lunedì 17 maggio 2010

AUTORIZZAZIONE MANIFESTAZIONE DEL 29 MAGGIO 2010

AUTORIZZAZIONE MANIFESTAZIONE DEL 29 MAGGIO 2010:
Circonderemo il MINISTERO DELLE FINANZE, sabato 29 maggio, in via XX (venti, in lettere, per i bancari) Settembre, a ROMA, dalle ore 15 alle 19





Greek Leader Considers Action Against US Banks

Greek Leader Considers Action Against US Banks

Greek leader says legal action against US investment banks possible for role in debt crisis

THE CRISIS ROUTE TO THE NEW WORLD ORDER

THE CRISIS ROUTE TO THE NEW WORLD ORDER

http://www.newswithviews.com/Spingola/images/Deanna_Spingola_com_hdr.jpg

Deanna Spingola
May 15, 2010
NewsWithViews.com

False Flag Operations

David Rockefeller said, “All we need is the right major crisis and the nations will accept the New World Order.” Rahm Emanuel said, “You never want a serious crisis to go to waste. And what I mean by that is an opportunity to do things you think you could not do before.” In the Project for a New American Century document Rebuilding America’s Defenses: Strategy, Forces and Resources for a New Century we find the following: “Further, the process of transformation, even if it brings revolutionary change, is likely to be a long one, absent some catastrophic and catalyzing event – like a new Pearl Harbor.”[1]

False Flag (choreographed catastrophes) operations have been used for generations for various motives: the seizure of additional land and/or natural/mineral resources (domestic or foreign), the acquisition of cheap labor, economic destabilization, the military depopulation of indigenous populations, the destruction of religious or political ideologies, the establishment of political tyranny or a coup d’etat (as experienced after 9/11with the establishment of the PATRIOT Act and the Department of Homeland Security), to assist an allegedly threatened ally or to protect U.S. citizens living in a foreign country. The foundational factor in the majority of all false flag operations is the imposition of greater restrictions on worldwide residential populations in order to implement internationalism or globalism, formerly known as the utopian New World Order under the direction of an elite hierarchy. False flag catastrophes include terrorist attacks, assassinations of political leaders, “natural” disasters, industrial “accidents,” armed assaults against citizens (Waco, Ruby Ridge, Kent State), economic assaults in the form of economic crashes like 1929 or more recently the banker bailouts, both massive redistribution scams. The prevailing feature in all of these circumstances, whether manmade or “natural,” is the transference of culpability followed by the government’s predictable exploitation of any and all circumstances.

False flag operations manipulate individuals, either dupes or well-paid, skilled operatives – who masquerade as purported enemy aggressors. Aircraft or ships are either camouflaged to conceal their identity or marked in such a way as to confuse witnesses. The operation is compartmentally constructed in such a way that individuals participate in a small part of the venture without knowing the entire scope of the operation. After the fact, their willing but unwary participation might insure their silence. False flag operations accelerated after the formation of government intelligence agencies, like the CIA, again at the behest of private interests with the ready assistance of the media who introduce false leads to sustain the preconceived cover story. A false flag operation where innocent people are murdered invariably supplies the pretext for a military invasion where even more killing occurs including unwary U.S. soldiers who believe they are fighting for their country.

Ambrose Pierce, the satirist, and creator of The Devil’s Dictionary defined politics as, “A strife of interests masquerading as a contest of principles, the conduct of public affairs for private advantage.” [2]

On January 24, 1898, during a Cuban insurrection against Spain, the USS Maine arrived at Havana, where it had been sent to allegedly protect some U.S. citizens living there. In reality, U.S. corporations, with about $50 million invested in the production and distribution of Cuban sugar and tobacco, had concerns about their investments. On February 15, 1898, while it was docked in Havana Harbor, a devastating explosion sank the ship. The incident killed 260 Americans. We now know that is was an internal explosion, not the result of an attack. However, the citizens were fueled by warmongers in the print media who pushed the slogan, “Remember the Maine! To hell with Spain.” Outraged citizens agreed to retaliate and go to war against Spain because of the incident. Congress, which was wholly controlled by private interests, declared war on April 25, 1898. Two days later, the U.S. sent 11,000 occupational troops to the resource-rich Philippines, a Spanish colony and the real target. The Filipinos resisted America’s “liberation” efforts for three years during which several thousand civilians were slaughtered. The strategic location of the Philippines would provide easier access to the riches of Asia, a highly populated area replete with abundant resources and almost numberless people who had been hoarding and passing down their gold and treasures for centuries.

With the deceptive establishment of the privately owned Federal Reserve printing press by a compromised Congress, large-scale, debt-based warfare became even more feasible, its costs being shifted to U.S. citizens and their children and grandchildren. World War I in Europe was initially provoked by the assassination of an Austrian Archduke. But that was hardly an interest to Americans who had to feel some sense of personal outrage in order to justify U.S. military participation in a foreign war where American soldiers were likely to be killed. The Lusitania, an armed British passenger vessel deceptively flew the American flag and carried ammunition from U.S. companies bound for belligerent Britain. The ship, described as “live bait” by Winston Churchill, a Rothschild minion, was deliberately sent into harm’s way.

Her military escort inexplicably withdrew and the ship dramatically slowed down and abandoned the defensive zigzag pattern of travel. In early February 1915, the British Admiralty, under the direction of Churchill, had ordered British merchant ships, like the Lusitania, to ram German submarines on sight. The Lusitania, borrowed by the British government and reclassified as an auxiliary cruiser, was equipped with bases for mounting guns.[3] Germany was aware of Churchill’s orders by February 15. On April 22, 1915, Germany, through its U.S. Embassy warned Americans not to travel on British ships in the war zone. They also paid to advertise the warning in The New York Times on that same day.[4] The warning was not printed in the Times until the day of departure. The Germans predictably attacked on May 7, 1915 and 785 people, including 128 Americans perished, but it ultimately got the U.S. into World War I.

Lenin said, “The first World War gave us Russia, while the Second World War will hand Europe to us.”[5] For Lenin, a true Marxist, world revolution was the goal. World War I followed immediately by the Bolshevik Revolution subjugated only one country under communist rule, Russia. Lenin’s Bolshevik party was financed wholly by some of the same international bankers who instigated the Federal Reserve. In 1916, Lenin recognized that war was simply a revolution on a massive scale and professed that the world would need another war, as one was insufficient.[6] Before the Czar’s assassination and the usurpation of Russia’s government, Lenin said, “After Russia we will take Eastern Europe, then the masses of Asia, then we will encircle the United States which will be the last bastion of capitalism. We will not have to attack. It will fall like an overripe fruit into our hands.”[7] This would be accomplished through infiltration, all the while using the Hegelian dialectic of controlled opposition – as used by Lenin. Control the opposition, the proverbial right-left cultural division, in order to assure the desired result – total takeover and communization of the U.S.

Stalin (Iosef Vissarionovich Dzhugashvili), nicknamed Soso, was an agitator, terrorist and a murderer, along with his Bolshevik comrades. Beginning in 1902, he worked at the Rothschild oil refinery in Batumi. He probably still worked for the Rothschilds when he moved to the Baku area in 1907.[8]“Oil tycoons” made contributions to the Bolsheviks. Berta Nussimbaum, wife of oil baron, financed Stalin’s communist press. Rothschild’s managing director, David Landau, personally made regular contributions to Stalin. David Sagirashvili, a Menshevik, knew Stalin in Baku and claimed he engaged in routine kidnappings after which he demanded ransom.[9] The Mensheviks, a less violent faction of the Russian revolutionary movement, emerged in 1904. The word Bolshevism was Russian and would have to be appropriately changed for each country.

Stalin always favored the more violent approach and ultimately killed millions, even during peacetime – in the gulags (slave labor camps), and in the Ukraine where five to ten million were deliberately starved to death during Stalin’s imposed famine during the winter of 1932-1933. Despite knowledge of Stalin’s horrific genocidal crimes against humanity, Franklin D. Roosevelt, a like-minded individual, officially recognized the legitimacy of the government of the Soviet Union, without Congressional approval. This later enabled the Soviet Union to fully participate in the banker-supported United Nations, situated on land donated by banker John D. Rockefeller Jr. whose illustrious family made their millions via Rothschild support. Roosevelt, whose administration was knowingly filled with Communist agitators and Soviet spies, did as much to promote communism, even in this country, as any revolutionary Communist.

Churchill’s estate mortgage was paid off by the “Jewish European financiers,” known as the Focus Group. Churchill then arranged a meeting with these bankers and Franklin D. Roosevelt in order to get the U.S. into war through the back door.[10] Churchill and Roosevelt monitored the entire progress of the Japanese as they approached Pearl Harbor. After months of illegally blockading Japan which totally depended on imports to survive, the Japanese predictably attacked – all according to Henry L. Stimson’s strategy. He was a Standard Oil attorney and a member of Skull and Bones (appropriately known as the Brotherhood of Death). The attack on Pearl Harbor got America into a two-front war – with Japan and her European ally, Germany. Japan’s assault on Pearl Harbor killed 2,345 U.S. military men and injured another 1,100 people.

Fortuitously, the U.S. government had already withdrawn their newer ships and planes to save them from destruction. Obligatory commissions, some by independent entities, were convened to investigate. Foreknowledge of the event, if not actual participation, was verified, but the compromised media deliberately concealed all conclusions that divulged U.S. government participation. For part two click below.

On April 27, 1961, in an address to newspaper publishers, President Kennedy said the following regarding Freemasonry, “The very word ‘secrecy’ is repugnant in a free and open society; and we are as a people inherently and historically opposed to secret societies, to secret oaths and to secret proceedings. We decided long ago that the dangers of excessive and unwarranted concealment of pertinent facts far outweighed the dangers which are cited to justify it.” Kennedy, by his rhetoric and his actions did not support the nefarious schemes of those who covertly arrange all wars through their secret society associations and false flag operations. On June 28, 1961, Kennedy fired CIA Director Allen Dulles, former Wall Street lawyer and attempted to strip the CIA of all power with NSAM 55 and NSAM 57.[11] Kennedy was also against Israel’s development of a nuclear weapon. On October 9, 1997, the Washington Jewish Week reported, “Israel need not apologize for the assassination or destruction of those who seek to destroy it. The first order of business for any country is the protection of its people.”[12] That last sentence is a bit duplicitous and disingenuous, given the support and billions of dollars that the economically-stressed U.S. has given to Israel at the expense of our own economic security.

Apparently our politicians have other loyalties. Almost 300 members of Congress signed a declaration reaffirming their commitment to “the unbreakable bond that exists” between the U.S. and the State of Israel in a letter to Secretary of State Hillary Clinton.[13] George Washington warned us, “Against the insidious wiles of foreign influence…the jealousy of a free people ought to be constantly awake, since history and experience prove that foreign influence is one of the most baneful foes of republican government…Excessive partiality for one foreign nation and excessive dislike of another cause those whom they actuate to see danger only on one side…The great rule of conduct for us in regard to foreign nations is in extending our commercial relations, to have with them as little political connection as possible.” [14]

Allen Dulles would later participate on the Warren Commission which concealed the facts regarding John F. Kennedy’s assassination, a combined CIA/Mossad operation blamed on a lone gunman who was immediately killed. The astute allegations of Michael Collins Piper in Final Judgment, the Missing Link in the JFK Assassination Conspiracy were verified in the Jerusalem Post on July 25, 2004 by Mordechai Vanunu, a former Israeli nuclear technician[15] and shift manager at the Negev Nuclear Research Center from 1976 to 1985. He was troubled by Israel’s nuclear weapons program and their war strategies. Probably because of his views and activism, he was laid off from Dimona in 1985 and soon left the country for Sydney, Australia where he converted to Christianity. In Australia, he revealed Israel’s covert nuclear program to Peter Hounam of the British press. On October 5, 1986, a front-page story appeared in The Sunday Times, “Revealed: the secrets of Israel's nuclear arsenal.” Thereafter, Vanunu was drugged and kidnapped with the help of Israeli Mossad agent Cheryl Bentov who deceptively befriended him. He was taken to Israel, tried behind closed doors and sentenced on February 27, 1988. Vanunu spent eighteen years in prison, eleven of which were in solitary confinement. He was released on April 21, 2004.[16] According to satellite images, by February 1991, during the Gulf War, Israel had fired six to eight rounds of low-yield, miniaturized nuclear weapons from the Negev desert on Baghdad, 600 miles away. [17]

Following World War II, according to the Rhode Island Freemason Newsletter, “Lyman Lemnitzer was a military planner,” as was his good friend, Dwight D. Eisenhower.[18] During Kennedy’s administration, Lemnitzer, a 33rd Degree Freemason and Chairman of the Joint Chiefs of Staff, and others proffered a document entitled Justification for U.S. Military Intervention in Cuba,[19] dated March 13, 1962, which recommended a false flag attack against the U.S. with the blame to be put on Cuba, which would then justify a retaliatory strike against that country. Their plan, called Operation Northwoods, may have originated with President Eisenhower and might even involve the killing of American citizens, the hijacking of planes and false arrests.[20] Per the document, “We could develop a Communist Cuban terror campaign in the Miami area, in other Florida cities and even in Washington.” They could target a specific ethnic group who would be incorrectly vilified as terrorists.[21] Or, Lemnitzer said, “We could blow up a U.S. ship in Guantánamo Bay and blame Cuba.” Further, he suggested that they could create “casualty lists in U.S. newspapers” to provoke “national indignation.”[22] They could paint a CIA plane to look like a commercial plane and then swap the real plane with a drone. Lemnitzer wasn’t intending to free the Cuban people who supported Castro, but rather, “Forces would assure rapid essential military control of Cuba” where “continued police action would be required.” The details of Operation Northwoods, under Operation Mongoose, were concealed for over forty years. Lemnitzer thought that all of the copies were destroyed.[23]

Kennedy absolutely opposed Operation Northwoods, planned to withdraw troops from Vietnam, was determined to prevent Israel from becoming a nuclear state per Kennedy’s “harsh” letter of July 5, 1963 to Prime Minister Levi Eshkol,[24] and threatened to break up the CIA, an organization wholly devoted to protecting Wall Street interests. Elizabeth Forsling Harris, a public relations executive with CIA connections was in charge of planning Kennedy’s Dallas motorcade route.[25] On that fateful day in Dallas Kennedy, like the Lusitania, was deliberately sent into harm’s way, security policies were altered and Kennedy’s protective forces were inexplicably withdrawn and he was brutally assassinated on November 22, 1963, an event which essentially functioned as another political coup.[26] Operation Northwoods, or other false-flag attacks perpetrated against America, could now be implemented as regular policy with the able assistance of the CIA, still intact.

On November 29, 1963, the newly installed President Lyndon B. Johnson, a Freemason,[27] convened the Commission on the Assassination of President Kennedy, known as the Warren Commission from its chairman, Chief Justice Earl Warren. On September 24, 1964, the Commission presented its 888-page final report which claimed that Lee Harvey Oswald acted alone. Commission member, Gerald Ford, also a Freemason, according to declassified files, admitted that he persuaded the Commission to state that Kennedy’s back wound was several inches higher than it really was. Ford and Arlen Specter, another commission member, promoted the implausible single bullet theory. [28]

Ford, perhaps as a reward, would be installed as Vice President on December 6, 1973 when Spiro Agnew was ousted over tax issues. Rockefeller agent, Henry Kissinger orchestrated Watergate, a media circus that got rid of Nixon and ultimately politically benefited Kissinger, Ford and Rockefeller.[29] Attorney Hillary Rodham, along with Fred Thompson, Trent Lott, and Howard Baker,[30] were on the legal staff of the House Judiciary Committee during the Watergate fiasco to help prepare articles of impeachment against Nixon. Rodham landed this job right out of law school, thanks to Ted Kennedy and Burke Marshall. Allegedly, her legal procedures were ethically flawed.[31] [32] On August 9, 1974, Ford became president of the U.S. after Nixon’s resignation. Ford, the unelected president, unconditionally pardoned Nixon and carried out the banker’s agenda as every president has done since Johnson took office after Kennedy’s assassination. For part three click below.

