

Giovedì 25 giugno si parlerà della proposta di riforma dell’art. 50 T.U.B. e della class action per mobbing da sindrome da debito bancario ingiusto (clicca qui) .

Introdurrà i lavori l’On.le Scilipoti. Alle ore 12,30 interverrà il Prof. Antonio Vento, Psichiatra, Criminologo, Presidente dell’Osservatorio Nazionale del Mobbing .

- Cogliamo l’occasione per rallegrarci con l’amico Avv. Di Napoli per il prestigioso riconoscimento conferitogli nella Sua Regione di origine (clicca qui) ;

Non avete letto del Prefetto preveggente? Allora cliccate qui.

Agli uomini che parteciperanno alla manifestazione del 25 giugno ricordiamo che per entrare a Palazzo Marini occorre Giacca e Cravatta, altrimenti non si entra, e ricordate TUTTI la carta d’identità.

Anche noi abbiamo rifatto il look al sito (clicca qui) .

Al 25 giugno 2010,

PARTECIPIAMO IN MASSA

EMIDIO e lo staff

IL NORD E IL POTERE MAFIOSO

GIORGIO BOCCA L'ANTITALIANO
IL NORD E IL POTERE MAFIOSO
L'Espresso n.25 del 24 giugno 2010, pag.13

Le cosche si sono trasformate in una nuova borghesia del malaffare. Che si è infiltrata negli uffici pubblici come nel sistema finanziario

Non c'è accordo sulle celebrazioni dei centocinquanta anni dell'unità d'Italia. La Lega non nasconde il suo dissenso. Umberto Bossi ha dato il là e i suoi diadochi lo seguono con dichiarazioni solo in apparenza ambigue: «Ci sono problemi più seri da risolvere», «L' unità sì ma nel federalismo», eccetera. E siccome la Lega è decisiva in questo governo, Berlusconi non si impegna, lesina i soldi per le celebrazioni, non interviene a fermare la frana del comitato organizzatore.
Intanto la sinistra resta nel suo stato confusionale, non ha il coraggio o la voglia di raccogliere lo spirito unitario o risorgimentale della Resistenza partigiana fondamento della Repubblica democratica. Lo spirito unitario della Resistenza, per chi l' ha fatta, è fuori da ogni dubbio.
I partigiani di ogni colore politico, comunisti, giellisti, liberal-monarchici furono da subito uniti dal fine comune di salvare l' unità e l' indipendenza nazionale. Pronti nella primavera del ' 45 a respingere le velleità annessionistiche di De Gaulle in Val d' Aosta e Susa e quelle al confine orientale di Tito.
Ricordo perfettamente che di fronte ai moti separatisti siciliani e calabresi, di Portella della Ginestra e di Caulonia, ci fu una spontanea offerta partigiana di riprendere le armi a difesa dell' unità nazionale. Il vento del Nord, come fu chiamata la presenza partigiana nei primi governi di Parri e di De Gasperi, guardasigilli il comunista Togliatti, fu chiaramente unitario e risorgimentale. Sentimento condiviso dagli italiani che si strinsero attorno a quei padri fondatori della Repubblica. Lo spirito unitario della guerra partigiana del suo governo che ebbe il nome di comitato di liberazione, è arrivato intatto fino ad oggi? Le voglie di secessionismo sono perdenti anche oggi?
Due fattori contrari, due pericoli sono emersi negli anni dell'Italia democratica. Uno è la progressiva salita al Nord delle mafie meridionali, l'Onorata società siciliana, la ' ndrangheta calabrese e la sacra corona pugliese, la progressiva conquista di basi operative nelle grandi città del Nord.
La presenza della criminalità organizzata, per sua storia e natura antistatale, è qualcosa di visibile, di onnipresente, di impudente. Ci sono ristoranti, mercati, club, sezione di partito, amministrazioni della Padania equamente divise fra la novità politica della Lega anti-unitaria e le cosche mafiose che di patria conoscono solo quella della rapina e delle consorterie criminali.
È accaduto così che il partito del fare berlusconiano, per cui il binomio denaro-potere è tutto, è diventato volenti o nolenti il punto di appoggio o di mascheramento della conquista malavitosa del Nord. Le mafie da società segrete si sono trasformate in nuova borghesia del malaffare, delle cricche politico-delinquenziali che non si accontentano dei ricatti delle minacce, ma occupano i pubblici uffici, s' infiltrano nel sistema finanziario, nelle gerarchie ecclesiastiche, negli uffici giudiziari. Siamo alla degenerazione del tessuto sociale, all' anarchia ladresca: tutti tentati dal furto invece che dal lecito guadagno.
Si dice che dei primi anni della sua unità l'Italia monarchica è stata ricca di scandali e di ruberie che riguardavano anche i ceti alti e altissimi. Ma quella odierna è una criminalità talmente diffusa da apparire, da essere pensata come normale. Non a caso l' estrema destra reazionaria va riscoprendo come suoi nemici mortali i partigiani e inalbera cartelli su cui scrive "partigiani assassini" .

(NDT: Oggi li chiamerebbero "terroristi"...)

Bisogna rinazionalizzare le banche ?

Autore Bernard Maris, trad. NF

Diario intimo 939 – Martedì 15 giugno
…Bisogna rinazionalizzare le banche ?

