giovedì 16 luglio 2009

The Silver Supply/Demand Imbalance

The Silver Supply/Demand Imbalance

leadimage

07/16/09 Tampa Bay, Florida - I try not to think about silver, because when I do, my head ends up whirling around at the sheer compelling nature of the fundamentals, and I always come to the conclusions that whirling makes me dizzy and that I need to buy more silver right away because silver is going to start exploding in price over the next few years, it could happen soon enough to do me some good, especially considering the sorry state of all alternative investments right now and the sorry state of just about everything right now, and by the fact that I am slashing the kids’ allowances to zero, freeing up some of the cash I will need!

But sometimes something comes along that makes me think about silver, such as David Morgan of the silver-investor.com site reporting that “during the past ten years, silver’s use in industry has gone from roughly 35% of the entire annual production in silver, to greater than 50%. Not only that, but it is the fastest growing area of the silver market.”

So how much silver was mined? Well, the commoditynewscenter.com notes that “According to the US Geological Survey, about 672m ounces of silver was mined in 2008. And with an average silver price of $14.94 per ounce, if all mined silver was sold at spot, the entire supply chain would generate revenues of only about $10 billion.”

It is statistics like these, coupled with the dismal fact of the virtual elimination of above-ground stocks of silver as the myriads of electronic devices produced over the decades consumed it all, that makes me look at the world with suspicious distrust, my eyes narrowed to slits and my hand inching under my jacket to the shoulder holster in case I have to blast my way out as I realize – to my dismay – that the creatures of this planet are so stupid that they can look at this silver thing, and yet not start buying silver right away! Weird! More than weird!

Even when I politely yell at them, “Hey! You are Really, Really Stupid (RRS) if you are not buying silver, and I hope your children are not as stupid as you, although they are every bit as ugly as you, ya morons!” they still don’t buy silver! Again, weird!

Addison Wiggin of Agora Financial’s 5 Minute Forecast does not actually come out and say, “It’s weird!” or that I am, for once, making sense or how he can’t understand why everyone hates me, but he does say that “there are only 22 pure silver mines around the world. For 15 years straight, they’ve fallen short of meeting total silver demand.” Wow!

In fact, “in the last two years alone, they were off by nearly 76 million ounces”!

And since this is after decades of dis-hoarding of strategic stockpiles, the result is that “Today, most of the U.S. silver stockpile is gone,” and whereas “the world once had about 2.2 billion ounces of silver above ground,” now there are “only about 300 million ounces. In other words, total world silver supply has plummeted by over 86% just in the last few years…while silver demand has gone UP!”

I know you won’t listen to me, since you never have, and all I ever hear is how you are sick of hearing me tell you to buy silver and gold, for one reason, protection against the inexorable predations of a ravenous, sick government, and secondly to make money with silver since the supply/demand imbalance is (as we professional economists term it) So Preposterously Out Of Whack (SPOOW), and you are always asking, “If you’re so smart, how come you are just a lonely, pathetic little man who locks himself in the closet under the stairs because he is so scared of everything?”

Well, I am tired of screaming my lungs out in rebuttal, so maybe you will listen to Addison Wiggin, who is a bigshot at Agora Publishing and has his own newsletter, whose own statistics scream, even if he doesn’t, “Whee! This investing stuff is easy!”

'Tarnished' Fed shouldn't oversee risk

Latest Daily Bell

Issue 349 • Thursday, July 16, 2009


"The monetary managers are fond of telling us that they have substituted 'responsible money management' for the gold standard. But there is no historic record of responsible paper money management ... The record taken, as a whole is one of hyperinflation, devaluation and monetary chaos."
- Henry Hazlitt

Investors say 'tarnished' Fed shouldn't oversee risk


Win McNamee/Getty Images

The Fed's "credibility has been tarnished by the easy credit policies it pursued and the lax regulatory oversight that let institutions ratchet higher their balance sheet leverage and amass huge concentrations of risky, complex securitized products," the report by the Investors' Working Group said. Lawmakers are considering legislation that would enact President Barack Obama's regulatory overhaul, the most sweeping change to financial oversight since the 1930s. Backed by a group of pension funds, the report might sway Democrats in Congress, especially those concerned that the central bank has too many conflicts and inadequate accountability. Obama proposed that the Fed become the main overseer of firms whose collapse could roil markets, and bring hedge funds and private equity under federal scrutiny. The plan would create an agency to monitor consumer financial products. Treasury Secretary Timothy Geithner urged quick action by Congress. - Bloomberg

Dominant Social Theme: Weigh the Fed's role carefully.

Free-Market Analysis: The liquidation of the American Federal Reserve continues apace. Instead of receiving more power and authority after this latest business cycle debacle, the Fed and the men around it have likely been rocked back more than a bit. The Obama administration intends to direct more power their way, but it is looking less likely that this will occur.

The Fed, and central banks in general, have been the victims of their own successes and of the Internet which has exposed these successes and what lies behind them. It is not a complex matter, after all. The Fed inflates, the economy has a boom and then bust, the financial industry is blamed and regulators - including the Fed - get more power. Repeat as many times as it takes to fully centralize the economy and create a complex regulatory democracy into which responsibility for many - and wealth - flows into the hands of a few.