The USS Maddox was allegedly assaulted by three North Vietnamese torpedo boats in the Gulf of Tonkin on August 2, 1964, followed by an incident on August 4, 1964. There were no U.S. casualties in either incident. However, President Johnson obtained the Gulf of Tonkin Resolution which was co-authored by brothers McGeorge and William P. Bundy (both members of Skull & Bones). William P. Bundy was the chief architect of the Vietnam War.[33] At the request of CFR Chairman, David Rockefeller, William Bundy served as editor or the CFR magazine Foreign Affairs from 1972 to 1984.[34] Those who arrange all wars propelled the U.S. and her citizens into an expensive, bloody, devastating, lengthy war against a country that hadn’t actually attacked us, a fact that was revealed by declassified documents in 2005. Author James Bamford states that Lemnitzer advocated nuclear war in Vietnam. In terms of lives, the war cost the lives of almost 60,000 U.S. citizens and four million Vietnamese and Cambodian (secret bombing) residents.

The U.S. has found it more expedient and less expensive to train and arm “local cannon fodder” or “indigenous ethnic or religious groups” to slaughter each other. The U.S. did this in Vietnam. Green Berets trained the Montagnards, the people in the southern highlands. The CIA’s Air America flew arms and other supplies into the remote Hmong villages and flew opium out – “to supply American troops fighting in Vietnam” and the vast international market. [35]

False flags, including the 1967 Israeli attack on the USS Liberty with blame to be placed on Egypt, the first attack at the World Trade Center, Oklahoma City, 9/11 followed by two U.S. invasions – Afghanistan and Iraq, the anthrax scare (origin – Fort Detrick), the numerous threats and allegedly failed terrorist attacks – the Christmas bomber, the Times Square bomb incident perpetrated by accused bomber Faisal Shahzad, an alleged member of a British MI6 and the CIA-controlled terrorist organization who,[36] apparently after extensive training from the Pakistani Taliban, created a dud bomb incapable of exploding. Consequently, Senators Joe Lieberman and Scott Brown, along with Representatives Jason Altmire and Charlie Dent want to pass legislation that would eliminate, without due process, the citizenship of anyone even suspected of affiliating with a “foreign terrorist organization” with the exception of the Israel Defense Forces (IDF).[37] The Jewish Defense League (JDL), according to the FBI in 2001, is “a right-wing terrorist group.” Also, according to the FBI, the JDL has plotted numerous terrorist attacks within the U.S. The organization, founded by Rabbi Meir Kahane, is no longer categorized as a terrorist organization. So, apparently, U.S. citizens, some with duel citizenship, involved with either the IDF or the JDL will not have to forfeit their U.S. citizenship.

Another person who purportedly went off the deep end and perpetrated a massacre at Fort Hood, Texas on November 6, 2009 similar to Columbine (April 20, 1999). Other questionable catastrophes, not currently categorized as false flag events, still provide the exploitive circumstances for the imposition of tyrannical legislation and regulations. For as Rahm Emanuel said, “You never want a serious crisis to go to waste. And what I mean by that is an opportunity to do things you think you could not do before.”

These catastrophes include the US Airways Flight 1549 being ditched in the Hudson River adjacent Manhattan, New York City, on January 15, 2009. Polish President Lech Kaczynski, along with numerous other opposition party officials, died in a mysterious plane crash in Smolensk, Russia on April 10, 2010. This “accident” probably had more to do with Kaczynski’s opposition to a $100 billion dollar contract with Russia’s Gazprom Gas deal than with problematic weather. It would have made Poland 100% dependent on Russian gas for the next 28 years.[38] See the remarkable digital enhancement of the amateur plane crash site footage.

There was the 9.0 earthquake that struck the Indian Ocean region on December 26, 2004 with the resultant tsunami which killed approximately a quarter of a million people. Americans and their European allies were immediately aware of this earthquake due to location of various seismic stations and satellites. The officials, including those at one of those bases, Diego Garcia failed to notify the predominantly Muslim countries in the path of tsunami.[39] Diego Garcia, the U.S. military base in the Indian Ocean, from which the U.S. stages bombing assaults in the Middle East, which was directly in the path of the tsunami experienced no apparent damage.[40] Then there was the cataclysmic earthquake on just half of an island – oil-rich Haiti, followed by militarized aid. In other words, selective assistance to the survivors based on their obedience.

Rhetoric about the Times Square bomber has preempted the more devastating news about Deepwater Horizon, owned by Transocean Limited, the world's largest offshore drilling contractor, and leased to BP, which caught fire on April 20, and exploded killing 11 people. It was insured for $560 million.[41] This crisis resulted in the worst oil spill in history – 5,000 barrels of oil spilling into the sea each day.[42] The Rothschilds own a controlling share of the BP stock. BP, despite an egregious safety record, got an exemption and a cap on damages from the National Environmental Policy Act rules on April 6, 2009 and then lobbied to expand those exemptions just eleven days before the explosion.[43] BP, according to a law passed after the 1989 Exxon Valdez spill limits cleanup costs liability to no more than $75 million although legislation is being introduced to increase liability to $10 billion, retroactively.[44] BP is also responsible for the biggest oil spill ever to occur on Alaska’s North Slope.[45] The Rothschilds, by lending money for Halliburton’s clean-up operations will make profits. The failed cement casing had been installed by Halliburton and this is the second time within a year that a Halliburton casing has catastrophically failed on an oilrig.

As if Katrina, which hit the Gulf Coast the end of August 2005, didn’t do enough economic damage and forced relocation of residents in the gulf coast states, this oil spill only furthers the devastation. Louisiana’s fishing industry, according to Business Week, has a retail value of $1.8 billion while others claim it is even higher. Louisiana supplies a third of the nation’s oysters and a quarter of all its seafood. The industry employs some 90,000 people in Louisiana. Unfortunately, the “accident” coincides with the opening of the shrimp season, May 16. Mississippi and Alabama are also very dependent on the fishing industry. [46]

On April 30, 2010, the press reported that President Obama has reversed his decision to lift the moratorium on certain offshore drilling. No new oil drilling will be authorized until authorities discover the causes of the explosion of the Deepwater Horizon rig. Deepwater received a safety award in 2009. Lindsey Williams claims that the Gulf incident was sabotage and states that the technology was too advanced for such explosions to occur.

Former Colorado Senator Ken Salazar, a globalist pawn for the Nature Conservancy, thought nothing of seizing land from Colorado ranchers in the purported interest of conservation; he was confirmed as Interior Secretary on January 20, 2009. Since April 2009, hundreds of farmers in the San Joaquin valley in Central California have been targeted by U.S. government domestic terrorists who turned off the water in the formerly fertile Fresno area which is about to be turned into a desert. This created forty percent unemployment in the valley. Farmers in the San Joaquin valley grow about 25 % of the Nation's food supply. These decisions caused hundreds of millions of dollars in crop losses.

On May 2, 2010, U.S. Interior Secretary Salazar said, “Our job basically is to keep the boot on the neck of BP.” Interestingly, the Bureau of Land Management, under the direction of the Department of the Interior, conducted a surprise inspection on the oilrig two hours before it exploded.

In 1969, Dr. Richard Day, an admitted “insider” delivered an invitation-only lecture about the “new world system” in which he defined the changes, according to an actual timetable, that would be accomplished by the year 2000 which included the following:

• Travel restrictions will occur. It will be considered a privilege! People will need permission and a good reason to travel. An under-the-skin implantation device will be developed, coded specifically to identify each individual to accommodate government surveillance through radio signals.

• More airplane and auto accidents will occur contributing to a general feeling of insecurity. This will also initiate more government regulations.

• Manufacturing will be curtailed in order to give other countries a chance to build their industries in order to compete against the United States. Our heavy industries will be deliberately cut back while the same industries are developed in other countries, notably Japan.

• Food supplies will be centralized and come under tight control. If population growth doesn’t slow down, food shortages can be orchestrated to scare or starve people into accepting the theory of overpopulation. Personal gardens and perhaps small farms will be eliminated.

• Dr. Day said, “We can or soon will be able to control the weather…“I'm not merely referring to dropping iodide crystals into the clouds to precipitate rain that’s already there, but REAL control." And weather will be used as a weapon of war, a weapon for influencing public policy or perhaps habitation patterns.

• Terrorism, once thought unnecessary in the United States, will be used by necessity if the United States does not move rapidly enough into accepting the new system.[47]


Footnotes:

1, Rebuilding America’s Defenses: Strategy, Forces and Resources for a New Century, p.51
2, The Devil’s Dictionary by Ambrose Bierce, Dover Publications, 1958, p. 101
3, Tragedy and Hope, a History of the world in Our Time by Carroll Quigley, The Macmillan Company, New York, 1966, pp. 250-251
4, Winston S. Churchill, 1874-1965: A Comprehensive Historiography and Annotated Bibliography by Eugene L. Rasor, Greenwood Press, Westport, Connecticut, 2000, pp. 74-75
5, The Money Manipulators by June Grem, Enterprise Publications, Inc. Oak Park, Illinois, 1971, pp. 109-110
6, The Chief Culprit, Stalin’s Grand Design to Start World War II by Viktor Suvorov, Naval Institute Press, Annapolis, Maryland, 2008, p. 2
7, Wake-Up America-It's Later Than You Think! by Robert Preston, Hawkes Publishing, Salt Lake City, Utah, 1979, p. 16
8, Young Stalin by Simon Sebag Montefiore, Random House, New York, 2007, pp. 62, 186; Sir Evelyn de Rothschild gave Montefiore access to the Rothschild archives in Britain and France where Melanie Asprey investigated the Stalin connections to the Rothschilds p. 383.
9, Young Stalin by Simon Sebag Montefiore, Random House, New York, 2007, p. 197
10, Barbarians Inside the Gates, the Black Book of Bolshevism, Book 1: The Serpent’s Sting by Donn de Grand Pré, GSG & Associates, San Pedro, California, 2000, p. 60
11, The Secret Team, the CIA and Its Allies in Control of the United States and the World by L. Fletcher Prouty Col., U.S. Air Force, Skyhorse Publishing, New York, 2008, pp. 482-483.
12, Final Judgment, the Missing Link in the JFCK Assassination Conspiracy by Michael Collins Piper, American Free Press, Washington, DC, 2005, introduction.
13, Nearly 300 Congress Members Declare Commitment to 'Unbreakable' U.S.-Israel Bond
14, Washington's Farewell Address 1796.
15, Final Judgment, the Missing Link in the JFCK Assassination Conspiracy by Michael Collins Piper, American Free Press, Washington, DC, 2005, introduction.
16, Israeli nuclear spy released by Walt Rodgers and Paula Hancocks, CNN
17, The 9/11 Whistle-Blowers - Col. Donn de Grand-Pre, U.S. Army (ret.), Transcript: Alex Jones Interviews Col. Donn de Grand-Pre, U.S. Army (ret.): Explosive New 9/11, Revelations and Explanations, p. 3.
18, Rhode Island Freemason Newsletter, Grand Lodge of Rhode Island Established 1791, Volume Thirty-two, Issue Six, November/December 2007, p. 13
19, Northwoods Documents, March 13, 1962, 15 pp. See also: Northwoods Pentagon Files.
20, Body of Secrets, Anatomy of the Ultra-Secret National Security Agency From the Cold War Through the Dawn of the New Century by James Bamford, Doubleday, New York, 2001, pp. 82, 85.
21, Pentagon Proposed Pretexts for Invasion of Cuba.
22, Body of Secrets, Anatomy of the Ultra-Secret National Security Agency From the Cold War Through the Dawn of the New Century by James Bamford, Doubleday, New York, 2001, p. 84.
23, Body of Secrets, Anatomy of the Ultra-Secret National Security Agency From the Cold War Through the Dawn of the New Century by James Bamford, Doubleday, New York, 2001, pp. 86-87, 88.
24, Israel and the Bomb by Avner Cohen, Columbia University Press, New York, 1998, p. 156
25, Feminist Gloria Steinem of the CIA, Portland Independent Media Center
26, JFK, the CIA, Vietnam, and the Plot to Assassinate John F. Kennedy by L. Fletcher Prouty, Carol Publishing Group, New York, 1992, pp. 314-315
27, Codex Magica, secret Signs, Mysterious Symbols, and Hidden Codes of the Illuminati by Texe Marrs, River Crest Publishing Austin, Texas, 2006, p. 150
28, Gerald Ford - Warren Commission Kennedy Assassination Cover-up
29, George Bush: The Unauthorized Biography --- by Webster G. Tarpley & Anton Chaitkin, Chapter 7.
30, Watergate Survivors by Jeanne Meserve, June 12, 1997
31, Without Honor: Crimes of Camelot and the Impeachment of President Nixon by Jerry Zeifman, New York: Thunder's Mouth Press, 1995, Chapter 1
32, Hillary Rodham's 1974 Watergate “Procedures were Ethically Flawed,” by Jerry Zeifman, August 16. 1999
33, William Bundy
34, History of the CFR, Consensus Endangered
35, The Sorrows of Empire, Militarism, Secrecy and the End of the Republic by Chalmers Johnson, The American Empire Project, Metropolitan Books, New York, 2004, pp. 131-134
36, Times Square Bomber Linked With CIA-Controlled Terror Group by Paul Joseph Watson, Prison Planet.com
Thursday, May 6, 2010
37, Is Faisal Shahzad Crazy? If so, he's far from alone by Justin Raimondo, AntiWar.com, May 7, 2010
38, Was the Polish President killed over landmark gas deal? by Jane Burgermeister
39, Foreknowledge of A Natural Disaster: Washington was aware that a deadly Tidal Wave was building up in the Indian Ocean by Michel Chossudovsky, December 29, 2004
40, Bush’s response to South Asia disaster: indifference compounded by political incompetence By Patrick Martin, 30 December 30, 2004
41, Gulf of Mexico Oil Spill Creates Environmental and Political Dilemmas by Steven Mufson, Washington Post,
April 27, 2010
42, The Potential Economic Impact of the Louisiana Oil Spillage by Jennifer Young, May 3, 2010
43, U.S. exempted BP's Gulf of Mexico Drilling From Environmental Impact Study by Juliet Eilperin, Washington Post, May 5, 2010
44, Oil Spill Concerns Turn to Compensation by Juliet Eilperin, Washington Post, May 4, 2010
45, BP's trail of Accidents, Scandals Stretches to Alaska by Craig Welch, Seattle Times, May 6, 2010
46, The Potential Economic Impact of the Louisiana Oil Spillage by Jennifer Young, May 3, 2010
47, New Order of Barbarians - Transcript of Tapes I-III

Paper currencies 'on last legs'

Paper currencies 'on last legs,' Tocqueville's Hathaway tells King World News

Section:

9p ET Sunday, May 16, 2010

Dear Friend of GATA and Gold:

"The world of paper currencies is on its last legs," Tocqueville Funds portfolio manager John Hathaway told Eric King of King World News last week in a 10-minute interview. Hathaway predicted that there will be a scramble to acquire the better junior gold-mining companies. He also said gold has much catching up to do with the recent growth in financial instruments. You can listen to the interview at the King World News Internet site here:

http://www.kingworldnews.com/kingworldnews/Broadcast/Entries/2010/5/15_J...