« Le banche le chiudo, i banchieri li rinchiudo! » (Vincent Auriol)

Le banche continuano a fare i loro porci comodi. Quanti disoccupati e conflitti sociali ancora per capire che a costoro bisogna fargli la pelle ? Charles Wyplosz, prof di macro in Svizzera, tutt’altro che «sinistro », scriveva che bisognava disgustare per sempre le persone a diventare banchieri. Tassare a morte i trader e altri padroni di banche, perché vadano a esercitare i loro talenti nella produzione, l’industria, le arti, l’informatica, l’agricoltura biologica, tutto tranne che nel commercio dei soldi. In questo momento Trichet, padrone della BCE, presta denaro all’1% ai banchieri. In altre parole un regalo (il padrone della Banca d’Inghilterra, lui, presta allo 0,5% ! Provate a chiedere un mutuo allo 0,5% !!). Trichet ha prestato circa 450 miliardi di euro e cosa fanno queste baldracche con tutta quella grana ? La collocano immediatamente allo 0,25% da.. Trichet ! Alla BCE ! Potrebbero finanziare l’economia? Neanche per sogno… “Sterilizzano” il denaro preso in prestito come i coraggiosi contadini che lo mettono sotto il materasso, non sia mai che un giorno….

Con il resto, acquistano titoli pubblici dal rendimento del 3% (Germania), del 6% (Spagna), dell’8% (Grecia) e così via dicendo. Naturalmente non acquistano per sé stesse, prestano agli hedge funds e ai privati i quali acquistano i titoli per riscuotere il 3, 6 o 8%. Alla fine della fiera, Trichet presterà all’1% denaro che o non servirà a niente, o che servirà a spennare i greci del 7% (8 meno 1, per chi non capisse*).

Morale della storia: 1) Trichet o è un asino o è uno stronzo patentato complice delle banche (cancellare le diciture inutili). 2) Cosa aspettiamo per sabotare queste persone che ci rovinano? Trichet acquista in questo momento il debito greco, portoghese, irlandese per 40 miliardi di euro. Fa funzionare la stampa di banconote per 40 miliardi di euro. Fa quello che faceva il tesoro pubblico francese ai vecchi bei tempi quando queste porcherie di banche private erano nazionali e chiudevano il becco, cioé finanzia il deficit con la carta.

Essendo ossessionato dall’inflazione, un po’ come un medico ossessionato da un salasso che continui a far sanguinare i cadaveri, ritira esattamente 40 miliardi di euro dal mercato interbancario. Merkel difende Trichet. Merkel, per il rimborso, vuole fare pagare gli Stati (ergo i cittadini). Van Rompuy difende Trichet. Si dichiara opposto alla Francia e a qualsiasi struttura istituzionale che possa coordinare la strategia economica dell’Unione europea e, in particolare, della zona dell’euro. Persino Barroso il buffone, il mao diventato ultraliberale, colui che accumula le tare del maoismo e del liberalismo estremo, persino lui trova che è un po’ esagerato. Nel frattempo si riunisce a Basilea il comitato incaricato di definire le nuove regole « prudenziali » delle banche. La proposta è di aumentare le riserve delle banche (cioè la copertura dei prestiti per tutelare i cittadini, in altre parole ridurre la speculazione bancaria, l’assunzione di rischi). E ridurre l’effetto leva che consente ai fondi hedge di fare operazioni con prestiti, cioè dicendo pane al pane, di fare vendite allo scoperto. Allora le banche si arrabbiano attraverso la loro lobby, l’Istituto della finanza internazionale che riunisce 400 banche di tutto il mondo. Che cosa dimostra l’IFI? Che le regole prudenziali controlleranno il credito nel mondo, in particolare in Europa dove rappresenta il 74% del finanziamento dell’economia rispetto al 53% in Giappone e al 23% negli USA. Calcolo: sul periodo 2011-2015, la crescita calerà del 4,3% in Europa, ergo 9,7 milioni di posti di lavoro saranno soppressi. Il primo ad abbaiare è Baudoin Prot della BNP, seguito da Josef Ackerman, boss della Deutche Bank…Ma a chi?… Burloni! Giullari! Buffoni ! Pagliacci ! Imbroglioni ! Da un lato collocano il denaro prestato dalla BCE, praticamente tutto, rifiutando di erogare credito e dall’altra raccontano che se il Comitato di Basilea diventa troppo severo non potranno più distribuire credito ? Baudoin… Son desto? Aiuto ! A me i sali ! In fretta ! Non ce la faccio! Mi strozzo !

Per farla breve: paghiamo con l’austerità l’obbligo di ripagare questi redditieri che consigliati dalle banche ci hanno affossato. Nel ‘36, l’establishment bancario francese si appellava alla convertibilità del franco in oro per salvare la rendita. Auriol ha detto “niet”. Seguito da De Gaulle nel 1945, che ha nazionalizzato tutto. La denazionalizzazione è iniziata nel 1986 inaugurando la più fantastica crisi finanziaria mai conosciuta dalla Francia dall’epoca degli Assegnati [1, ndt]. Bisogna rinazionalizzare le banche.

Artielettere - Io, Sapir e Pastré

Ci riuniamo alla scuola superiore EHSS in un dibattito sulla finanza e il resto, e Sapir ci illustra una tabella apocalittica della situazione. Il succo è:


1) Non potremo mai rimborsare neanche noi francesi, per non parlare degli spagnoli e dei lusitani, ancora meno di greci, irlandesi e altri, bisogna ristrutturare il debito.