But thanks to the Internet, the cycle has not worked out this time around. The Federal Reserve has not covered itself with glory on any level, nor accrued additional prestige for its various missions. YouTube videos of Congressional testimony show chairman Ben Bernanke brusquely pushing aside requests for more information about the deliberations of the private body. Inspector general, Elizabeth Coleman's bumbling showing - and refusal to shed any more light on internal workings than Bernanke - has received some two million Youtube hits and counting. And now the Obama administration's intent to make the Federal Reserve the main body for risk regulation seems to be hitting considerable resistance.

The Fed is under attack. The Daily Bell has assiduously followed this most important story and been near or at its forefront. We announced the beginning of the end of the Federal Reserve and of central banking the moment Coleman's videos hit the Internet. But the Fed's troubles only began with its Inspector General. It is also being sued by Bloomberg News (of all news-sites) for additional internal information. Then there are the bills in the House and Senate to more fully audit the Fed. Ben Bernanke (pictured above left) himself may be a lame duck. And now the Fed may well be deprived of additional responsibility to monitor the nation's financial risk taking.

The difficulties in which the Fed finds itself entangled are symptomatic of central banking in general in the 21st century. The mechanism of setting interest rates is a form of price fixing for money and cannot be defended when explained in plain language, and the mechanism is the same the world over. While the powers-that-be may sustain some form of central banking, it is bound to change because its insupportable process has become too well known thanks to the internet, Youtube, etc.

Conclusion: The idea of those who manage central banking is perhaps that the globe can move to a more centralized but still controllable monetary system - via the IMF or regional currencies, etc. But the world is moving very fast. It is probably just as likely over time that the larger financial system will collapse back into some sort of gold or silver money standard - despite the efforts of the monetary elite to continue to control the currency through further globalization.

Goldman in Talks to Acquire Treasury Department

Goldman Sachs in Talks to Acquire Treasury Department

Sister Entities to Share Employees, Money

Borowitz Report,

In what some on Wall Street are calling the biggest blockbuster deal in the history of the financial sector, Goldman Sachs confirmed today that it was in talks to acquire the U.S. Department of the Treasury.

According to Goldman spokesperson Jonathan Hestron, the merger between Goldman and the Treasury Department is "a good fit" because "they're in the business of printing money and so are we."

The Goldman spokesman said that the merger would create efficiencies for both entities: "We already have so many employees and so much money flowing back and forth, this would just streamline things."

Mr. Hestron said the only challenge facing Goldman in completing the merger "is trying to figure out which parts of the Treasury Dept. we don't already own."

Goldman recently celebrated record earnings by roasting a suckling pig over a bonfire of hundred-dollar bills.

Elsewhere, conspiracy theorists celebrated the 40th anniversary of NASA faking the moon landing.

And in South Carolina, Gov. Mark Sanford gave his wife a new diamond ring, while his wife gave him an electronic ankle bracelet.

Troppe multe, nasce “Multassassina”

Troppe multe, nasce “Multassassina”.

15 luglio 2009

Vigili urbani divisa nuova nuove multe corcasNel 2007 sono aumentate del 46,5 per cento, un comitato di cittadini chiede il riordino dell’intera materia.

Quando è troppo e troppo, gli abitanti della capitale dicono basta. «Roma è la capitale delle multe, nel 2007 sono aumentate del 46,5% per un incasso annuale di circa 350 milioni di euro». Questo l’allarme lanciato dall’associazione Radici che questo pomeriggio ha costituito insieme ad altri cittadini il comitato “Multassassina” per raccogliere firme per una proposta di delibera di iniziativa popolare che modifichi il sistema di riscossione di multe e tributi al Comune di Roma. Nel corso di una conferenza in Campidoglio il presidente dell’associazione Radici, Luigi Di Cesare, ha puntato il dito contro «le cartelle pazze, ovvero le multe già pagate che vengono ripagate in sequenza continua» e contro le «possibilità di ricorso pressochè nulle. Gli uffici dove operano i giudici di pace non funzionano – ha spiegato – e spesso si rinuncia al ricorso perchè i costi delle contestazioni sono più alti delle multe stesse». La proposta di delibera mira a «sospendere la richiesta dei pagamenti da parte degli enti esattori fino all’avvenuto riordino del sistema di gestione», «di riconoscere ai cittadini un rimborso per eventuali danni subiti» e «di prescrivere le richieste di pagamento oltre il termine di cinque anni». (online-news.it)

_________________

Delibera iniziativa popolare


MODIFICA DEL SISTEMA DI RISCOSSIONE DELLE MULTE
E DEI TRIBUTI DOVUTI AL COMUNE DI ROMA.

Oggi, 14 luglio, presso il Segretariato del Consiglio Comunale di Roma si costituisce il Comitato promotore e si avvia nella città una campagna di raccolta firme per sostenere la proposta di Delibera di Iniziativa Popolare tesa alla modifica del sistema di riscossione di multe e tributi. Di seguito riportiamo il testo e le proposte della Delibera che i cittadini romani sottoporranno al vaglio del Consiglio Comunale.

