martedì 2 febbraio 2010

The Tea Party: Economic Populists

The Tea Party: Economic Populists or Wall Street Toadies?

Who cares?

Progressives should.

The Tea Party is not a fake. It’s not just a creation of Fox News and Dick Armory’s Astroturfing operation. It’s a genuine expression of populist anger that is driving our politics from below. There’s a reason it is polling higher than either of two parties. There’s a reason it helped destroy the Democrats super-majority in the Senate by grabbing Ted Kennedy’s seat.

Commentators like David Brooks also are wrong to assume that populism is a movement of the less educated against the educated elites. Of course there are those in the Tea Party who discount the science of evolution and global warming, who think Obama is a foreign-born Muslim agent, and who are racist, sexist and anti-Semitic to boot. But to equate the entire notion of populism with retrograde ignorance is to fall into a dangerous stereotype. Populism is not about education: whether expressed by the left, right, or middle, it’s a revolt against concentrated power and economic injustice.

The financial crisis has made clear to millions of Americans that we now live in a billionaire bailout society where economic elites can gamble, lose, get bailed out and then refill their coffers with our money in preparation for the next round, while millions of the rest of us are thrown out of our jobs and homes. Frankly, we’d be stupid not to join a populist revolt against that kind system.

For the moment the Tea Party represents much of this anger. But its ideology rests on an enormous contradiction that could tear it apart. Teapartyites hate big government. They hate Wall Street. And they believe the two have teamed up to screw everyday Americans on Main Street. But if government doesn’t reign in Wall Street, what will? The markets? Even Alan Greenspan doesn’t buy that anymore.

There are echoes in this revolt that come all the back from Thomas Jefferson and the anti-Federalists who also feared big government and concentrated economic power. They were particularly incensed by Alexander Hamilton’s successful effort to establish both a large national debt and a national bank (publicly chartered, privately owned). Hamilton, our first Secretary of the Treasury, convinced George Washington that the new federal government should assume the revolutionary war debts amassed by the States. In fact, due to Hamilton’s machinations, the federal government redeemed these debts at face value, even though many of these bonds were nearly worthless and had been snapped up at deep discounts by speculators. As a result, Hamilton’s plan produced an enormous windfall for the rich. This didn’t bother Hamilton at all because he wanted to “bond” the wealthy to the new national government. (He also wasn’t bothered by the fact that poor farmers would service the debt through very unpopular excise tax on whiskey.) Hamilton believed that government debt was the glue to uniting a collection of disparate states into a strong union. (When Geithner and Paulson allowed AIG to use taxpayer money to pay Goldman Sachs at face value for billions in bad bets, they unwittingly were carrying out the tradition first established by Hamilton.)

The Tea Party certainly has inherited the anti-Federalist fear of big government. But it shows no signs of having the Jeffersonian backbone to attack concentrated economic power.

This weakness couldn’t be clearer as Wall Street awards itself $150 billion in bonuses for a job well done during the worst economic year since the Great Depression with 30 million unemployed or forced into part-time work. Instead of bonuses there would have been mass unemployment on Wall Street had the taxpayer not bailed out the banks to the tune of $6 to $12 trillion in taxpayer grants, loans and asset guarantees. There is no way to view that $150 billion in bonuses as anything other than welfare for Wall Street.

This should be the ultimate populist litmus test for the Tea Party. Do they have the nerve to defend the average taxpayer from Wall Street’s rapaciousness? Are they going to demand a windfall tax on these outrageous bonuses? Or are they going to oppose all taxes and let Wall Street waltz off with the loot?

Hey Tea Party, which side are you on?

Unfortunately, at the moment there is no national progressive populist movement to call the question. In Oregon, progressive populists bucked the anti-tax, anti-government tide to win two ballot measures for more progressive taxation. (See “Watch Out Tea Party: Progressive Anger is Alive and Kicking

The next step should be a call for a national windfall profits tax on the $150 billion in Wall Street bonuses. Millions of Americans would understand that it’s our money and that we should get it back.

If the Tea Party fears taxes and big government more than it fears taking on Wall Street, then it will forfeit the mantle of populism. For no matter how much populist outrage it can express in the short run, the Tea Party will discredit itself if it shills for Wall Street.

But first progressive populism has to form into a national movement to take on the big banks. There are $150 billion good reasons to do so right now.

Les Leopold is the author of The Looting of America: How Wall Street’s Game of Fantasy Finance destroyed our Jobs, Pensions and Prosperity, and What We Can Do About It Chelsea Green Publishing, June 2009.

Telecom Italia in cinque atti

Telecom Italia in cinque atti

Telecom addio.
di Beppe Grillo, 2 Febbraio 201
(3:49)
Telecom_addio.jpg


Atto primo
: Telecom Italia patteggia per le intercettazioni eseguite su migliaia di italiani sotto la gestione Tronchetti. Un obolo, solo 7 milioni. Negli Stati Uniti Telecom avrebbe fatto causa a Tronchetti e a Buora che sarebbero in galera con Tavaroli e Cipriani.
Atto secondo: il tronchetto diventa presidente di Mediobanca, la più importante banca d'affari del Paese. Per uno che ha ridotto la Telecom in cenere è il posto giusto per finire il lavoro. Consigliere di amministrazione di Mediobanca rimane sempre Marina Berlusconi, presidente di Mondadori, ottenuta dal padre grazie alla corruzione dei giudici.
Atto terzo: il plurimputato Cesare Geronzi diventa presidente delle Assicurazioni Generali con il supporto di Berlusconi. Le Assicurazioni Generali sono una potenza economica, la prima assicurazione italiana con partecipazioni nazionali e internazionali ovunque.
Atto quarto: Telecom viene venduta a Telefonica, la società di telecomunicazioni spagnola. Tecnicamente è una fusione, in pratica è una cessione. Prima della svendita del merchant banker D'Alema ai capitani coraggiosi Colaninno e Gnutti, che acquistarono l'azienda a debito, era Telecom che poteva comprare Telefonica. 10 anni dopo il Paese è andato a puttane e il rapporto Telecom/Telefonica si è invertito anche grazie al tronchetto che vendette parti strategiche e assett di Telecom uno dopo l'altro, persino a sé stesso come avvenne con gli immobili ceduti a Pirelli Re Estate e invece di usare i dividendi per ridurre il debito e fare investimenti, li incassò insieme ai soci uniti a favolose stock options. Telecom ha oggi una capitalizzazione di 14,5 miliardi contro gli 83 di Telefonica. Il suo titolo è precipitato negli ultimi 8 anni e ha debiti per 35 miliardi di euro, quasi pari al fatturato. Insomma deve vendere per non fallire.
Atto quinto: Telefonica non potrà disconoscere il patteggiamento di Telecom per le intercettazioni (arrivato un istante prima dell'annuncio della fusione...) e il tronchetto non avrà più nulla da temere.
Tutto previsto, i cialtroni hanno questo di bello: sono prevedibili. Anticipai la vendita a Telefonica il 4 agosto 2008. Era l'unico possibile salvagente per non mettere in liquidazione l'azienda e sulla strada 70.000 persone.
Lo scrissi anche a Franco Bernabè il 16 dicembre 2008 : "Lei sa bene chi ha distrutto il valore della Telecom. Conosce i nomi dei responsabili, dei politici e degli imprenditori con le pezze al culo. Non completi la loro opera. Li denunci, chieda loro un cospicuo risarcimento in qualità di amministratore (le carte le ha), venda a Telefonica (tanto prima o poi succederà) e si ritiri nella sua Vipiteno."
Bernabè rispose il 23 dicembre 2008 in una lettera in cui diceva: "Il mio obiettivo è di fare di Telecom Italia quello che avrebbe già dovuto essere dopo 10 anni di liberalizzazione: l’asse portante della modernizzazione di questo Paese. Il resto lo lascio alla Magistratura, per ciò di cui è competente, e agli Azionisti, che stanno supportando questo sforzo anche loro non senza sacrifici. Quindi mi spiace deluderla, non venderò a nessuno, e soprattutto voglio ritirarmi a Vipiteno, o magari altrove se lei me lo consente, solo quando avrò finito il mio lavoro."
Ecco, ora che ha finito il suo lavoro (quale?), che i precedenti amministratori sono liberi, ricchi, impuniti e promossi e che Telecom sarà venduta (guarda caso) a Telefonica, è veramente giunto il momento di ritirarsi a Vipiteno.

THREE BORROWER VICTORIES IN THREE DIFFERENT STATES

THREE BORROWER VICTORIES IN THREE DIFFERENT STATES IN A SPAN OF 19 HOURS: FORECLOSURE SALES STOPPED IN OREGON, ARIZONA, AND IDAHO

January 22, 2010

FDN successfully stopped three separate Trustee’s sales in three separate states in a span of 19 hours from 5:30 p.m. Thursday, January 21 to 2:30 p.m. Friday, January 22. The result of the Idaho case was published earlier today.

FDN attorney Jeff Barnes, Esq., with the assistance of local Arizona counsel Lynn Keeling, Esq., extended a prior restraining order to one of indefinite duration in a case in Arizona this afternoon. Yesterday FDN local Oregon counsel Philip Anderson, Esq., filing and prosecuting papers prepared by Jeff Barnes, Esq., obtained a restraining order with indefinite duration against a sale in Oregon.