2) La Cina ci sta facendo la pelle. Quindi o tentiamo di sopravvivere, chiudendoci selettivamente almeno alle frontiere o ci spicciamo a imparare il mandarino e ci facciamo gli occhi a mandorla.

3) La Germania ci sta fregando. O la licenziamo dalla zona dell’euro o distruggiamo l’euro.

Pastré si strozza. Ha sempre avuto un debole per i banchieri perché è un pò banchiere lui stesso, e difende la libertà del commercio, l’euro, l’Europa, poi se la squaglia accennando a qualche borborigmo. Mai vista una riunione di esperti così buffa.

Bernard Maris

The Era of Corporate Anarchy

What do BP and the Banks Have In Common?
The Era of Corporate Anarchy



Global Research, June 19, 2010
Gonzalo Lira - 2010-06-16



On the occasion of the BP oil spill disaster, President Obama’s delivered an Oval Office speech last night—a masterpiece of milquetoast faux-outrage. The speech was all about “clean energy” and “ending our dependence on fossil fuels”. Faced with the BP oil spill—likely the most severe environmental disaster ever—this was President Obama’s response: Polite outrage, and vague plans to “get tough”, “set aside just compensation” and “do something”.

President Obama missed what the BP oil spill disaster is really about. Though unquestionably an environmental disaster, the BP oil spill is much much more.

The BP oil spill is part of the same problem as the financial crisis: The BP oil spill and the banking crisis are two examples of the era we are living in, the era of corporate anarchy.

In a nutshell, in this era of corporate anarchy, corporations do not have to abide by any rules—none at all. Legal, moral, ethical, even financial rules are irrelevant. They have all been rescinded in the pursuit of profit—literally nothing else matters.

As a result, corporations currently exist in a state of almost pure anarchy—but an anarchy directly related to their size: The larger the corporation, the greater its absolute freedom to do and act as it pleases. That’s why so many medium-sized corporations are hell-bent on growth over profits: The biggest of them all, like BP and Goldman Sachs, live in a positively Hobbesian State of Nature, free to do as they please, with nary a consequence.

The added bonus to this, though, is that the largest corporations have convinced the governments and the people of the “Too Big To Fail” fallacy—they have convinced the world that if they cease to exist, the sky will fall atop our collective heads. So if they fail, they must be saved—without argument, without penalty, and without reform.

Let’s take BP: British Petroleum caused the Deepwater Horizon oil spill in the Gulf of Mexico. There were various Federal Government agencies charged with supervising their operations—but all of those agencies deferred to BP, before the accident. As a large corporation—one of the largest oil companies in the world—BP operated more or less without any Government supervision. As is emerging, because of this lax and toothless supervision, safety rules and procedures were ignored. Insane risks were taken. No safety contingency plans were drawn up.

From what some memos are saying, disaster was inevitable.

Once the accident happened, BP controlled the information it released concerning the disaster. BP unilaterally decided not to proceed with an immediate top-kill of the well—instead, BP risked a wider disaster, in order to save the oil field by drilling a “relief well”. BP’s reasoning was simple: By implementing an immediate top-kill, BP would have sacrificed the oil field (and lost its investment) in order to save the environment. BP did not do this. Instead, it tried to stretch out the process, so as to salvage the oil field (and the profits) with the “relief well”. But when it became impossible to hide the extent of the damage—when the smell of oil permeated the clear skies of Louisiana a hundred miles from the site of the spill—BP tried to implement the top-kill. We know how that ended.

Where was Authority? Where was Someone In Charge? The fact was, there was no one in charge. There was no one supervising—or at any rate, the ones who were supposed to be supervising had had their teeth yanked. And BP knew it—so they did whatever they wanted, regardless of the risks, or the costs.

Worst of all, BP realizes that, if it finally cannot get a handle on the oil spill disaster, they can simply fob it off on the U.S. Government—in other words, the people of the United States will wind up cleaning BP’s mess. BP knows that no one will hold it accountable—BP knows that it will get away with it.

No one was holding the banks accountable either. It’s no accident that American and European banks nearly went broke, but banks here in Chile sailed along smoothly: That’s because banks here are regulated up the wazoo. They literally can’t fart without an independent banking inspector supervising them, and then getting a stamped form in triplicate. When Chile’s banks went bust in the crisis of 1980, it put paid to any illusions that the banks knew what they were doing—the government bailed out the banks then, but kept them under glass ever after.

But in Europe and America, the story was the Greenspan Put. Easy Al was so convinced that the banks would “self-regulate” that he pulled the teeth of the Fed, the banks regulatory agency, and let the “free market” have its way.

With this free pass, what do you think the banks did? They went anarchic—they invented all sorts of clever “financial products” that exponentially increased risk, rather than mitigating it. We all saw how that movie ended. When Lehman busted and the credit markets froze, a slap-dash improvised “rescue package” was drawn up, then the $700 billion TARP, then Quantitative Easing, all of these efforts lubed up with a lot of talk to “strengthening the regulatory environment” and “protecting the financial markets”.

The upshot? The banks did whatever they pleased—with no supervision. And when their recklessness led inevitably to the catastrophe in the Fall of ‘08, the banks got bailed out—with no repercussions. The biggest ones even managed to turn a profit off the tax payer-funded bail-outs!

Even after the worst of the crisis—when the effects of no regulation and no supervision were clearly understood—nothing happened. The zero-regulation, zero-supervision regime continued.