PREMESSO

- Che è riconosciuto il modo caotico e non trasparente con cui gli enti esattori gestiscono la riscossione di multe e tributi vari dovuti al Comune di Roma, generando il fenomeno delle cosiddette “Cartelle Pazze” per le quali vengono avanzate nei confronti dei cittadini ripetute richieste di pagamenti, palesando un errore da parte dell’ente esattore, di fronte al quale il cittadino ha scarse possibilità di difesa;

- che il sistema delle notifiche postali con il codice a barre è incomprensibile per il cittadino in quanto non viene resa evidente la data di notifica;

- che la notifica avviene troppo a ridosso del termine di prescrizione, determinando in questo modo l’applicazione del massimo delle sanzioni e degli interessi di mora;

- che emerge una sproporzione tra l’entità della richiesta di pagamento iniziale e l’entità delle sanzioni applicate che comportano i fermi amministrativi delle vetture, il sequestro dei conti correnti fino ad arrivare al pignoramento dei beni immobili;

- che è difficoltoso contestare la richiesta di pagamenti da parte degli enti esattori in quanto gli uffici preposti dei Giudici di Pace, a causa della grande mole di lavoro e della scarsità di personale, impiegano diversi anni nell’espletare le pratiche;

IL CONSIGLIO COMUNALE DI ROMA

Per le motivazioni di cui alle premesse

DELIBERA

A) di sospendere la richiesta dei pagamenti da parte degli enti esattori fino all’avvenuto riordino del sistema di gestione;

B) di prescrivere le richieste di pagamento per multe o tributi risalenti ad oltre il termine di prescrizione previsto di cinque anni;


C) di riconoscere ai cittadini un rimborso ed un risarcimento per eventuali danni subiti, qualora sia dimostrato un errore da parte dell’ente esattore.


D) di richiedere agli enti esattori l’abolizione delle sanzioni e di applicare interessi di mora a tassi agevolati e/o comunque proporzionati alla capacità di reddito dei soggetti destinatari della richiesta di pagamento esattoriale.

Multe, no affari

EX KGB: HOW TO OVERTHROW A NATION

EX KGB: HOW TO OVERTHROW A NATION

Youtube video

This amazing interview was done back in 1985 with a former KGB agent who was trained in subversion techniques. He explains the 4 basic steps to socially engineering entire generations into thinking and behaving the way those in power want them to. It's shocking because our nation has been transformed in the exact same way, and followed the exact same steps.

Please join the campaign to end this insanity at The Kick Them All Out Project http://www.KickThemAllOut.com

Next Prime Minister of Japan a Freemason?

Is the likely next Prime Minister of Japan, Yukio Hatoyama, a Freemason?
by Benjamin Fulford

Many people are asking themselves if Yukio Hatoyama, the head of the Democratic Party of Japan and the man polls say will become Prime Minister of Japan in September is a Freemason. His grandfather Ichiro Hatoyama was a Freemason. The wife of Naoto Kan, the deputy head of the DPJ, told me Yukio Hatoyama was also a Freemason. However, when I asked Hatoyama directly, he told me he was not a Freemason.

The Freemason Lodge that Hatoyama’s grandfather belonged to is a subsidiary of the Philippine lodge which in turn reports to the grand lodge in England. This branch was set up by General Douglas McArthur after WW2. A friend of mine who was Douglas McArthur’s personal doctor said he often saw McArthur and post-war Prime Minister Shigeru Yoshida discuss the future of Japan inside that lodge. Yoshida was the grandfather of Taro Aso, the current Prime Minister. Yoshida was defeated by Hatoyama’s grandfather.

Even if the Yukio Hatoyama is a Freemason, he has a reputation for being clean. Since his family owns the Bridgestone Tire company, he has never had to accept money from shady power brokers.

He will now be given a chance to prove whether he will be like a Gorbachev presiding over the collapse of a country or a Putin, rebuilding a country that was sabotaged by the Americans. History will give us the final answer.

US: 7.2 million angry people have lost their jobs

The Economy Is Even Worse Than You Think
The average length of unemployment is higher than it's been since government began tracking the data in 1948.
By MORTIMER ZUCKERMAN
WSJ, July 14th 2009

The recent unemployment numbers have undermined confidence that we might be nearing the bottom of the recession. What we can see on the surface is disconcerting enough, but the inside numbers are just as bad.

The Bureau of Labor Statistics preliminary estimate for job losses for June is 467,000, which means 7.2 million people have lost their jobs since the start of the recession. The cumulative job losses over the last six months have been greater than for any other half year period since World War II, including the military demobilization after the war. The job losses are also now equal to the net job gains over the previous nine years, making this the only recession since the Great Depression to wipe out all job growth from the previous expansion.

Here are 10 reasons we are in even more trouble than the 9.5% unemployment rate indicates:
- June's total assumed 185,000 people at work who probably were not. The government could not identify them; it made an assumption about trends. But many of the mythical jobs are in industries that have absolutely no job creation, e.g., finance. When the official numbers are adjusted over the next several months, June will look worse.

- More companies are asking employees to take unpaid leave. These people don't count on the unemployment roll.

- No fewer than 1.4 million people wanted or were available for work in the last 12 months but were not counted. Why? Because they hadn't searched for work in the four weeks preceding the survey.

