giovedì 18 marzo 2010

The Growing Movement for Publicly Owned Banks

The Growing Movement for Publicly Owned Banks

We the people have given away our sovereign money-creating power to private, for-profit lending institutions, which have used it to siphon wealth from the productive economy. Some states are moving to take that power back.

by Ellen Brown

"Hundreds of job-creating projects are still on hold because Michigan businesses and entrepreneurs cannot get bank financing. We can break the credit crunch and beat Wall Street at their own game by keeping our money right here in Michigan and investing it to retool our economy and create jobs."

--Lansing Mayor Virg Bernero in The Detroit News March 9, 2010

Michigan, which has an unemployment rate of 14 percent, has been particularly hard hit by the economic downturn. Virg Bernero, mayor of Lansing, the state's capital, and a leading Democratic candidate for governor, proposes to relieve the state's economic ills by opening a state-owned bank. He says the bank could protect consumers by making low-interest loans to those most in need, including students and small businesses; it could also help community banks by buying mortgages off their books and working with them to fund development projects.

Bernero joins a growing list of candidates proposing this sensible solution to their states' fiscal ills. Local economies have collapsed because of the Wall Street credit freeze. To reinvigorate local business, Main Street needs a heavy infusion of credit, and publicly-owned banks could fill that need.

In a recent article for YES! Magazine, I tracked candidates in five states running on a state bank platform and one state (Massachusetts) with a bill pending. Just one month later, there are now three more bills on the rolls--in Washington State, Illinois and Michigan--and two more candidates joining the list of proponents (joining Bernero is Gaelan Brown of Vermont). That brings the total to seven candidates in as many states (Florida, Oregon, Illinois, California, Washington State, Vermont, and Idaho) campaigning for state-owned banks, including three Democrats, two Greens, one Republican, and one Independent.

The Independent, Vermont's Gaelan Brown, says on his website, "Washington, D.C. has lost all moral authority over Vermont." He adds, "Vermont should explore creating a State-owned bank that would work with private VT-based banks, to insulate VT from Wall Street corruption, and to increase investment capital for VT businesses, modeled after the very successful state-owned Bank of North Dakota."

The Bank of North Dakota, currently the nation's only state-owned bank, is the model (with variations) for all the other proposals on the table. The Bank of North Dakota acts as a "bankers' bank," partnering with other banks in "participation loans," which allow them to compete with larger banks. In a participation loan, the community bank originates the loan and takes responsibility for it, while the participating bank contributes funds and shares in the risk and profits. The Bank of North Dakota also makes low-interest loans to students, farmers and businesses; underwrites municipal bonds; and provides liquidity for more than 100 banks around the state.

Three New Bills Pending for Publicly Owned Banks

Proposals for publicly owned banks in other states have now progressed beyond the campaign talk of political hopefuls to be drafted into several bills.

The Michigan Development Bank

The Michigan bill has gotten the most press. Introduced into the legislature earlier this month, it mirrors Bernero's state bank idea. According to a press release issued by Michigan Senate Democrats on March 9, the bill's aim is to "keep Michigan's money in Michigan" by putting tax dollars into a proposed "Michigan Development Bank." The bank would function like a traditional bank, but would focus on economic development rather than profit. The press release quoted Senator Gretchen Whitmer (D-East Lansing):

Investing in the state's economy is the greatest way to create jobs, and this proposal will provide small businesses and entrepreneurs the funding they need to invest and grow. Our economy has stagnated due in part to stale thinking in Lansing, and this is just the type of innovative idea we need to create real economic change, using our own money to rebuild the state.

Senate Democratic Leader Mike Prusi (D-Ishpeming) stated:

Michigan's economy has been suffering, and working families in the state have had difficulty keeping up with credit card bills, college tuition prices and mortgage payments. Establishing the Michigan Development Bank will keep our hard-earned dollars right here in the state to invest in small business, create good-paying jobs to get people back to work, and help protect the middle class.

Also quoted was Senator Hansen Clarke (D-Detroit):

With the current state of our economy, every dollar counts, yet we're depositing our money in other people's pockets by investing in big corporate banks without seeing much lending in return. It's time for the Mitten State to lend itself a helping hand and establish a bank that is willing to invest in our small businesses and offer the financial support necessary to see job growth.

For start-up capital, the Senate Democrats suggested that Michigan could sell voter-approved bonds. With an initial capitalization of $150 million, they estimated the bank could lend up to $1 billion to small businesses, students and farmers, and offer low-interest credit cards to consumers. For deposits, the bank could follow the model of the Bank of North Dakota and use state revenues. So says Gene Taliercio, a Republican candidate for the state Senate, who has also put his weight behind the Michigan Development Bank. In a video clip on the website of the local Oakland Press, he says, "We're talking about restructuring the whole tax system, in the sense that the way it's set up is that all taxes are going to go into this central bank ... Every dollar that the state of Michigan makes goes into this bank."

The State Bank of Washington

A similar bill, HB 3162, was introduced to the Washington State Legislature on February 1. The bill has generated so much interest that Steve Kirby, chair of the Financial Institutions and Insurance Committee, has scheduled a special work session on it. According to John Nichols in The Nation, the State Bank of Washington was formally proposed by House finance committee vice chair Bob Hasegawa, a Seattle Democrat. Nichols quotes Hasegawa:

Imagine financing student aid, infrastructure, industry and community development. Imagine providing access to capital for small businesses, or otherwise leveraging our resources instead of having to do it with tax incentives. Imagine keeping our resources local instead of exporting them as profits, never to be seen again--that's what this bank could do.

Leveraging, rather than taxing, is how private banks have been creating "credit" for centuries. States could do the same thing, cutting the middlemen out of the equation, saving significant sums in interest and fees and generating revenue for the state.

A nonpartisan analysis of the Washington bill prepared for the state legislature noted that the bank would be the depository for all state funds and the funds of state institutions, and that these deposits would be guaranteed by the state. The bank would be run by a board of 11 members and would be chaired by the State Treasurer. It would have the same rules and privileges as a private bank chartered in the state. Since current law prohibits the state from lending credit and investing in private firms, voters would have to approve the state Constitution to get the bank off the ground.

The Community Bank of Illinois

A third bill, introduced by Illinois Representative Mary Flowers, is on its way through the legislative process in Illinois. According to the Illinois General Assembly website, the Community Bank of Illinois Act would establish a state bank with the express purpose of boosting agriculture, commerce, and industry. State funds and money held by penal, educational, and industrial institutions owned by the state would be deposited in the bank and would serve as reserves for making loans. The bank could also serve as a clearinghouse for other banks, including handling domestic and foreign exchange; and it could buy property under eminent domain. All deposits would be guaranteed with the assets of the state. The Bank would be managed and controlled by the Department of Financial and Professional Regulation, with input from an advisory board representing private banking and public interests.

An amendment to the initial bill would enable the Community Bank of Illinois to make loans directly to the state's General Revenue Fund, helping the state cope with its current budget challenges.

A Massachusetts-owned Bank

On March 12, the Associated Press reported that a jobs bill sponsored by Massachusetts Senate President Therese Murray also includes a call to study a Massachusetts-owned bank. She told a business group that a state-owned bank has worked in North Dakota, helping to insulate that state from the worst of the recession while also keeping its foreclosure rate down; similarly, a state-owned bank could spur job creation and free up lending to Massachusetts businesses.

Grandfather of the Concept: The Bank of North Dakota

All of these proposals take their inspiration from the Bank of North Dakota, which was founded in 1919 to resolve a credit crisis like that facing other states today. Last year, North Dakota had the largest budget surplus it had ever had. It was the only state that was actually adding jobs when others were losing them. In March 2009, when 46 of 50 states were in fiscal crisis, the Council of State Governments noted that North Dakota was in the enviable position of discussing tax cuts and looking for ways to spend its surplus.

With the deepening crisis, according to National Public Radio, by January 2010 only two states could still meet their budgets--North Dakota and Montana. On February 8, however, the Montana paper the Missoulian reported that the Montana State Legislature's chief revenue forecaster foresees a budget deficit by mid-2011, leaving North Dakota the only state still boasting a surplus.