This isn’t the case for people, for individuals: People are regulated, people are controlled. Individuals are supervised and limited in what they can do and say—and no one complains. On the contrary—everyone is relieved, because it protects us all from the unreasonable behavior of an individual.

As an individual, I am limited in countless ways, from the trivial, like jaywalking, to the severe, like murder. I can’t even speak up and yell “Fire!” in a crowded theater—I would be arrested for inciting a panic, the general good of avoiding a potentially lethal stampede overriding my need to express myself by yelling “Fire!” when there is none.

Curiously, individuals—ordinary people—are being supervised and regulated more and more stringently. Yet at the same time, corporations are becoming more and more free to do as they please. No one notices how strange this is—we have even lost the social framework to even talkabout regulating and supervising corporations, because too many foolish pundits equate supervision and regulation with Socialism. Yet curiously, personal freedom is being chipped away, day by day, without a peep from these pundits.

Meanwhile, the banks run amok.

Meanwhile, BP runs amok.

We can look at other industries—Big Pharma, for one—but there’s no real need: Big Pharma will fit the same pattern as BP and the banks. Get so big that you can do whatever you want, and no one will challenge you, not even the government. Carry out practices that will inevitably create a crisis—like unsafe drilling, like toxic bonds—and be confident that you will be bailed out.

Bailed out, and allowed to continue, unfettered. “Allowed” to continue, unfettered? I’m sorry, I mis-spoke: Encouraged to continue, unfettered.

This era of corporate anarchy is reaching a crisis point—we can all sense it. Yet the leadership in the United States and Europe is making no effort to solve the root problem. Perhaps they don’t see the problem. Perhaps they are beholden to corporate masters. Whatever the case, in his speech, President Obama made ridiculous references to “clean energy” while ignoring the cause of the BP oil spill disaster, the cause of the financial crisis, the cause of the spiralling health-care costs—the corporate anarchy that underlines them all.

This era of corporate anarchy is wrecking the world—literally, if you’ve been tuning in to images of the oil billowing out a mile down in the Gulf of Mexico.

I think we are at the fork in the road: One path leads to revolutionary change, if not outright revolution. The other, appeasement and stasis, as the corporations grind the country down.

My own sense is, there will be no revolutionary change. The corporations won. They won when they convinced the best and brightest—of which I used to be—that the only path to success was through a corporate career. No necessarily through for-profit corporations—Lefties never seem to quite get how pernicious and corporatist the non-profits really are; or perhaps they do know, but are clever enough not to criticize them, since those non-profits and NGO’s pay for their meals.

Obama is a corporatist—he’s one of Them. So there’ll be more bullshit talk about “clean energy” and “energy independence”, while the root cause—corporate anarchy—is left undisturbed.

Once again: Thank God I no longer live in America. It’s too sad a thing, to watch while a great nation slowly goes down the tubes.

Gonzalo Lira, a novelist and filmmaker (and economist) currently living in Chile and writing at Gonzalo Lira

ECB won't let euro zone state fail

Europe won't let euro zone state fail: ECB's Trichet

BERLIN
Sat Jun 19, 2010 7:42am EDT
Jean-Claude Trichet, President of the European Central Bank (ECB)  addresses the media during his monthly news conference at the ECB  headquarters in Frankfurt June 10, 2010. REUTERS/Ralph Orlowski

BERLIN (Reuters) - Europe will not allow its weakest members to collapse under their debt burden, European Central Bank President Jean-Claude Trichet said in an interview with German weekly Welt am Sonntag.

According to the paper, Trichet ruled out the possibility of Greece, Spain or Portugal not being able to pay back their debt.

"We will not allow this to happen. We did not create the Maastricht Treaty in order to then go back again," he said in the interview due to be published on Sunday.

Trichet again defended the ECB's decision to buy back government bonds last month, in order to calm bond markets and bring down borrowing costs for heavily-indebted Greece and other financially strained euro zone members.

"The situation was dramatic. Europe was at the epicenter of the crisis at this time," he said.

The controversial step to start buying government debt opened a deep rift at the ECB's top table, pitting Trichet against ECB and Bundesbank heavyweight Axel Weber. Weber has openly criticized the move, arguing it creates "serious stability risks."

"In the last few weeks I understood one thing: in Germany, some things are interpreted differently," Trichet said.

"The no-bailout clause means that there is no duty to offer subsidies or transfer. But it does not mean that in exceptional circumstances, one country should not be allowed to offer support to another."

The Maastricht Treaty, which paved the way for the euro single currency, says no euro zone country should bail out another. Germany has dismissed the idea of the EU becoming a "transfer zone," where rich members subsidize poorer states.

"I wish the German public had reacted with the same indignation toward the breach of the European stability pact in 2004 as toward our decision to buy state bonds," said Trichet.

(Reporting by Sarah Marsh; editing by Patrick Graham)

Islamic State of Iraq behind central bank attack

Al Qaeda's Iraq network says behind bank attack

Thu Jun 17, 2010 8:35am EDT

BAGHDAD June 17 (Reuters) - Al Qaeda's Iraqi affiliate claimed responsibility on Thursday for an attack by gunmen and suicide bombers on Iraq's central bank, in which at least 15 people died.

The attack on Sunday triggered a 90-minute gunbattle in the heart of the Iraqi capital, a day before parliament sat for the first time since a March election that produced no clear winner.