- The number of workers taking part-time jobs due to the slack economy, a kind of stealth underemployment, has doubled in this recession to about nine million, or 5.8% of the work force. Add those whose hours have been cut to those who cannot find a full-time job and the total unemployed rises to 16.5%, putting the number of involuntarily idle in the range of 25 million.

- The average work week for rank-and-file employees in the private sector, roughly 80% of the work force, slipped to 33 hours. That's 48 minutes a week less than before the recession began, the lowest level since the government began tracking such data 45 years ago. Full-time workers are being downgraded to part time as businesses slash labor costs to remain above water, and factories are operating at only 65% of capacity. If Americans were still clocking those extra 48 minutes a week now, the same aggregate amount of work would get done with 3.3 million fewer employees, which means that if it were not for the shorter work week the jobless rate would be 11.7%, not 9.5% (which far exceeds the 8% rate projected by the Obama administration).

- The average length of official unemployment increased to 24.5 weeks, the longest since government began tracking this data in 1948. The number of long-term unemployed (i.e., for 27 weeks or more) has now jumped to 4.4 million, an all-time high.

- The average worker saw no wage gains in June, with average compensation running flat at $18.53 an hour.

- The goods producing sector is losing the most jobs -- 223,000 in the last report alone.

- The prospects for job creation are equally distressing. The likelihood is that when economic activity picks up, employers will first choose to increase hours for existing workers and bring part-time workers back to full time. Many unemployed workers looking for jobs once the recovery begins will discover that jobs as good as the ones they lost are almost impossible to find because many layoffs have been permanent. Instead of shrinking operations, companies have shut down whole business units or made sweeping structural changes in the way they conduct business. General Motors and Chrysler, closed hundreds of dealerships and reduced brands. Citigroup and Bank of America cut tens of thousands of positions and exited many parts of the world of finance.

Job losses may last well into 2010 to hit an unemployment peak close to 11%. That unemployment rate may be sustained for an extended period.

Can we find comfort in the fact that employment has long been considered a lagging indicator? It is conventionally seen as having limited predictive power since employment reflects decisions taken earlier in the business cycle. But today is different. Unemployment has doubled to 9.5% from 4.8% in only 16 months, a rate so fast it may influence future economic behavior and outlook.

How could this happen when Washington has thrown trillions of dollars into the pot, including the famous $787 billion in stimulus spending that was supposed to yield $1.50 in growth for every dollar spent? For a start, too much of the money went to transfer payments such as Medicaid, jobless benefits and the like that do nothing for jobs and growth. The spending that creates new jobs is new spending, particularly on infrastructure. It amounts to less than 10% of the stimulus package today.

About 40% of U.S. workers believe the recession will continue for another full year, and their pessimism is justified. As paychecks shrink and disappear, consumers are more hesitant to spend and won't lead the economy out of the doldrums quickly enough.

It may have made him unpopular in parts of the Obama administration, but Vice President Joe Biden was right when he said a week ago that the administration misread how bad the economy was and how effective the stimulus would be. It was supposed to be about jobs but it wasn't. The Recovery Act was a single piece of legislation but it included thousands of funding schemes for tens of thousands of projects, and those programs are stuck in the bureaucracy as the government releases the funds with typical inefficiency.

Another $150 billion, which was allocated to state coffers to continue programs like Medicaid, did not add new jobs; hundreds of billions were set aside for tax cuts and for new benefits for the poor and the unemployed, and they did not add new jobs. Now state budgets are drowning in red ink as jobless claims and Medicaid bills climb.

Next year state budgets will have depleted their initial rescue dollars. Absent another rescue plan, they will have no choice but to slash spending, raise taxes, or both. State and local governments, representing about 15% of the economy, are beginning the worst contraction in postwar history amid a deficit of $166 billion for fiscal 2010, according to the Center on Budget and Policy Priorities, and a gap of $350 billion in fiscal 2011.

Households overburdened with historic levels of debt will also be saving more. The savings rate has already jumped to almost 7% of after-tax income from 0% in 2007, and it is still going up. Every dollar of saving comes out of consumption. Since consumer spending is the economy's main driver, we are going to have a weak consumer sector and many businesses simply won't have the means or the need to hire employees. After the 1990-91 recessions, consumers went out and bought houses, cars and other expensive goods. This time, the combination of a weak job picture and a severe credit crunch means that people won't be able to get the financing for big expenditures, and those who can borrow will be reluctant to do so. The paycheck has returned as the primary source of spending.

This process is nowhere near complete and, until it is, the economy will barely grow if it does at all, and it may well oscillate between sluggish growth and modest decline for the next several years until the rebalancing of excessive debt has been completed. Until then, the economy will be deprived of adequate profits and cash flow, and businesses will not start to hire nor race to make capital expenditures when they have vast idle capacity.

No wonder poll after poll shows a steady erosion of confidence in the stimulus. So what kind of second-act stimulus should we look for? Something that might have a real multiplier effect, not a congressional wish list of pet programs. It is critical that the Obama administration not play politics with the issue. The time to get ready for a serious infrastructure program is now. It's a shame Washington didn't get it right the first time.

Mr. Zuckerman is chairman and editor in chief of U.S. News & World Report.