North Dakota's riches have been attributed to oil, but many states with oil are floundering. The sole truly distinguishing feature of North Dakota seems to be that it has managed to avoid the Wall Street credit freeze by owning and operating its own bank. According to the North Dakota Department of Commerce, the BND turned a profit in 2009 of $58.1 million; this money goes into the state's General Fund. North Dakota's economy is ten times smaller than Michigan's, suggesting that Michigan could generate $500 million per year in this way; Washington State and Illinois present similarly inviting possibilities.

That defuses the objection raised in a March 15 editorial in The Detroit News, arguing that Michigan can ill afford the $150 million capital investment to start a bank. If operated like the BND, the Michigan Development Bank could soon be a net generator of state revenues. There are other possibilities, besides a bond issue, for providing the capital to start a bank, but that subject will be reserved for another article.

The BND's 90-year track record of prudent and profitable lending defuses another objection to state-owned banks: that a public agency cannot be trusted to act responsibly in managing public funds. The Detroit News' editorial concluded that Michigan should "leave banking to the bankers," but it is precisely because the bankers have destroyed the economy with their reckless lending practices that the public needs to step in. We need a "public option" in banking to set standards and keep private banks honest.

The True Potential of Publicly-owned Banks

North Dakota broke new ground nearly a century ago, but the true potential of publicly owned banks remains to be explored. Nearly all of our money today is created by banks when they extend loans. (See the Chicago Federal Reserve's "Modern Money Mechanics," which begins, "The actual process of money creation takes place primarily in banks.") We the people have given away our sovereign money--creating power to private, for-profit lending institutions, which have used it to siphon wealth from the productive economy. If we were to take that power back, we could generate the credit we need to underwrite a whole cornucopia of projects that we don't even consider because we think we lack the "money." We have the labor and we have the materials; we just lack the "liquidity" necessary to put them together to create products and services.

Money today is just a ticket, a receipt for work performed and goods delivered. We can fund the work we need done by creating our own credit. The real promise of publicly-owned banks is not that they can bail out subprime borrowers but that they can jumpstart the economy by creating real wealth. They can provide the liquidity to put labor and materials together, allowing the economy to build and grow. Our private, profit-driven banking sector has been bleeding wealth from the rest of the economy. Public-interest banks can transfuse the economy with the credit it needs to flourish and be productive once again.

Ellen Brown wrote this article for YES! Magazine, a national, nonprofit media organization that fuses powerful ideas with practical actions. Ellen developed her research skills as an attorney practicing civil litigation in Los Angeles. In Web of Debt, her latest of eleven books, she turns those skills to an analysis of the Federal Reserve and "the money trust." Her websites are webofdebt.com, ellenbrown.com, and public-banking.com.

"Debito pubblico" - di A. Miclavez

"Debito pubblico" - di A. Miclavez


Perchè i mass media "ufficiali" parlano in modo così superficiale di "debito pubblico", senza mai entrare in dettaglio su:

1 - Come è nato il "debito pubblico"?

2 - Chi è il "creditore", se tutti noi cittadini siamo "indebitati"?

3 - Chi ha deciso di sottoscrivere il debito pubblico, a carico della comunità?

La risposta SINCERA a queste domande ci piacerebbe molto conoscerla, ma non la riceveremo mai da coloro che hanno congegnato il sistema in cui siamo prigionieri, perchè l'unico interesse che hanno è quello di mantenerci nell'ignoranza e rafforzare il controllo che hanno su di noi. Non ci credi?

Dai un'occhiata alla seguente tabella...

Come hai notato, tutti i paesi occidentali che aderiscono al modello "capitalista-liberista" stanno incrementando drammaticamente il loro indebitamento, mentre i pesi, cosiddetti "emergenti" hanno situazioni decisamente migliori, con l'esempio del Sud America, che vede ridursi il proprio debito, unico esempio al mondo...

Prova a riflettere su questa singolare situazione, mentre ascolti la canzone di A. Miclavez "debito pubblico" clicca qui.

Ultimo aggiornamento (Giovedì 18 Marzo 2010 17:06)

Nocera, perde il lavoro e si uccide davanti a casa

Nocera, perde il lavoro e si uccide davanti a casa

di Marco Tedeschi, l'Unità

Un colpo di pistola alla testa davanti casa, un rumore sordo esploso a distanza ravvicinata, poi la caduta a terra con il volto coperto di sangue: si è ucciso così Ciro Pellegrino, 47 anni, responsabile sicurezza di un market della catena Alvi di Nocera Inferiore, da alcuni mesi disoccupato perché licenziato dall'azienda in crisi. Nelle stesse ore, a pochi chilometri di distanza, nel Napoletano, un uomo di 59 anni, depresso perché senza lavoro, si stava impiccando nella sua camera da letto. In un giorno solo in Campania due vite spezzate dallo stesso motivo: la perdita del lavoro. Che da dramma si trasforma, purtroppo sempre più spesso, in tragedia.

A NOCERA
Sposato e padre di un ragazzo di 12 anni, Ciro Pellegrino era una persona tranquilla e benvoluta da tutti. Un grande lavoratore, ma ultimamente molto stressato per la vicenda del fallimento della catena di supermercati Alvi, la società gestita dalla famiglia dell'ex presidente della provincia di Salerno Angelo Villani. Lui era un ispettore di zona del gruppo, da alcuni mesi era rimasto senza lavoro a causa del crack dell'azienda. La difficoltà di non avere più un reddito e di convivere con una precarietà senza fine, ha spinto il 47enne all'estremo gesto. Per uccidersi ha usato una Beretta calibro 9x21 legalmente detenuta. Il colpo gli ha trapassato la testa dalla tempia destra alla sinistra. I colleghi di Pellegrino che da novembre sono senza stipendio hanno saputo del suicidio proprio mentre stavano facendo un sit-in di protesta davanti alla Prefettura di Salerno, dove era in corso un incontro tra sindacati, prefetto e una delegazione di lavoratori. Immediate le reazioni di commozione e di rabbia contro la famiglia Villani: "Ci stanno portando alla disperazione", hanno gridato i manifestanti. E' un dramma occupazionale, quello dell'Alvi, che si trascina ormai da molti mesi. Sono oltre mille gli operai in difficoltà. Che la situazione del gruppo non fosse solida, che ci fossero problemi finanziari era nell'aria già da tempo. Ma pare che ad accelerare il precipitare degli eventi sia stata la mancata ri-conferma di Villani alla Provincia. Questo avrebbe fatto perdere la fiducia degli istituti di credito di riferimento ma anche il peso politico per rimanere a galla. E dall'estate scorsa per la catena Alvi non c'è stata più pace: supermercati falliti e centinaia di dipendenti sul lastrico.


A NAPOLI
Il 59enne napoletano era un meccanico e ad un amico aveva confidato che aveva effettuato l'ultima riparazione un paio di settimane fa. La mancanza di un reddito certo e l'approssimarsi di un'età nella quale si va in pensione hanno evidentemente, secondo gli investigatori, accresciuto il suo stato di disagio e la sua disperazione. Il corpo dell'uomo, ancora in pigiama, è stato trovato dalla moglie, di ritorno dalla giornata di lavoro, nella stanza da letto: una corda stretta attorno al collo e ferite al petto e alla gola, a colpi di coltello che l'uomo si sarebbe autoinflitto. Una fine atroce: potrebbe essere morto dissanguato. Il corpo dell'uomo era stato ritrovato in un lago di sangue. Per alcune ore si era pensato anche a un possibile delitto (nella zona c'era stato recentemente un delitto dopo una rapina in casa), con il cappio usato come messinscena. Ma non c'erano né effrazioni né altri segni che lasciavano pensare alla partecipazione di un'altra persona sulla scena. Si tratta, quindi, di un dramma della precarietà e della miseria: Salvatore era piombato in una profonda disperazione dopo che aveva perso il suo lavoro di meccanico carrozziere e si «arrangiava» con lavoretti saltuari. Fino a quando non ha deciso di farla finita.

17 marzo 2010

Is Military Keynesianism the Solution?

Comment

Is Military Keynesianism the Solution?

Why war is not a sustainable strategy for economic recovery.

By Heidi Garrett-Peltier, Dollar&Sense

The United States is currently preparing to send 30,000 additional troops to Afghanistan by summer 2010. Military contractors, deeply integrated into the U.S. economy, will continue to prosper and profit from increased military spending resulting from this surge of troops. At a time when unemployment in the domestic economy remains near 10%, it may seem convenient to fall back on the principle of military Keynesianism: War is good for the economy.