National Security Minister, Sherwan al-Waeli, told Reuters the attack was not a robbery, adding that it involved 15 gunmen, including seven suicide bombers.

In a statement published on jihadist websites on Thursday, the Islamic State of Iraq (ISI) said it was behind the "unique" attack, which was carried out by five men.

A number of attacks since the election, which has yet to produce a government, have been blamed on an effort by Sunni Islamist insurgents linked to al Qaeda to prove it remains a potent force despite the loss of senior commanders.

Overall violence in Iraq has dropped since the sectarian carnage in 2006/07, but bombings and shootings are still common.

Insurgents continue to pose a threat as the United States moves ahead with a plan to end combat operations in August and cut troop numbers from around 85,000 to 50,000 by Sept. 1, before a complete withdrawal by the end of 2011. (Reporting by Muhanad Mohammed and Khalid al-Ansary; Writing by Matt Robinson)

Implosions update:

Since late 2006: 384 major U.S. lending operations
Since early 2007: 309 banks
Since late 2006: 117 funds at 71 outfits
Since late 2006: 85 major builders" - plus 53 additional tiny implosions

Abolish the Federal Reserve

Ron Paul Is Right – Abolish the Federal Reserve

View Current Signatures - Sign the Petition


To: U.S. Congress

Ron Paul Is Right – It Is Time To Abolish the Federal Reserve

Today in August 2007, the world financial systems and investment markets, real estate and the availability of credit are all under direct assault due to past actions of the Federal Reserve in the United States.

We the undersigned now call on Congress to Abolish the Federal Reserve System. The latest boom, mania and subsequent bust in the stock market, real estate, asset prices and now credit around the world are the direct result of easy money policies of the FED designed to enhance the profits of certain financial special interests. Now in 2007, ultimately as usual, the unsophisticated American middle and working class investors and borrowers who believed all the hype will pay the price in financial losses.

Wall Street’s” business as usual” call for the FED to intervene and bail out the corporate perpetrators of the scam is like asking a child molester to run a day care center or a drug dealer to teach our children all about drugs. The private banker owned FED is the cause of our problems not the solution.

Since the creation of the Federal Reserve in secret at Jekyll Island, Georgia in 1913, “middle and working-class Americans have been victimized by a boom-and-bust monetary policy. In addition, most Americans have suffered a steadily eroding purchasing power because of the Federal Reserve's inflationary policies. This represents a real, if hidden, tax imposed on the American people….

From the Great Depression, to the stagflation of the seventies, to the burst of the dotcom bubble last year, every economic downturn suffered by the country over the last 80 years can be traced to Federal Reserve policy. The Fed has followed a consistent policy of flooding the economy with easy money, leading to a misallocation of resources and an artificial "boom" followed by a recession or depression when the Fed-created bubble bursts.” - Congressman Ron Paul, U.S. House of Representatives September 10, 2002

GOP Presidential Candidate Ron Paul was right back in 2002 and he is right today about abolishing the Federal Reserve and the necessity for the United State to return to a Gold Standard in order to protect the dollar from political and Wall Street banker manipulations which ultimately will destroy the dollar as a store of value and the financial security of millions of American investors and other innocent hard working citizens around the world.

For more information, read Ron Paul’s speech before Congress at:
http://www.house.gov/paul/congrec/congrec2002/cr091002b.htm


Sincerely,

The Undersigned

View Current Signatures

Israel's Leader Capital Markets CEO commits suicide

Israel's Leader Capital Markets CEO commits suicide

(Reuters) - The chief executive of Leader Capital Markets, one of Israel's top investment banks, has committed suicide, a company spokeswoman said on Sunday.

World

Danny Barak, 48, jumped from his office on the 17th floor of one of Tel Aviv's most prominent office towers on Friday, the spokeswoman said.

Barak, who is survived by his wife and four children, did not leave a note explaining his suicide.

"It is a mystery," the spokeswoman said.

Barak, who founded Leader Capital Markets, was CEO since 2001. He held 15.5 percent of the company, which is a subsidiary of Leader Holdings & Investments.

"Danny's professional abilities contributed to the establishment of Leader Capital Markets as a leading entity in Israel's capital market," Leader Capital Markets Chairman Yair Fudim said in a statement.

"Danny Barak's death is a heavy loss not just to our group but to the entire Israeli capital market."

Following the recent sale of Leader Holdings to businessman Dan David, Barak was due to step down as CEO in 2011 though he had been offered to stay on as chairman of Leader Capital Markets, the spokeswoman said.

The investment bank is engaged in underwriting, corporate research, securities trading for institutional investors and asset management.

Shares in Leader Capital Markets opened down 5.8 percent in Tel Aviv on Sunday morning.

(Reporting by Tova Cohen; Editing by Sugita Katyal)

sabato 19 giugno 2010

Il record assoluto delle balle di Tremonti

Il record assoluto delle balle.


Di Solange Manfredi

Ieri sera al TG2 delle 20.30 ho sentito l'intervista rilasciata dal nostro Ministro dell'Economia Tremonti


TG2 del 17/06/2010, ore 20.30, servizio 02, indirizzo:


So da tempo che la propaganda ha le sue regole, ma non credevo che in meno di un minuto si potesse giungere a tanto. In un minuto infatti è stato battuto il record delle falsità.


Vediamole una per una.