L’ IRACHENO STRARICCO

Da: SVIZZERA Connection

L’ IRACHENO STRARICCO


All’inizio degli anni ’80 Tettamanti si era emancipato da Lugano ed era divenuto un finanziere offshore con base operativa a Montecarlo. Nella persona dell’iracheno Nadhmi Auchi si presentò un nuovo socio finanziariamente solido. Auchi era un iracheno naturalizzato in Inghilterra, che operava soprattutto dal Lussemburgo, dall’ Irak e dal Kuwait. Insieme con la Investmant-Bank francese Paribas, aveva fondato nel 1982 a Lussemburgo la Participations Bancaires et Financières SA (CIPAF) con un capitale di un miliardo di franchi lussemburghesi.(22) Finanziatori della CIPAF erano, accanto ai principali azionisti, anche Tettamanti, la belga Silbra Holding (23), la Agemar SA (Lugano)(24) oltre a capitale dell’Arabia saudita e kuwaitiano. Tettamanti entrò nel consiglio d’amministrazione della CIPAF. Poco dopo che essa era stata fondata, Auchi finì nel mirino di una commissione parlamentare italiana che indagava sul pagamento di tangenti ammontanti a 23 milioni di dollari, da parte dei Cantieri Navali Riuniti, per la fornitura di 4 fregate e 6 corvette all’Irak. Il cantiere navale di stato italiano aveva pagato i 23 milioni di dollari alla Dowal Corp. in Lussemburgo. Questa era amministrata da una società di nome Figed, domiciliata nello studio del noto avvocato Nico Schaeffer che era gran Maestro dei massoni del Lussemburgo e aveva diretto società per il banchiere della mafia Michele Sindona. L’alleanza di Auchi con la Paribas, allora appena statalizzata, deve essere considerata nel contesto delle massicce forniture francesi d’armi all’Irak durante gli anni ’80. Il governo Mitterand era allora, con l’industria bellica statale francese, uno dei più grandi trafficanti d’armi del mondo e profittò abbondantemente della guerra Irak-Iran. Anche il fatto che la sede di Auchi sia il Lussemburgo non manca di logica politico-economica. I socialisti lussemburghesi, parallelamente al declino dell’industria locale dell’acciaio, avevano cominciato a promuovere massicciamente la piazza finanziaria del loro paese che contava circa 370.000 abitanti e precisamente con leggi fiscali liberali, un rigido segreto bancario e norme legislative generose in fatto di pubblicità. Alla fine degli anni ’70 era stato ministro delle finanze in Lussemburgo il socialista Poos, che ebbe un ruolo importante nello sviluppo di questo stato come piazza offshore. L’ex giornalista di partito Jacques Poos era stato direttore presso la Banque Continentale du Luxembourg di Auchi. Allo scoppio della guerra del golfo nel 1991, l’iracheno Auchi fu considerato con uno sguardo un po’ più critico. Soprattutto il conservatore “Figaro” parigino si preoccupò che un iracheno potesse essere non solo socio della potente Paribas ma anche grande azionista di questa banca e di alcune delle società finanziarie da essa controllate, come la Navigation Mixte. Ma già un anno dopo, per il giubileo decennale della CIPAF nel 1992, Auchi fu solennemente festeggiato in Lussemburgo. Nientemeno che il primo ministro cristiano-democratico Jacques Santer in persona si congratulò con lui al banchetto solenne all’Hotel le Royal e sottilineò nel suo discorso per il giubileo: ”Società come la CIPAF rafforzano l’immagine e il peso della piazza finanziaria lussemburghese” (25) Si capisce meglio l’entusiasmo di Santer, per il banchiere iracheno, se si pensa che Auchi aveva versato l’anno precedente 400 milioni di franchi lussemburghesi di tasse nelle casse dello stato. Non si sa se Tettamanti fosse stato invitato alla cerimonia ma Auchi gli procurò l’accesso al centro della sfera del potere nel granducato.