We hope this is a sign of good things to continue in 2010 for borrower victims.

Jeff Barnes, Esq.

BERLUSCONI ALLA GUERRA FINANZIARIA

BERLUSCONI ALLA GUERRA FINANZIARIA

di G.P.

La guerra per bande nella sfera finanziaria sta per scatenarsi nuovamente dopo la stagione delle grandi fusioni bancarie di qualche tempo fa. Questa volta però i risvolti politici della stessa potrebbero essere rivoluzionari, nel senso che la geografia dei cosiddetti poteri forti nazionali potrebbe essere colpita da un terremoto in profondità che ne cambierebbe radicalmente la morfologia. Il problema è sempre lui, Silvio Berlusconi, l’eterno reietto del “Salotto Buono” dei gruppi dominanti, quelli che controllano economia, giornali, spezzoni della classe dirigente, imprese pubbliche e private, colui che è stato tenuto fuori dalla gestione di tutti quegli affari al limite tra sfera pubblica e privata, da quel luogo spettrale di collisioni e collusioni dove tutto è lecito per raggiungere i propri scopi, dove s’innalzano altari alla dea Metis e la si celebra con riti di menzogna, raggiro, truffa e imbroglio, al riparo dagli sguardi dell’opinione generale, per definire scelte strategiche, linee politiche, scalate ed alleanze per occupare la stanza dei bottoni. Dico ciò perché in questi giorni pare sia stata innescata una vera e propria “bomba” nel capitalismo italiano, come scrive Massimo Gianni su Repubblica. Ma proprio il fatto che questo allarme sia partito da un quotidiano antiberlusconiano, secondo uno stile prettamente debenedettiano (come ho imparato leggendo un libro di Enrico Cisnetto, “Il gioco dell’opa”), vuol dire che l’Ingegnere sente bollire il suo trono sotto il sedere e vede messe in pericolo le proprie piazzeforti sul terreno mappato del “capitalismo costituito” del Paese. Stiamo a ben attenti a quello che succederà nei prossimi due mesi perché gli eserciti si stanno predisponendo per la grande disfida che potrebbe avere delle conseguenze politiche davvero inaspettate e “rivoluzionarie”. Pare, difatti, che Geronzi, l’unico banchiere politicamente non distante dal Cavaliere, possa andare ad occupare la sedia dell’ottuagenario Bernheim alle Generali. Tutti noi sappiamo cosa rappresenta la compagnia triestina nello scenario finanziario della nazione, parliamo della cassaforte del sistema, un gruppo assicurativo di respiro internazionale che permette collegamenti con l’estero e garantisce le risorse necessarie per intraprendere ogni battaglia politica. Inoltre, lo spostamento del banchiere laziale a Trieste aprirebbe un balletto di trasferimenti a cascata, tanto che già si parla di Tronchetti Provera sullo scranno più alto di Mediobanca, un altro che dalla sinistra e dalle banche amiche di questa è stato maltrattato e che potrebbe togliersi qualche sassolino dalle scarpe. E con questi primi movimenti, per effetto delle partecipazioni incrociate, verrebbe a formarsi uno schieramento plurisettoriale che avrebbe come hubs nevralgici Generali e Mediobanca e come spokes potenti istituti e imprese vedi Intesa, Telecom, Pirelli e altri minori. Tali congiunzioni e manovre hanno messo De Benedetti sul chi vive tanto da chiamare sulle barricate, come succedeva in passato con il suo galoppino Scalfari, i suoi migliori giornalisti per denunciare e interrompere sul nascere i “disegni oscuri” del Cavaliere miranti a fare dell’Italia un suo esclusivo feudo. Ma in questa guerra tra Signori il vero parassita non è Berlusconi che qualcosa nella sua vita ha pur combinato, al contrario del capitalista più a sinistra della storia italiana che sa solo comprare, prosciugare e rivendere per proprio esclusivo arricchimento. Sentite con quale enfasi padronale Giannini descrive le sue “democratiche preoccupazioni” sul giornale debenedettiano: “Nel blocco di potere politico-economico-finanziario che si cementa nel triangolo Roma-Milano-Trieste tutto si tiene. Completato l’ ‘arrocco’[nelle Generali] Geronzi e le sue pedine, dietro la regia interessata di Palazzo Grazioli [mentre si sa, invece, che il suo editore è un uomo parco e disinteressato al potere come ogni finanziere purosangue], finirebbero per avere in mano un ‘caveau’ nel quale sono custoditi, nell’ordine, uno dei più grandi giganti assicurativi d’Europa (Generali), la prima merchant bank italiana (Mediobanca9, una delle prime due banche commerciali del paese (Intesa San Paolo), la rete delle telecomunicazioni e il broadband (via Telecom e Pirelli), uno dei due primi giornali nazionali (Corriere della sera) [Giannini finge di dimenticare che l’altro è nelle mani del ‘feudatario’ che gli paga lo stipendio], le costruzioni (Gruppo Ligresti), i servizi idrici ed energetici (Acea)”. Insomma chi resterebbe fuori da questo fronte compatto e inedito sono proprio i soliti amici della sinistra, quelli che si mettevano in coda alle primarie del PD (Profumo), quelli che odiano Berlusconi perché impedisce loro di completare il sacco delle risorse nazionali (Montezemolo), ed, appunto, il nostro Saccard, senza però le grandi aspirazioni del protagonista del romanzo di Zola L’argent (il quale si serviva delle speculazioni per ridare la terra promessa al Papa), cioè De Benedetti. Così conclude il suo pezzo il giornalista di Repubblica, avvallando involontariamente le tesi del complotto contro il Premier: “alla faccia delle elite che complottano contro il Cavaliere, e dei Poteri Forti che congiurano contro il governo”. Insomma questo o è scemo o ci fa (conto terzi).

Morto l'operaio di Bergamo che si era dato fuoco

Ieri il gesto disperato di Sergio Marra, 36 anni, da due mesi disoccupato
Inutili i tentativi di salvarlo: le ustioni erano troppo gravi

Senza lavoro, si era dato fuoco
morto l'operaio di Bergamo

Il monito del segretario della Cgil locale: "Inadeguati società e sindacato
Serve una rete di solidarietà intorno a chi attraversa simili momenti"


BERGAMO - Si è ucciso dopo aver perso il lavoro, scegliendo un modo atroce: Sergio Marra, 36 anni, l'operaio bergamasco che ieri mattina si era cosparso di benzina, dandosi fuoco a Brembate (Bergamo), è morto all'alba di oggi nel Centro grandi ustionati di Verona, dov'era stato ricoverato in fin di vita. La perdita del posto l'avrebbe spinto a farla finita.

Marra viveva a Bergamo insieme con la moglie. Fino allo scorso novembre aveva lavorato come operaio in una piccola azienda di Zingonia (Bergamo), che poi è fallita, costringendolo a casa. Restare senza lavoro lo ha distrutto, facendolo entrare in in depressione.

Ieri mattina, verso le 10, Marra ha raggiunto in auto la zona industriale di Brembate. Si è fermato nei pressi di un cavalcavia vicino all'autostrada, è sceso dall'abitacolo e ha afferrato una tanica di benzina. Poi se l'è rovesciata addosso e si è dato fuoco. Alla scena hanno assistito due artigiani che hanno cercato invano di spegnere le fiamme con una giacca. Poi è intervenuta una donna che stava passando in auto. Dalla vettura ha preso l'estintore e ha spento le fiamme. Ma non è servito. I medici hanno rianimato l'operaio e lo hanno portato agli Ospedali Riuniti di Bergamo, da dove poi è stato trasferito in elicottero a Verona. Le sue condizioni erano disperate, con gravi ustioni su oltre il 95% del corpo. L'uomo non avrebbe lasciato alcun messaggio, ma sulle cause che lo hanno spinto al gesto pare che non ci siano dubbi.

Marra viveva a Bergamo con la moglie, in un condominio di via Pizzo Recastello, nel quartiere di Boccaleone, dove non era molto conosciuto. I vicini di casa lo ricordano come una persona estremamente schiva. Sulla tragedia è intervenuto anche il segretario della Cgil di Bergamo, Luigi Bresciani, che ha parlato di una "inadeguatezza della società e dello stesso sindacato". "Purtroppo ci aspettano mesi sempre più difficili - ha detto Bresciani - occorre pensare che la gente non deve essere lasciata sola. E' importante creare una rete di solidarietà e di aiuto alle famiglie in difficoltà. E questa è una responsabilità delle istituzioni, della politica e dello stesso sindacato. La morte di questo operaio è un segnale che non va sottovalutato. La situazione è pesante e trovo irresponsabile chi sostiene che ormai siamo fuori dalla crisi".

Repubblica, 31 gennaio 2010

Vote for the Ignoble Prize for Economics

Voting is now open for the Ignoble Prize for Economics

The Ignoble Prize for Economics is to be awarded to the three economists who contributed most to enabling the Global Financial Collapse (GFC)


Voting is ultra quick and easy. Click here

http://rwer.wordpress.com/poll-procedures-for-the-ignoble-prize-for-economics/vote-for-the-ignoble-prize-for-economics/
or go to http://rwer.wordpress.com/

and you will see the ballot. Click on your three choices and then the big yellow “vote” button.