Il Ministro Tremonti esordisce così:

"Ho parlato con il presidente Berlusconi che è a Bruxelles. E' chiuso il vertice europeo. Ha ottenuto uno straordinario successo per il nostro paese ma non solo. La politica europea considera il debito pubblico, ma anche la sua dinamica e, soprattutto, la sua complessiva stabilità".


Stabilità? Ma di che sta parlando? Il nostro debito pubblico è in costante aumento, altro che stabile!


Ad aprile ha raggiunto i 1.812,7 miliardi. Livello mai raggiunto!


A marzo di quest'anno era di 1.797,7 miliardi di euro.


Lo ripeto: Il nostro debito pubblico è in costante e veloce aumento! Di quale stabilità stia parlando non si sa.


Il Ministro prosegue:


"Questo è un grande riconoscimento al Presidente Berlusconi, al Governo italiano e sopratutto mette l'Italia nella giusta posizione in Europa".


Grande riconoscimento? Giusta posizione? Ma se abbiamo uno dei debiti pubblici più alti al mondo! A seconda delle stime siamo tra il 5° (OCSE) e il 7° posto (FMI) tra i paesi più indebitati. Peggio di noi troviamo solo paesi come lo Zimbawe, Libano, Sudan o Giappone che, però, avendo ancora la sovranità monetaria possono correre ai ripari svalutando, noi no.


La nostra giusta posizione? Tra i paesi più indebitati del mondo, ecco la nostra GIUSTA posizione.

Ma ancora non basta, perché il Ministro, poi, afferma:

"Abbiamo ereditato un grande debito"


Da chi? La domanda è lecita visto che dal 2001 ad oggi hanno governato praticamente sempre loro, tranne una parentesi di due anni del governo Prodi (2006-2008). Sarebbe stato più corretto dire: "Abbiamo fatto un grande debito".


Ma il meglio deve ancora arrivare. Eccolo:


ma guardando avanti la dinamica è più lenta che in altri paesi, e poi abbiamo una grande ricchezza delle famiglie, abbiamo poco debito nelle imprese, abbiamo un sistema pensionistico molto stabile”.


Se non ci fosse da piangere verrebbe da ridere. Vediamo quale ricchezza delle famiglie, quale debito delle imprese, e quale sistema pensionistico. Andiamo con ordine:

- Ricchezza delle famiglie: Secondo gli ultimi dati della Banca d'Italia la crescita inerente l'indebitamento delle famiglie è in costante aumento e, soprattutto l'indebitamento continuerà a crescere. Vero che l'indebitamento delle famiglie italiane in rapporto al reddito disponibile è più basso di altri paesi europei, ma è anche vero che sta crescendo sempre più velocemente, il che vuol dire che i risparmi sono finiti e per accorgersene basterebbe uscire dal quel mondo di privilegi cui i nostri politici si sono arroccati. La realtà è sotto gli occhi di tutti, basta guardare;


- debito imprese: Le imprese italiane navigano in un mare di debiti. Tra prestiti fidi e crediti commerciali, negli ultimi dieci anni hanno accumulato un conto con le banche pari a 933 miliardi. Che per ogni impresa fa, in media, 176 mila 596 euro. Più che una marcia quella delle imprese è stata una corsa all' indebitamento, cresciuto negli ultimi 10 anni del 93,6% contro un' inflazione in salita del 23 (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2010/05/16/imprese-debiti-raddoppiati-in-10-anni.html);


- Sistema pensionistico stabile. "Le Casse di previdenza private sono destinate al crack. Entro il 2030 gli enti consumeranno i patrimoni per pagare le prestazioni, a meno di drastiche riforme. A lanciare l'allarme sui destini delle gestioni di previdenza dei professionisti è il ministro del Lavoro, Roberto Maroni, sulla scorta dell'analisi del Nucleo di valutazione sulla spesa previdenziale, che sarà presentata ufficialmente all'inizio di settembre" (sole 24 ore). Questo nel 2003. Da allora le cose sono peggiorate tanto che nell'ultimo decreto legge, le casse di previdenza vengono sostanzialmente commissariate. Infatti, secondo il decreto legge 78/2010, art. 8, comma 15: «Le operazioni di acquisto e vendita di immobili da parte degli enti pubblici e privati che gestiscono forme di previdenza obbligatorie di assistenza e previdenza, nonché le operazioni di utilizzo, da parte degli stessi enti, delle somme rinvenienti dall'alienazione degli immobili o delle quote di fondi immobiliari, sono subordinate alla verifica del rispetto dei saldi di finanza pubblica». Detto in altri termini significa che l'acquisto di immobili o l'utilizzo dei fondi derivanti dalla loro vendita, anche da parte degli enti privati, è subordinato a una specie di nullaosta del ministero del Lavoro, di concerto con l'Economia. Non è stata usata la parola commissariamento me nei fatti di questo si tratta. Le nostre casse previdenza sono così floride che negli ultimi tempi sono stati presi i seguenti provvedimenti:


a) sono stati tagliati e/o bloccati gli stipendi;
b) è stata aumentata l'età pensionabile;
c) le c.d. Buone uscite saranno pagate a rate se sopra i 90.000 euro;

d) le casse di previdenza sono state commissariate.

Un perfetto esempio di salute ferrea.

Alla fine il nostro Ministro dell'economia conclude:
“nell'insieme abbiamo un sistema molto sostenibile, se fosse stato diverso saremmo stati penalizzati, in questo modo, ripeto, il vertice è stato chiuso molto bene, con un ruolo molto importante del Presidente Berlusconi. Siamo in pista e abbiamo il biglietto che ci compete”.