ALLEANZA PROFANA CON LA DG BANK*

Nel 1982 la Banca delle banche cooperative europee (BEG) a Zurigo, una filiale straniera della Deutsche Genossenschaftsbank (DG Bank)26), acquisì una partecipazione di minoranza alla Fidinam; più tardi la BEG cambiò nome in DG-Bank Schweiz. Il suo direttore generale Wolfgang Riester entrò nel consiglio di amministrazione della Fidinam Fiduciaria. Contemporaneamente il numero due della sede centrale della DG a Francoforte, Karl-Herbert Schneider-Gädicke, entrò nel consiglio d’amministrazione del Financial Group of North Atlantic (FGNA, sede alle Cayman e ufficio a Montecarlo). L’alleanza profana della DG Bank, che come casa madre delle banche popolari e delle banche di credito agrario era per tradizione al servizio degli artigiani e dei contadini tedeschi, con Tettamanti residente a Montecarlo, non sembra di primo acchito molto logica. Ma considerandola più attentamente, appare conforme a quei tempi. Tettamanti replicava in certo qual modo la politica che dopo la vittoria dei socialisti in Francia e Spagna e l’ascesa dei socialisti di Craxi in Italia, aveva grande successo in ambiente mediterraneo.(27) I socialisti giunti al potere venivano a patti con finanzieri arricchitisi di recente del genere di un Silvio Berlusconi, Mario Conde o Bernard Tapie, che si erano affermati al di fuori dell’establishment tradizionale, ostile ai socialisti. All’inizio degli anni ‘90 queste alleanze portarono a numerosi scandali finanziari in Francia, Italia e Spagna. Nel 1981 la DG Bank si trovò in difficoltà, e Guthard cercò disperatamente di partecipare a fruttuosi business internazionali – e proprio qui stava il know how di Tettamanti. Guthard portò la DG Bank in una fase aggressiva di espansione. Per lunghi anni questa strategia funzionò bene. Ma nel 1990 arrivò il grande crac. Per irregolarità in operazioni a termine su titoli a tasso fisso di banche francesi il dirigente della compravendita di titoli della DG, Friedrich Steil, aveva avuto perdite così elevate da far supporre macchinazioni fraudolente. Guthard sporse denuncia e ne seguì un processo durato anni. Nel 1991 la banca DG era pronta per essere risanata. Guthard e il suo uomo di fiducia a Zurigo, Riester, dovettero dare le dimissioni. Il pacchetto azionario della Fidinam è stato di nuovo rivenduto a Tettamanti dai nuovi capi a Francoforte. Che cosa abbia fruttato finanziarmente agli interessati a saldo finale la collaborazione durata otto anni tra la Fidinam e la DG Bank, non è mai divenuto di pubblico dominio.


FINANZIERE D’ASSALTO A WALL STREET

Quando a metà degli anni ’80 ci fu il boom della borsa, Tettamanti ricopriva con il suo impero offshore una posizione ideale per parteciparvi. Era l’epoca d’oro degli scalatori di borsa che facevano incetta di azioni di società con quotazioni molto basse. Non appena ne controllavano la maggioranza, i finanzieri d’assalto costringevano il management a ristrutturare la società, vale a dire ad abbassare i costi e licenziare personale, o in qualche modo a far sì che le quotazioni salissero al massimo, anche a costo di licenziamenti di massa, addirittura del declino dell’azienda. I più famosi finanzieri d’assalto erano allora Carl Icahn, Ron Perelman, T.Boone Pickens e Asher Edelman.(28) Ma c’erano tra loro anche dirigenti di casse pensioni come la California Public Employees Retirement System (CAL-pers). A questi tesorieri era del tutto indifferente se la loro politica d’investimento orientata solo alla rendita massima faceva sì che le aziende dovessero licenziare in massa i loro impiegati- persone simili agli assicurati da loro rappresentati. (29) La Coniston Partners, una società statunitense fondata dai 3 banchieri d’investimento di Wall Street Paul Tierney, Augustus Oliver e Keith Gollust, era allora un raider di media grandezza.Nel 1985 con la sua FGNA alle isole Cayman, partecipò finanziarmente alla Coniston con circa 70 milioni di dollari. Nel 1987 la Coniston acquistò un pacchetto azionario della Allegis, capogruppo di United Airlines, Hilton Hotel International, Westin Hotels e autonoleggio Hertz. Su pressione della Coniston la Allegis vendette poi Hertz, Hilton e Westin, e suddivise il ricavato tra gli azionisti, con un guadagno per Coniston di 170 milioni di dollari. Dopo averci preso gusto con la Allegis, l'obiettivo divenne la ditta Gillette. Gillette aveva allora un fatturato di tre miliardi di dollari ed era considerata un’impresa solida nel settore dei beni di consumo. Il prodotto più famoso erano le lamette di sicurezza per radersi, inventate dal fondatore King Gillette.Già nel 1986 Gillette era stata oggetto di un tentativo di acquisizione di Ron Perelman. Per respingerlo, la direzione aziendale aveva pagato 34 milioni di dollari di greenmail e nove milioni di spese. Per “greenmail” si intendeva allora un riscatto di azioni in possesso di finanzieri d’assalto ad un prezzo maggiorato, una variante di “Blackmail” (in tedesco e in italiano ricatto) e del colore verde delle banconote in dollari. Pagando la Greenmail, il management sperava di liberarsi dalla minaccia di licenziamento proveniente dal finanziere d’assalto a spese degli azionisti. Dopo che Pereleman si era ritirato, cominciò Coniston a far incetta di azioni Gillette. Il management Gillette si difese disperatamente e, ciò facendo, si imbattè anche nel nome del socio di Coniston Tito Tettamanti. Il presidente della Gillette Mockler mise i due ex agenti della CIA Lou Palumbo e Mike Achermann alle calcagna di Tettamanti. Dopo ampie ricerche essi, tuttavia, con grande delusione di Mockler, riferirono che il socio di Coniston “era conosciuto e rispettato negli ambienti finanziari […] e che non veniva collegato con note pratiche illegali o non conformi al suo ruolo”.(30) Nell’aprile 1988 poco prima dell’assemblea generale di Gillette, quando una vittoria della Coniston si profilò sempre più probabile, Mockler fece pubblicare un diagramma sul “Wall Street Journal”. Mostrava Tettamanti al vertice della Coniston, “dove nessuno xenofobo, degno del suo nome, poteva ignorarlo”, come scrisse allora il giornale economico statunitense “Barrons”. Ma Mockler non potè dimostrare il ruolo guida di Tettamanti alla Coniston, Tettamanti stesso si è sempre definito un investitore passivo di minoranza. Gollust era convinto che Gillette con il nome italiano del suo socio avesse voluto suggerire collegamenti con la mafia e che il diagramma non sarebbe mai stato pubblicato se Tettamanti avesse avuto un nome scozzese. Alla fine l’assalto a Gillette si concluse con un compromesso. Con grande soddisfazione di Tierney, Gollust, Oliver e Tettamanti, Mockler si impegnò, pur digrignando i denti, a ricomprare dalla Coniston 16 milioni di azioni per 720 milioni di dollari.