CHRIS POWELL, Secretary/Treasurer
Gold Anti-Trust Action Committee Inc.



domenica 16 maggio 2010

Financial Fraud. How It Works: Madoff

Financial Fraud. How It Works. The Truth behind the Madoff Investment Scandal



Global Research, May 16, 2010


ANDOVER, MA—The mass media is not telling the entire truth about the Bernie Madoff scandal and that is contributing to the suffering of the victims of the largest investment scandal in history. Massachusetts School of Law Dean Lawrence Velvel ought to know; he’s one of them.

“Let me tell you the things you don’t know,” said Velvel, who has written extensively on the complex subject in books and blogs and hosted several television programs dealing with the Madoff affair. “The media isn’t telling the whole story because they generally focus only on the very wealthy people who were taken in. But the vast majority of the victims are ordinary people, like you and me, and they are the ones who are now left twisting in the wind. It looks to us like the wealthy are being helped now while the average bloke who put in $500,000 or $750,000 and who needed to use the income in order to live is being hurt.”

Velvel is actively involved in the appeal of a recent federal decision that denied recoveries to thousands of small investors.

“Now every investor is at risk because you don’t know until the whistle is blown that you’ve been investing in a Ponzi scheme. You think you’ve got some protection, but you don’t. That’s because they won’t use your final statement (to determine a settlement). And your final statement is all you have these days now that you don’t get securities anymore.”

Velvel brought up the example of the Federal Depositors Insurance Corporation (FDIC), which is designed to protect bank deposits up to a six-figure amount and insure that people’s hard-earned money and life savings don’t go up in smoke.

“Imagine if you get a statement from your bank every month,” he said. “It’s got on it what you think you’ve got in your account, but then one day someone sends you a letter that says ‘Sorry; the whole thing is worthless. It was a fraud!’”.

That is what happened to those taken in by Madoff. As far back as 2000, Gretchen Morgenson, who writes the Market Watch column in the Sunday New York Times Money and Business section, published an article about the Securities Investor Protection Corporation (SIPC), which was created to be the first line of defense in the event a brokerage firm fails while owing investors cash and assets. Yet nobody did anything about the Madoff fraud despite the rumors all over Wall Street that Madoff’s way of doing business just wasn’t “kosher.” Nobody that is, except for Harry Markopolos, who has subsequently written an expose. There was at least one other financial professional who believed the investors were at risk.

“There was a fellow whom the SEC Inspector General said was a respected hedge fund manager, but his name was kept secret,” said Velvel. “He sent materials to the SEC in 2003, but he was ignored. Lots of other people on Wall Street knew that Madoff wasn’t kosher, including Goldman Sachs. But ordinary people, small investors, knew nothing of this.”

In Velvel’s opinion, some of the biggest financial concerns on Wall Street are also to blame.

“How is it that Chase Manhattan and JP Morgan did not know?” he wondered. “Chase and then JP Morgan Chase held Madoff’s account there, and he put all of the money into a single account. There was up to $17- to $20 billion in that account. They made a fortune off of him. Somehow or other, they never took into account that he wasn’t receiving or sending any money to brokers. Somehow, Chase and Morgan never noticed that money wasn’t coming into this huge account from stocks and other investments. If he had been trading securities and trading options, he would have to have been sending money to brokers and they would have had to have been sending money to him. It is unbelievable.”

Velvel said that it is also difficult to understand why there was no external custodian in place for those accounts and the disgraced financier was allowed to act as his own custodian. He said that the big firms which sent business to Madoff, and in turn were making a fortune from feeding clients to him, received the de facto equivalent of bribes.

“All the SEC had to do was call the Depository Trust Company and ask how many shares Madoff had in any given corporation,” Velvel explained. “The SEC can do that. Ordinary investors cannot; the DTC won’t give them information. As an investor, all you have is that last statement from the broker. But the day after the story finally broke, Madoff didn’t have anything there. The SEC did call finally, but only after the story broke.”

The majority of those who held a large position with Madoff only to become his victims are highly intelligent, well educated, and successful people. Yet they were caught in the greatest investment scam of the century, and arguably, of all time.

Velvel detailed how Madoff was able to get away with so much for so long. The now convicted felon employed the “split strike conversion” strategy of using options to insure against any losses and limit an investor’s downside as well as an upside. Even though there are funds, such as Gateway, which actually use that system successfully, it is a strategy that is not widely used in the financial world but is fairly well known nonetheless.

“In 1992, the Securities and Exchange Commission(SEC) did what it never does, and that was to make a public announcement that there was no fraud going on with Madoff. Had they not done that, many people, including me, would not have invested,” said Velvel. “They also are partly responsible for what happened.”

Madoff was getting away with defrauding his investors because, as the Dean explained by using a baseball analogy, he was swinging for singles.

“This strategy was explained to me by none other than the sainted Frank DiPascali (Madoff's now disgraced former chief financial officer),” he said with irony. “People question whether the returns were too good to be true, but they were actually conservative. Madoff’s returns were no more successful that those of Warren Buffet or Bill Miller, who beat the S&P returns for 11 or 12 straight years. Those of us who invested thought it was a conservative investment. It seemed like a very intelligent investment. It didn’t seem inconceivable that Bernie Madoff was some kind of genius like Buffet and Miller who could do what he said. It was a plausible deal because they were going for singles and not swinging for the fences.”

The other reason that Madoff and his strategy seemed conservative rather than greedy was investors were paying federal income taxes at the ordinary rate of 33 to 35 percent, not capital gains taxes that were around 15 to18 percent. Moreover, Madoff demanded absolute secrecy about his dealings and he got it.

“He was bribing all the hedge fund managers,” said Velvel. “They were getting a four percent commission every year on all of the money they brought in. They also took 20 percent of the profits, and there were no years when there were no profits. People say now that we should have done more due diligence. We didn’t have the power to see his books and he wasn’t going to answer any questions from anyone. We depended on the professionals and the SEC, and they sold investors down the river.”

Madoff also used the age-old tactic of “affinity investment” successfully. Because he was Jewish, he insinuated himself with the Jewish communities of New York, Boston, Florida, Minneapolis, and Los Angeles. People felt comfortable giving their money to him. That is not to say that suspicions were not raised along the way in the minds of wealthy institutions and investors who could afford to use financial professionals to perform “due diligence.”

“There were red flags,” Said Velvel. “Some of the rich -- like Wall Street movers, wealthy Arabs and huge domestic and foreign banks -- concluded that there were not enough options in the world to float Madoff’s strategy. If he were buying and selling, they couldn’t see the slight movements in the markets that you would have expected. Madoff was not even buying securities. On the days that Madoff said he was making huge trades, there was no movement in the market.” But those who suspected fraud did not blow the whistle to the SEC, with only very few exceptions -- whom the SEC ignored.

Velvel said that although the SEC investigated Madoff on five occasions, the agency never once tried to find out if enough options had been available to be traded. That would have exposed the Ponzi scheme immediately.

He’s just as bad as Allen Stanford,” the Dean said. “Stanford stole $7 billion or $8 billion in another Ponzi scheme from 1997 onward and he was never investigated either, although he was crooked too.”

Velvel said that the only reason Madoff’s scheme collapsed was that the world financial markets went into deep decline in 1997-98 and people needed to get their money back from Madoff. Velvel explained that of the $17 billion that had been in Madoff’s account, only about $170 million remained by December 11, 2008.

After Madoff’s thievery was exposed, he eventually struck a plea bargain and was sentenced to 150 years in a federal prison.

“This is what’s happened since it all collapsed,” said Velvel, who is part of some groups trying to obtain restitutionary legislation to help the victims. “I think it was a tremendous mistake to accept his guilty plea. I filed a paper asking the judge (Denny Chin) not to accept the guilty plea. The plea permitted the government and Madoff to keep everything hidden. It would all have come out in a trial and that would have been helpful for the victims to obtain restitution. But there was a public outcry to put Madoff in jail and throw away the key. A lot of things remain unexplained and I think the acceptance of the guilty plea is a major problem.”

Velvel then took aim at SIPC for not helping the smaller investors who have been so gravely damaged. “SIPC is ignoring Congressional intent in order to protect its own funds and the jobs of its managers, whom I correctly said were making $400,000 to $700,000 even a few years ago,” he said. “SIPC will not provide the information needed to know what kinds or classes of people are being hurt by what it is doing or what kinds of classes of people are being helped.”

Velvel said that in the Madoff case SIPC, which was designed to protect victims, changed the methodology of how people get paid if their broker went bankrupt. It said that, if an investor took out more money than he or she had put in, because his statements showed he had far more in his account, that investor would receive no restitution even if the final statement recorded that his or her account was worth millions of dollars more than she put in.

“They changed the way they were calculating what people were owed,” he said. “So now so many victims will get nothing. The investors were portrayed as rich, greedy New Yorkers, which was a synonym for Jews. The truth is that the vast majority of the victims are ordinary people just like you and me. Many are in their seventies and eighties and were taking the money out of their accounts to live on. They had planned their retirements around this and had no other monies. There are people who are now contemplating suicide. I know of a 92-year-old man who has been forced to find work in a grocery store wearing a sandwich board advertising specials. That is the real tragedy of Madoff. What SIPC is doing is a serious threat to everyone in this country who invests with brokers.”

Velvel charged that the judge in this case does not appear impartial, since he has been particularly receptive to the position of Irving Picard, the trustee presiding over the liquidation of Madoff’s investment firm.

“The judge did everything the trustee wanted and nothing the other side wanted,” he said. “So the die was cast the day he was appointed to the case because he was so one-sided that it just staggers the imagination. He ignored Congressional intent and he refused all discovery that would have revealed SIPC’s machinations.”

In discussing the complicated case, which is currently on appeal, the Dean later added in conversation and in a brief that the judge had cribbed wholesale what the trustee wrote in his argument.

“He put it right there in his opinion that I’m going to take the alleged facts from Picard’s papers,” exclaimed Velvel. “He said I’m going to take it from him, and from the allocutions of Madoff and DiPascali, who are two of the world’s most notorious liars. Their allocutions have been subject to claims that they were not entirely true. The judge accepted everything the trustee said and nothing the plaintiffs said.”

What many people are unaware of is that even indirect investors have been hurt by Madoff. They are the ones who unwittingly invested their money through hedge funds, mutual funds, banks, and other vehicles. Velvel noted that covers a lot of people and they will get nothing back.

Then there is the matter of the Internal Revenue Service (IRS) and all of the tax revenue it collected from the victims. “There are possibilities for theft deductions and for refunds on taxes paid on phony income,” said the Dean. “The treasury is fighting against much of this. The biggest beneficiary of Madoff is the United States Treasury. It took in between $15- to $20 billion in taxes on profits that were never made. It doesn’t want to give back the money. The IRS developed a safe harbor protection for theft refunds. But it’s worded in such a way that you would have to give up all of your rights if you take it. Moreover, it excludes the indirect investors. The people with IRAs are excluded and that is just awful.

“The IRS never had any right to that money. The 16th Amendment to the Constitution only gives it the right to tax income. This was not income. It was phony, non-existing profits. And it is very arguably unconstitutional for the IRS to keep the tax paid on phony income.”

Velvel went on to say that the U.S. Congress is now looking at net equity as a result of the Madoff scandal. “I think that Barney Frank can have a great deal to say on everything other than taxes,” said Velvel.

One thing that is certain is that the matter will not be settled for some time to come. Hundreds of lawsuits have already been filed and it is expected that there will be a multitude more against entities from the SEC to JP Morgan, Chase Manhattan, the feeder funds, and many others. Meanwhile, the victims continue to suffer.


Sherwood Ross

Racket del signoraggio: verso il requiem dello Stato

ALCUNE CURIOSITA’ SUL FISCO ITALIANO

Quattro italiani su cinque si sono espressi a favore di uno sciopero fiscale, anche la Lega, prima di sposare Roma Ladrona, era a favore della renitenza fiscale; dal 24 al 31 agosto 2007 i contribuenti italiani hanno partecipato ad un referendum a favore dello sciopero fiscale, stabilendo di non versare le imposte alla scadenza naturale, al fine di ottenere una seria riforma fiscale, fondata sulla tax compliance, armonizzando le norme e le aliquote italiane a quelle europee; l'84,09% dei contribuenti interpellati ha risposto con un SI, la renitenza fiscale è anche una reazione verso lo stato che ci vessa tutti i giorni.

Bisogna anche spiegare come sono impiegati e spesi i soldi dei contribuenti, vista la crescente e diffusa insoddisfazione per il funzionamento dello stato e per gli sprechi dello stato, del bilancio dello stato non si capisce niente. Vista la farraginosa normativa fiscale, l’amministrazione fiscale deve iniziare a distinguere chi sbaglia in buona fede da chi sbaglia in mala fede, deve far pagare anche agli amici importanti; il contribuente che sbaglia in buona fede non può essere trattato come un evasore.

Secondo i sondaggi, i balzelli più odiati dagli italiani sono: Accise su benzina, energia elettrica e metano, Tassa concessione (canone Rai), TARSU/TIA (nettezza urbana), Ticket sanitari, ICI, Tasse concessioni governative/Imposta di bollo (inclusa quella sull’auto), IRAP, IVA e Imposte sui redditi. Pensare che Berlusconi aveva promesso di ridurre le imposte a 7 e di abbassare la pressione tributaria, ma si sa che le promesse elettorali non contano niente, come le promesse commerciali e la promessa del regno di Dio o della salvezza.

Le tasse più invise agli italiani sono le imposte indirette, che si pagano senza tener conto del reddito pro capite, non sembra o accettabile vedersi tassare ripetutamente in base ai consumi, dopo aver pagato le tasse sul reddito e sul risparmio; le imposte sui consumi colpiscono il cittadino senza tener contro della loro capacità contributiva, in dispregio, per l’ennesima volta, al dettato costituzionale, le imposte indirette incidono maggiormente sulle famiglie più povere.

In alcuni casi, poi, si assiste ad una doppia imposizione indiretta, come nel caso dell'applicazione dell'IVA sulle accise sui carburanti, nel consumo d’energia elettrica e nei rifiuti. In tal modo si favorisce l'evasione fiscale, che oggi ha raggiunto, secondo stime, la cifra di oltre 300 miliardi di euro l’anno; spesso lo stato è lento a spendere e veloce a riscuotere (autotassazione e sostituto d’imposta), dall’altra parte, ogni anno sono iscritte a ruolo miliardi d’imposte che l’agente di riscossione Equitalia non riesce a riscuotere.

Secondo una stima elaborata da KRLS Network of Business Ethics, i contribuenti italiani devono subire una pressione fiscale del 52,5%, un dato che supera di circa 9 punti percentuali quello ufficiale quello dichiarato dall'Istat e dal Tesoro; i professionisti di KRLS sono arrivati a questo risultato sottraendo dal Pil nazionale la quota relativa al sommerso economico, partendo dalla considerazione che chi evade, anche se crea Pil, non paga tasse e contributi. Negli ultimi anni la pressione fiscale in Italia è cresciuta più che negli altri paesi europei.