Si, è vero, abbiamo proprio il biglietto che ci compete, al lettore stabilire fatto con quale "carta".

POMIGLIANO: SILENZIO SULL'ESSENZIALE!

POMIGLIANO: SILENZIO SULL'ESSENZIALE!

di Marco Della Luna

Abbiamo scelto un insieme di lavoratori con un’immagine francamente indifendibile per iniziare a introdurre deroghe altrimenti impresentabili, o perlomeno allarmanti, a diritti fondamentali e indisponibili. Questa è ingegneria sociale. Ma è anche solo l’inizio di un processo epocale.

L’immagine dei dipendenti Fiat di Pomigliano, vera o falsa che sia, è appunto pessima, indecente, indifendibile: decenni di impudente assenteismo, di finte malattie e finti certificati medici, record di improduttività, irresponsabilità e doppiolavorismo in malattia, infortunio e cassa integrazione.

Abbiamo detto a loro e a tutti: adesso siamo globalizzati e in recessione, voi state in competizione di libero mercato anche coi metalmeccanici cinesi; il capitale va dove le condizioni gli sono più favorevoli: è il libero mercato, il bene di tutti; se rinunciate a diritti economici sindacali e costituzionali con un libero referendum, allora investiamo i nostri soldi qui in Campania e vi diamo un reddito, altrimenti andiamo altrove.

Vedete voi.

La maggioranza dei sindacalisti e dei politici, e gli economisti di governo, approvano dichiarando che è una scelta dura ma positiva e realistica, intelligente, da prendere ad esempio, giustificata dalla necessità di attrarre investimenti, invertire la delocalizzazione e mantenere i posti di lavoro.

La FIOMM e pochi altri rifiutano dichiarando che è un ricatto con la minaccia della fame, e che su diritti fondamentali e costituzionali non si deve transigere; confidano che i giudici invalideranno le clausole che derogano ad essi.

Vi è chi ricorda che, come diceva Karl Marx, l’interesse e la tendenza obiettivi del capitalismo sono a massimizzare i profitti minimizzando i costi, quindi anche i salari, fino al livello di sussistenza e riproduzione della forza lavoro.

Io però direi fino al semplice livello di sussistenza, perché oggi la forza lavoro si trova già riprodotta gratis nel Terzo Mondo, a josa.

Basta lasciarla entrare, e arriva persino a proprie spese.

I costi sociali si scaricano sulla collettività.

Ambo i fronti hanno in parte torto, in parte ragione.

Ma entrambi mentono, anzi osservano il silenzio sull’essenziale, sulla vera causa del decadimento industriale occidentale......ossia sui seguenti fatti:

La competizione dei salariati italiani con quelli cinesi, anzi dell’Italia e dell’Occidente con la Cina, non è solo e non è tanto sui salari e sugli altri diritti del lavoratore, quanto e soprattutto sul fatto che in Italia, USA, Germania, Giappone etc. la spesa pubblica avviene mediante indebitamento dello Stato, e in Cina no.

E che quindi la Cina, diversamente da noi, può finanziare lo sviluppo senza debito.

E lo sviluppo senza debito è anche senza inflazione, perché:

  • il debito genera interessi passivi e tasse, che sono costi di produzione, quindi vanno a rincarare i prodotti e i servizi

  • la spesa pubblica senza debito, aumentando le infrastrutture, quindi la produttività e la produzione (offerta di beni e servizi), tiene bassi i prezzi anche se aumenta la domanda a seguito dell’aumento di liquidità
  • lo Stato, creando e immettendo moneta nella società, dà ad imprese e cittadini il denaro per pagare gli interessi sui crediti che ottengono.

Per contro, i paesi che non adottano questo sistema monetario, o uno simile – America, Giappone ed Europa in primis – hanno i grafici dell’indebitamento (pubblico e privato) in ascesa costante e sempre più rapida, e ricorrenti crisi di insoilvenza.

Si ammette oramai pubblicamente che gli stati non potranno mai pagare i loro debiti sovrani.

La loro massa monetaria è, infatti, interamente generata dal sistema bancario mediante creazione di debito di pari importo capitale e gravato di interesse composto, che determina, appunto, l’ascesa inevitabile e sempre più rapida dell’indebitamento e del costo del servizio del debito, cioè il drenaggio degli interessi passivi sui margini di profitto, fino a renderli negativi, come già avviene in molti settori produttivi, che hanno quindi chiuso o stanno chiudendo.

Oramai circa la metà dei costi di produzione è costituita da costi finanziari, diretti e indiretti – molto più dei costi del lavoro, soprattutto nelle produzioni a media e altra tecnologia.

Anche la Germania, entrata nell’Euro, è lontana dal modello renano di sviluppo, coi tassi intorno all’1%.

Quindi le nuove tecnologie, sostenute da maggiore disciplina, potranno sì, anche a Pomigliano, dare un recupero di produttività quindi competitività, ma sarà un fuoco di paglia: la curva esponenziale del costo del debito lo riassorbirà prestissimo.

E su tutto ciò le manovre e i tagli e i sacrifici non hanno influenza perché non toccano il meccanismo di fondo, che è quello della moneta-debito.

E’ come gettare a mare i mobili del Titanic che sta affondando perché ha la chiglia squarciata.