22 economists were nominated for the prize. Through consultation with contributors to the Real-World Economics Review Blog, the following short list of ten, including two pairs of economists, has been selected for the ballot.

Dossiers of short-listed of nominees for the Ignoble Prize for Economics


Fischer Black and Myron Scholes

They jointly developed the Black-Scholes model which led to the explosive growth of financial derivatives. The importance given to their hypothetical calculation of derivative prices was baneful not just because it was bogus, but also because it meant that relevant and often urgent real-world economic research was widely neglected by the profession.


Eugene Fama

His “efficient market theory” provided the moral umbrella for all sorts of greed, predatory behaviour and incompetent corporate management. It also provided the rationale for deregulation. And his theory’s widespread acceptance meant that “discussion of investor irrationality, of bubbles, of destructive speculation had virtually disappeared from academic discourse.” In these three ways Fama’s work created the environment which made possible the GFC.


Milton Friedman

He propagated the delusion, through his misunderstanding of the scientific method, that an economy can be accurately modeled using counterfactual propositions about its nature. This, together with his simplistic model of money, encouraged the development of the financial theories with unrealistic assumptions that facilitated the GFC. In short, he opened the door for everyone subsequently to theorize without fear of having to be attached to reality.


Alan Greenspan

As Chairman of the Federal Reserve System from 1987 to 2006, he both led the over expansion of money and credit that created the bubble that burst and aggressively promoted the view that financial markets are naturally efficient and in no need of regulation. Before a Congressional committee on 28 October 2008 Greenspan confessed that his theoretical beliefs of 40 years were now proven to be without foundation, hence his total confusion and failure at his job.

Assar Lindbeck

By working to make the Riksbank Prize in Economic Sciences (“Nobel Prize in Economics”) almost exclusively a prize for neoclassical economists, this Swedish economist has contributed significantly to the conversion of the economics profession and of world public opinion to market fundamentalism.


Robert Lucas

His development of the rational expectations hypothesis, which defined rationality as the capacity to accurately predict the future, both served to maintain Friedman's proposition that monetary factors do not affect the real economy and, in the name of “rigor”, distanced economics even further from reality than Friedman had thought possible.

Richard Portes

As Secretary-General of the Royal Economic Society from 1992-2008, he helped suppress worries expressed by non-mainstream economists about developments in the financial sector. In 2007 he wrote a Report for the Icelandic Chamber of Commerce giving a clean bill of health to Icelandic banks only a few months before they collapsed. When investigators called attention to the real state of Icelandic banking, he wrote a series of letters to the Financial Times defending the soundness of Icelandic banks and imputing professional incompetence to those who doubted it.


Edward Prescott and Finn Kydland

For jointly developing and popularizing “Real Business Cycle” theory, which by omitting the role of credit greatly diminished the economics profession’s understanding of dynamic macroeconomic processes.

Paul Samuelson

Through his textbook Economics: An Introductory Analysis (19 English language editions and translated into 40 languages), he popularized neoclassical economics, contributing more than any other economist to its diffusion and thereby to the deregulation of financial markets which made possible the GFC.


Larry Summers

As US Secretary of the Treasury (formerly an economist at Harvard and the World Bank), he worked successfully for the repeal of the Glass-Steagall Act, which since the Great Crash of 1929 had kept deposit banking separate from casino banking. He also worked with Greenspan and Wall Street interests to torpedo efforts to regulate derivatives.


Procedures

The voting is being conducted using PollDaddy. Its system uses cookies to prevent repeat voting. A voting box showing the short-listed candidates and a link to their dossiers will remain till voting closes near the top of the right-hand column on the home page of the Real-World Economics Review Blog . Voting is open to all interested parties. Each voter can vote for up to three of the listed candidates. The ballots are secret. Voting will remain open for several weeks. No results will be announced before closing the poll.

L’insostenibile logica della globalizzazione

L’insostenibile logica della globalizzazione e delle multinazionali
di Paolo De Gregorio - 01/02/2010

Fonte: Terranauta

Lavoro, precariato, salari, multinazionali e globalizzazione. Pubblichiamo la lettera di un nostro lettore che riflette sulle attuali logiche di mercato e propone l’istituzione di “un sindacato unico dei lavoratori” che possa farsi portavoce della legittima richiesta degli individui di vivere dignitosamente.

globalizzazione
Il potere economico risulta il principe dei poteri
Attualmente in Italia abbiamo, tra le altre, due grosse emergenze occupazionali, quella di Termini Imerese, e quella della Alcoa in Sardegna, e si parla di stabilimenti da chiudere per sempre.

Entrambe sono entità multinazionali che rispondono a logiche di profitto in cui non si tiene in alcun conto il lato umano dei problemi, e quando decidono una ristrutturazione, una delocalizzazione, una chiusura, è proprio inutile fare qualunque trattativa.

E’ profondamente sbagliato da parte del movimento dei lavoratori invocare mediazioni governative o mobilitazioni sul territorio per decisioni che sono già state prese e con una probabilità del 99% sono irrevocabili.

L’Alcoa (multinazionale americana dell’alluminio) sta già costruendo un enorme impianto in Arabia Saudita, dove ha energia a basso costo e lavoro di immigrati a buon mercato e niente e nessuno può imporle di rinunciare ai vantaggi della globalizzazione.

La Fiat, pur avendo avuto sovvenzioni statali per decenni, ha spostato il baricentro produttivo negli USA, lì farà le macchine elettriche del futuro.

Anche in questo caso è il potere economico che risulta il principe dei poteri e la politica non conta nulla di fronte alla logica e alle decisioni del mercato.

Qui bisogna fare chiarezza: la globalizzazione, accettata e condivisa quasi da tutti, arricchisce le imprese che hanno mano libera nelle proprie scelte di portare all’estero la propria produzione, rincorrendo le eterne e vecchie cose che interessano ai padroni: manodopera a basso costo e sottomessa, materie prime a prezzi bassi.

no  soldi
Chi ha fatto e fa le spese della dittatura del mercato sono i salariati, diventati tutti precari ed insicuri
Chi ha fatto e fa le spese della dittatura del mercato sono i salariati, diventati tutti precari ed insicuri ricattati da un mercato di riserva di immigrati pronti a prendere il loro posto, che danno il voto ai padroni della Lega cercando in tal modo di ottenere un occhio di riguardo per il futuro del loro lavoro.

Di fronte a questa situazione e alla assenza di un sindacato e di una sinistra, credo che l’unica strada percorribile sia quella di arrivare ad un sindacato unico dei lavoratori, autogestito da loro stessi, che chieda quella sicurezza di vivere dignitosamente, che deve essere data a tutti, superando l’istituto della cassa integrazione a scadenza, nella forma di un salario sociale per tutti i licenziati e i disoccupati, della entità del 50% di un salario medio.

In uno stato capitalista e con la economia globalizzata non si può parlare di lavoro come diritto in un mercato instabile ed evanescente e, per non essere condannati alla totale precarietà ed insicurezza, bisogna pretendere un contrappeso da ottenere con l’autogestione e la lotta dura.

In parole povere, se tu Stato non hai alcun potere sull’economia, che può fare quello che vuole, che rende i rapporti di lavoro instabili e precari, tu Stato devi prevedere un contrappeso finanziato dalla fiscalità generale che diventi salario sociale per tutti i disoccupati.

Deve diventare un diritto come la pensione sociale e nessuno in un paese democratico deve essere lasciato nella disperazione e nell’abbandono.

Le banche devono restituire 2.427 miliardi

ILSOLE24ORE.COM

Le banche devono restituire
ai governi 2.427 miliardi

di Antonella Olivieri


2 febbraio 2010

Non c'è dubbio che in questa fase abbiano fatto notizia più i rimborsi che gli aiuti. Ma l'esposizione dei Governi verso il sistema bancario è aumentata ancora rispetto all'ultimo scorcio del 2008, soprattutto in Europa, e, nonostante molti istituti abbiano iniziato a restituire i fondi ricevuti, è tuttora a livelli stratosferici. Il calcolo aggiornato l'ha fatto R&S-Mediobanca, che stima in 2.427 miliardi di euro (1.398 miliardi gli Usa, 1028 miliardi l'Europa) l'esposizione netta dei Governi occidentali nei confronti del sistema bancario: come se a rischio ci fosse ancora un paese delle dimensioni della Germania.

A livello complessivo, la potenza di fuoco messa in campo dagli Stati Uniti non ha uguali. In tutto il Governo federale ha aperto un ombrello da 2.565 miliardi di dollari (di cui oltre il 70% a titolo di garanzia degli attivi) per riparare il sistema dal diluvio che il crack Lehman avrebbe potuto scatenare. Nel corso del 2009 le banche Usa hanno rimborsato circa 600 miliardi di dollari, ma il "saldo netto" degli aiuti a fine 2009 non risultava molto differente dall'importo di fine 2008: 1.968 miliardi di dollari contro i precedenti 1957 miliardi. In altri termini, i 104 istituti che si sono dati da fare per rientrare con lo Stato, hanno pareggiato gli interventi pubblici incrementali dell'anno scorso. I big del settore hanno potuto fare ricorso al mercato, in generale tutti sono stati "aiutati" dalle modifiche ai principi contabili, ma alla fine il diluvio non c'è stato anche se l'ombrello, bello ampio, è ancora aperto. Oltretutto, gli interventi a pioggia che negli Usa hanno riguardato 838 istituti (di cui 726 beneficiari di iniezioni di capitale), non hanno evitato il fallimento di 143 banche nel solo 2009.