John Maynard Keynes, the British economist whose work has once again become popular in the wake of this most recent economic crisis, advocated increased government spending to lift an economy out of recession or depression. When consumers and businesses slow their spending, the government can step in to increase demand for goods and services so that businesses can continue to produce and people can remain employed. This fiscal stimulus could take the form of infrastructure projects, healthcare, education, or other productive endeavors. By this logic, military spending can lift an economy out of recession by creating demand for goods and services provided by military contractors, such as the production of tanks and ammunition or the provision of security services. Advocates of this strategy point not only to the widespread employment created by military spending, but also claim that military spending creates well-paying, stable jobs.

It is true that military spending creates jobs throughout the economy, and that many of those jobs are well-paying. But at a time when our jobless rate is high, infrastructure is crumbling, and global climate change is becoming an increasingly urgent matter, we must ask whether military spending is truly a solution to our economic woes or whether we might be able to create more jobs in productive areas that also help us meet longer-term goals.

In a recent paper that I co-authored with Robert Pollin, we show that dollar per dollar, more jobs are created through spending on clean energy, health care, and education than on the military. Further, we show that more middle-income and well-paying jobs are created in all of these areas. For each $1 billion of spending, over 17,000 jobs would be created in clean energy, close to 20,000 in health care, and over 29,000 in education. That same $1 billion would create only 11,600 jobs as a result of military spending. If we look at well-paying jobs, those that pay over $64,000 per year, these alternative domestic spending areas also outperform military spending. The same $1 billion would create 1,500 well-paying jobs in clean energy and just over 1,000 in the military—clean energy creates 50% more good jobs than military spending. Education, which is labor-intensive and creates many well-paying jobs per dollar of expenditure, creates close to 2,500 jobs paying over $64,000—that’s 2.5 times as many as the military.

According to the National Priorities Project, military spending on the Iraq and Afghanistan wars has reached approximately $1 trillion since 2001, not including the cost of the surge of 30,000 troops. In fiscal year 2009, federal government outlays on the military were 17% of all outlays.

Meanwhile, energy, resource conservation, and the environment accounted for only 1% of federal outlays, while education, training, and social services made up only 2%. Military spending is therefore eight to seventeen times as high as federal education- and energy-related spending.

The Obama administration is facing increased pressure to reduce the size of the fiscal deficit and the national debt, both of which have grown partly as a result of military spending. At the same time, there is an urgent need to put people back to work and to move the country toward a low-carbon future. While military Keynesianism offers one strategy for recovering from the recession, it is by no means the most effective, even putting aside the other reasons for objecting to a war economy. By reducing military spending, we can channel some of those savings to clean energy, healthcare, education, and other matters of national and global importance.

Heidi Garrett-Peltier is a research fellow at the Political Economy Research Institute at the University of Massachusetts, Amherst.

SOURCES: “The U.S. Employment Effects of Military and Domestic Spending Priorities: An Updated Analysis,” by Robert Pollin and Heidi Garrett-Peltier, available at www.peri.umass.edu; National Priorities Project.

Update: Implosions/Implosioni

Implosions/Implosioni:

Since late 2006: 381 major U.S. lending operations
Since late 2006: 117 funds at 71 outfits
Since early 2007: 254 banks
Since late 2006: 85 major builders" - plus 53 additional tiny implosions

Ex-Lehman Execs: Everyone Cooks the Books

The Baseline Scenario

What happened to the global economy and what we can do about it

We Are All “Yappers Who Don’t Know Anything”

By James Kwak

According to ex-Lehman executives interviewed by Max Abelson (hat tip Felix Salmon). To summarize, they say that using borderline-legal transactions to massage your balance sheet at the end of a quarter is completely normal, everyone does it, $50 billion is no big deal anyway, only “nonprofessionals” would even notice, and the only reason the bankruptcy examiner made so much noise about it was to justify the fee for his work. (Abelson does point out that, according to internal Lehman emails cited in the report, there were Lehman executives at the time who were worried about what they were doing and did not think it was standard practice.)

The unnamed sources may be right about one thing: it may be true that everyone was doing it, or at least something similar for the same purpose. One source said, “If Valukas went into Goldman Sachs, what do you think the report would look like? This would be a fairly tale compared to that.” In other words, Lehman simply had the misfortune to not be bailed out by the U.S. government, leaving its finances open for all the world to see.

But it’s not clear to me how this makes the situation any better. So instead of just Lehman cooking the books, the point is that everyone is cooking the books? And they are cooking the books more, so $50 billion is only chump change? Even if it’s legal, this seems like a problem. (And I don’t think you can resort to the argument that sophisticated money managers knew what was going on and weren’t worried, so therefore the rest of us shouldn’t worry either; if sophisticated money managers were so good, then the collapse of Lehman wouldn’t have had systemic consequences.)

The Lehman report could be interpreted two ways. One is that Lehman was a case of bad apples. If you had asked me before about fraud and the financial crisis, I would have said that there was probably some fraud around the edges, but it was unnecessary–the crisis could have been produced by entirely legal behavior, and probably was. But exposure of accounting fraud (or near-fraud) at Lehman could have the unfortunate effect of causing people to focus on fraud as an explanation of the crisis, implicitly letting all the other banks (and regulators) off the hook.

The other interpretation is that if Lehman was doing it, then probably everyone was, or at least a lot of people were. Maybe Goldman didn’t need to because it was shorting the housing market, but any other bank that was about to get blown up by its own toxic assets would have a strong incentive to push the limits of legal accounting as far as it could to buy itself a little more time.

The implication of Abelson’s sources is that the latter interpretation is correct.

La battaglia del grano a Roma


La globalizzazione dei rabbini e l'identità dei biscottini. A Roma stava per scoppiare la rivoluzione dopo il divieto del rabbinato di vendere la farina Kasher Lepesach su richiesta del rabbinato israeliano. Ora già si scambiano ricette su Facebook su come fare le ciambellette con la farina di matzà. DP

La battaglia del grano a Roma

Rav Riccardo Shmuel Di Segni


Dopo lo scarno comunicato dell'altro ieri sul divieto di vendita al dettaglio della farina kasher lePesach si è sentita la necessità di una relazione dettagliata su quello che è successo. E' quanto viene presentato nella nota che segue. Invito tutti coloro che hanno delle osservazioni da fare a leggere prima questa relazione.

Per cominciare
Negli ultimi decenni in tutti i campi c'è stata un'evoluzione tecnologica per cui le produzioni sono passate da domestiche ad artigianali a industriali. Persino per i computer è successa la stessa cosa: chi si ricorda i primi personal di 25 anni, sui quali ci si divertiva a fare i programmini in basic? ora i programmi si comprano belli e fatti e molto sofisticati e solo pochi li sanno scrivere. L'evoluzione tecnologica ha un impatto radicale su tutto e in particolare sulle nostre abitudini alimentari. E questo riguarda anche la kasherut, dove tutto è più raccorpato, industrializzato, super controllato.
Un tempo, neppure troppo lontano, le azzime e gli altri alimenti per Pesach si facevano a casa o in piccoli forni artigianali. Ora ci sono i medi e grandi stabilimenti. I motivi per questa evoluzione sono almeno due: la tendenza generale della società a industrializzare e la difficoltà di produrre alimenti nel rispetto preciso di tutte le regole, che a Pesach sono, come tutti sanno, complicate e rigorose.

Per questo non stupisce il fatto che nei testi classici di halakhà si parli di distribuzione di farina ai poveri prima di Pesach, con sottolineatura che è proprio la farina che viene data, non il prodotto finito (approfitto per l'occasione per ricordare che non bisogna dimenticarsi l'obbligo di solidarietà verso chi non ha risorse sufficienti per sostenere il carico economico di Pesach). Un esempio illustre è nella Mishnà Berurà (Orach Chayyim 429:1 nota 4), di neppure un secolo fa, dove si parla di quest'uso, diffuso "nelle nostre regioni", l'Europa orientale askenazita. Ma oggi è molto più semplice dare un pacco di azzime industriali e la farina non la si cerca e non la si dà più Il cambio di abitudini e di organizzazione produttiva, insieme a una crescente preoccupazione rabbinica per un uso improprio della farina in comunità meno osservanti, hanno fatto sì che progressivamente in gran parte del mondo ebraico la farina sia quasi scomparsa dal mercato prima di Pesach. Trovare in commercio la farina in una rivendita kasher lePesach fa ormai lo stesso effetto di trovare in commercio carne non kasherizzata (dissanguata) in una macelleria kasher, ma fino a poco tempo fa te la dovevi kasherizzare a casa. C'è un'evoluzione continua, c'è una globalizzazione dei sistemi. Roma ebraica è rimasta un'eccezione ma deve fare i conti con la globalizzazione. Roma non è un'isola extraterritoriale o una scheggia impazzita del mondo ebraico.