E vi è di più: la Cina non ha bisogno di adattarsi alle avide condizionalità del FMI e dei capitalisti sovrannazionali per attrarre capitali di investimento al fine di sviluppare la propria economia, dato che può generare la liquidità in proprio e senza debito e finanziare da sé lo sviluppo.

E ciò vale non solo per la concorrenza tra imprese e lavoratori cinesi e occidentali, ma anche per la concorrenza tra Cina e altri Stati, in fatto di creazione di infrastrutture di supporto all’economia.

Inoltre, non avendo bisogno di emettere titoli di debito pubblico per finanziare la propria spesa pubblica, la Cina non è esposta agli attacchi speculativi della finanza internazionale, tipo short selling, sul proprio debito pubblico; quindi non può essere depredata né ricattata come la Grecia o l’Italia.

Anzi, poiché il governo ritira la valuta straniera ricevuta in pagamento dagli esportatori cinesi cambiandola contro la valuta nazionale, esso può usare la valuta straniera per comperare bonds americani, europei etc. in quantità tali, da acquisire un potere di destabilizzazione e condizionamento su quei medesimi paesi.

Se non adotta il sistema monetario cinese, che libera la spesa pubblica dall’indebitamento, e che affranca dal capitale straniero (spesso di rapina), l’Italia, anzi l’Occidente, va semplicemente a fondo, anno dopo anno. Punto e fine.

Queste cose non le dice la FIOMM né gli altri sindacati, non le dice Tremonti né Trichet, non le dice Berlusconi né la Marcegaglia, né (quasi dimenticavo) il Bersani.

Silenzio sull’essenziale.

Anzi, tutti collaborano nel nasconderle all’opinione pubblica, agli imprenditori, ai lavoratori.

Tutti collaborano, pur con le loro divergenze di superficie, a costruire e confermare nella gente l’idea ingannevole che si tratti solo di un problema di concorrenza, di costi del lavoro, e che le variabili, le leve su cui si può agire siano quelle dei tagli, dei sacrifici, delle rinunce nella spesa pubblica e nei diritti di lavoratori, risparmiatori, contribuenti.

Quindi occorrono, e bastano, ragionevolezza e sopportazione per uscire dalla crisi (quella che già ieri era superata, naturalmente!).

Del resto, quelle inutili leve sono le uniche di cui i governi dispongano, visto che le leve che contano, quelle monetarie, sono saldamente in mani bancarie private, come le banche centrali.

Tanto saldamente, che i politici non ardiscono nemmeno parlarne.

Solo Tremonti ha fatto accenni a questi temi...

Dato che sacrifici, tagli e rinunce non possono avere, non hanno mai avuto, né mai avranno alcun effetto sulla causa reale e diretta del problema, essi vengono, oramai da almeno 15 anni, continuamente rinnovate perché sempre ci si accorge, pochi mesi dopo, che sono insufficienti.

Quindi i tagli dei diritti sindacali e costituzionali dei lavoratori di Pomigliano sono solamente l’inizio...

I tagli si allargheranno e si espanderanno via via che la curva del debito e conseguentemente degli interessi e della non-redditività delle imprese si impennerà nel suo andamento esponenziale.

Oggi li facciamo rinunciare a certi diritti di sciopero e di retribuzione in malattia come condizione per dargli una misera paga, domani li faremo rinunciare a tutele contro infortuni e malattie professionali per conservare il diritto alla pensione; dopodomani, a parte del pagamento in denaro se vogliono avere alloggio e servizi pubblici “liberalizzati”. Poi toccherà alla generalità dei cittadini, ai diritti civili e politici, iniziando con la privacy.

Per paesi sottoposti alla moneta-debito e alla sovranità monetaria privata delle banche il peggioramento delle condizioni di vita e di diritti nella competizione con paesi dotati di un sistema monetario come quello cinese, che sgancia la spesa pubblica dall’indebitamento, proseguirà senza limiti e recuperi.

E' come partecipare a una maratona tenendo le gambe nel sacco, con uno che ti bastona perché ti devi sforzare di più.

Taglio dopo taglio si arriva perciò inevitabilmente alle tensioni sociali in popolazioni che vengono rapidamente impoverite e alla necessità di gestirle con nuovi strumenti di polizia, di sorveglianza, di tutela dell’ordine pubblico e di law enforcement, ossia di imposizione della “legge”.

A questo fine sono state rese disponibili e vengono introdotte molte nuove tecnologie di monitoraggio, di tracciamento, di ispezione (vedi, da ultimo, Maroni che pare voglia introdurre il bodyscan anche nelle stazioni ferroviarie).

Vengono altresì derogate o abrogate norme che proibiscono l’uso delle forze armate sul territorio nazionale in funzione di ordine pubblico contro le proteste della popolazione (vedi l’abrogazione del Posse Comitatus negli USA, l’uso dell’esercito contro i cittadini che si opponevano alla lottizzazione privata di aree della Lousiana colpite dall’uragano Katrina, l’impiego dei mercenari contractors della Blackwater Corp. verso popolazioni civili).

Le stesse agitazioni sociali creano le condizioni politiche per imporre tali misure.

Certo, render noti questi fatti alla popolazione la renderebbe inutilmente ingovernabile, il che sarebbe ancora peggio, quindi non lo si fa.

Sappiano però FIOMM, Marcegaglia, Tremonti, Trichet, Bersani, Berlusconi, Draghi e compagni, che alcuni osservatori, pur comprendendo le loro ragioni, non bevono il loro catechismo economico.