Ma, a giudicare dai singoli stanziamenti, i problemi più grossi li ha dovuti affrontare il Vecchio continente che si è mosso con interventi mirati (solo 64 gli istituti interessati). Nessuno al mondo è stato sostenuto infatti più di Royal Bank of Scotland che è costata al Regno unito un'esposizione di 420 miliardi di euro. Non robetta, perchè la cifra è superiore al Pil di un un paese come la Polonia e, anche se il malato in terapia intensiva ha restituito di recente una cinquantina di miliardi, avanzano ancora 370 miliardi. Lloyds Bank, l'altro istituto britannico oggetto di attenzioni particolari, è stato più efficace: nell'ottobre 2008 ha ricevuto aiuti per 328 miliardi di euro, a novembre 2009 ne ha restituiti 300.

Nell'Europa continentale è stata invece la Germania a doversi accollare lo sforzo maggiore: tra ricapitalizzazioni, garanzie e Opa, la sola Hypo Real Estate, che è stata nazionalizzata, ha assorbito risorse per 166 miliardi, ridimensionate a 100 miliardi a fine anno.
All'estremo opposto l'Italia, con appena 4,1 miliardi di interventi, sotto forma di "Tremonti bond", a favore di quattro istituti: Banco Popolare (che ha sottoscritto titoli per 1,45 miliardi), Bpm (500 milioni), Mps (1,9 miliardi) e Credito Valtellinese (200 milioni).

Nel complesso, in Europa gli interventi pubblici per il credito sono stati concentrati nel primo trimestre 2009 e nel corso dell'anno sono stati pari a due volte e mezzo l'ammontare di fine 2008. Complessivamente gli interventi assommano a 1.449 miliardi di euro, per l'80% a titolo di garanzia, ma il saldo netto a fine 2009 risultava pari a 1028 miliardi. In particolare, a restituire in toto o in parte gli aiuti ricevuti sono state sette banche: Bnp, SocGen, Crédit Agricole, Ing, Lloyds, Rbs e Hypo Re.

Anche in Europa si è registrata qualche chiusura nel 2009: per precisione, in Olanda ci sono state due liquidazioni e una bancarotta (St.George Private finance, Dsb e De Indonesische Overzeese bank). Ma i Governi sono stati costretti a intervenire in extremis in molti altri casi. Qualche mese fa per esempio l'Austria ha dovuto salvare la Kommunalkredit, nazionalizzandola per il prezzo simbolico di 2 euro. E sono state nazionalizzate, oltre alle islandesi Landsbanki e Kaupthing, anche la Hypo Real Estate in Germania; la Northern Rock e la Bradford& Bingley in Gran Bretagna, mentre per la London Scottish Bank è stata necessaria l'amministrazione controllata. Infine il 2010 ha battezzato le prime due bad bank, l'una in capo alla tedesca WestLB e l'altra alla britannica Northern Rock.

2 febbraio 2010

lunedì 1 febbraio 2010

Paper Gold?

Paper Gold?

For as long as Gold has been prized, there have been men who have tried to create it. For hundreds, if not thousands of years, the Alchemists strove to transmute base metals into Gold, without success. But even after its introduction to the West and the invention of the printing press by Gutenberg at the end of the Thirteenth century, no-one had the idea of trying to turn paper into Gold. In past centuries, those who would control money contented themselves with substituting paper for Gold, with limited success.

It took some true "visionaries", and the end result of a long process of economic wishful thinking, to seriously propose "paper gold". The notion goes back about 30 years, to the period just before the dawn of the "floating currencies" era. When the U.S. closed the the "Gold Window" in August 1971, the Dollar promptly dived against all its major trading partners. By February 1973, it had become impossible to pretend that any fixed ratio still existed between currencies, and the era of "floating currencies" began.

The IMF actually invented what became referred to as "Paper Gold" in 1971 - months before the U.S. severed the tie between the Dollar and Gold. The IMF knew this step was coming, and so it invented the "SDR" (Special Drawing Right). It was touted as a Reserve "Currency" that would replace both the U.S. Dollar and Gold in the basements of the world's Central Banks.

While these SDRs still exist, they have not done much over the past three decades or so except gather dust. Their prime purpose, to provide a substitute for Gold, was not fulfilled. The SDR was the last major attempt to provide a "substitute" for Gold. For at least the past two decades, the approach has been that no substitute for Gold is necessary. And to "prove it", Gold has been progressively debunked as either a money or even a viable investment option. The price has been forced down, then held down, then forced even lower.

If You Can't Replace It - Dilute It

The price of Gold cannot be held down by selling the physical metal. The decade between 1970 and 1980 proved that conclusively. Hundreds of years of history have proven conclusively that nothing can be sold as a "substitute" for Gold. In the years since the 1987 crash - when the $US 400 "glass ceiling" on Gold has been put and kept in place, Central Banks have continued to sell Gold, but only in emergencies. The real mechanism for holding down the price has been different.

Forward Selling - By Gold Producers

For most of the past decade, Gold mining companies gradually changed the way they market their Gold. To an ever-increasing extent, they have "forward sold". The mechanism is quite simple. A Gold mining company with proven reserves in the ground wants to sell a portion of these reserves forward. The company representative goes to a bullion dealer who agrees to pay him, for example, $500 per ounce for Gold to be delivered two years from now. The Gold company has locked in a profit, and on top of that, has the money now for Gold which is still in the ground.

The Gold bullion dealer is exposed, however. He is exposed to a possible loss if the Gold price falls in the future. So, to hedge this position, the bullion dealer sells Gold - for immediate delivery. "Wait a minute" (you cry), where is the bullion dealer to get the Gold to provide for immediate delivery? The answer brings us directly to the second part of the mechanism for maintaining the $US 400 Gold "glass ceiling".

Gold "Leasing" - The Central Banks' Contribution

Our intrepid bullion dealer goes out and "borrows" the Gold. Where does he borrow it from? That's easy. From the formidable 36,000 Tonne hoard still owned by the world's Central Banks.

To get the Gold - or more accurately, to get a marketable claim to the Gold - our bullion dealer pays what is known as the Gold lease rate (an extremely low rate of interest). He then sells the Gold - or the claims to Gold, and invests the money. This is the way the difference between the spot and forward prices for Gold is determined. The forward price is the money interest rate which our bullion dealer receives for his investment minus the lease rate which he paid to borrow the Gold.

The point is that this entire fandango (that's "fandango" - not "contango") can be performed by lending physical Gold, or it can be performed by lending a paper claim to Gold. The miners' Gold is still in the ground. The Central Bank sometimes lends Gold, or it lends a claim to Gold. These are what our bullion dealer sells. And since most demand for Gold is not a demand for the physical metal but a demand for paper (forward, future, etc) claims to the metal, this mechanism can meet the demand without an undue strain upon the available supply of the physical metal, and the upward pressure on the price of Gold that would cause.

E-mail this page to a friend
©2001 The Privateer Market Letter

Disinformazione in rete circa gli effetti devastanti dell’anatocismo

Studiamo.it..ovvero come fare disinformazione in rete sull'anatocismo

Come viene fatta la disinformazione in rete circa gli effetti devastanti dell’anatocismo

Dal sito studiamo.it,tanto caro e pubblicizzato nelle bacheche di tanti che dicono di voler avversare il potere bancario,riporto la seguente defizione ed esempio:
Cos’è l’anatocismo bancario
L’anatocismo esprime un metodo di calcolo degli interessi per il quale gli interessi maturati secondo una certa periodicità, pattuita tra creditore e debitore, sono essi stessi produttivi di altri interessi, cioè sono sommati al capitale dato in prestito (capitalizzati) in modo tale da contribuire (insieme al capitale) a maturare altri interessi nei periodi successivi. Questo metodo di calcolo favorisce il creditore a discapito del debitore.
Un esempio chiarirà meglio il concetto.
tasso d’interesse: 10%
capitale iniziale: € 1.000,00
periodicità di liquidazione degli interessi: trimestrale
quando non c’è l’anatocismo si ha:
interesse trimestrale = (1.000,00 x 3 x 10)/1200 = € 25,00
quindi, ogni trimestre i 1.000 euro di capitale fruttano sempre € 25,00
con l’anatocismo:
interesse del primo trimestre = (1.000,00 x 3 x 10)/1200 = € 25,00
interesse del secondo trimestre = [(1,000,00 + 25,00) x 3 x 10]/1200 = € 25,625
interesse del terzo trimestre = [(1.025,00 + 25,625) x 3 x 10]/1200 = € 26,265625
e così via per gli altri trimestri …
Fin qui studiamo.it
Ora,l’esempio che viene riportato per PLUB e nel PLUB
Tasso interesse 30%
Capitale iniziale £ 1.000.000
Per periodo anni 50 con capitalizzazione,anatocismo, annuale(figurarsi trimestrale come sopra)
Si debbono restituire:
Ad interessi semplici,come prevede la LEGGE,funzione lineare,£16.000.000
Ad interessi composti,vietati ed illegali,£ £ .497.929.222.947,cioè circa 500 miliardi

E’ un modo per esprimere lo stesso concetto ma,nel primo caso ,si da l’idea del nulla,dell’insignificante differenza rispetto al calcolo fatto ad interessi semplici - e ciò non casualmente perché gli articolisti non possono che essere filobancari; nel secondo esempio si coglie la potenza devastante degli effetti dell’anatocismo.
A considerarsi che negli anni 80 questi tassi,ma anche adesso per il credito al consumo,sono tutt’altro che irreali…si può ben cogliere il grande FURTO che viene perpetrato ai danni del popolo da questi criminali ed assassini.