La tradizione delle ciambellette
A Roma la farina viene acquistata per farci dei dolci, ciascuno secondo la propria tradizione domestica (ciambellette ecc.). Qualcuno dice che è un minhag, un "uso". Parlare strettamente di minhag in questo caso, con tutte le implicazioni che ne possono derivare (in qualche caso, ben preciso, il minhag prevale sulla regola) non è tanto adeguato. Va però detto che si tratta certamente di una bella tradizione in cui si applica in casa un'atmosfera festiva, si dà alla festa una partecipazione particolare e famigliare, si diventa protagonisti, si ricevono e si trasmettono gli usi di casa, gli affetti, gli odori e i sapori. Tutte cose da mantenere. Solo che...

Solo che in molti casi può succedere che si sia persa, o mai avuta, la conoscenza precisa delle regole da rispettare e si rischia di produrre chametz. E allora cosa è più importante? A Pesach ci sono delle regole da rispettare, prima di tutto. Poi vengono le abitudini. Si rispetta Pesach eliminando il chametz e se qualche cosa, anche di meritorio, produce il chametz, non è consentita. Non c'è spazio di discussione su questo, è evidente, non ci si può appellare alla regola (generica) per cui il minhag potrebbe prevalere sulla halakhà. Dunque è chiaro che se le ciambellette sono chametz non c'è alcun permesso di farle e di tenerle, anche se è una bella tradizione familiare. Non c'è nessun fondamento halakhico per sostenere questo principio; non si può usare la halakhà (di cui ha solo una "infarinatura", termine in questo caso quanto mai appropriato) in un modo così disinvolto. Questo per quanto le scelte di ciascuno dentro casa sua. Poi entra in gioco il ruolo dei rabbini.

Che c'entrano i rabbini con quello che faccio dentro casa mia?
E' una delle osservazioni più ricorrenti. I rabbini c'entrano quando c'è un fenomeno scorretto privato e tanto più collettivo che possono controllare o correggere, perchè se non lo fanno ne sono corresponsabili. E non solo i rabbini, ma ogni ebreo che non interviene, perchè su questo non c'è nessuna delega ai rabbini (è il principio ebraico di responsabilità collettiva).

Proviamo a chiarire il problema con un esempio più generale: se un qualsiasi esercizio commerciale vende della merce che viene usata per commettere un reato c'è una responsabilità del venditore? Il farmacista è colpevole se vende un farmaco che far star male o uccide qualcuno? E' corresponsabile se l'ha venduto senza ricetta. La ricetta garantisce entro certi limiti che chi compra ha il permesso di usare un oggetto pericoloso.

Nel nostro caso non c'è un farmaco ma un divieto molto rigoroso della Torà; mangiare il chametz è punibile con il karet. La farina è come il farmaco pericoloso, la si può vendere solo con ricetta o darla a tutti come se fosse un farmaco "da banco"?

Il problema di fondo è che c'è un usanza locale bella e meritoria. Questa usanza può essere però praticata da qualcuno in modo scorretto. Per correggere la scorrettezza i rabbini possono intervenire in due modi:

a. Bloccare completamente l'uso, impedendone così l'abuso, ma togliendo la possibilità di farlo seguire anche a chi la fa in modo corretto.

b. Spiegare alle persone il modo corretto di fare le cose, nella speranza che chi sbaglia si adegui.

Il problema non si pone solo per le ciambellette, è molto più antico. Due millenni fa i rabbini proibirono di suonare lo shofar di Rosh haShanà o di agitare il Lulav a Sukkot quando la festa cade di Sabato, perché la gente profanava lo Shabbat portando per strada shofar e lulav. Oggi un'infinità di cose potrebbero o dovrebbero essere proibite per l'uso improprio che se ne fa. Rav Menachem Artom z. l. faceva l'esempio del taled, bisognerebbe proibirlo di Shabbat perchè la gente lo porta al beth hakeneset da casa. Bisognerebbe chiudere le Sinagoghe di Shabbat, perchè molte persone ci vanno in macchina. Bisognerebbe chiudere i macellai kasher e gli spacci dove si vende formaggio kasher perchè molta gente non sta attenta a non mescolare la carne con il latte o magari cucina di sabato. Bisognerebbe, ma non lo si fa, evidentemente perchè non si elimina un servizio o una mitzwà a tutti perchè qualcuno usa il servizio o fa la mitzwà commettendo trasgressioni. Ma allora perchè proibire con la stessa logica la farina? La differenza con gli esempi precedenti è che la farina e le ciambellette, a differenza del taled, del servizio sinagogale, della carne kasher non sono servizi essenziali e non sono mitzwà. Quindi, a fronte del vantaggio derivato dal mantenimento di una bella tradizione si ragiona che è meglio proibire la circolazione della farina in mani inesperte per evitare danni peggiori. Così si pensa e si fa in molte parti del mondo, tanto che Roma era rimasta un'isola strana; ma a Roma come si era ragionato finora?

La posizione del rabbinato romano
Il rabbinato romano è consapevole che nella Comunità esista una situazione molto complicata sull'uso della farina, c'è chi sa come comportarsi e segue le regole, chi consoce le gole e non le segue e chi non conosce o non vuole conoscere le regole. Rispetto all'ipotesi drastica di proibirne la vendita si è preferita l'altra ipotesi, quella informativa. La farina comune disponibile in commercio è molto dubbia nella sua kasherut lePesach: i chicchi vengono abbondantemente bagnati prima della macinazione. Si è giudicato pertanto preferibile fabbricare sotto nostro controllo della farina non bagnata. L'altro intervento è stato esplicativo: su ogni confezione sono state stampate le istruzioni su quello che si può fare, come e entro quando lo si può fare. Le stesse istruzioni vengono date in un foglio a parte a ogni acquirente della chavorà.

Ciò che ha indotto il rabbinato romano a questa posizione "controcorrente" rispetto all'ampia maggioranza dei rabbini del mondo è la radicalità delle abitudini locali; imporre bruscamente e senza adeguata preparazione un cambio di comportamento avrebbe determinato, nella nostra valutazione, un'ondata di proteste e di incomprensione, di ostilità e disaffezione, come sta accadendo effettivamente ora. Prima ancora che scoppiassero le proteste, prevedevamo benissimo le reazioni delle persone, che ora sono dappertutto al centro delle discussioni, delle telefonate, dei blog, delle mail. Vengono fatte tante obiezioni; la principale l'abbiamo vista prima, che vi importa dell'uso che faremo della farina. E ancora si chiede: come vi permettete di giudicare se io sappia o non sappia rispettare le regole? purtroppo sappiamo che un bel po' di persone non conosce le regole o non sono interessate a seguire le istruzioni, e non ce la sentiamo di fare distinzioni odiose tra osservanti e meno osservanti. E ancora: perchè vi preoccupate tanto della farina quando non vi preoccupate del fatto che nel resto dell'anno non mangio kasher? Perchè la farina la vendiamo noi e il fatto che non mangi kasher non promette bene sul buon uso che farai della farina. E ancora: a Roma o a Tripoli si è sempre fatto così e non può venire nessuno a cambiare le nostre abitudini. E' vero, ma ammesso che in passato non solo le tradizioni ma anche le regole fossero rispettate, bisogna vedere se nel passaggio delle generazioni non vi sia stata perdita di informazioni e di attenzione all'uso corretto.

Comunque, anche se a tutte le domande si può rispondere, la nostra posizione era stata quella di non chiudere, subito e duramente, ma di creare le condizioni progressive per la comprensione del problema. Non perché si temesse uno scontro, ma perché si desiderava un'evoluzione virtuosa e condivisa. Questo fino alla settimana scorsa, quando il problema è esploso.