In Italia, a distanza di otto anni dalla sua creazione, molti enti locali, per non perdere consenso politico, non hanno ancora istituito lo Sportello del Contribuente, incentivando così errori dei contribuenti ed evasione fiscale, dovuta anche all’ignoranza delle leggi fiscali. In Italia si privatizzano gli utili e si pubblicizzano le perdite d’impresa; con l'operazione di risanamento dell’Alitalia, ogni contribuente ha dovuto sborsare 138 euro, il costo complessivo dell'operazione Alitalia ammonta a circa 2,5 MLD di euro, tenuto conto anche del prestito ponte di 300 MLN di euro.
Mentre il governo afferma che l’inflazione è ferma, rincarano del 25% anche i preservativi, una confezione che fino ad un anno fa costava 10 euro, oggi raggiunge anche i 15,00 euro; la chiesa controlla lo stato ed è contro preservativi e anticoncezionali, non si preoccupa di AIDS. Tra le cause del caro preservativo in Italia, c'è l`aliquota IVA, che sui preservativi è del 20%, mentre sui farmaci è del 10%; invece in Inghilterra il governo Gordon Brown l’ha ridotta del 5%, estendendo il provvedimento a tutti gli altri anticoncezionali; anche il governo irlandese ha preso lo stesso provvedimento, riducendo dell`8% l`aliquota sui preservativi, anche allo scopo di arginare il fenomeno molto diffuso delle gravidanze indesiderate; però la chiesa è contro il controllo delle nascite .
Intanto l'Amministrazione finanziaria, dopo 9 anni dalla relativa legge, non ha ancora emanato il regolamento per l'estinzione dell'obbligazione tributaria mediante compensazione, perché spesso debitori fiscali sono anche creditori dello stato perché suoi fornitori. Le leggi buone, come gli articoli buoni della costituzione, trovano sempre difficoltà nella loro applicazione, lo stato usuraio e chi sta dietro di lui non ha visto bene questa legge e perciò politici e superburocrati si sono adeguati; l’omissione degli atti d’ufficio è tipica della pubblica amministrazione.

Dopo l’esenzione fiscali concesse alle attività commerciali della chiesa, si chiese allo stato un’IVA al 4% e la detrazione fiscale per i prodotti alimentari e sanitari per l'infanzia; gli alimenti per la prima infanzia, fino al terzo anno d’età, incidono fortemente sul bilancio familiare. In Italia si esenta dall'IVA l'oro o si applica l'IVA agevolata al 4% ad alcuni generi, mentre sui beni alimentari per neonati di prima necessità è applicata l'aliquota ordinaria. Nei principali paesi europei è invece applicata da tempo l'Iva agevolata, consentendo anche di detrarre dalle tasse le spese per l’infanzia perché i neonati, al pari dei disabili, non sono autosufficienti; quelli che si preoccupano della scarsa natalità in Italia, dovrebbero guardare anche a queste cose.

Per non favorire l’evasione fiscale, la delocalizzazione all’estero d’imprese e la pauperizzazione dell’Italia, con l’incremento della disoccupazione, è necessaria un'armonizzazione europea del fisco, sia per i criteri d’imposizione che per i rimborsi fiscali; forse qualcuno vuole strozzare la nostra economia e il nostro paese, i nostri politici burattini ne sono solo degli strumenti.

Napoli continua ad essere la patria dell'evasione fiscale, su 100 soggetti controllati dall'amministrazione finanziaria, ben 98 risultano non in regola con il fisco statale, però a Napoli aumentano i tributi locali più che negli altri comuni. A Napoli, secondo gli ultimi dati dello Sportello del Contribuente, l'evasione fiscale e' aumentata, con punte record a Scampia, dove l'evasione ha raggiunto 98%. Anche in Campania le cose non vanno meglio, ne risultano tasse non pagate per oltre 2,5 miliardi di euro.

L’Italia, con uno stato usuraio e biscazziere, si è potuta salvare solo grazie all’evasione fiscale ed al lavoro nero; a Napoli, il 74% dei commercianti non emette lo scontrino fiscale. Purtroppo, senza scontrino, non si possono denunciare la speculazione sui prezzi e non si può cambiare il prodotto difettato; speculazione ed evasione alterano i prezzi di mercato e danneggiano i commercianti italiani corretti, mettendoli fuori mercato.

Per ragioni politiche, gli enti locali ancora non collaborano con lo stato nella lotta all’evasione fiscale; a distanza di nove anni, molti enti locali, quali regioni, province e comuni, non hanno ancora recepito le norme introdotte dallo Statuto dei diritti del contribuente, né adeguato lo Statuto Comunale, né istituito lo Sportello del Contribuente, favorendo indirettamente l'evasione fiscale da parte dei cittadini; tutto ciò per non perdere il consenso sul territorio, gli italiani ormai sono nemici del fisco.

Sin dall'inizio del 2001, tutti i gli Enti locali dovevano adeguare lo Statuto Comunale ed istituire lo Sportello del Contribuente, però la maggior parte di essi non ha ottemperato alla legge 212/00, incentivando indirettamente le violazioni e l'evasione fiscale; questi comuni non garantiscono neppure il diritto all'informazione, contribuendo ad alimentare l'odioso fenomeno delle cartelle pazze e delle ganasce fiscali sulle auto.

Gli Enti locali devono iniziare a combattere seriamente l'evasione fiscale, istituire Lo Sportello del Contribuente e censire quanto prima tutti gli immobili e vani non dichiarati, anche quelli costruiti senza licenza edilizia. L'evasione fiscale è un business, il più importante distretto industriale italiano è quello cinese di Scampia, quartiere di Napoli di 70 mila abitanti, vi operano 6.600 imprese individuali e 5 mila società di capitali, due terzi di queste, riconducibili ad imprenditori cinesi che vi operano mediante dei prestanomi.

Le partite Iva cinesi aperte a Scampia sono oltre 8.600, l’evasione fiscale stimata è di circa 15 MLD di euro; a Scampia risultano immatricolate a prestanomi anche 2234 auto di cilindrata superiore ai 2500 cc. Il 50% delle società con sede a Napoli non pagano le tasse, con punte record a Scampia che è diventata n vero e proprio paradiso fiscale e pare che solo l'Agenzia delle Entrate non se ne sia accorta; c’è da dire però che, per le grandi imprese, tutta l’Italia e il Vaticano sono paradisi fiscali, cioè dove l’evasione è autorizzata dallo stato.

In teoria, il grosso evasore che è accertato dal fisco, dovrebbe versare tutte le imposte non pagate, oltre sanzioni ed interessi, in realtà in Italia esiste un condono fiscale permanente, denominato accertamento con adesione, che consente ai mega evasori di ricevere forti sconti dal fisco. In Italia ogni evasore potenziale nel settore delle imprese è visitato dal fisco mediamente ogni 11 anni, ma invece di ricevere sanzioni esemplari, è premiato, pagando con lo sconto e rateizzando le imposte, senza maggiorazioni di oneri; però Equitalia e gli enti locali si comportano diversamente con i piccoli evasori.

In tutto il mondo chi evade il fisco va in carcere, perciò non si capisce perché gli evasori italiani sono trattati con i guanti bianchi dall'amministrazione finanziaria, forse accade ciò perché il fisco italiano è ingiusto ed il governo lo sa, perciò tanti cercano di risparmiare imposte. L'Italia è il Paese europeo con la più alta evasione fiscale, con il 48,5% del reddito imponibile che non è dichiarato, il record spetta alle pompe funebri, dove pare che due morti su tre si tumulano da soli. Dopo l'Italia, nella lista nera figurano la Romania con il 41,1% del reddito, fanalino di coda è l'Inghilterra con un’evasione del 12,1% dell’imposta sul reddito.

Tra i maggiori evasori spicca la categoria degli industriali, con una percentuale del 43%, seguono banche e assicurazioni con il 39%, i commercianti con il 12%, gli artigiani con il 11%, i professionisti con 10,8%, i lavoratori dipendenti con un secondo lavoro in nero con l’8,4%.
Per le grandi imprese, l’Italia è un paradiso fiscale, grazie alle leggi hanno delle riduzioni d’imposte, gli industriali hanno anche agevolazioni creditizie, crediti d’imposta e leggi ad hoc che riducono l'imponibile sensibilmente (evasione legale); industriali, banche e assicurazioni sono bene assistiti dalle lobby, le quali sono ben provviste di fondi per un’opera di corruttela, cioè per commissionare al legislatore leggi a loro favorevoli.

Secondo i sondaggi, i cittadini evadono per ignoranza delle norme, per la complessità delle stesse, per la scarsità dei controlli, per l'insoddisfazione verso i servizi pubblici erogati dallo stato e per aumentare i guadagni. Su un totale di oltre 800.000 società di capitali, il 78% evade regolarmente le imposte, il 52% presenta bilanci in rosso e il 26% dichiara redditi inferiori a 10.000 euro; tra le imprese che non pagano in modo dovuto le tasse figurano le società e le banche quotate in borsa, le principali industrie italiane e le società energetiche. Bisognerebbe estendere gli studi di settore a tutte le imprese e sospendere tutti gli aiuti ed incentivi statali alle imprese che non pagano le tasse; non è facile però, perché trattasi d’imprese amiche che hanno costituito delle lobby che finanziano i partiti ed il governo.

Dall'analisi dei dati fiscali emerge che i titolari delle imprese funebri, in due casi su tre, non rilasciano ricevuta all'atto del pagamento, anche quando chiedono importi salati, nel settore pompe funebri, l’evasione supera il 60%; però i luna park sono esonerati per legge dal rilascio degli scontrini, diversamente dai venditori ambulanti e non si capisce la discriminazione; istituzionalmente, lo stato è capace di fare anche dei favori per legge, i cittadini non sono stati mai uguali davanti alla legge, l’articolo 3 della costituzione è una beffa; perciò, oltre l’evasione, esiste l’elusione o evasione legale.

In Italia pare che il 76% degli artigiani non rilascia la ricevuta fiscale, tra gli evasori, al primo posto sono i muratori e gli imbianchini, seguiti dai tappezzieri, dai falegnami, dai fabbri, dagli elettricisti e dagli idraulici (71,7%). Contro l’evasione si sono proposte ronde fiscali e comitati civici, che possano essere d’aiuto alla polizia tributaria ed all'amministrazione finanziaria, costituiti da avvocati, dottori commercialisti, giudici tributari e finanzieri in pensione.

Le Ronde fiscali volontarie collaboreranno con gli "Angeli del Fisco" di KRLS nel divulgare i diritti ed i doveri dei contribuenti ed opereranno presso Sportello del Contribuente, Commissioni tributarie, Agenzie fiscali, Uffici tributi ed Esattorie, segnalando prontamente le disfunzioni al governo. Le forme d’elusione ed evasione fiscale tra le grandi imprese sono diffusissime e dovrebbero preoccupare il ministro dell’Economia, al pari dell'evasione delle persone fisiche, non è così perché lo zelo dello stato si dirige sempre contro le fasce più deboli.

A causa della crisi e delle tasse, crescono l'evasione fiscale, le transazioni economiche in contanti e le attività produttive sommerse. L’Ires, cioè l'ex Irpeg, la paga solo un petroliere su tre, per quanto riguarda le altre imprese di capitale, più della metà non la pagano ed il 70% dichiara meno di 10.000 euro di reddito l’anno; tra le imprese che non pagano in modo dovuto le tasse figurano i principali petrolieri e banchieri italiani.

Invece della Robin Tax a carico dei superprofitti delle banche proposta da Tremonti, che poi è stata sostituita dagli aiuti alle banche, bisogna fare controlli e studi di settore sulle grandi aziende; la realtà amara è che lo stato è colluso con l’evasione fiscali delle grandi imprese, la accetta tacitamente oppure le favorisce con l’elusione fiscale. Per combattere l'evasione fiscale, lo stato deve essere credibile, deve rispettare i diritti dei contribuenti, abbassare le tasse e rimborsare subito le imposte pagate in eccesso.

Sono circa 600.000 i contribuenti fantasma in Italia, con codice fiscale errato, perciò non lasciano tracce fiscali e risultano inesistenti per l'anagrafe tributaria; un ostacolo alla lotta all'evasione è dato anche dall'anagrafe tributaria italiana, il codice fiscale, introdotto circa 40 anni fa, con 16 caratteri alfa-numerici, dovrebbe essere sostituito con un nuovo codice solo numerico, attribuito solo dal fisco.

Oggi molti contribuenti utilizzano appositi programmi per auto prodursi il codice fiscale, generando errori, come nel caso, ad esempio, di chi ha un doppio nome o ha raggiunto la fatidica età di 100 anni. In Europa, l'Italia è l'unico paese che ha ancora un codice fiscale auto-generabile, sono tante le inefficienze dell’amministrazione fiscale e del nostro stato. Tre contribuenti su quattro non risultano congrui al redditometro, che ricostruisce il reddito attraverso i consumi ed il tenore di vita, però bisognerebbe tener presenti anche le disponibilità familiari patrimoniali ed eventuali eredità possono alterare i dati.

Sembra che l’evasione complessivamente tocchi il 24,2% del PIL, però, se il redditometro non è aggiornato e non è bene interpretato o corretto dai controlli, è destinato a colpire anche i contribuenti che hanno subito dure ripercussioni economiche dalla crisi; con la conseguenza che a molti contribuenti saranno elevati accertamenti per redditi che non hanno conseguito e così aumenterà il contenzioso tributario ed il caos della finanza pubblica.

L’evasione è diffusa soprattutto nel sud d’Italia, le aziende presenti a Scampia operano in tutti i settori industriali, soprattutto abbigliamento e pelletteria; oggi conviene aprire la sede legale a Napoli, anziché nei classici paradisi fiscali stranieri, a Napoli il 50% delle società non pagano le tasse, mentre a Scampia si hanno punte record del 98%, però tutta l’Italia e il Vaticano sono paradisi fiscali per le grandi imprese.

Per non pagare le tasse, in Italia crescono i poveri possidenti, il 61% degli Yacht di lusso e di automobili di grossa cilindrata sono intestati a nullatenenti o a pensionati ottantenni; così si espande a dismisura il fenomeno dei ricchi nullatenenti; però anche nei paradisi fiscali delle isole inglesi esistono dei poveri intestatari di società commerciali, lo stato chiude sempre un occhio a favore delle grandi imprese.

Secondo un recente studio, elaborato su dati provvisori del Ministero delle Finanze, che fa riferimento all’anno d'imposta 2007, è emerso che un contribuente italiano su due dichiara al fisco un reddito inferiore ai 15mila euro l’anno e lo 0,2% ne dichiara uno superiore ai 200.000; però nello stesso periodo furono immatricolate 146.000, tra fuoristrada ed auto di lusso e furono rilasciate 23.000 patenti nautiche.

Nei primi sette mesi del 2009, l'imponibile evaso in Italia è cresciuto del 9,9%, raggiungendo l'ammontare di 348 miliardi di euro l'anno, con imposte sottratte all'erario pari a 135 miliardi di euro l'anno; le aree d’evasione fiscale analizzate sono: l'economia sommersa, l'economia criminale, l'evasione delle società di capitali, dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese. Poiché la statistica del reddito nazionale rileva anche l’economia sommersa, inevitabilmente sottostima la pressione fiscale che grava sui contribuenti.


L'esercito di lavoratori in nero è composto da circa 2,4 milioni di persone, di questi 850.000 sono lavoratori dipendenti che fanno il secondo o il terzo lavoro; per quanto riguarda l'economia criminale, si stima che il giro d’affari sia di 125 miliardi di euro l'anno, con un'imposta evasa di 42 MLD di euro; per le società di capitale si stima un'evasione fiscale attorno ai 18 miliardi di euro l'anno.