INSUCCESSO CON LA SULZER

Al gruppo industriale per le costruzioni meccaniche Sulzer Winterthur, che allora aveva 30.000 dipendenti e raggiungeva un fatturato di 4,6 miliardi di franchi, Tettamanti potè usare ciò che aveva imparato da Coniston. Da metà del 1986 cominciò segretamente a far incetta di azioni Sulzer, prima per conto proprio, poi in alleanza con un “cartello” di soci. Uno di questi era allora l’avvocato di Ginevra Eugène Patry.(31) Ufficialmente Patry sosteneva di non saper nulla della sua adesione al cartello di Tettamanti, ma tutti ne erano a conoscenza. Sulzer cercò di difendersi con norme di registrazione più severe per le azioni nominative, secondo le quali un azionista poteva controllare al massimo 1,5 % del capitale, e cominciò a mobilitare i suoi azionisti contro Tettamanti. Egli sosteneva che una parte del pacchetto di Tettamanti era stato comprato con capitale straniero di origine sconosciuta, probabilmente della FGNA di Tettamanti. Così facendo il finanziere ticinese avrebbe violato disposizioni e convenzioni vigenti in Svizzera. Tettamanti contestò immediatamente questo, ma rinunciò tuttavia ad un’azione giudiziaria. In un processo avrebbe dovuto rivelare chi fossero i suoi finanziatori. Il presidente della Fidinam Markus Redli, il consigliere d’amministrazione della Fidinam, e il presidente della banca DG svizzera negarono allora con forza di aver comprato azioni Sulzer per Tettamanti o di averle tenute fiduciariamente. Sulzer incaricò il vecchio nemico di Tettamanti, Paolo Bernasconi, di un’indagine in ogni caso poco fruttuosa sui mandanti del cartello. ”Quest’associazione è strutturata nello stile di una loggia segreta”, scrisse la“Handelszeitung”. (32) Contemporaneamente la rivista economica “Bilanz” ed altre cominciarono a cercare i punti deboli nel passato di Tettamanti .Ma il grande scandalo in cui l’establishment di Winterthur segretamante sperava non si produsse. Tettamanti era finito sotto tiro soprattutto in Canada. Era stato accusato infatti, nel 1972, di aver versato 50.000 dollari per la campagna elettorale dei conservatori canadesi , poco dopo che il governo conservatore dell’Ontario aveva firmato un accordo per un progetto edilizio di 150 milioni di dollari. Ma queste accuse più tardi vennero meno per mancanza di prove. All’inizio del 1977 Tettamanti era finito di nuovo sulle prime pagine dei giornali in relazione ad un affare di tangenti ,legato alla vendita di reattori atomici canadesi. Un assegno di più di 2,5 milioni di dollari era passato allora per una società del Liechtenstein, che Tettamanti presiedeva,di proprietà della Banca della Svizzera Italiana. Tettamanti si ritirò successivamente dall’incarico sopracitato di presidente in Liechtenstein, reati dimostrabili non ce n’erano.(33) Alla fine degli anni ‘80 la Fidinam ebbe poi contrasti con clienti canadesi, e le loro accuse contro la Fidinam del Canada furono tacitate con un pagamento per transazione di 80.000 dollari.(34)Quando l’ostinata resistenza di Sulzer aveva fatto capire che la sua scalata era impedita ad ogni costo dall’establishment della Svizzera orientale, comparve lo speculatore di borsa Werner K.Rey nel ruolo di cavaliere bianco. Alla fine di marzo 1988 Tettamanti vendette a Rey il suo pacchetto della Sulzer per 220 milioni di franchi. Se la Sulzer, che notoriamente è in seguito fallita, sia andata meglio con Rey che con Tettamanti, è una questione insoluta. Il contante, incassato da Rey, Tettamanti lo investì in un’altra industria in crisi della Svizzera orientale, precisamente la ditta Saurer ad Arbon sul lago di Costanza.