Cosa è successo?
Il rabbino Ronnie Canarutto, attivo a Roma, si è rivolto di sua iniziativa direttamente a Rav Amar, rabbino capo sefardita di Israele e Rishon LeZion, facendogli presente che gli ebrei romani non sanno usare adeguatamente la farina e chiedendo istruzioni. La risposta di Rav Amar è stata un ordine scritto perentorio rivolto a me di sospendere immediatamente la vendita della farina, per le motivazioni esposte nell'interrogazione di Canarutto. Ho immediatamente mandato una relazione dettagliata a Rav Amar per spiegare i motivi della nostra posizione, facendo presente che nell'imminenza di questo Pesach sarebbe stato drammatico gestire nella Comunità una crisi di informazione, ma anche di alimentazione. Rav Amar ha risposto con precisione a tutti i punti sollevati, considerandoli degni di attenzione ma non al punto di farlo recedere dalla sua posizione. I membri del Beth Din romano mi hanno chiesto concordemente di provare a spiegare di nuovo a voce a Rav Amar la nostra posizione, ho avuto con lui un colloquio telefonico per sottolineargli la difficoltà del momento, ma senza risultato. Così come altri contatti successivi attraverso altri canali non hanno avuto effetto.
I rabbini del Beth Din, dopo aver discusso della cosa con i dirigenti comunitari, sono arrivati alla conclusione che malgrado la nostra differente valutazione non si poteva andare contro l'ordine di Rav Amar.

Questa decisione apre delle domande serie che richiedono spiegazioni. Le prime domande sono "tecniche".

Sono stati prodotti vari quintali di farina controllata, che fine fa se non si vende? E che dolci mangeremo?
Come tutti gli anni una parte consistente della farina era destinata dall'inizio ad un noto forno dolciario privato, il resto è stato preso dalla chavorà della comunità e da altri rivenditori privati.

Il forno privato userà la farina per produrre come sempre i suoi dolci. La gente chiede: perchè loro si e gli altri singoli privati no? Perchè la vendita è stata proibita al dettaglio e quel forno produce sotto costante nostra sorveglianza una quantità ingente di dolci. Controllare un unico forno si può, centinaia di abitazioni private no.

Ma in questo modo non si privilegia un esercizio rispetto agli altri? Come è possibile consentire un'unica produzione che vende a prezzi molto alti mentre chi non si può permettere la spesa non può farsi i dolci in casa? Per rispondere a questa legittima obiezione e anche per smaltire la farina che rischiava di rimanere inutilizzata la comunità ha attivato in tempi rapidissimi la produzione alternativa di dolci tradizionali che saranno venduti a un prezzo rigorosamente calmierato, quasi di puro costo, nella chavorà e dagli altri rivenditori che metteranno a disposizione la farina da loro acquistata. I tempi sono strettissimi e si prevede che i primi dolci saranno sul mercato dal pomeriggio di Domenica 21. Perlomeno c'è stato un grande risultato virtuoso: dolci per tutti a prezzi calmierati.

L'altra domanda è meno tecnica ma molto più delicata:

Perchè avete accettato l'ordine di Rav Amar?
Gli argomenti di protesta che accompagnano questa domanda sono: come si permette questo rabbino di dettare legge a distanza, di cambiare le nostre tradizioni, di mancare di rispetto a tutta la comunità; non abbiamo papa e gerarchie, ogni comunità è autonoma; se ci facciamo imporre questo rigore come ci salveremo da altre imposizioni. La risposta è che rav Amar, per la sua autorevolezza personale e per la funzione che svolge in Israele è tutt'altro che una persona qualsiasi nel mondo ebraico. Se si fosse espresso un qualsiasi altro Maestro, benchè autorevole, avremmo potuto far valere la nostra valutazione differente. Ma rav Amar ha l'autorità storica del Rishon leZion, ha funzioni di garanzia e di controllo sui tribunali rabbinici di Israele, e benchè ogni Beth Din sia autonomo, se non viene riconosciuto in Israele, le sue decisioni vengono messe in discussione. Ogni giorno da Roma produciamo al rabbinato centrale d'Israele certificazioni di ebraicità, di nozze, di divorzi. Senza il riconoscimento di rav Amar sarebbero dei semplici fogli di carta. Come lo sarebbero i certificati dei nostri ristoranti. E poi rav Amar investe su Roma, ogni settimana c'è un gruppo di fedeli che ascolta in diretta le sue lezioni, ci ha visitato molte volte, conosce pregi e difetti della nostra comunità. Molte volte è stato il nostro riferimento per decisioni halakhiche. Per moltissimi sefardim della nostra comunità è l'autorità indiscussa. Non è un estraneo e ha potere su di noi. Non possiamo non considerare con il giusto peso le sue decisioni. La questione che si dibatte oggi a Roma è una tradizione locale a cui teniamo, ma in altre parti del mondo è incomprensibile. Anche volendo non avremmo trovato qualche Autorità seria disposta a sostenerci. E poi nella nostra Comunità non ci sono solo quelli che protestano, c'è anche un gruppo che appoggia la decisione di rav Amar.

Questa storia deve indurci a riflettere, dopo le reazioni comprensibili di orgoglio e di protesta, sulla fragilità della nostra Comunità. Perchè è bastato lo zelo di un giovane shaliach, che ha fatto una domanda, per mettere in crisi un sistema. Perchè se ci fosse stata una base molto più larga di osservanti, di studiosi, di grandi Maestri riconosciuti e non solo di produttori domestici di ciambellette questo problema non sarebbe nato, o avremmo potuto gestirlo con ben altra forza. Siamo una comunità molto mediatica, molto influente sul piano politico, anche molto litigiosa, ma la nostra forza sul piano della Torà è ancora molto bassa. Ed è su questa forza che si gioca il nostro futuro.

Il gruppo su Facebook da cui è partita la rivolta e nel quale sguazzano molti politicanti locali:
http://www.facebook.com/group.php?gid=406628075408&ref=mf

(NB) Per leggerlo bisogna essere iscritti a Facebook.


=============================================================
Kolòt-Voci - Newsletter di Morasha.it a cura di David Piazza
=============================================================
www.morasha.it - La porta dell'ebraismo italiano in rete
=============================================================

3a Giornata nazionale sulla sovranità monetaria

3a Giornata nazionale sulla sovranità monetaria PDF Stampa E-mail
Pubblicato da Redazione web. Padova News
18-03-2010
Google!

Live!

Technorati!

Yahoo!
ImageLa 3a Giornata per la sovranità monetaria si svolgerà a Padova in Piazza dei Signori (sala "caduti di nassirya", sotto la volta dell'orologio), i giorni di venerdi 19, sabato 20 e domenica 21 marzo. L'incontro, organizzato dall'Associazione Primit (programma per la riforma monetaria italiana), è gratuito e libero, e avrà come temi portanti la discussione del problema del signoraggio, della moneta-debito, della sovranità monetaria.

Nel pomeriggio di venerdi si darà vita ad una mostra multimediale-didattica che aiuti nella comprensione del tema signoraggio e del meccanismo della moneta debito: cartelli esplicativi, corti, mini-documentari e situazioni create ad hoc vi faranno comprendere i meccanismi della grande Truffa.

Sabato invece sarà una giornata dedicata alle conferenze: la mattina con Valerio Raiola, dalle 11 alle 13, il pomeriggio con Sandro Pascucci, dalle 17 alle 20.

La giornata della domenica invece sarà dedicata all'informazione in strada: l'associazione Primit sarà in piazzetta Sartori e nel centro di Padova per distribuire materiale informativo e a disposizione per chiunque avrà domande da porre.

Our Entire Economy Became a Ponzi Scheme

How Our Entire Economy Became a Ponzi Scheme

We're only just discovering how widespread the rip-off schemes riddling our economy are.
March 18, 2010 |

Every great American boom and bust makes and breaks its share of crooks. The past decade -- call it the Ponzi Era -- has been no different, except for the gargantuan scale of white-collar crime. A vast wave of financial fraud swelled in the first years of the new century. Then, in 2008, with the subprime mortgage collapse, it crashed on the shore as a full-scale global economic meltdown. As that wave receded, it left hundreds of Ponzi and pyramid schemes, as well as other get-rich-quick rackets that helped fuel our recent economic frenzy, flopping on the beach.