Domenico BRUNI
Coordinatore PLUB
PARTITO LOTTA USURA BANCARIA

I BENI DEL FONDO PATRIMONIALE NON SONO ACQUISITI DAL FALLIMENTO

Da: FiloDiritto, Numero 321 - 1 febbraio 2010

- Diritto fallimentare, diritto della famiglia e delle successioni:
CASSAZIONE CIVILE:
I BENI DEL FONDO PATRIMONIALE NON SONO ACQUISITI DAL FALLIMENTO

La disposizione contenuta nell'articolo 46 n. 3 Legge Fallimentare, dettato nella vigenza del patrimonio familiare, deve trovare applicazione anche con riferimento al nuovo istituto del fondo patrimoniale, ad esso succeduto. La Cassazione ha così cassato la sentenza del Tribunale di Potenza che, in sede di reclamo, aveva confermato il decreto con il quale il Giudice Delegato aveva autorizzato il curatore del fallimento ad acquisire all'attivo beni immobili di proprietà del fallito costituiti in fondo patrimoniale.

"In particolare, il Tribunale di Potenza aveva ritenuto che non fossero ravvisabili validi motivi per escludere che i beni del fondo patrimoniale, quali beni del fallito, dovessero essere inclusi nel fallimento; che il soddisfacimento dell'esigenza posta a base della costituzione del fondo patrimoniale ben avrebbe potuto essere soddisfatta anche con l'acquisizione dei relativi beni da parte degli organi fallimentari, con la formazione di una massa separata destinata soltanto a soddisfare i creditori per debiti contratti nell'interesse della famiglia; che segnatamente non sarebbe stata correttamente evocabile nel caso di specie, in cui si tratta di fondo patrimoniale, la disposizione di cui all'articolo 46, n. 3, Legge Fallimentare, che sottrae al fallimento i redditi dei beni costituiti in patrimonio familiare (salvo quanto disposto dagli articoli 170 e 326 Codice Civile), attesa la diversità dei due istituti.

Tuttavia, quanto a quest'ultimo punto, pur essendo condivisibile il rilievo attinente alla non coincidente disciplina dei due istituti in esame, essenzialmente consistenti nella maggiore attenuazione dei vincoli di inalienabilità e inespropriabilità disposta con riferimento al fondo patrimoniale, occorre evidenziare come risultino identici sia i rispettivi fini perseguiti, in entrambi i casi individuabili nell'obiettivo di garantire un substrato patrimoniale alla famiglia, sia lo strumento a tal fine predisposto, consistente nella predisposizione di un patrimonio separato costituito da un complesso di beni determinati, assoggettati ad una speciale disciplina di amministrazione ed a limiti di alienabilità ed espropriabilità".

Secondo la Cassazione, nel senso dell'applicazione dell'articolo 46 Legge Fallimentare depongono anche le ulteriori seguenti considerazioni.

"Innanzitutto la giurisprudenza di questa corte, che ... ha comunque escluso che i beni facenti parte del fondo patrimoniale, in quanto costituenti un patrimonio separato, siano compresi nel fallimento (C. 00/8379, C. 90/11449). Inoltre la modifica apportata all'articolo 46, n. 3, Legge Fallimentare dal Decreto Legislativo 2006, n. 5, con la quale fra l'altro il richiamo al patrimonio familiare è stato sostituito con quello relativo al fondo patrimoniale, circostanza che indirettamente comprova che la mancata formalizzazione di un divieto di acquisizione da parte del fallimento di beni facenti parte del fondo patrimoniale fosse imputabile ad un difettoso coordinamento normativo determinato dalla successione di leggi nel tempo, anzichè alla volontà del legislatore.

Infine dalla previsione contenuta nell'articolo 155 Legge Fallimentare, come modificato dal Decreto Legislativo 2006, n. 5, che esclude l'acquisibilità al fallimento dei patrimoni destinati ad uno specifico affare, così confermando il principio della non confondibilità di beni deputati al soddisfacimento di specifiche esigenze secondo le modalità normativamente indicate, con gli altri beni dell'imprenditore fallito".

(Corte di Cassazione - Sezione Prima Civile, Sentenza 22 gennaio 2010, n.1112: Fallimento - Fondo patrimoniale).

Tremonti: i governi non fanno qualcosa che è il loro dovere

Economia: Tremonti, banchieri non fanno loro mestiere e governi loro dovere

MILANO (MF-DJ)--"I banchieri al lavoro o in vacanza, locali o centrali fanno qualcosa che non e' il loro mestiere e i governi non fanno qualcosa che e' il loro dovere".

Lo ha dichiarato il ministro dell'economia Giulio Tremonti durante un intervento al convegno Ispi aggiungendo che, a Davos, "quello di Sarkozy e' stato l'unico intervento di grande rilievo".

Il ministro ha poi affermato che "Basilea 3 e' la via diretta per produrre, la' dove viene applicato, il credit crunch". red/ste/rug



(END) Dow Jones Newswires

Tremonti: «I banchieri non fanno il loro mestiere, ma Basilea 3 non va»

ILSOLE24ORE.COM > Economia e Lavoro

Tremonti: «I banchieri non fanno
il loro mestiere, ma Basilea 3 non va»


1 febbraio 2010

«L'impressione è che i banchieri sia in vacanza, sia al lavoro, sia locali, sia centrali facciano qualcosa che non è il loro mestiere e che i governi non facciano qualcosa che è nel loro dovere». È quanto ha detto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, nel corso di un incontro organizzato da Aspenia-Ispi riferendosi all'incontro di Davos che si è concluso domenica. «Nella montagna incantata - ha sostenuto Tremonti- l'unico discorso politico di grande rilievo è stato quello del presidente francese Sarkozy». Il responsabile del dicastero di via XX Settembre ha anche parlato delle nuove regole per la finanza tuttora in discussione. «Basilea 3 - ha commentato - è la via diretta per produrre, laddove viene applicata, il credit crunch».

I rapporti con la Cina: G3, non G2
«G3, non G2». Così il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, ha rimarcato la necessità che tra i grandi del mondo oltre agli Stati Uniti e alla Cina compaia anche l'Unione europea. «I tavoli con due gambe - ha messo in rilievo il ministro durante il suo intervento ad un incontro organizzato da Aspenia - non stanno in piedi, ce ne vogliono almeno tre. L'Europa è fondamentale per tutti, ovviamente anche per noi». Dopo l'Erasmus, ha detto ancora Tremonti, «sarebbe fantastico avere una squadra di calcio comune» in Europa. Anche perché «dalla crisi l'Europa è uscita più unita», ma ora, secondo il ministro, bisogna capire «che cosa si vuole intendere per Europa: un insieme di stati o qualcosa di più? Io credo qualcosa di più».

The Great Greek Unraveling of the EU

The Great Greek Unraveling of the EU

The Daily Bell, February 01, 2010 - by Staff Report


George Papandreou / Getty

The yield on 10-year Greek bonds blasted upwards by over 40 basis points to 7.15% in a day of wild trading. Spreads over German Bunds reached almost four percentage points, by far the highest since Greece joined the euro, and close to levels that risk a self-feeding spiral. Contagion hit Portuguese, Spanish, Irish, and Italian bonds. George Papandreou (pictured left), the Greek premier, said in Davos that his country had been singled out as the weak link in an "attack on the eurozone" by speculators and political foes. "We are being targeted, particularly by those with an ulterior motive." - UK Telegraph

Dominant Social Theme: Nothing to see here, Move along.

Free-Market Analysis: We've been writing about the decline and fall of the European Union for years. And for some reason, (even despite our criticisms!) the EU has slithered onward, swallowing up countries like a boa constrictor or pressing them close to its bosom in a tender embrace - one that we have always maintained might eventually turn deadly. Yes, we figured that one or more "hug-ees" would eventually face the prospect of eventual strangulation.

And now indeed we are faced with the prospect of the "hug too far." And it is Greece that may prove to be the unlovable morsel. The Greeks, in our opinion, are a pretty indigestible bunch anyway. Theirs is a very old culture relatively speaking and we just have this funny feeling that the Greeks as a nationality don't really care all that much about the EU so long as it delivers to THEM. But what if the EU is delivering austerity and deep cuts in social and educational services? We have a feeling that Greek society could be wracked by protests and violence. And if that happens, the euro's price relative to other currencies will drop faster than a dead constrictor from the top of a tree.