Per quanto riguarda le big company, che sono società di capitali, una su tre ha chiuso il bilancio in perdita e non paga le tasse, lo hanno potuto fare perché sono società amiche dello stato; il 94 % delle big company, per spostare costi e ricavi tra le società del gruppo nei vari paesi, si serve del transfer pricing, trasferendo la tassazione nei paesi dove vi sono minori controlli fiscali o tasse più basse, sottraendo così al fisco italiano 31 MLD di euro.

Nel 2009 le 100 maggiori compagnie del paese, grazie all'uso di conti offshore, gestiti dalle principali banche, hanno ridotto del 10 per cento le imposte dovute all'erario; le filiali di banche italiane aprono sportelli all’estero al seguito d’imprese industriali italiane che hanno aperto stabilimenti in quei paesi. L'evasione dei lavoratori autonomi e delle piccole imprese, dovuta alla mancata emissione di scontrini, di ricevute e di fatture o a causata da sottofatturazione, sottrae all'erario circa 10 miliardi di euro l'anno.

A causa della maggiore presenza d’imprese, la Lombardia, in valore assoluto, ha fatto registrare il maggior aumento dell'evasione fiscale. Per combattere l’evasione e migliorare la spesa, bisogna dare immediata attuazione al federalismo fiscale, bisogna archiviare scudi fiscali e condoni che favoriscono i grandi evasori, aggiornare il redditometro, che risale al 1992; riformare gli studi di settore, riformare la riscossione dei tributi e l’ordinamento tributario, ridurre la pressione fiscale e il numero delle tasse.

Nel 2009 l'amministrazione finanziaria ha scoperto 6.715 evasori totali, però, quando si parla d’evasione totale ci si riferisce all’Irpef e all’Iva, perché esistono altre imposte che non si possono evadere. I controlli sono pochi, tra le imprese che evadono figurano anche società e banche quotate in borsa e le principali industrie italiane; inoltre, come avviene nei fidi accentrati delle banche, concessi spesso agli amici con poche garanzie e con tassi contenuti, le 500 posizioni fiscali più importanti sono definite direttamente con il ministero e le imprese interessate non se ne lamentano, altrimenti le lobby, sempre con il denaro in mano, non servirebbero.

Oltre ciò, ci sono le norme statali che favoriscono, per le imprese di capitali, l’elusione o evasione legale, sono i cosiddetti favori fiscali per gli amici, per i quali esistono anche i paradisi fiscali; per combattere l’evasione, bisognerebbe ridurre le aliquote delle imposte sul reddito di 5 punti e prevedere non i condoni, ma gravi pene per gli evasori, come avviene in tutti i principali paesi civili.
Inoltre, tutte le imprese non in regola con il pagamento delle tasse, come si fa per le imprese mafiose, non dovrebbero partecipare a bandi pubblici, né ai finanziamenti ed incentivi statali e comunitari; per favorire la libera concorrenza, l’Europa avrebbe dovuto armonizzare le norme fiscali e quelle sugli ordinamenti scolastici e uniformare il prezzo dell’energia, ma non lo ha fatto, preferendo dedicarsi alle quote latte e ad altre amenità.

Il canone della Rai è ingiusto perché questo servizio pubblico, più che cultura e aiuto alla scuola, fa pubblicità e spettacoli di basso livello, perciò è molta alta l’evasione di questa tassa tra le famiglie; meno noto è il fatto che il canone Rai lo evade anche il 94 % degli enti pubblici, il canone RAI è la tassa più evasa in Italia. In Italia esistono due canoni: quello ordinario, dovuto dalle famiglie, e quello speciale, dovuto da imprese, lavoratori autonomi ed enti pubblici; il canone speciale si paga anche per il possesso di computers, monitors, videofoni e sistemi di videosorveglianza.

Con circa 4,5 MLN d’imprese, i canoni speciali riscossi ogni anno, che vanno da 195 a 6.510 euro, sono meno di 180 mila; l'evasione del canone speciale supera il miliardo di euro l'anno, si evade anche perché l'Amministrazione Finanziaria, durante la verifica fiscale, non richiede il pagamento del canone RAI, anche se è una tassa come le altre e perciò andrebbe pagata. Probabilmente gli stessi ispettori la ritengono assurda, in fondo l’Italia, con questo stato vessatore, si è potuta salvare solo con l’evasione fiscale e con il lavoro nero.

Nel 2010 dovrebbero arrivare 940 milioni di euro di rimborsi fiscali, però in Italia, in cinque anni, il debito pubblico per i rimborsi fiscali si è quasi raddoppiato, passando da 18,4 miliardi a 33,4 miliardi, da rimborsare ad oltre 11,6 milioni di contribuenti. Dal 2003, i contribuenti maggiormente penalizzati dai mancati rimborsi dei crediti fiscali sono quelli residenti in Campania, con +187,1%. L'Italia ha il primato mondiale per la lentezza dei rimborsi fiscali, negli altri grandi paesi europei, il tempo d’attesa è di uno o due anni; a proposito dell’Italia, i nostri politici, autolodandosi, dicono: “Noi siamo l’eccellenza, tutto il mondi c’invidia, li fermeremo sul bagnasciuga (Mussolini)”.

Lo stato italiano si conferma pessimo pagatore e pagatore in ritardo, ha il primato mondiale per i rimborsi lumaca, l'amministrazione finanziaria in Italia paga i rimborsi fiscali mediamente in 13,9 anni, anche i terremotati attendono i rimborsi fiscali da 12,8 anni. Urge un'armonizzazione fiscale in tutta Europa, in modo che i rimborsi fiscali possano essere erogati con gli stessi tempi e modalità.

L’Associazione Contribuenti Italiani ha proposto una legge che imponga alla P.A. di pagare entro 60 giorni, oltre i quali si applicano gli stessi aggi e interessi richiesti dalle esattorie, di vietare agli istituti bancari ed assicurativi di avere le sedi legali delle proprie holding nei paradisi fiscali e di impedire l’accesso agli incentivi alle grandi imprese che chiudono il bilancio in rosso.

Per i rimborsi fiscali, l’Associazione Contribuenti Italiani ha annunciato una class action, un’azione collettiva dei contribuenti, contro l'Agenzia delle Entrate, al fine di azzerare, nell'arco di tre anni, tutti i debiti dell'amministrazione finanziaria verso i contribuenti italiani; sembra di sognare, chissà se riuscirà.

In seguito alla sentenza della Corte Costituzionale n. 335/2008, è stata sospesa la fatturazione della quota parte di tariffa per la depurazione delle acque reflue degli utenti allacciati alla pubblica fognatura, ma non serviti da depuratore; la questione interessa oltre 2,5 milioni d’imprese e 6 milioni di famiglie. In Campania i contribuenti albergatori e in Liguria altre categorie, stanno già beneficiando di un’azione collettiva per i rimborsi; per gli albergatori, il rimborso medio è di circa 60.000 euro, mentre per i commercianti è di 8.000, pari al 32,4% della bolletta idrica pagata.

Come sancito dalla Corte Costituzionale, il canone di depurazione delle acque, in assenza del servizio, va restituito in un’unica soluzione, entro 30 giorni dal ricevimento dell’istanza di rimborso. A tale proposito sono state presentate centinaia di migliaia d’istanze di rimborso del canone di depurazione idrico, per le famiglie, il rimborso medio è di circa 840 euro, mentre per le imprese ammonta al 32,4% della bolletta idrica pagata.

Due italiani su tre hanno gli scarichi non collegati ad un depuratore e nonostante ciò hanno pagato il servizio; i cittadini pagavano la depurazione perché le aziende idriche avevano deciso di usare la politica dei due tempi, prima incassavano la tariffa, poi avrebbero realizzano il depuratore, in modo da ottenere un prestito gratuito, prelevandolo direttamente dalle bollette. Una scelta, ritenuta dalla Corte, illegittima, però la fa anche l’Enel per le bollette elettriche, l’aggravio dovrebbe consentirgli di realizzare impianti fotovoltaici e pale eoliche per produrre energia; in Italia sono tante le prassi illegittime e le illegalità, la sentenza della Corte Costituzionale potrebbe fare precedente.

Il rimborso del canone di depurazione, relativo agli anni 1998/2008 non interessa i contribuenti residenti in 17 capoluoghi dove i depuratori sono regolarmente funzionanti. Al rimborso avrebbe dovuto provvedere direttamente l’amministrazione finanziaria, magari mediante stime, perché tanti dimenticheranno di fare la domanda di rimborso o sono ignoranti delle norme, soprattutto perché poveri e soli; la stessa cosa dicasi per il rimborso parziale della tassa d’asporto rifiuti per doppia tassazione.

A causa delle difficoltà economiche in cui versano le famiglie e le piccole imprese, della difficoltà d’accesso al credito bancario e del proliferare delle scommesse, nel 2009 in Italia si è diffusa l'usura; nel primi 8 mesi del 2009, il sovraindebitamento delle famiglie è cresciuto dell’ 89,3%, rispetto al 2008 e perciò l'usura è aumentata del 71,6%; lo Sportello Antiusura monitora costantemente il fenomeno.

In Italia sono a rischio 1.693.000 famiglie e 1.254.000 piccole imprese, nei primi 8 mesi del 2009 il debito medio delle famiglie ha raggiunto la cifra di 28.600 euro, mentre quello dei piccoli imprenditori ha raggiunto la cifra di 48.200 euro; al primo posto tra le regioni maggiormente esposte al rischio usura troviamo il Piemonte, dove la FIAT, con l’aiuto dei partiti, ha ricevuto tanto dai governi italiani, si è un po’ disimpegnata, seguito, com’era prevedibile, dalla Campania.

Il boom delle carte di credito revolving e della rateizzazione fiscale, stanno trascinando migliaia di famiglie e piccole imprese nelle mani degli usurai; ogni qual volta che l'economia ha segnato brusche frenate, l'usura ha subito delle forti crescite. Oggi si sta registrando un’aggressione al patrimonio familiare da parte del fisco, attraverso riscossione coattiva e scommesse e questo fatto costringe numerose famiglie monoreddito a richiedere prestiti, perciò queste, prima si rivolgono agli usurai e poi alle fondazioni antiusura; si spera che la nuova Banca del Mezzogiorno, se non diventa un nuovo carrozzone, faccia partire il microcredito sociale nel sud.

A causa dei titoli spazzatura, dell’ordinaria usura bancaria, delle scommesse e delle tasse, i cittadini italiani sono costretti a rivolgersi agli usurai per pagare le imposte. L’Associazione Contribuenti Italiani ha sottoscritto un patto con KRLS Network of Business Ethics, leader in Italia nel volontariato etico, con il quale 1000 studi professionali di avvocati, dottori commercialisti e notai, facenti parte della rete, applicheranno una riduzione del 30% dell'onorario, per tutti contribuenti che vogliono intraprendere azioni contro le banche, le autorità di vigilanza, gli enti certificatori, le società di revisione e le società di rating o che vogliono essere semplicemente consigliati sulle decisioni da prendere.

Nel 2009 nel Mezzogiorno sono aumentate le difficoltà d’accesso al credito, da parte delle imprese e delle famiglie, il fatto è che le banche devono favorire anche il lavoro degli usurai che sono da loro finanziati. Si spera nel progetto della Banca del Mezzogiorno, alla quale hanno già aderito oltre 200.000 contribuenti, si dovrebbero anche riportare regole etiche nelle banche, nelle istituzioni e nell'economia; ad oggi però, abbiamo visto solo azioni di sostegno nei confronti delle banche ordinarie che avevano strozzato risparmiatori, piccole imprese e famiglie indebitate con i mutui.

Mentre cresce l’usura, le province più indebitate sono quelle che registrano i più alti debiti con il fisco, molte famiglie hanno contratto i debiti per pagare il fisco a rate, a volte ricorrendo agli usurai, poi si sono rivolte alle fondazioni antiusura; l’iniqua rateizzazione fiscale attuata dai concessionari non agevola le famiglie. Nel 2009, a causa delle difficoltà economiche delle famiglie e delle piccole imprese, nel mezzogiorno l’usura è aumentata dell’82,3%.

Lo Sportello Antiusura monitora costantemente il fenomeno del sovra indebitamento delle famiglie e delle piccole imprese in Italia. La crisi economica, la difficoltà d’accesso al credito bancario, il crollo della borsa italiana, il boom delle carte di credito revolving, il proliferare del gioco d'azzardo ed il fisco iniquo, rischiano di far scivolare migliaia di famiglie italiane ed imprese in mano agli strozzini.

Attendiamo un provvedimento urgente del governo per fermare il fenomeno delle cartelle pazze e ristabilire la fiducia con i contribuenti italiani, il sistema informatico di Equitalia non riconosce e non blocca le cartelle sbagliate. Equitalia è stata recentemente condannata al pagamento di Euro 1.465.384, con rivalutazione e interessi, con sentenza della Corte dei Conti n. 28 del 2009, con la quale la Corte ha affermato che il concessionario non ha curato con la necessaria diligenza l'organizzazione ed il funzionamento del servizio di riscossione. Sul fenomeno delle cartelle pazze anche la Procura di Napoli ha avviato le indagini per l'ipotesi d’abuso d'ufficio nell'attività di riscossione, con la richiesta d’interdizione dai pubblici uffici per alcuni dirigenti di Equitalia; chissà se questo dispositivo sarà tradotto in pratica, visti i precedenti italiani, si può anche dubitarne.

Sono arrivate milioni di sanzioni senza motivo, con richieste di pignoramenti e ipoteche, milioni di cartelle esattoriali sbagliate o pazze sono state notificate in giro per l'Italia, facendo impazzire i destinatari che si sono ritrovati all'improvviso con ipoteche sugli immobili, ganasce fiscali su auto e moto, pignoramenti di stipendi o conti correnti bancari. Il tutto per sanzioni amministrative del Codice della Strada, già prescritte o annullate con sentenza dai Giudici di pace, o per di tasse di smaltimento rifiuti richieste erroneamente ai proprietari piuttosto che agli affittuari.

E' la solita ondata di cartelle pazze, cioè richieste inesatte di pagamenti al Fisco, a cui oramai siamo abituati e che periodicamente l'Amministrazione finanziarie, attraverso i propri esattori (Equitalia) omaggia ai contribuenti italiani. Le cartelle pazze sono il geniale prodotto dell'Amministrazione Finanziaria e degli Agenti della Riscossione che non sanno liquidare correttamente le imposte; purtroppo solo il 2% delle cartelle pazze è stato individuato dal servizio interno dell'amministrazione finanziaria, prima della spedizione.

In 10 anni, l'Amministrazione finanziaria, con le cartelle pazze, ha riscosso illegittimamente circa 11,3 miliardi di euro, di cui oltre 1,8 miliardi per la sola imposta di bollo dovuta per i ricorsi, è tanta l’inciviltà dello stato italiano. L’Associazione dei Contribuenti Italiani ha chiesto al ministro dell'Economia l'avvio di un’inchiesta, per acclarare eventuali responsabilità nei confronti dei dirigenti di Equitalia e dell'Amministrazione Finanziaria, con sanzioni pesanti nei confronti dei responsabili delle cartelle pazze (speriamo bene).