The high-water marks from that crime wave, those places where the corruption reached its zenith, are still visible today, like the 17th floor of 885 Third Avenue in midtown Manhattan, the nerve center of investment firm Bernard L. Madoff Investment Securities -- and, as it turned out, a $65 billion Ponzi scheme, the largest in history. Or Stanfordville, a sprawling compound on the Caribbean island of Antigua named for its wealthy owner, a garrulous Texan named Allen Stanford who built it with funds from his own $8 billion Ponzi scheme. Or the bizarrely fortified law office -- security cards, surveillance cameras, hidden microphones, a private elevator -- of Florida attorney Scott Rothstein, who duped friends and investors out of $1.2 billion.

The more typical marks of the Ponzi Era, though, aren’t as easy to see. Williamston, Michigan, for instance, lacks towering skyscrapers, Italian sports cars, million-dollar mansions, and massive security systems. A quiet town 15 miles from Lansing, the state capital, Williamston is little more than a cross-hatching of a dozen or so streets. A “DOLLAR TIME$” store sits near Williamston’s main intersection -- locals affectionally call it the "four corners" -- and its main drag is lined with worn brick buildings passed on from one business to the next like fading, hand-me-down jeans. It’s here, far from New York or Antigua, that thanks to two brothers seized by a financial fever dream, the Ponzi Era made its truest, deepest American mark.

Jay and Eric Merkle, active church members and successful local businessmen, were well known among Williamston’s residents. In 2004, the brothers discovered that an oil-and-gas venture, which they had invested in and which promised them quick, lucrative returns, was a scam. They’d been duped. Their next move should have been simple: turn in the crooks and get on with their lives, their pockets a few dollars lighter. Jay and Eric, however, grasped the spirit of their age and made another decision entirely -- they teamed up with the guys who had ripped them off, in the process switching from prey to predator.

That first venture actually floundered, but in 2005, court records show, they started their own Ponzi scheme, Platinum Business Industries (PBI). Based in Williamston, PBI claimed it was socking its investors’ money into lucrative oil and gas exploration opportunities in Oklahoma and Texas, and it promised the investors absurdly high returns -- 6% a month, or 72% a year. Despite such promises, the brothers assured town locals handing over their hard-earned dollars that little risk was involved. Even if the energy exploration didn’t pay off, the land acquired by PBI was valuable and could be sold to offset any losses.

Like Madoff in Palm Beach, the Merkles in Williamston exploited local ties -- church and family -- to reel in new investors; and like Madoff's investment fund, PBI, too, was a complete sham, and a classic Ponzi scheme -- that is, an investment scam in which existing investors’ returns are paid for with money from new investors. In the case of PBI, there was no energy exploration in Oklahoma and Texas.

Some of the money they received from later investors the Merkles used to pay off earlier ones and give their scheme the look of success. But in their case, there was a rub. The Merkles were distinctly creatures of the Ponzi Era: they evidently couldn’t help themselves. Even as they ran their own Ponzi racket, documents show, they were getting fleeced. What they weren't paying out in fake returns the Merkles bet on high-yield, get-rich-quick schemes in the U.S. and abroad that had nothing to do with oil and gas -- and other Ponzi schemers and con artists were robbing them blind.

Their financial crime spree collapsed in 2008. Dead-broke, with investigators closing in, they told investors that various foreign governments and banks had frozen their assets. The brothers then asked them to wire more than a million dollars to Nigeria, Ghana, and other countries as “fees” to release their money, even as they warned them against cooperating with an FBI investigation. Then, on a brisk autumn day in October 2008, the feds arrested to the two brothers; the game was up. In all, via PBI and other scams, they had duped more than 600 investors out of $50 million, robbing some of their life savings.

When compared to Madoff’s or Stanford’s heists, that sum was little more than pocket change. But the Merkle brothers caught the true, democratic spirit of a decade of an unrestrained magical thinking that infected rich and poor, successful and ne’er-do-well, the financially savvy and neophytes who couldn’t tell a stock from a bond. Think of their story as a parable for the Ponzi Era: they were taken, decided to become takers, took others, then got taken again. In the rush for the pot of gold at rainbow’s end, they bet everything Main Street had to offer, believing they could get away with it.

Thanks to an open credit spigot, a booming housing market, and visions of unimaginable wealth on Wall Street, practically everyone in the United States in the past decade seemed to aspire to get rich -- and quick. Perfectly ordinary people refinanced their homes, refinanced again, and used the money they got to stake themselves at the crooked casino table of American life. Some rolled the dice in stocks, bonds, and second homes. For millions more, the gamble took the form of “investment opportunities” that promised wealth in a hurry, opportunities now exposed as little more than financial con jobs. “People were shooting for that home run,” says Peter Henning, a law professor at Wayne State University and white-collar crime expert. “They were saying, ‘I’m just as smart as Warren Buffet.’”

Today, with easy credit and the buy-now-pay-tomorrow culture that it spawned in the dustbin of history, the Ponzis and pyramid schemes of the past decade can be seen for what they really were. Not a week seems to go by without the Securities and Exchange Commission (SEC) or the FBI or law enforcement officials busting another get-rich hustle. Yet the full scope of the criminality of the Ponzi Era remains elusive; no one yet knows just how widespread those Ponzi schemes were -- and how many may remain, hidden or in plain sight.

Beyond the headliners like Madoff and Stanford, Americans may not actually be aware of just how many schemes of this sort were abroad in our land -- but it probably doesn’t matter much either. Disillusionment with the past decade is such that many Americans now simply assume that our world is little but a giant Ponzi scheme.

Ponzis, Ponzis, Everywhere

The wave of financial crime may have peaked in 2005 or 2006, but the detritus of such collapsed schemes has left regulators and investigators ever busier. Almost four times as many Ponzi schemes broke down in 2009 -- 150 -- as in 2008 -- 40. According to the Associated Press, the FBI began more than 2,100 securities fraud cases last year, an increase from 1,750 the year before. The SEC likewise dealt out 82% more restraining orders against Ponzi schemes and similar frauds in 2009 than the previous year.

2008 belonged to Madoff, but 2009 and 2010 have displayed a far more eclectic cast of crooks. We learned of mini Madoff, Miami Madoff, and Montreal Madoff, of Ponzis targeting African Americans, Haitian Americans, and Cuban Americans. There were fraudulent real-estate schemes and farm-grain schemes. Some were banal, like a Ponzi built on investments in state-worker uniforms or one that siphoned off retirement funds from bus drivers. Others were sexier, like the high-profile Florida race-car driver who, investigators say, swindled investors for $5 millionclaiming to peddle iron-ore contracts, or the clutch of professional athletes, among them the National Football League’s Michael Vick, allegedly fleecedfor $3 million by an elite “adviser” offering guidance on buying luxury properties and private jets. There were Ponzis piled atop each other, like a recent Detroit scam described by a state official as “a multiheaded Ponzi hydra.”

Faltering Ponzis have spread woe in Dallas and Boca Raton, Livermore and Long Island, Seattle and Atlanta. And the legacy of the past decade’s procession of white-collar criminals has indelibly marked our society in ways that go far beyond the financial losses they caused to their unfortunate investors.

Just use the word “Madoff” and see if you don’t inspire a visceral sense of revulsion in your listeners. (So notorious is the name that Bernie’s daughter-in-law wants to legally change her daughter’s last name from Madoff to Morgan to avoid “additional humiliation.”) Indeed, the Ponzi scheme is now so imprinted on the American imagination that it has, to some extent, become a prism through which we interpret the world.

The World’s a Ponzi, and We’re All Getting Duped

A decade ago, few Americans would have described the world around them in Ponzi terms, if they even knew what it was. Today, it’s become increasingly commonplace to describe American politics as a series of massive, plain-as-day Ponzi schemes. Medicare, for instance, or Social Security are regularly deemed Ponzis by right-wing protestors railing against the spread of big government. “It’s become part of the political nomenclature,” says law professor Henning. “That may be the greatest effect Madoff had. He’s now taken a term of art and made it into common public discourse.”