Ah, is it sad to behold? The European "recession" is providing the socialist hacks that run the EU with all the drama they can handle. As country after country threatens to breach EU financial discipline, the ramifications will become increasingly obvious and severe in our opinion. The Greek crisis is only one of many on the way. Numerous EU countries are spending much more on social programs than they can afford. The monetary boom of the mid 2000s covered up this state of affairs but now the bust has revealed the true bankruptcy of Europe and undercut the EU strategy, which was simply (so far as we can tell) to aim a money spigot at individual European tribes until the pressure pushed them into the constrictor's lap. Here's another take on what's going on:

EU sets tough targets for Greece rescue ... EUROPEAN officials will this week set the Greek government a four-month deadline to impose a stringent regime of budget cuts and financial reforms. Leaked documents have revealed Brussels will publish a plan for Greece this week, under the headline "Urgent measures to be taken by May 15, 2010". The package includes demands to "cut average nominal wages, including in central government, local governments, state agencies and other public institutions". It also suggests new taxes on luxury goods and proposals to speed up tax payments by the self-employed. Greece has been under pressure from international investors over fears it will default on its debts, precipitating an unprecedented strain on the euro. Fears of a Greek debt default have spread concerns that other EU countries could face problems - including Ireland, Spain, Portugal or Italy. Richer eurozone countries such as Germany and France would be expected to bail out Greece in the worst-case scenario, to prevent a disastrous crash in the value of the single currency. Officials in both countries have been attempting to play down such speculation, heaping further pressure on Greece to resolve its problems itself. (- Times Online)

OK, so Greece will be bullied into cutting its social/civil programs (being free-market oriented, we're in favor of that - not the bullying part though) at which point the EU, in the guise of Germany (mostly), will step in to backstop the Greek government. We do believe that there will be some grumbling in Germany over this as the German economy is not very healthy at this moment either. But we would propose that this grumbling will grow louder as Germans watch first Portugal, then Spain, then Ireland and all those funny little central European countries go through their own version of the Greek crisis. When exactly will Germans decide enough is enough? Will France step in to fill the breach? You think?

Add into all this looming trouble the British discontent with the EU generally and you have the makings of exciting times (delightfully so, from our perspective) for those who wish to hold the EU together. We don't doubt it can be done in some sense - but the result might be a euro pegged close to zero, given how distorted the euro-model will have to become to absorb all the looming damage. And how much, really, is a devalued euro worth? Really, things were much simpler when the EU was simply a free-trade zone instead of a United States of Europe.

This brings us back to our recent discussion about the memes of the power elite. The EU, in our opinion, is one of the elite's biggest and most absurd promotions (though most of them are fairly absurd, actually) and readers of the Bell (heck, anybody with a portfolio) will want to follow developments closely. The unraveling of the EU, if it does indeed occur, would have far more pertinent and immediate ramifications than the apparent unraveling - even - of the global warming theme.

This is yet another example of how "investing" hinges on the Anglo-American elite's attempt to substitute dominant social themes - and their success or failure - for a market-based economy. Kind of like substituting propaganda for production. In fact, it is no small thing as the EU project has taken 50 years and counting to reach this point - 50 years we might add of increasing official lies and bureaucratic misdirection - and generally, an ever-widening ambit of authoritarianism, incompetence and increasingly open malfeasance.

Once the EU bureaucracy began turning back votes and insisting on "do-overs" it was fairly finished in our opinion. What's been going on, finally, as we've pointed out numerous times, is that the great EU experiment has boiled down to compulsive, serial bribe-making to keep the unruly tribes of Europe in check. But the tribes of Europe are very old and human culture is almost impossible to vitiate in a single generation - or even two or three. The Basques, a most fascinating human phenomenon, are said to trace their roots to the last of the Cro-Magnon invasions 15,000 years ago. Now that's history. The EU is still searching for an anthem.

Conclusion: If the money isn't there, we have serious doubts as to whether the loyalty will be either. The unraveling of the EU, to the degree that it occurs, could have big impacts on the price of gold, on the dollar and on world currencies in general, with all the additional attendant ramifications currency turmoil would entail. Another meme bites the dust?

Update - S.604 - 32 Co-sponsors!

S.604
Title: A bill to amend title 31, United States Code, to reform the manner in which the Board of Governors of the Federal Reserve System is audited by the Comptroller General of the United States and the manner in which such audits are reported, and for other purposes.
Sponsor: Sen Sanders, Bernard [VT] (introduced 3/16/2009) Cosponsors (32)
Related Bills: H.R.1207, S.2939
Latest Major Action: 3/16/2009 Referred to Senate committee. Status: Read twice and referred to the Committee on Banking, Housing, and Urban Affairs.


All Information (except text) Text of Legislation CRS Summary Major Congressional Actions

All Congressional Actions

All Congressional Actions with Amendments
With links to Congressional Record pages, votes,reports
Titles Cosponsors (32) Committees
Related Bills Amendments Related Committee Documents
CBO Cost Estimates Subjects

Update - HR 1207 - 317 Co-sponsors!

Update - HR 1207 - 317 Co-sponsors!

Updated on December 3, 2009

On record so far on thomas: http://thomas.loc.gov/cgi...

Title: To amend title 31, United States Code, to reform the manner in which the Board of Governors of the Federal Reserve System is audited by the Comptroller General of the United States and the manner in which such audits are reported, and for other purposes.

Sponsor: Rep Paul, Ron [TX-14] (introduced 2/26/2009)
Co-sponsors (317)
Latest Major Action: 2/26/2009 Referred to House committee. Status: Referred to the House Committee on Financial Services.

NEW - a link to contact the house financial services committee:
http://financialservices....

Here's 2 related links for easy access:

Democratic List of Shame: http://www.dailypaul.com/...

Republican List of Shame: ALL HAVE SIGNED ON

HR 1207 Co-Sponsors (as of 12/3/2009)