Equitalia Spa, partecipata al 51% dall’Agenzia delle Entrate e al 49% dall’Inps (l’Inps è socia anche della Banca d’Italia, chissà perché); Equitalia è una società istituita per contribuire a realizzare una maggiore equità fiscale e l'ottimizzazione del rapporto con il contribuente; visti i suoi errori, è stato chiesto al ministro Tremonti di intervenire sospendendo immediatamente i pignoramenti e le ipoteche. Nel 2008, sono state 14.421 le sentenze favorevoli al Contribuente emesse dalla Commissione Tributaria Provinciale di Napoli, mentre solo 5614 quelle favorevoli all'Ufficio finanziario; le cinque Commissioni Tributarie della regione hanno definito 36724 processi.

Dai dati risulta che in Italia il fisco sbaglia 3 volte su 4, non esistono paragoni in Europa, in Inghilterra gli errori del fisco non superano il 7%, in Francia il 4% ed in Germania il 3%.
Le cartelle pazze, notificate ai contribuenti italiani, riguardano per il 57% multe automobilistiche, prescritte o annullate dai giudici di pace, per il 31% bolli auto prescritti, già pagati o non dovuti, e per il 12% la tassa smaltimento rifiuti richiesta erroneamente ai proprietari anziché agli affittuari.

Con le cartelle pazze, gli esattori avrebbero preteso, comunque, le somme iscritte a ruolo, applicando il principio già dichiarato incostituzionale del "solve et repete", cioè "prima paghi e poi ricorri"; hanno cercato di applicare questo principio anche in presenza di sentenze favorevoli ai contribuenti dei Giudici di pace o delle Commissioni tributarie.

Per chi non ha pagato, dopo 60 giorni sono scattate automaticamente le procedure esecutive con ipoteche sugli immobili, ganasce fiscali su auto e moto, pignoramenti dello stipendio e dei conti correnti bancari e postali; come previsto dal decreto “salva crisi” dello stato usuraio. I regolamenti vessatori di Equitalia spa prevedono che, per sospendere le procedure esecutive, non basta ottenere una sentenza favorevole, la proceduta di esecuzione continua finché la Società non dà l´ordine scritto di desistere; essa non si ferma neppure di fronte ad una notifica della sentenza, lo sgravio avviene solo quando, dopo anni, Equitalia annulla la procedura.

Vista la crisi delle famiglie, l’Associazione dei contribuenti ha chiesto all’Agenzia delle Entrate di sospendere immediatamente le vendite d’immobili pignorati ai contribuenti; i contribuenti italiani dopo aver perso buona parte della proprio risparmio investito in titoli, non possono, a causa delle tasse o del credito bancario, vedersi sottrarre anche la propria casa.

L’Associazione Contribuenti Italiani ha predisposto il ricorso per impugnare gli oltre 2,5 MLN d’avvisi d’accertamento errati emessi dalle Regioni per il recupero del bollo auto, per gli anni che vanno dal 1999 al 2005; numerosi avvisi presentano profili d’illegittimità, in quanto notificati oltre il termine triennale di prescrizione previsto dalla legge 53/83. Il fenomeno degli avvisi pazzi, cioè sbagliati, ha colpito anche automobilisti in regola con il bollo auto, deceduti, invalidi (esentati), non possessori di auto e finanche a chi aveva rottamato l'auto 22 anni prima. Questo stato e i suoi fiduciari come Equitalia fanno acqua da tutte le parti e nessuno risponde dei propri errori.

Pare che il fenomeno delle avvisi pazzi sia anche frutto di una manovra che tende ad aumentare artificialmente le entrate degli enti locali, per coprire deficit di bilancio, in questo caso si tratterebbe di un tentativo d’estorsione o di racket di stato; è noto che c’è sempre chi paga, per timore dello stato, anche il non dovuto. I contribuenti onesti hanno il diritto di sapere se il problema sorto con Equitalia sia frutto di una macchina burocratica poco efficiente o vi sia altro sotto; da Equitalia le cartelle pazze sono state inviate anche a 12.500 deceduti; in generale, il fenomeno delle cartelle pazze, cioè sbagliate, ha colpito cittadini in regola con il fisco, sono arrivate a più ondate e ormai sono milioni; perciò tanti cittadini hanno fatto ricorso alle commissioni tributarie o si sono rivolti allo Sportello del Contribuente.

L’Associazione Contribuenti Italiani ha annunciato una mega azione di risarcimento danni contro le finanze, per un controvalore di 2,8 miliardi di euro, per tutti i contribuenti vessati dal fisco, che dal 1998 ad oggi hanno ricevuto oltre 46,2 milioni di cartelle pazze, con le quali lo stato ha anche fatto lucro, perché tanti hanno pagato somme non dovute senza ricorrere e quelli che hanno chiesto il rimborso hanno dovuto assolvere l’imposta di bollo.

A causa delle cartelle pazze, milioni di italiani sono stati colpiti dal fermo amministrativo della propria autovettura, con l’applicazione delle ganasce fiscali per 15 giorni; i contribuenti sorpresi a circolare con le auto sottoposte al fermo amministrativo sono soggetti alla sanzione amministrativa di 2.628 euro, oltre alla custodia del veicolo in un deposito autorizzato; inoltre, in caso d’incidente, l'assicurazione non risponde dei danni provocati. La maggior parte dei fermi amministrativi dei concessionari sono illegittimi perché scattati per debiti tributari ultradecennali, quindi prescritti, mentre per il 34,9% dei casi analizzati sono errati in quanto il contribuente è risultato in regola con i pagamenti. E' importante pertanto che il governo sospenda immediatamente l'uso delle ganasce fiscali.

Dai giudici tributari delle commissioni tributarie partenopei è stato condannato il modo di operare di Equitalia Polis spa, Agente della riscossione; secondo i giudici, è illegittimo l'operato di Equitalia S.p.A. quando tenta di riscuotere, con il fermo amministrativo, le cartelle di pagamento mai notificate o peggio ancora quando procede ad emettere preavvisi di fermo amministrativo dell'auto senza motivazione, chiedendo anche diritti e spese non dovuti. Questa situazione mina la fiducia tra stato e contribuenti.

Si moltiplicano le sentenze di condanna, emesse dai giudici tributari, dell'operato di Equitalia Polis, Agente della Riscossione, che in varie province procede all'iscrizione ipotecaria senza averne titolo o per debiti tributari inferiore agli ottomila euro. In due anni, nonostante abbia proceduto ad ipotecare 153.536 immobili, il tasso di morosità è aumentato del 47%, con un picco massimo a Napoli del 460%.

Le censure questa volta arrivano dai giudici tributari genovesi, i quali, nell'accogliere la tesi del contribuente, hanno ribadito che, per poter pignorare un immobile e venderlo al miglior offerente, bisogna che il debito contratto sia superiore agli ottomila euro, tetto che non può comprendere anche oneri ed interessi; poi ha ordinato all'Agente della Riscossione Equitalia Polis di procedere all’immediata cancellazione delle ipoteche a sua cura e spese. Equitalia non rispetta i parametri fissati dalla legge, ci sono ipoteche per debiti inferiori agli ottomila euro e, in molti casi, questa cifra, è raggiunta con l'addebito delle spese ipotecarie e degli interessi di mora.

Il concessionario non è soggetto a spese quando procede all'iscrizione di un’ipoteca, mentre invece queste sussistono per i contribuenti sia per l'iscrizione che per la cancellazione (che bello questo stato!). L'ipoteca di un immobile comporta un danno significativo, per esempio, a causa di essa, ad un piccolo imprenditore possono essere revocati i fidi concessi dalle banche e poi può essere spinto tre le braccia degli usurai.

Il concessionario include nelle spese d’esecuzione già maturate, con imposta e interessi di mora, anche le spese d’iscrizione ipotecarie non ancora maturate e non da sostenere; in tal modo mira a raggiungere la soglia degli 8000 euro per l'iscrizione dell'ipoteca. Sono cresciuti in maniera allarmante le ipoteche fiscali, come strumento di lotta all'evasione; gli Agenti della Riscossione procedono senza neppure avere titolo o per debiti tributari irrisori, i contribuenti italiani sono vittime di sanzioni non sempre eque rispetto al danno.

Tutte le esattorie devono sospendere immediatamente la riscossione delle multe ante 1999, in attesa di ripulire il sistema informatico che fa acqua da tutte le parti, basta con le cartelle pazze che hanno portato a clamorose iniziative legali; le casse comunali, grazie alle multe stradali, hanno incassato nell'ultimo anno la bellezza di milioni di euro, è opportuno avviare una clamorosa class action contro il Comune di Roma, per chiedere la restituzione dei soldi delle multe ingiustamente versate dai cittadini.

E' inaccettabile da parte dell'Agenzia delle Entrate l'uso dei comunicati stampa per segnalare i rinvii degli adempimenti tributari, invece di usare gli strumenti previsti dalla legge; ciò è avvenuto per l'ennesimo rinvio dei rimborsi Iva per le auto aziendali. I contribuenti sono stati colpiti dalle azioni esecutive di Equitalia senza che avessero mai ricevuto alcuna comunicazione di mora dagli uffici fiscali.

La Corte dei Conti nel condannare Equitalia Polis spa, ha messo in rilievo, come accertato dalla Guardia di Finanza, che numerosi agenti della riscossione avevano redatto verbali falsi e che numerosi agenti della riscossione effettuavano l'attività di riscossione anche quando erano assenti dal lavoro. La direzione della società spingeva gli ufficiali alle sue dipendenze ad espletare l'attività di riscossione in qualsiasi modo, purché fosse celere e formalmente corretto.

La procedura scorretta si è imposta perché gli Ufficiali della riscossione non percepivano alcun compenso per le verbalizzazioni relative ad attività esecutive che non avevano dato esito positivo, né potevano usufruire di rimborsi spese; mentre il Concessionario poteva presentare domanda di rimborso delle spese per inesigibilità, rientrando in possesso delle quote precedentemente anticipate all’Erario, secondo il principio del non riscosso come riscosso; la celerità delle procedure esecutive scorrette permetteva una notevole diminuzione del carico del lavoro.

Negli anni scorsi ci sono state migliaia di istanze di autotutela avverso la revisione delle rendite catastali, l'iniziativa è partita dopo che i giudici tributari di Napoli hanno sentenziato che tutti gli avvisi di classamento emessi dell'Agenzia del territorio devono considerarsi nulli perché illegittimi, in quanto violano lo statuto dei diritti del contribuente ed hanno condannato il Comune di Napoli a risarcire i danni.

In base a questa sentenza, i contribuenti proprietari della seconda casa, che si sono visti aumentare il valore dell'immobile fino al 300% e non hanno presentato ricorso, possono chiedere l'annullamento dell'atto illegittimo. Poi sono stati tutti accolti gli oltre 1.500 ricorsi già discussi innanzi ai giudici tributari partenopei, avverso la revisione delle rendite catastali; al centro dell'iniziativa legale è l'annosa questione legata alle rivalutazioni delle rendite catastali.

Il rimborso Iva sui rifiuti, stabilito dalla sentenza n. 238/09 della Corte Costituzionale, mira ad eliminare la doppia tassazione, però questa doppia tassazione si verifica anche per altre utenze, come la luce, perciò dovrebbe fare precedente e dovrebbe spingere il legislatore a fare normative fiscali meno usuraie; però per qualcuno lo stato va benissimo così com’è e perciò non lo vorrebbe cambiare.

La Corte Costituzionale ha sancito il diritto al rimborso dell'IVA pagata sulla tassa sui rifiuti, in quanto la T.I.A. o tassa sui rifiuti è una tassa e pertanto sulla stessa non può essere applicata l’I.V.A. Per le famiglie, il rimborso medio è di circa 360 euro e per le imprese di circa 3.750 euro; però non tutti chiederanno il rimborso e uno stato costumato avrebbe potuto rimborsare le famiglie che non fanno domanda in via estimativa.

I contribuenti si sono vista aumentare la TARSU/TIA, per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, con punte fino al 61%, com’è accaduto anche nella città di Napoli, dove però, com’è noto, la raccolta non funziona, per interesse di camorra e di 100.000 persone che lavorano con l’immondizia; con questi aumenti, i napoletani dovrebbero pagare il doppio dei fiorentini, sei volte i parigini e otto volte i londinesi, ma questo radio apostolica italiana, cioè la RAI, non ce lo ricorda.

Sono stati fatte decine di migliaia di ricorsi contro gli aumenti ingiustificati della TARSU/TIA, meglio nota come tassa sui rifiuti solidi urbani, in tutta Italia potrebbero essere oltre 5 milioni i contribuenti interessati ad impugnare i provvedimenti illegittimi. Il rimborso parziale della tassa sui rifiuti è stato disposto dalla sentenza n. 238/09 della Corte Costituzionale e con la Finanziaria 2010; cittadini e imprese hanno diritto ad avere indietro l'IVA al 10% pagata sugli importi fatturati, perché la T.I.A. è una tassa e pertanto sulla stessa non può essere applicata l'I.V.A.

Nel 2010 le tasse locali sono destinate a crescere del 5,3%, passando da 106,2 a 111,8 miliardi, mentre quelle statali solo dello 0,7%; il governo Berlusconi, dopo averne promesso la riduzione, afferma che le tasse statali non sono aumentate, in realtà, queste aumentano regolarmente con il fiscal dreg, con le multe e con i ricavi dei giochi pronostici e, poiché il reddito nazionale non aumenta, la pressione tributaria aumenta sempre, anche se sottaciuta da stato, istat e mezzi d’informazione asserviti.

Napoli è il comune in cui, malgrado la generale evasione o proprio per questo, la pressione tributaria locale cresce di più, ogni abitante del comune partenopeo verserà nel 2010 ai propri enti locali, tra imposte, tasse, tributi e addizionali varie, 2.468 euro, contro una media nazionale di 1.670 euro; al secondo posto c'è Milano, con 2425 euro, all'ultimo posto, Campobasso, con 703 euro.

Non si capiscono queste differenze, anche in base allo stato reale dei servizi resi nei vari comuni, lo stato dovrebbe garantire lo stesso servizio a tutti, con lo stesso onere, cioè eliminando sprechi; la differente tassazione non favorisce lo sviluppo equilibrato dell’economia nazionale, fa emigrare imprese, crea distorsioni, altera la concorrenza e fa ritornare al sistema dei dazi interni pre-capitalistici.
Le imposte comunali sono l’Ici, l'addizionale comunale Irpef, la tariffa rifiuti urbani e le multe alle auto; quelle provinciali, l'imposta sull’auto, l'addizionale sulla luce; quelle regionali l'Irap, la compartecipazione all'Iva, l'addizionale regionale sull'Irpef e la compartecipazione sulle accise della benzina. Il 54,3% delle imposte locali va alle Regioni, il 40,6% ai Comuni e il 5,1% alle Province, la qualità dei servizi offerti, anche a parità di costo con comuni più efficienti, è spesso scadente. Con il 76% delle famiglie italiane indebitate che non riescono ad arrivare a fine mese, il fisco non lascia in pace neppure i morti; secondo uno studio condotto dallo Sportello del Contribuente, nel 2009 le tasse comunali sui morti sono aumentate in media del 12%.

Il costo effettivo annuo dell’illuminazione votiva, trattandosi di una lampadina a bassa tensione, compresa la sostituzione periodica, è inferiore ad 1 euro, eppure nel 2009 le società che gestiscono il servizio, con appalti spesso ventennali, per una lampada votiva hanno chiesto 25,64 euro; una somma che non trova nessuna giustificazione se non in un’ingiusta speculazione autorizzata dal Comune. Ma le tasse sui morti non finiscono qui, quando si muore in casa, per il rilascio del certificato di constatazione di decesso, si paga una tassa di 35 euro e per il trasporto della bara si paga al comune un diritto fisso di 58 euro.