Last month, for instance, Tim Pawlenty, the drawling Minnesota governor and potential Republican presidential candidate, described not just Social Security and Medicare but all federal government spending as the “Ponzi scheme on the Potomac.” That scheme, Pawlenty wrote, “sooner or later” will

“come crashing down, and the loss will be mammoth... Ponzi schemes succeed because people want to believe in a free lunch as long as the easy money is rolling in. But a day of reckoning always arrives, and ours is right around the corner. The sooner we open our eyes, the sooner we can clean up this mess."

The inexorable rise of our closest economic competitor, China, is apparently a massive Ponzi, too. According to some journalists and analysts, that country’s success has been built on a bloated stock market, a growing housing bubble, cheap labor, and the promise of increasing returns. If so, it’s undoubtedly the greatest heist ever pulled in plain sight, involving the duping of China’s billion-plus inhabitants and the billions more worldwide whose lifestyles wouldn’t exist without the Middle Kingdom’s industrial rise.

To some, the Ponzi scheme knows no borders at all. Joe Romm, a climate science expert and blogger at ClimateProgress.org -- a left-leaning website, since the Ponzi mindset is bipartisan -- casts our current climate nightmare as a global Ponzi. By devouring natural resources now and cavalierly spewing greenhouse gases to poison the planet’s future, Romm says, we’re mortgaging the lives of future generations:

"You can get this burst of wealth that we have created from this rapacious behavior. But it has to collapse, unless adults stand up and say, ‘This is a Ponzi scheme. We have not generated real wealth, and we are destroying a livable climate...'"

What does it mean that we so eagerly slap the label “Ponzi scheme” on those things that most frustrate, infuriate, or confound us? Why do so many Americans feel like hapless investors who have thrown away their life savings to pay off guys at the top whose only goal is to screw over everybody else?

It’s an unmistakable sign, at the very least, of a deep, simmering distrust and disillusionment, a dark undercurrent of despair spreading through our culture, whether voiced by Governor Pawlenty or a newspaper reader in rural Ohio who wrote in a letter to the editor that Social Security "is, by definition, a Ponzi scheme." Today, for Americans, the literal Ponzi schemers may be the least of it. Sooner or later, they usually go to jail. But the distrust they sparked has made its way to the very kings of finance, who, like the Ponzi-schemers, were not so long ago going to make us all rich, who struck the match and then stoked the flames of the financial crisis, who created oblique financial products like collateralized debt obligations and pick-a-pay subprime mortgages, and then walked away unscathed with multi-million dollar salaries and bonuses in their pockets.

The distrust extends as well to the government that finally jailed Madoff and is prosecuting Stanford, but has dealt a free pass to Lloyd Blankfein of Goldman Sachs and Dick Fuld of Lehman Brothers. What might be thought of as an American Ponzi mood can be seen in the rise of anti-government groups like the burgeoning Tea Party movement. The scattered “patriot” groups that comprise the Tea Partiers passionately claim the president, the Democrats, and even the Republicans are “stealing” their country and liberty from them; in some cases, they are prepared to take up arms against what they see as fraud of the largest order, which they term “socialist tyranny.”

Most disquieting in the Ponzi Era is the disillusionment it has bred, the sense that people you know or work with could be ripping you off. In Bernie Madoff’s case, there’s a possibility he deceived his own wife and children. The Merkle brothers exploited members of their church and extended family. "You work hard your whole life to be smart with your money and save and then it is taken by someone you know,” said a resident of tiny Van Wert, Ohio, who'd been duped by the Merkles. “People need to be warned that it can happen in Van Wert, too."

How long it will take for that embedded distrust to dissipate is anyone’s guess. As the victims of Madoff can attest, justice is bittersweet in the wake of a Ponzi scheme: the ringleader may spend his life in prison, his belongings publicly auctioned off as a form of catharsis as much as restitution, but investors are rarely made whole again. The scars remain.

Ours is now a Ponzi nation. There is a new mood in the land. Just how it will play out is unknown, but a sense of having been conned is still spreading -- as if not just surprising numbers of investors, but the whole country had experienced the last days of a giant Ponzi scheme. With it goes a feeling that what we’ve been living through, even in “the best of times,” wasn’t an American dream, but pure nightmare. Welcome to America, sucker.


Andy Kroll is a summer intern at The Nation. His writing has appeared at Campus Progress, CBSNews.com, and The Progressive Review. He can be reached at andykroll (at) gmail.com.

A SALVAGUARDIA dello STATO

A SALVAGUARDIA dello STATO

Un “Convegno” a Bologna per la tutela dei diritti civili della Comunità
Da: Consul Press - febbraio-marzo 2010

Domenica 14 febbraio si è svolta a Bologna una tavola rotonda sulla crisi economica, con i rappresentanti di numerose associazioni, circoli culturali e gruppi di studio, per dare vita ad un “coordinamento permanente” con l’obiettivo di esaminare e fronteggiare la grave crisi economica, etica ed istituzionale che il nostro Paese sta da tempo attraversando.
Tali gruppi, anche se di diversa estrazione politica e culturale, si sono impegnati per elaborare una strategia operativa, dopo aver preso atto di un diffuso e profondo malessere della nostra società, nonché di una scarsa incisività dello Stato, sia nell’ affrontare determinati aspetti della crisi economica e monetaria, sia nel contrastare le inevitabili conseguenze negative nel settore occupazionale.