Rep Kagen, Steve [WI-8] - 2/26/2009
Rep Bachmann, Michele [MN-6] - 2/26/2009
Rep Bartlett, Roscoe G. [MD-6] - 2/26/2009
Rep Jones, Walter B., Jr. [NC-3] - 2/26/2009
Rep Rehberg, Denny [MT] - 2/26/2009
Rep Posey, Bill [FL-15] - 2/26/2009
Rep Broun, Paul C. [GA-10] - 2/26/2009
Rep Poe, Ted [TX-2] - 2/26/2009
Rep Burton, Dan [IN-5] - 2/26/2009
Rep Abercrombie, Neil [HI-1] - 2/26/2009
Rep Woolsey, Lynn C. [CA-6] - 2/26/2009
Rep Garrett, Scott [NJ-5] - 3/5/2009
Rep Chaffetz, Jason [UT-3] - 3/6/2009
Rep Kingston, Jack [GA-1] - 3/6/2009
Rep Young, Don [AK] - 3/6/2009
Rep Rohrabacher, Dana [CA-46] - 3/6/2009
Rep Stearns, Cliff [FL-6] - 3/6/2009
Rep McClintock, Tom [CA-4] - 3/6/2009
Rep Heller, Dean [NV-2] - 3/6/2009
Rep Duncan, John J., Jr. [TN-2] - 3/6/2009
Rep Taylor, Gene [MS-4] - 3/6/2009
Rep DeFazio, Peter A. [OR-4] - 3/9/2009
Rep Alexander, Rodney [LA-5] - 3/10/2009
Rep Price, Tom [GA-6] - 3/10/2009
Rep Petri, Thomas E. [WI-6] - 3/10/2009
Rep Foxx, Virginia [NC-5] - 3/10/2009
Rep Grayson, Alan [FL-8] - 3/11/2009
Rep Marchant, Kenny [TX-24] - 3/11/2009
Rep Wamp, Zach [TN-3] - 3/16/2009
Rep Blackburn, Marsha [TN-7] - 3/16/2009
Rep Buchanan, Vern [FL-13] - 3/17/2009
Rep Castle, Michael N. [DE] - 3/17/2009
Rep Fleming, John [LA-4] - 3/18/2009
Rep Akin, W. Todd [MO-2] - 3/19/2009
Rep Platts, Todd Russell [PA-19] - 3/19/2009
Rep Peterson, Collin C. [MN-7] - 3/19/2009
Rep McCotter, Thaddeus G. [MI-11] - 3/19/2009
Rep Lummis, Cynthia M. [WY] - 3/19/2009
Rep Burgess, Michael C. [TX-26] - 3/19/2009
Rep Sessions, Pete [TX-32] - 3/23/2009
Rep Deal, Nathan [GA-9] - 3/23/2009
Rep Franks, Trent [AZ-2] - 3/23/2009
Rep Miller, Jeff [FL-1] - 3/24/2009
Rep Blunt, Roy [MO-7] - 3/24/2009
Rep Stark, Fortney Pete [CA-13] - 3/26/2009
Rep Culberson, John Abney [TX-7] - 3/26/2009
Rep Paulsen, Erik [MN-3] - 3/30/2009
Rep Gingrey, Phil [GA-11] - 3/30/2009
Rep Terry, Lee [NE-2] - 3/30/2009
Rep Carter, John R. [TX-31] - 3/31/2009
Rep Capito, Shelley Moore [WV-2] - 4/1/2009
Rep Wittman, Robert J. [VA-1] - 4/1/2009
Rep Fallin, Mary [OK-5] - 4/2/2009
Rep Smith, Lamar [TX-21] - 4/2/2009
Rep Westmoreland, Lynn A. [GA-3] - 4/2/2009
Rep Lucas, Frank D. [OK-3] - 4/21/2009
Rep Lamborn, Doug [CO-5] - 4/21/2009
Rep Ehlers, Vernon J. [MI-3] - 4/21/2009
Rep Bilbray, Brian P. [CA-50] - 4/21/2009
Rep Pence, Mike [IN-6] - 4/21/2009
Rep Manzullo, Donald A. [IL-16] - 4/21/2009
Rep McCaul, Michael T. [TX-10] - 4/21/2009
Rep Cole, Tom [OK-4] - 4/21/2009
Rep Roe, David P. [TN-1] - 4/21/2009
Rep Herger, Wally [CA-2] - 4/21/2009
Rep Bishop, Rob [UT-1] - 4/21/2009
Rep Baldwin, Tammy [WI-2] - 4/21/2009
Rep Olson, Pete [TX-22] - 4/21/2009
Rep Latham, Tom [IA-4] - 4/21/2009
Rep Luetkemeyer, Blaine [MO-9] - 4/21/2009
Rep Doggett, Lloyd [TX-25] - 4/21/2009
Rep Rooney, Thomas J. [FL-16] - 4/22/2009
Rep Massa, Eric J. J. [NY-29] - 4/22/2009
Rep Johnson, Sam [TX-3] - 4/22/2009
Rep Thompson, Glenn [PA-5] - 4/22/2009
Rep Brady, Kevin [TX-8] - 4/22/2009
Rep Smith, Adam [WA-9] - 4/22/2009
Rep Shimkus, John [IL-19] - 4/22/2009
Rep Graves, Sam [MO-6] - 4/22/2009
Rep Jenkins, Lynn [KS-2] - 4/23/2009
Rep Gohmert, Louie [TX-1] - 4/23/2009
Rep Inglis, Bob [SC-4] - 4/23/2009
Rep Kaptur, Marcy [OH-9] - 4/23/2009
Rep Johnson, Timothy V. [IL-15] - 4/23/2009
Rep Brown, Henry E., Jr. [SC-1] - 4/28/2009
Rep Biggert, Judy [IL-13] - 4/28/2009
Rep Pitts, Joseph R. [PA-16] - 4/28/2009
Rep Tiahrt, Todd [KS-4] - 4/28/2009
Rep Myrick, Sue Wilkins [NC-9] - 4/28/2009
Rep Putnam, Adam H. [FL-12] - 4/28/2009
Rep LaTourette, Steven C. [OH-14] - 4/28/2009
Rep Tiberi, Patrick J. [OH-12] - 4/28/2009
Rep Ros-Lehtinen, Ileana [FL-18] - 4/28/2009
Rep Hoekstra, Peter [MI-2] - 4/28/2009
Rep Miller, Candice S. [MI-10] - 4/28/2009
Rep Granger, Kay [TX-12] - 4/28/2009
Rep Simpson, Michael K. [ID-2] - 4/28/2009
Rep Barrett, J. Gresham [SC-3] - 4/28/2009
Rep Goodlatte, Bob [VA-6] - 4/28/2009
Rep Smith, Adrian [NE-3] - 4/28/2009
Rep Wilson, Joe [SC-2] - 4/29/2009
Rep Hall, Ralph M. [TX-4] - 4/29/2009
Rep Kline, John [MN-2] - 4/29/2009
Rep Bono Mack, Mary [CA-45] - 4/29/2009
Rep Murphy, Tim [PA-18] - 4/29/2009
Rep Calvert, Ken [CA-44] - 4/29/2009
Rep McDermott, Jim [WA-7] - 4/29/2009
Rep Upton, Fred [MI-6] - 4/29/2009
Rep Bachus, Spencer [AL-6] - 4/29/2009
Rep Buyer, Steve [IN-4] - 4/30/2009
Rep Neugebauer, Randy [TX-19] - 4/30/2009
Rep McHenry, Patrick T. [NC-10] - 4/30/2009
Rep McCarthy, Kevin [CA-22] - 5/4/2009
Rep Barton, Joe [TX-6] - 5/4/2009
Rep Hensarling, Jeb [TX-5] - 5/4/2009
Rep McMorris Rodgers, Cathy [WA-5] - 5/4/2009
Rep Bilirakis, Gus M. [FL-9] - 5/4/2009
Rep Moran, Jerry [KS-1] - 5/4/2009
Rep Cassidy, Bill [LA-6] - 5/4/2009
Rep Walden, Greg [OR-2] - 5/4/2009
Rep Crenshaw, Ander [FL-4] - 5/4/2009
Rep Campbell, John [CA-48] - 5/4/2009
Rep LoBiondo, Frank A. [NJ-2] - 5/4/2009
Rep McHugh, John M. [NY-23] - 5/4/2009
Rep Schakowsky, Janice D. [IL-9] - 5/6/2009
Rep Linder, John [GA-7] - 5/6/2009
Rep Aderholt, Robert B. [AL-4] - 5/6/2009
Rep Davis, Geoff [KY-4] - 5/6/2009
Rep Dent, Charles W. [PA-15] - 5/6/2009
Rep Radanovich, George [CA-19] - 5/6/2009
Rep Schock, Aaron [IL-18] - 5/6/2009
Rep Herseth Sandlin, Stephanie [SD] - 5/6/2009
Rep Austria, Steve [OH-7] - 5/6/2009
Rep Adler, John H. [NJ-3] - 5/6/2009
Rep Sensenbrenner, F. James, Jr. [WI-5] - 5/7/2009
Rep Lungren, Daniel E. [CA-3] - 5/7/2009
Rep Walz, Timothy J. [MN-1] - 5/7/2009
Rep Shuster, Bill [PA-9] - 5/7/2009
Rep Michaud, Michael H. [ME-2] - 5/7/2009
Rep Conaway, K. Michael [TX-11] - 5/7/2009
Rep Shadegg, John B. [AZ-3] - 5/7/2009
Rep Boozman, John [AR-3] - 5/7/2009
Rep Guthrie, Brett [KY-2] - 5/7/2009
Rep Flake, Jeff [AZ-6] - 5/11/2009
Rep Hastings, Doc [WA-4] - 5/11/2009
Rep Lance, Leonard [NJ-7] - 5/11/2009
Rep Gerlach, Jim [PA-6] - 5/11/2009
Rep Harper, Gregg [MS-3] - 5/11/2009
Rep Hare, Phil [IL-17] - 5/11/2009
Rep Royce, Edward R. [CA-40] - 5/12/2009
Rep Fortenberry, Jeff [NE-1] - 5/12/2009
Rep Mack, Connie [FL-14] - 5/12/2009
Rep Barrow, John [GA-12] - 5/12/2009
Rep Mica, John L. [FL-7] - 5/12/2009
Rep Maffei, Daniel B. [NY-25] - 5/12/2009
Rep Inslee, Jay [WA-1] - 5/12/2009
Rep Rogers, Mike D. [AL-3] - 5/13/2009
Rep Minnick, Walter [ID-1] - 5/13/2009
Rep Boustany, Charles W., Jr. [LA-7] - 5/13/2009
Rep Turner, Michael R. [OH-3] - 5/13/2009
Rep Hunter, Duncan D. [CA-52] - 5/13/2009