Negli ultimi cinque anni in Italia il numero delle multe comminate agli automobilisti e' aumentato del 643%, il risultato più alto in Europa; dopo l'Italia, nella classifica, figura la Romania con un incremento del 194%, nelle ultime posizioni sono l'Inghilterra con il 17% e la Germania con il 15%.

Nel 2009, fra le infrazioni più contestate permangono il divieto di sosta, la guida senza casco e senza cintura di sicurezza; queste multe, più che per reprimere comportamenti scorretti, servono per aiutare i bilanci comunali e per aiutare le compagnie d’assicurazioni che non vogliono risarcire incidenti causati da comportamenti a rischio; le loro lobby esistono per commissionare leggi ad hoc.

Solo un italiano su tre paga la multa senza contestarla, mentre il 68% impugna il verbale innanzi al Prefetto o al Giudice di pace, inoltre, buona parte delle multe elevate fino al 2004 sono cadute in prescrizione, il che però non ha impedito di impegnare uomini e uffici, facendoli girare come motori a vuoto. Gli enti locali devono attuare strategie fiscali diverse per far quadrare i conti, debbono puntare sulla tax compliance, anziché su tassazioni occulte; negli ultimi dieci anni in Italia il numero delle multe comminate agli automobilisti é aumentato del 1275%, il risultato più alto in Europa; inoltre, a causa degli aumenti dell’importo di ogni multa, il relativo gettito è aumentato molto di più.

Nel 2009 è cresciuta la tassa sul gioco o tassa sugli imbecilli, com’era chiamata dagli imperatori romani, si è registrato un aumento del 44,6% delle perdite legate alla dipendenza da giochi e scommesse legalizzati; rispetto l’anno precedente, sono stati lasciati sul tavolo da gioco 812 milioni di euro più, lo stato biscazziere e strozzino ringrazia. In Italia, nonostante il gioco d'azzardo sia una dipendenza ufficialmente riconosciuta dalle comunità psichiatriche, non è percepita come tale dallo stato, al pari di altre dipendenze quali la droga o l'alcol, perché la tassa sui giochi serve a rimpinguare le casse statali; il nostro stato, oltre che inefficiente e sprecone, è anche biscazziere e usuraio, vedi i tassi applicati nel caso di ritardato pagamento delle utenze e delle tasse.

Negli ultimi anni questa tassa sul gioco è diventata lo strumento più semplice e veloce per far cassa ad ogni costo, depauperando gli italiani; anche i minorenni partecipano a questa forma di tassazione, nell’ultimo anno questi sono passati 860 mila unità a 1,8 milioni. Occorrerebbero misure restrittive nei confronti del gioco legalizzato, pari a quella sul divieto delle sigarette nei luoghi pubblici, bisognerebbe puntare alla diminuzione dell'offerta di lotterie, al divieto del gioco d'azzardo on line, nei bar e nelle tabaccherie; invece lo stato si fa promotore del gioco d’azzardo.

Le istituzioni dovrebbero educare i cittadini, proteggere la loro salute, mentale e fisica, non li dovrebbero spingere a giocare, invece oggi il gioco è pubblicizzato anche dalla televisione pubblica; per rilanciare l’economia, servono misure di sostegno ai consumi, proibendo giochi, abbassando imposte, effettuando rimborsi fiscali, facendo più investimenti pubblici e migliorando la spesa pubblica.

Nel 2009 in Italia le auto blu sono cresciute del 3,1%, conteggiando sia quelle in proprietà, che quelle in leasing o in noleggio, presso lo stato, gli altri pubblici e presso le società a partecipazione pubblica. Oggi queste auto sono 626.760, gli altri grandi paesi europei ne hanno circa 55.000, gli USA 72.000 e il Giappone 30.000; per ridurne il numero, basterebbe solo applicare le leggi vigenti, cioè basterebbe tassare gli utilizzatori considerando le auto dei fringe benefit, com’è fatto nelle aziende private. Dopo la legge del 1991 che limitava l'uso delle auto blu a ministri, sottosegretari e ad alcuni direttori generali, si sono proposte regolamentazioni e tagli, però mai effettuati.

In Italia ci sono state fila per la compilazione del mod. F24 e il versamento di 500 euro per la regolarizzazione di colf e badanti; però diversi imprenditori hanno cercato di regolarizzare i propri operai, dichiarando che sono operatori domestici, sfruttando in tal modo illegalmente la sanatoria per colf e badanti. A procedura conclusa, acquisito il parere della questura, il datore di lavoro e il lavoratore straniero sono convocati per la stipula del contratto di soggiorno; solo allora, la badante o la colf extracomunitaria potrà richiedere il permesso di soggiorno.

Secondo KRLS Network of Business Ethics, l'Italia è al primo posto in Europa per burocrazia fiscale, l’organismo è arrivato a questo risultato contando tutte le norme tributarie, circolari ministeriali, risoluzioni e direttive emesse ogni anno in Italia. Perciò è impossibile per un’impresa straniera con stabilimenti in Italia, pianificare le imposte in Italia, il fisco italiano cambia le regole del gioco più volte nel corso dello stesso esercizio finanziario, mettendo in seria difficoltà coloro che vogliono adempiere agli obblighi fiscali.

Il fisco italiano costa miliardi di euro al mondo delle imprese, la burocrazia fiscale costa cara ai contribuenti italiani, specialmente se messa a confronto con quella europea; questa tassa occulta ha un costo per le micro-imprese con meno di 5 dipendenti, pari all’'8,5% del fatturato. Per riportare l'Italia in Europa, serve una riforma fiscale che passi anche per la semplificazione del fisco, con la reintroduzione del concordato preventivo e con l'esonero dall'emissione dello scontrino fiscale, che esiste in pochi paesi.

Nella prima giornata del terzo simposio internazionale, in corso a Capri, al quale partecipano i massimi rappresentanti delle associazioni dei contribuenti dei principali paesi europei, si sono discussi temi inerenti la riforma fiscale, in corso in tutti i principali paesi europei. Secondo l'Associazione Contribuenti Italiani la riforma fiscale italiana deve passare attraverso la semplificazione del fisco e attraverso la reintroduzione del concordato preventivo, con l'esonero dall'emissione dello scontrino fiscale.

I Commercialisti dovrebbero diventare i Notai delle aziende soggette agli studi di settore, con delega nei poteri d’accertamento, lasciando all'Amministrazione finanziaria il compito redigere il concordato preventivo che stabilisca le imposte da pagare nel biennio successivo; i Commercialisti, con la certificazione tributaria, determineranno il regolare assolvimento delle imposte da parte delle aziende, senza la quale non sarà più possibile accedere ai finanziamenti agevolati. La riforma del fisco deve esse imperniata sulla tax compliance, come avviene da tempo nei principali paesi europei.
Secondo KRLS Network of Business Ethics, nel 2009 ogni italiano, per mantenere la burocrazia statale nel suo complesso, ha pagato 6.105 euro l’anno, contro i 5.730 euro dei francesi, i 5.120 euro dei britannici, i 4.110 euro dei tedeschi, i 3.200 euro degli spagnoli; i costi della burocrazia sono aumentati del 10% rispetto al 2008, cioè molto più dell’inflazione, mentre la qualità dei servizi è diminuita costantemente negli ultimi anni.

I contribuenti italiani non sanno come i soldi delle tasse sono spesi, anche perché il bilancio dello stato è oscuro, secondo Fazio, ex governatore della Banca d’Italia, è virtuale cioè falso; per le banche che concedono fidi alle imprese, i bilanci virtuali non sono reali e cioè sono falsi; dal bilancio dello stato e degli enti italiani si capisce poco, sono poco trasparenti. Ma allora perché si colpevolizzano i privati che fanno bilanci falsi, se li fanno anche partiti, cooperative e imprese; il legge penale che colpisce il falso in bilancio appare come gli scongiuri; lo stato è sempre il primo predicatore, applica la doppia morale, a lui è concesso ciò che non è concesso agli altri.

Il 96% dei cittadini è insoddisfatta dagli uffici fiscali per le riscossioni (esattorie), in quanto non ricevono notizie utili agli sportelli esattoriali, nel 52% dei casi sono invitati a rivolgersi all'ente impositore competente, cioè Agenzia delle Entrate, Inps, Comuni; nel 34% sono invitati a rivolgersi allo Sportello del Contribuente, mentre solo nel 14% dei casi le esattorie rispondono direttamente sul problema. Il 48% dei contribuenti si rivolge nelle esattorie per richiedere informazioni o per contestare la cartella esattoriale, in quanto spesso illegittima o pazza; poiché anche gli accertamenti hanno un costo, visti gli errori di Equitalia, è paradossale effettuare migliaia d’accertamenti se poi non sono riscossi.

Tanti fanno profitto con le varie emergenze e tanti si sfamano con la fame nel mondo; dopo il terremoto che ha colpito L’Aquila, giungeranno in Abruzzo 24 esperti messi a disposizione da KRLS Network of Business Ethics, per monitorare i fondi donati dai contribuenti italiani alle popolazioni colpite dal terremoto; un elenco di professionisti volontari iscritti all'albo dei dottori commercialisti e revisori inizieranno a controllare e monitorare gli oltre 12.000 conti correnti che circolano sul web, accesi a favore dei terremotati.

Questo compito avrebbe dovuto farlo da sempre lo stato, che abitualmente, anche per risparmiare, evita i controlli, le operazioni sospette saranno raccolte in un dossier per le opportune denuncie, speriamo che tutto non si risolva in una presa in giro. Krls Network of Business Ethics (leader mondiale nel volontariato, presieduto dal gesuita Padre Massimo Rastrelli) è composto da oltre 1000 studi professionali tra avvocati, dottori commercialisti, notai e revisori contabili che assistono gratuitamente i poveri, le vittime di usura, i terremotati, i diversamente abili e le persone anziane over 70, ricoverate in ospedali, case di cura o di riposo.

Quest' anno, le maggiori richieste di aiuti in materia fiscale sono pervenute da imprenditori (30,4%), da lavoratori autonomi (29,7%), lavoratori dipendenti (21,5%) e pensionati (18,4%). La percentuale di risposte fornite in tempo reale dalla rete dei call center dello Sportello del Contribuente è stata del 94%, hanno riguardato per il 21,1% pignoramenti dello stipendio, dei conti correnti bancari, ganasce fiscali alle auto e iscrizioni ipotecarie; per il 20,2% le cartelle pazze, per il 19,9% il contenzioso tributario, per il 15,7% i rimborsi fiscali, per il 12,8% la sospensione e rateizzazione delle imposte, per il 10,3% le imposte locali. I motivi che hanno portato gli utenti a rivolgersi allo Sportello del Contribuente, piuttosto che agli Uffici tributari, sono la competenza (58,1%), il risparmio di tempo (30,6%) e la comodità (11,3%).

In Italia i metereologi sbagliano tre volte su dieci, le previsioni errate, fatte specialmente a ridosso delle vacanze Pasquali, hanno frenato in Italia l'arrivo dei turisti nelle strutture turistiche recettive, provocando una riduzione delle presenze dal 20% al 50%, con un danno di miliardi di euro per gli operatori del settore ed all'economia del paese; di tale danno dovrebbero rispondere gli istituti meteorologici che hanno diffuso previsioni errate, se esistesse una giustizia.

Per questo motivo, l'associazione Contribuenti.it, in collaborazione con KRLS Network of Business Ethics, ha avviato un’azione di risarcimento danni per un controvalore di 10 MLD di euro, mettendo a disposizione di tutti gli operatori economici del settore i propri uffici legali, per intentare causa di risarcimento danni contro i responsabili, che si avvalgono, per effettuare previsioni, del solo satellite, senza conoscere il territorio, l'orografia, la disposizione delle valli ed il gioco dei venti che permettono a località come Capri di avere il sole 316 giorni l'anno anziché 215 come, pronosticato dagli operatori delle previsioni del tempo. Negli Stati Uniti chi sbaglia a pronosticare sole o pioggia incorre in pene severissime, una previsione errata può dare luogo al reato di diffusione di notizie false, di tali sbagli dovrebbero rispondere gli istituti meteorologici che diffondono previsioni errate.

Per quanto riguarda il contenzioso tributario, oggi in quasi nove ricorsi fiscali su dieci il contribuente ha la meglio sull'amministrazione finanziaria; Contribuenti.it ha centrato l'obiettivo di incrementare gli esiti favorevoli al contribuente delle controversie di maggiore rilevanza economica relative ad atti d’accertamento, avvisi di liquidazione o cartelle di pagamento errati, costituendo collegi di difesa con i professionisti di KRLS Network of Business Ethics, leader in Italia nel contenzioso tributario.

Le attività d’assistenza ai contribuenti dell'Agenzia delle Entrate, invece di essere potenziate, avvalendosi di Internet e della telefonia mobile, sono state sensibilmente ridotte. Solo un italiano su sei ha fiducia nel fisco; da Equitalia sono state negate il 54% delle richieste di rateizzazioni delle imposte, disattendendo la legge 20 febbraio 2008 n. 31 che prevede la possibilità per i contribuenti di definire le partite aperte mediante la rateizzazione delle imposte.

La società Equitalia spa, dopo aver posto una serie di richieste, come perizie e fidejussioni, ha revocato le rateizzazioni concesse, facendo gravare le spese sulla rata iniziale, la quale include, oltre alla quota capitale, interessi di dilazione, interessi di mora, spese esecutive, diritti di notifica, compensi di riscossione»; gonfiando la prima rata, che spesso raggiunge, importi superiori al 25-30 per cento del debito da rateizzazione. Lo stato esattore, anche se per la riscossione si serve di società private rette da amici, si può comportare solo così.

Sono state negate facilitazioni anche a coloro che vantano crediti nei confronti dello Stato e degli enti pubblici ed a cittadini protestati o vittime dell'usura; la morosità può derivare da momentanee carenze di liquidità dei contribuenti e, per le piccole imprese, da ritardi nei flussi d’incassi per crediti verso la Pubblica Amministrazione che possono raggiungere tempi biblici. C’è da dire però che, una volta tanto, i privati non si comportano diversamente dallo stato, cioè le grosse industrie, già favorite dal fisco, si comportano alla stesso modo verso le piccole imprese che le fanno delle sub-forniture.

Il compito di Equitalia spa, come si legge nel suo stesso sito Web, doveva essere quello di contribuire a realizzare una maggiore equità fiscale, ridurre i costi di riscossione a carico dello Stato e semplificare il rapporto con il contribuente. Bisogna però dire che anche nella costituzione sono scritte tante belle cose, disattese regolarmente dal legislatore ordinario. I piani d’ammortamento di Equitalia dovrebbero prevedere rate costanti ed uguali tra loro.

L’iniqua rateizzazione fiscale, attuata dai concessionari, non agevola le famiglie, come denunciato dal difensore civico di Napoli, accade anche di pagare 8.000 euro per la prima rata e rate mensili da 300 euro per i successivi 3 anni; perciò numerose famiglie si sono rivolte alle fondazioni antiusura; in pratica usurai legali sono anche gli esattori elevati a questo ruolo dallo stato (al capitale di Equitalia partecipano Agenzia delle Entrate e Inps).

Si spesa che dal 2009 la Banca del Mezzogiorno possa alleviare questi problemi e rilanciare il Sud attraverso il microcredito sociale, aiutando i cittadini, senza soldi, a pagare il fisco, anche in 72 rate.

Equitalia, con la maxi rata iniziale, è andata contro la ratio del legislatore che voleva aiutare i contribuenti italiani senza soldi, dando la possibilità di pagare il fisco anche in 72 rate.