Del resto, già in passate e recenti situazioni, larghe fasce di cittadini (sia personalmente, sia come categorie) avevano dovuto assistere ad una sorta di non presenza o latitanza dello Stato, come nei crack Cirio, Parmalat, Bond Argentini, Banca 121, ecc.
Ma torniamo al convegno in Bologna, promosso dal Professor Savino Frigiola, esperto in studi e politica monetaria, il quale ha illustrato le caratteristiche e le dinamiche della attuale crisi, evidenziando come – a fronte dell’aumento della disoccupazione - le risorse economiche non siano state indirizzate per rilanciare l’economia, la produzione e l’occupazione, ma destinate in buona parte ad agevolare la restituzione dei debiti verso le banche, provocando una ulteriore riduzione della circolazione monetaria.
Secondo Savino Frigiola, il mondo della politica non si è sufficientemente reso conto come la crisi economica sia stata determinata dalla perdita di liquidità del mercato, a causa della crisi finanziaria, né ha provveduto ad azionare quei meccanismi necessari per far affluire rapidamente nel mercato nuova liquidità, senza ricorrere ad un maggior indebitamento o ad inasprimenti fiscali.
Tra i vari argomenti posti in discussione, particolare rilevanza ha riguardato il tema della sovranità monetaria, strumento che dovrebbe consentire allo Stato di riappropriarsi della “emissione della moneta” e della vigilanza diretta sul sistema finanziario e bancario, funzione attualmente svolta da gruppi finanziari privati, che anziché espletare un servizio a favore delle attività produttive e quindi dei cittadini, utilizzano tale funzione come mezzo per conseguire un indebito arricchimento, incamerando il signoraggio, che si realizza sempre in occasione di emissione monetaria, sia primaria che secondaria.
Si è aperto pertanto un dibattito sulla necessità di ripristinare la funzione centrale dello Stato a salvaguardia non solo dei diritti patrimoniali ma anche dei diritti assoluti della persona, quali salute, libertà di iniziativa economica e di integrità psicofisica.
Di conseguenza si è quindi affrontato il dilagare dei fenomeni di privatizzazione che, già applicati in ambito monetario, si stanno estendendo o si potrebbero estendere anche all’ambito sanitario, alle risorse idriche, alla Protezione Civile e forse anche alle Forze Armate.
Si è quindi concordato di intraprendere iniziative comuni per contrastare tale fenomeno, costituendo un ”organismo di coordinamento” tra le varie associazioni partecipanti all’incontro di Bologna, data anche l’ampia disponibilità manifestata dagli intervenuti nell’ambito delle proprie competenze e dei propri mezzi.
Tale “Coordinamento”, con sede in Bologna, si dovrà dotare di una propria funzionale struttura e di un agile organigramma interno, nonché di adeguate risorse per fornire consulenza ed assistenza di carattere giuridico legale a coloro che (privati cittadini od imprese) sono incorsi nelle vessazioni del sistema bancario e finanziario.
Il Coordinamento si dovrà inoltre impegnare per sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica sul tema della sovranità popolare ed esercitare forme di pressione verso la classe politica al fine di intervenire sul tema con appropriati strumenti legislativi.
Domenica 7 marzo avrà luogo un successivo incontro in Pescara per continuare ad approfondire tali tematiche con le realtà associazionistiche presenti in Abruzzo, Terra natia del Professor Giacinto Auriti, accademico, ideologo e giurista di chiara fama, che nella Università di Teramo aveva dato un forte impulso agli studi sul “valore indotto della moneta” e successivamente sulla sovranità popolare della moneta.
E’ stata inoltre lanciata la proposta di essere numerosamente presenti a Roma il prossimo 31 maggio, data della discussione della relazione annuale del Governatore della Banca d’ Italia.
E proprio sulla Banca d’Italia si potrebbero aprire alcune ingloriose parentesi, risalendo al 1992:
�� la prima allorquando nel mese di luglio con Giuliano Amato (alias il “Dr. Sottile”) all’epoca Presidente del Consiglio, utilizzando strumenti tecnici da rapina, venne effettuato un “prelievo notturno” pari al 6 per mille sui c/c bancari personali dei cittadini e delle imprese.
�� la seconda allorquando nel mese di settembre, essendo sempre il Presidente del Consiglio Giuliano Amato, il Governatore di BankItalia Azeglio Ciampi e il Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro (uno dei peggiori inquilini del Quirinale), assistemmo ad una sciagurata difesa ad oltranza della Lira dagli attacchi del Marco. Sembrava fosse stata costituita una nuova Linea del Piave per resistere contro lo spettro della svalutazione, riuscendo invece a bruciare tutte le nostre riserve auree prima di capitolare e di contrabbandare poi la inevitabile resa, proprio da parte dello stesso Premier, in uno speciale telegiornale a reti unificate (era una domenica pomeriggio) come una scelta oculata, intelligente ed opportuna…….. “Bontà Loro!” avremmo potuto esclamare parodiando il titolo di una serie di trasmissioni televisive condotte da Maurizio Costanzo.
E ritorniamo ancora un attimo al convegno svoltosi a Bologna, ove quasi tutti i partecipanti hanno convenuto sulla necessità che la Politica non continui ad essere succube dell’Economia e delle strategie finanziarie orchestrate da potenti gruppi affaristici e bancari…….. e a tale scopo è interessante riportare una recente affermazione del Ministro Giulio Tremonti: ”L'impressione è che i banchieri, sia in vacanza, sia al lavoro, sia locali, sia centrali facciano qualcosa che non è il loro mestiere e che i governi non facciano qualcosa che è nel loro dovere …..”
Allora, appuntamento per domenica 7 marzo a Pescara (convegno su “Sete di Giustizia”), venerdì 12 marzo a Como (convegno su “l’Europa delle Banche: signoraggio e usurocrazia”), lunedì 15 marzo a Bergamo (convegno su “i politici: camerieri dei banchieri ?“) e per lunedì 31 maggio a Roma. Nel frattempo un paio di comunicazioni di servizio: la segreteria del Comitato, in Bologna, è stata affidata all’ Avv. Patrizia Di Stefano (distefanopatrizia@ymail.com) a cui far pervenire tutte le comunicazioni al fine di razionalizzare meglio la costituenda organizzazione, mentre al Prof. Savino Frigiola (s.frigiola@virgilio.it) è stato affidato il ruolo pro tempore di portavoce del Coordinamento.

GIULIANO MARCHETTI

mercoledì 17 marzo 2010

Update to over 40 billion euro in 28167 claims

Update to over 40 billion euro in 28167 claims made aganst the Kaupthing Bank, 3 Mar 2010

This document contains an update to a list of 28167 claims, totaling over 40 billion euro, lodged against the failed Icelandic bank Kaupthing Bank hf. The document is significant because it reveals billions in cash, bonds and other property held with Kaupthing by a vast number of investors and asset hiders, including Goldman Sachs, Deutsche Bank, Credit Suisse, Morgan Stanley, Exista, Barclays, Commerzbank AG, etc. It was confidentially made available to claimants by the Kaupthing Winding-up committee.

MILANO: Truffa delle banche ai danni del comune

ILSOLE24ORE.COM

Ecco come funzionava la truffa delle banche ai danni del comune di Milano

di Flavia Carletti, 17 marzo 2010


Il Gup del tribunale di Milano Simone Luerti mercoledì 17 marzo ha rinviato a giudizio quattro banche e 13 persone per la vicenda dei derivati sottoscritti dal Comune di Milano. In particolare, sono stati mandati a processo per l'accusa di truffa aggravata, con inizio il 6 maggio prossimo davanti a un giudice monocratico della quarta sezione penale del tribunale di Milano, Deutsche Bank, Depfa Bank, Ubs e Jp Morgan, insieme a Tommaso Zibordi e Arosio Carlo (dipendenti di Deutsche Bank), Gaetano Bassolino, figlio del governatore della Regione Campania, Matteo Stassano e Alessandro Foti (tutti di Ubs), Antonia Creanza, Fulvio Molvetti, Francesco Rossi Ferrini e Simone Rondelli (Jp Morgan), Marco Santarcangelo e Francis William Marrone (Depfa Bank) e Giorgio Porta, all'epoca dei fatti direttore generale del Comune di Milano, e il consulente dell'ente locale Mauro Mauri.

La chiave della inchiesta sui derivati sottoscritti dal comune di Milano, condotta dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo, sta nel fatto che, secondo la procura, le banche hanno avuto un profitto illecito raggirando l'amministrazione locale. Analizzando i contratti del Comune di Milano con le banche, gli inquirenti hanno evidenziato che, al momento della sottoscrizione, per gli istituti di credito c'e' stato un guadagno immediato, mentre la normativa prevede che il valore del contratto sia nullo, ovvero i due contraenti devono partire dallo stesso livello. Con i contratti del comune di Milano, invece, le banche hanno avuto un guadagno immediato al momento della sottoscrizione che poi hanno messo a bilancio come profitto, in ottemperanza dei principi contabili internazionali (Ias 39).
Quindi quel guadagno e' stato reale, non "virtuale" come hanno cercato di sostenere le difese degli istituti di credito. Secondo gli avvocati, per capire se la banca avesse guadagnato o meno dal contratto si sarebbe compreso solo alla scadenza dello stesso. Per la procura, invece, dal momento in cui nei bilanci delle banche il profitto implicito del derivato veniva messo tra i profitti e quindi andava a formare l'utile non si puo' negare che quei profitti erano reali e immediati. Nel dettaglio, scrivono i magistrati: "la struttura (dei contratti, ndr), nei termini proposti, non rispettava il valore nullo dello swap all'atto della sua stipula secondo la costante prassi e l'uniforme condotta di mercato, mentre il valore attuale della posizione delle controparti bancarie a tale momento era invece di 52.689.907 euro, valore generato dalla differenza tra il valore attuale delle quote di capitale da versare annualmente alle banche da parte del comune e quello attuale del capitale da restituire al comune da parte delle banche in una unica soluzione al 29 giugno 2035 (data della scadenza del contratto, ndr), cui deve sommarsi la differenza tra il valore attuale delle quote di interessi da versarsi da parte del comune alle banche e quello attuale delle quote di interessi da versarsi da parte delle banche al comune". La procura di Milano ha fatto sequestrare oltre 100 milioni di euro alle banche, considerando che a tanto ammonterebbero i guadagni illeciti: oltre ai 50 milioni alla stipula del contratto vanno aggiunti anche i guadagni frutto delle successive rinegoziazioni, anche quelle fatte cagionando un danno all'ente locale.
Per quanto riguarda, invece, l'accusa di aver tratto in inganno l'amministrazione comunale, questa parte dal presupposto che i contratti sottoscritti erano fatti in base alla legislazione inglese. Questa prevede che le amministrazioni comunali siano considerate intermediari per le banche e quindi soggetti che devono godere di una serie di tutele. Dal momento in cui la banca modifica lo status dell'amministrazione locale considerandola un soggetto suo pari deve avvertire gli amministratori che in questo modo il comune, o l'ente, sta perdendo tutte le tutele di cui gode.Tale avvertimento pero' non e' stato fatto e, quindi, sostiene la procura di Milano, il Comune e' stato ingannato. (Agenzia Radiocor)