Rep Perriello, Thomas S.P. [VA-5] - 5/13/2009
Rep Ortiz, Solomon P. [TX-27] - 5/14/2009
Rep Ryan, Paul [WI-1] - 5/14/2009
Rep Whitfield, Ed [KY-1] - 5/14/2009
Rep Pastor, Ed [AZ-4] - 5/20/2009
Rep Brown-Waite, Ginny [FL-5] - 5/20/2009
Rep Altmire, Jason [PA-4] - 5/20/2009
Rep Latta, Robert E. [OH-5] - 5/20/2009
Rep Reichert, David G. [WA-8] - 5/20/2009
Rep Rogers, Mike J. [MI-8] - 5/20/2009
Rep Berry, Marion [AR-1] - 5/20/2009
Rep Schauer, Mark H. [MI-7] - 5/20/2009
Rep Scalise, Steve [LA-1] - 5/20/2009
Rep Forbes, J. Randy [VA-4] - 5/20/2009
Rep Ross, Mike [AR-4] - 5/21/2009
Rep Berkley, Shelley [NV-1] - 5/21/2009
Rep Welch, Peter [VT] - 5/21/2009
Rep Thornberry, Mac [TX-13] - 5/21/2009
Rep Jordan, Jim [OH-4] - 6/2/2009
Rep Hinchey, Maurice D. [NY-22] - 6/2/2009
Rep Roskam, Peter J. [IL-6] - 6/2/2009
Rep Young, C.W. Bill [FL-10] - 6/3/2009
Rep Grijalva, Raul M. [AZ-7] - 6/3/2009
Rep Frelinghuysen, Rodney P. [NJ-11] - 6/3/2009
Rep Halvorson, Deborah L. [IL-11] - 6/3/2009
Rep King, Peter T. [NY-3] - 6/4/2009
Rep Holden, Tim [PA-17] - 6/4/2009
Rep Lipinski, Daniel [IL-3] - 6/4/2009
Rep Kratovil, Frank, Jr. [MD-1] - 6/4/2009
Rep Pascrell, Bill, Jr. [NJ-8] - 6/9/2009
Rep Boswell, Leonard L. [IA-3] - 6/9/2009
Rep Bonner, Jo [AL-1] - 6/9/2009
Rep Tonko, Paul D. [NY-21] - 6/9/2009
Rep Mitchell, Harry E. [AZ-5] - 6/9/2009
Rep Johnson, Henry C. "Hank," Jr. [GA-4] - 6/9/2009
Rep Shea-Porter, Carol [NH-1] - 6/9/2009
Rep Carney, Christopher P. [PA-10] - 6/9/2009
Rep Childers, Travis [MS-1] - 6/9/2009
Rep Murphy, Patrick J. [PA-8] - 6/9/2009
Rep McGovern, James P. [MA-3] - 6/10/2009
Rep McIntyre, Mike [NC-7] - 6/10/2009
Rep Dreier, David [CA-26] - 6/10/2009
Rep Boehner, John A. [OH-8] - 6/10/2009
Rep Perlmutter, Ed [CO-7] - 6/10/2009
Rep Lee, Christopher J. [NY-26] - 6/10/2009
Rep Loebsack, David [IA-2] - 6/10/2009
Rep Miller, Gary G. [CA-42] - 6/10/2009
Rep Wolf, Frank R. [VA-10] - 6/11/2009
Rep Brown, Corrine [FL-3] - 6/11/2009
Rep Speier, Jackie [CA-12] - 6/11/2009
Rep King, Steve [IA-5] - 6/11/2009
Rep Edwards, Donna F. [MD-4] - 6/11/2009
Rep Bright, Bobby [AL-2] - 6/11/2009
Rep Cao, Anh "Joseph" [LA-2] - 6/11/2009
Rep Polis, Jared [CO-2] - 6/11/2009
Rep Kucinich, Dennis J. [OH-10] - 6/11/2009
Rep McKeon, Howard P. "Buck" [CA-25] - 6/11/2009
Rep Coble, Howard [NC-6] - 6/11/2009
Rep Braley, Bruce L. [IA-1] - 6/11/2009
Rep Schmidt, Jean [OH-2] - 6/11/2009
Rep Shuler, Heath [NC-11] - 6/12/2009
Rep Teague, Harry [NM-2] - 6/12/2009
Rep Nunes, Devin [CA-21] - 6/12/2009
Rep Smith, Christopher H. [NJ-4] - 6/15/2009
Rep Sarbanes, John P. [MD-3] - 6/15/2009
Rep Edwards, Chet [TX-17] - 6/16/2009
Rep Souder, Mark E. [IN-3] - 6/16/2009
Rep Coffman, Mike [CO-6] - 6/16/2009
Rep Giffords, Gabrielle [AZ-8] - 6/16/2009
Rep Issa, Darrell E. [CA-49] - 6/16/2009
Rep Griffith, Parker [AL-5] - 6/16/2009
Rep Kosmas, Suzanne M. [FL-24] - 6/17/2009
Rep Slaughter, Louise McIntosh [NY-28] - 6/17/2009
Rep Diaz-Balart, Mario [FL-25] - 6/18/2009
Rep Rothman, Steven R. [NJ-9] - 6/18/2009
Rep Camp, Dave [MI-4] - 6/18/2009
Rep Cantor, Eric [VA-7] - 6/23/2009
Rep Space, Zachary T. [OH-18] - 6/23/2009
Rep Conyers, John, Jr. [MI-14] - 6/23/2009
Rep Sherman, Brad [CA-27] - 6/23/2009
Rep Snyder, Vic [AR-2] - 6/23/2009
Rep Lewis, Jerry [CA-41] - 6/24/2009
Rep Markey, Betsy [CO-4] - 6/25/2009
Rep Davis, Danny K. [IL-7] - 6/26/2009
Rep Lofgren, Zoe [CA-16] - 7/7/2009
Rep Chandler, Ben [KY-6] - 7/7/2009
Rep Harman, Jane [CA-36] - 7/7/2009
Rep Murphy, Christopher S. [CT-5] - 7/7/2009
Rep Gallegly, Elton [CA-24] - 7/7/2009
Rep Sullivan, John [OK-1] - 7/8/2009
Rep Courtney, Joe [CT-2] - 7/8/2009
Rep Hirono, Mazie K. [HI-2] - 7/8/2009
Rep Farr, Sam [CA-17] - 7/8/2009
Rep Murphy, Scott [NY-20] - 7/9/2009
Rep Fudge, Marcia L. [OH-11] - 7/9/2009
Rep Melancon, Charlie [LA-3] - 7/10/2009
Rep Baird, Brian [WA-3] - 7/10/2009
Rep Bishop, Timothy H. [NY-1] - 7/10/2009
Rep Diaz-Balart, Lincoln [FL-21] - 7/10/2009
Rep Wu, David [OR-1] - 7/13/2009
Rep Yarmuth, John A. [KY-3] - 7/14/2009
Rep Titus, Dina [NV-3] - 7/14/2009
Rep Kirkpatrick, Ann [AZ-1] - 7/14/2009
Rep Schiff, Adam B. [CA-29] - 7/14/2009
Rep Rogers, Harold [KY-5] - 7/14/2009
Rep Boyd, Allen [FL-2] - 7/14/200
Rep Salazar, John T. [CO-3] - 7/15/2009
Rep Kirk, Mark Steven [IL-10] - 7/15/2009
Rep Emerson, Jo Ann [MO-8] - 7/15/2009
Rep Thompson, Bennie G. [MS-2] - 7/17/2009
Rep Visclosky, Peter J. [IN-1] - 7/20/2009
Rep Scott, David [GA-13] - 7/20/2009
Rep Tierney, John F. [MA-6] - 7/20/2009
Rep Boucher, Rick [VA-9] - 7/20/2009
Rep Dahlkemper, Kathleen A. [PA-3] - 7/22/2009
Rep Filner, Bob [CA-51] - 7/28/2009
Rep Richardson, Laura [CA-37] - 7/28/2009
Rep Boccieri, John A. [OH-16] - 7/28/2009
Rep Jackson, Jesse L., Jr. [IL-2] - 7/30/2009
Rep Payne, Donald M. [NJ-10] - 7/30/2009
Rep Oberstar, James L. [MN-8] - 7/31/2009
Rep Langevin, James R. [RI-2] - 9/8/2009
Rep Gordon, Bart [TN-6] - 9/8/2009
Rep Delahunt, Bill [MA-10] - 9/9/2009
Rep Nadler, Jerrold [NY-8] - 9/10/2009
Rep Hinojosa, Ruben [TX-15] - 9/10/2009
Rep Schrader, Kurt [OR-5] - 9/15/2009
Rep Johnson, Eddie Bernice [TX-30] - 9/15/2009
Rep Nye, Glenn C., III [VA-2] - 9/17/2009
Rep Kildee, Dale E. [MI-5] - 9/21/2009
Rep Miller, Brad [NC-13] - 9/22/2009
Rep Lewis, John [GA-5] - 9/23/2009
Rep Arcuri, Michael A. [NY-24] - 9/23/2009
Rep Cuellar, Henry [TX-28] - 9/24/2009
Rep Doyle, Michael F. [PA-14] - 9/29/2009
Rep Davis, Lincoln [TN-4] - 9/30/2009
Rep Chu, Judy [CA-32] - 10/6/2009
Rep Pingree, Chellie [ME-1] - 10/6/2009
Rep Sutton, Betty [OH-13] - 10/6/2009
Rep Driehaus, Steve [OH-1] - 10/6/2009
Rep Spratt, John M., Jr. [SC-5] - 10/13/2009
Rep Higgins, Brian [NY-27] - 10/13/2009
Rep Ruppersberger, C. A. Dutch [MD-2] - 10/20/2009
Rep Cohen, Steve [TN-9] - 10/22/2009
Rep Hill, Baron P. [IN-9] - 10/22/2009
Rep Ryan, Tim [OH-17] - 10/23/2009
Rep Bishop, Sanford D., Jr. [GA-2] - 10/27/2009
Rep Heinrich, Martin [NM-1] - 11/2/2009
Rep Weiner, Anthony D. [NY-9] - 11/5/2009
Rep Kissell, Larry [NC-8] - 11/5/2009
Rep Clay, William. Lacy [MO-1] - 11/19/2009
Rep Lujan, Ben Ray [NM-3] - 11/19/2009
Rep Reyes, Silvestre [TX-16] - 12/1/2009
Rep Rodriguez, Ciro D. [TX-23] - 12/1/2009
Rep Kilpatrick, Carolyn C. [MI-13] - 12/1/2009
Rep Boren, Dan [OK-2] - 12/1/2009

http://digg.com/politics/...