Ogni anno sono iscritte a ruolo imposte per 46,13 miliardi di euro, delle quali solo 3,4 miliardi, pari a 7,37%, sono effettivamente riscosse dai concessionari; tra le somme impagate ci sono anche quelle contenute nelle cartelle pazze. Stranamente, invece di colpire le inefficienze degli agenti della riscossione, si preferisce premiare gli stessi con l'aumento dell'aggio, ciò accade anche per i compensi agli amministratori delle grandi aziende insolventi, anche a partecipazione pubblica; questo modo di operare non combatte l’inefficienza e aumenta i costi per i sudditi contribuenti.

Il decreto legge “anticrisi" (185/08) stanzia un contributo una tantum di 50 milioni di euro a favore di Equitalia e prevede l'innalzamento al 10 per cento dell'aggio per tutti i Concessionari che riscuotono tributi; una maggiorazione che sarà a carico dei contribuenti italiani, senza giustificazione alcuna. Contribuenti.it ha chiesto l'intervento delle Procure della Repubblica anche per esaminare la legittimità degli interessi di mora, pari all'8,5%, applicati dagli agenti della riscossione che, sommati agli aggi ed ai compensi, pari al 10%, supererebbero il tasso soglia (TAEG), previsto dalla legge 108/96, oltre il quale si parla d’usura.

Secondo i calcoli effettuati dallo Sportello del Contribuente, per un debito di 20 mila euro nei confronti dell'amministrazione finanziaria, si può restituire in cinque anni anche la cifra di 60 mila euro; così lo stato legittima l’usura. Sugli interessi di mora all'8,5%, l’Associazione dei Contribuenti ha sollevato, tramite i giudici territoriali, la questione di legittimità davanti la Corte Costituzionale, per farli dichiarare illegittimi, dal momento che dal 1999 gli Agenti della riscossione non anticipano più i soldi all'erario, essendo stato abolito l'obbligo del non riscosso come riscosso prima vigente.

Le norme del modello Unico delle persone fisiche per il 2009 si compone di ben 3 volumi, ancora una volta, da parte dell’amministrazione finanziaria, sono stati violati i diritti del contribuente; i modelli di dichiarazione e le istruzioni dovrebbero essere comprensibili anche ai contribuenti sforniti di conoscenze tecniche in materia tributaria, il contribuente dovrebbe adempiere alle obbligazioni tributarie con il minor numero d’adempimenti, nelle forme meno costose e più agevoli. Lo stato è una grande beffa, le leggi insondabili e misteriose servono a far lavorare i professionisti che sono amici dello stato e sono ben rappresentati in parlamento, sulle loro parcelle lo stato incassa le imposte.

Il 74,38% dei contribuenti italiani ha fiducia nel 117, istituito nel 1996 per migliorare i rapporti fra contribuente e fisco; il 117, in collaborazione con la Guardia di Finanza, ha contribuito anche ad intensificare la lotta all'evasione fiscale ed agli illeciti in campo economico-finanziario; a combattere il caro consumi, a favorire la sicurezza alimentare ed al sequestro dei prodotti contraffatti; il servizio si affianca al 112, utilizzato anche per effettuare segnalazioni del genere al nucleo antisofisticazioni alimentari dei carabinieri.

L'Agenzia delle Entrate ha disatteso il patto di porre al centro della sua azione l'obiettivo primario di semplificare il rapporto tra fisco e contribuente, sfruttando tutte le risorse messe a disposizione dai più moderni strumenti d’informazione e telecomunicazione, con l'intento di promuovere la cultura della legalità fiscale e di migliorare la qualità dei servizi offerti dall'amministrazione finanziaria.
Con provvedimento presidenziale del 9 settembre 2008 è stato approvato il progetto di Sportello del Contribuente nella P.A, con un finanziamento a fondo perduto che può coprire fino al 50% del relativo costo; il progetto è utile ai contribuenti, ma anche rivolto a tutti gli enti e agli agenti della riscossione. Lo Sportello del Contribuente nella P.A. nasce per dare attuazione al federalismo fiscale ed allo Statuto dei diritti del Contribuente, mettendo a disposizione gratuita dei contribuenti la normativa fiscale, anche mediante l'uso dei mezzi elettronici ed informatici.

Nella Pubblica Amministrazione lo Sportello del Contribuente garantirà che i modelli di dichiarazione, le istruzioni e ogni altra comunicazione saranno messi a disposizione del contribuente in tempi utili e siano comprensibili anche ai contribuenti sforniti di conoscenze in materia tributaria; cosicché il contribuente possa ottemperare alle obbligazioni tributarie con il minor numero di adempimenti e nelle forme meno costose e più agevoli.

La Banca del Mezzogiorno appena costituita sarà una banca con capitale sottoscritto per la maggioranza dai contribuenti italiani, cioè sarà aperta all'azionariato diffuso, ma nascerà su iniziativa pubblica; ha lo scopo di sostenere la vitalità economica del Sud, valorizzare le idee imprenditoriali e combattere l'usura; si spera che non si risolva nella solita presa in giro dello stato. Poche volte le banche hanno svolto una funzione sociale, nel sud Banco di Roma, Banco di Napoli e Banco di Sicilia, dopo aver strozzato risparmiatori e piccole imprese, stavano per fallire e sono state salvate dallo stato, anche il Banco Ambrosiano cercò di farsi rifondere le perdite da speculazione dallo stato, come hanno fatto oggi le grandi banche americane.

Tra i soci fondatori delle Banca del Mezzogiorno, saranno presenti l’Associazione Contribuenti Italiani, Stato, Regioni Province, Comuni, Camere di commercio ed Enti non profit; la sottoscrizione avverrà tramite la Cassa Spa (ex Cassa Depositi e Prestiti). La banca dovrebbe avere come modello il microcredito sociale che finanzia le idee imprenditoriali, senza la necessità di garanzie patrimoniali; visto il modo di lavorare delle banche, sembra tanto un’utopia, l’idea comunque è buona, speriamo che non diventi un’altra beffa di stato.

Secondo la sentenza n. 23031 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, le circolari e le risoluzioni esplicative emanate in materia tributaria sono prive di qualsiasi valore normativo per giudici, contribuenti e amministrazione finanziaria, il vincolo nasce solo dalla legge; pertanto, il contribuente resta pienamente libero di non adottare un comportamento previsto dalla circolare, né la circolare vincola gli uffici dell'amministrazione finanziaria, ai quali non è vietato di disattenderla, mai una circolare può vincolare un giudice tributario, né tanto meno la Corte di Cassazione.

A causa dei pagamenti di Iva via web, sono aumentate le truffe da parte di hackers, nel primo semestre del 2007, sono stati oltre 2500 i furti on line avvenuti con i pagamenti telematici, la tecnica più usata è quella del "phishing". Poiché tutti i titolari di partita IVA hanno l'obbligo di effettuare i versamenti fiscali e previdenziali esclusivamente per via telematica, la procedura si sta rivelando un vero business per gli hackers.

Grazie all'obbligo del pagamento delle tasse on line, milioni di contribuenti, senza alcuna preparazione tecnica, sono costretti ad immettere in internet le loro coordinate bancarie ed a fare i versamenti, con la gioia degli oltre 500.000 hackers; in tal modo l'Amministrazione finanziaria espone i contribuenti ad un gravissimo rischio. L’Associazione dei Contribuenti ha chiesto all'Agenzia delle entrate, all'l'INPS e all'INAIL di stipulare un’apposita polizza assicurativa a favore dei contribuenti italiani, per risarcire i possibili danni causati dall'obbligo telematico.

In Italia un pensionato su due è povero, con una pensione che non supera la soglia dei 500 euro il mese, sono quasi 14 milioni e mezzo le pensioni, incluse le pensioni sociali. La media dell'importo mensile erogato dall'Inps ai pensionati italiani, divisi nelle diverse categorie, è di 654,86 euro, ad innalzare la media sono i pensionati d'oro, circa 56mila persone, che prendono più di 3.000 euro il mese; i pensionati italiani ed in particolare quelli del sud, che hanno più pensioni d’invalidità, sono tra i più poveri in Europa.

In Italia, in tre anni, dal 2007 al 2009, sono state chiuse 52.000 botteghe artigiane, con una perdita di 108.000 posti di lavoro; in precedenza, con lo scopo di favorire gli ipermercati, lo stato si era dato da fare con degli incentivi per far chiudere i piccoli commercianti. L’altra perdita d’occupazione è dovuta al blocco del turnover allungando l’età pensionabile, malgrado l’Inps sia attivo e malgrado la disoccupazione giovanile sia alta; in Italia le uniche riforme che la classe politica sia stata capace di proporre sono quella sulle pensioni e quelle sulla scuola, togliendo sempre qualche cosa ai cittadini.

E’ in questo modo che lo stato valorizza l'artigianato, lustro del made in Italy, lo stato non favorisce con leggi incentivanti l’inserimento dei giovani nel settore e nel praticantato, con incentivi a queste piccole aziende, dove, paradossalmente, spesso manca anche manodopera specializzata, per cui, anche le aziende floride, con la morte dei titolari, sono costrette a chiudere.

Nel 2009, con la crisi, hanno chiuso 312.000 studi professionali, cioè il 18%, il loro fatturato globale è diminuito del 43% rispetto al periodo precedente, con un calo del 20% dell'occupazione.
Il settore degli avvocati è uno dei comparti più colpiti dalla crisi, gli italiani hanno capito che a causa di amnistie, indulti, grazie, prescrizioni, condoni, patteggiamenti, pene alternative e archiviazioni, con la giustizia si viene a capo di niente.

Il servizio giustizia non esiste per colpa dei vari operatori della giustizia, cioè di legislatore, avvocati e giudici, tutti gli italiani ne sono vittime e perciò perdono la fiducia verso lo stato; i tribunali servono solo per far lavorare gli avvocati e per garantire uno status ai giudici. Il legislatore, per non scontentare gli amici, non può fare leggi giuste; lo stato ha tradito il patto sociale fatto con il cittadino che prevedeva sicurezza e giustizia in cambio di tasse.

L'Italia è il Paese che in Europa investe la minor percentuale del Pil per l'occupazione dei giovani e per la famiglia; nonostante le promesse elettorali, sono stati tagliati i fondi destinati all’occupazione previsti dalla finanziaria 2007, per destinarli alle banche, inoltre, l’allungamento dell’età della pensione ha bloccato il tournover. Il Governo ha disatteso l’aspettativa di un aiuto per le famiglie e le PMI, utilizzando in diverso modo le risorse straordinarie messe a disposizione dalla lotta all'evasione fiscale e dai giochi pronostici; lo stato ha avuto entrate straordinarie da condoni, lotterie, multe e fiscal dreg, quando si chiede che le spese straordinario devono avere copertura a bilancio, si può anche aggiungere che le entrate straordinarie, impreviste a bilancio, potrebbero essere utilizzate per le situazioni di precarietà.

Solo investendo nella famiglia, nell’istruzione e nelle PMI, il paese investe sul suo futuro, ma queste cose le capisce solo uno stato costumato. A causa della crisi, non quella delle banche ma quella congenita dell’Italia del terzo millennio, e dell’aumento dei prezzi, soprattutto alimentari, gli italiani, pur acquistando meno, spendono di più; resistono solo le vendite di prodotti hi-tech, poiché sono gli unici prodotti per i quali i prezzi sono calati sensibilmente.

Per combattere la recessione economica, il governo avrebbe dovuto procedere alla restituzione alle famiglie dei rimborsi fiscali, che hanno raggiunto ad ottobre del 2009 la cifra di 29,1 MLD di euro.
Nel giorno di Natale del 2009 lo sciopero della pasta, a causa di un aumento del prezzo, ne ha ridotto il consumo del 58,2% rispetto al Natale precedente; l’aumento si verificò a causa dell'aumento del prezzo del grano, però poi i prezzi non sono stati ridotti quando il prezzo del grano duro si è ridotto del 30%.

Queste cose si verificano regolarmente con i prodotti petroliferi ed altre materie prime, la spinta alla speculazione prevale sempre sulle corrette regole di mercato. Recentemente in Italia abbiamo assistito ad una lievitazione dei prezzi dei generi di prima necessità pari al doppio della media europea, ma governo e Istat lo negano, invece agli agricoltori i loro prodotti sono pagati sempre meno, mentre sono favorite le importazioni a basso prezzo dal terzo mondo che li mettono fuori mercato; all’estero le finanziarie agricole, anche appartenenti alla chiesa, hanno molte piantagioni.

L'allarmante crisi economica impoverisce sempre di più le famiglie, c’è un'incessante escalation dei prezzi, soprattutto dei prodotti alimentari di prima necessità, soprattutto di frutta e verdura che sono gli alimenti più salutari. Però sono con il fiato corto anche i commercianti, perché i consumi si riducono, c’è la concorrenza degli ipermercati e gli affitti dei negozi sono cari, perciò tanti di loro chiudono e, tanti, per poter sopravvivere, per risparmiare parte delle tasse, tendono a non emettere lo scontrino fiscale.

Mettere in sicurezza il 60% delle scuole italiane, serve a combattere la recessione, perché è importante è investire sui giovani e sulla pubblica istruzione, ma lo stato preferisce guardare alle grandi opere, dove si può speculare di più. In Italia, solo il 47% delle scuole ha il certificato di agibilità, contro il 98% della Germania, il 92% della Francia, il 91% dell'Inghilterra, l'86% della Spagna; eppure lo stato, ottimo predicatore, chiede sempre ai cittadini di mettere a norma impianto a gas, impianto della luce e le auto.

Forse le ruote del legislatore sono state oleate dalle associazioni degli artigiani del settore, la lobby esistono per questo, oggi la manutenzione di una centrale a gas costa molto e lo stato compartecipa alla spesa riscuotendo tasse sulle relative ricevute fiscali; lo stato è stato fiscale anche con gli automobilisti, costretti ad acquistare triangolo, giubba a strisce, cinture di sicurezza, ecc. In Italia, appena il 36% degli edifici scolastici ha il certificato d’agibilità statica, quello d’agibilità igienico sanitaria e quello di prevenzione incendi; le piccole opere, da sole, sono in grado di contrastare la recessione e ridare la fiducia ai contribuenti italiani; mettere in sicurezza tutte le scuole italiane, significa rilanciare l'economia, con progetti immediatamente cantierabili; queste cose le ha fatte la Spagna, ma pare che non le possa fare l’Italia che però vuole essere il primo paese a tassare.

Il business della "munnezza" è la più grande industria del mezzogiorno, con i suoi 120.000 addetti, mentre il contrabbando delle sigarette, quando era in auge, impiegava solo 100.000 persone; perciò non si può uscire dall’emergenza rifiuti, naturalmente ne guadagnano anche la camorra, politici e grossi imprenditori. Recentemente a Londra, per lo smaltimento rifiuti, è stata utilizzata una tecnologia italiana, il Sistema Ecodeco che, con l'impiego di poco più di cinquanta persone, smaltisce migliaia di tonnellate di rifiuti, generando al contempo combustibile, che invece di essere disperso nell’aria attraverso gli inceneritori, è gassificato in assenza d’ossigeno e inviato alle centrali elettriche. Questo sistema è in grado di generare ricavi, invece che perdite enormi; purtroppo però, in Campania l'emergenza rifiuti è diventato un business, un’opportunità come il terremoto dell’Irpinia, legato al voto di scambio, all’occupazione ed alla camorra.

Nunzio Miccoli www.viruslibertario.it