SFORTUNATO CON LA SAURER

Quella che era stata l’orgogliosa impresa di costruzioni meccaniche di Thurgau (camion, macchine tessili) si era ritrovata bruscamente negli anni ’80, in una situazione molto difficile ed era stata salvata dalla bancarotta dalla SBG, la sua banca di riferimento. Secondo il giornale economico italiano “Il Sole 24 ore”, la Sasea di Florio Fiorini aveva acquisito nel 1985 la maggioranza della Saurer e aveva rivenduto il suo 58% di capitale azionario nel marzo 1988 per circa 82 milioni di franchi a Tettamanti.(35) Questa notizia, mai confermata dalla stampa della Svizzera tedesca, potrebbe spiegare perché Tettamanti potè comprare la Saurer ma non la Sulzer: se doveva essere un finanziere del sud, meglio il ticinese Tettamanti che l’italiano Fiorini. Ad una conferenza stampa il novello industriale e presidente della Saurer Tettamanti dichiarò allora di voler creare dalla malandata impresa di Arbon un potente gruppo economico che coniugasse industria e finanza. Saurer doveva divenire contemporaneamente holding industriale e merchantbank.(36) Tettamanti organizzò il settore finanziario secondo lo stesso principio in base al quale più di dieci anni prima aveva organizzato la sua Fidinam: struttura doppia con separazione degli ambiti costituiti da Svizzera e estero. La Saurer si scisse nella holding gruppo Saurer svizzero ad Arbon e nella holding finanziaria con ufficio a Montecarlo e sede ufficiale alle Isole Cayman. Il Saurer Group Investment era sorto nel novembre 1990 dalla vecchia FGNA. Presidente restò a Montecarlo il suo vecchio amico intimo Alfonso Lodolo d’Oria. Nel giugno 1991 la Saurer comprò il gruppo di macchine tessili tedesco Schlafhorst che, con i suoi 5000 impiegati, era un po’ più grande della Saurer che aveva 3.000 dipendenti. Il colpo successivo seguì già il primo gennaio 1992 con l’acquisizione del gruppo torinese GIG di Vittorio Ghidella. Ghidella, che fin dal 1990 faceva parte del consiglio di amministrazione della Saurer, non ricevette per il suo gruppo GIG denaro contante, ma lo stesso numero di azioni Saurer di Tettamanti e divenne presidente della holding gruppo Saurer al suo posto. Tettamanti restò invece presidente della Saurer Group Investments Montecarlo. Ghidella era stato un tempo il massimo manager della Fiat, ma nel 1988 era entrato in conflitto con il presidente della Fiat Gianni Agnelli. Nei mesi successivi creò in brevissimo tempo, dal nulla, un proprio gruppo industriale che produceva componenti di veicoli a motore. Il gruppo industriale Ghidella CIG dava lavoro allora a 2.000 persone ed aveva un fatturato di circa 300 milioni di franchi. Ghidella trasferì la residenza in Ticino. L’ulteriore tentativo di Tettamanti di fare un colpo fu un totale fallimento. Egli voleva assorbire il gruppo per macchine tessili Rieter di Winterthur per fare della sua industria Sauer-Schlafhorst il numero uno a livello mondiale nel settore. Già nel marzo 1991 aveva fatto incetta in borsa di una partecipazione del 7% a Rieter, ma nel consiglio d’amministrazione della holding Rieter si attivò lo stesso meccanismo di difesa prodottosi alla Sulzer di Winterthur. La Rieter rifiutò ogni sorta di cooperazione con la Saurer, per i suoi manager una fusione era priva di qualsiasi logica industriale. La Schlafhorst, che era stata offerta anche a Rieter, la consideravano decotta. Gli sviluppi successivi hanno confermato questo punto di vista perché la Schlafhorst, poco dopo essere stata acquisita dalla Sauer, precipitò in una crisi profonda. Tettamanti denunciò in tribunale la famiglia dei fondatori della società, che gli aveva venduto le sue quote di partecipazione, per truffa e per un prezzo di vendita troppo alto. Nonostante le resistenze manifestatesi a Winterthur, Tettamanti non rinunciò al suo sogno di creare, acquisendo la Rieter, il più grande gruppo industriale del mondo per filatoi e raddoppiò la partecipazione di Saurer a Rieter fino a raggiungere il 14%. Più tardi si venne a sapere che la battaglia di Tettamanti contro Rieter era costata ad entrambe le imprese più di 100 milioni di franchi. Si rivelò fatale soprattutto la lotta al coltello per le partecipazioni di mercato ai cosiddetti filatoi open-end, il livello dei prezzi in questo settore crollò fino al 50%. Non c’è da meravigliarsi se il 1992 andò male finanziariamente per la Saurer. Solo grazie ai proventi derivanti da Montecarlo poté essere evitata una perdita. Nel primo semestre 1993 le cose andarono un po' meglio per la Saurer dal punto di vista finanziario, ma il grande colpo arrivò da Bari. Il giudice istruttore Nicola Magrone aprì un procedimento penale contro Ghidella, presidente della holding Saurer-Gruppe e altri manager della ditta Oto Trasm (Bari) per abuso della legge italiana per lo sviluppo del mezzogiorno. Oto Trasm, che apparteneva per il 49% alla Saurer, aveva fornito all’affiliata al 100% della Saurer, Graziano Trasmissioni (Torino), 60 macchine prodotte con sovvenzione statale grazie alla legge per lo sviluppo del mezzogiorno, ma che non erano state installate a Bari bensì abusivamente a Torino. Quando il settimanale “WochenZeitung” rese pubblica per la prima volta in Svizzera questa notizia, la centrale della Saurer a Glattburg inviò un fax di smentita alle redazioni dei media. Ma il 29 giugno 1993 il procuratore di stato Magrone spiccò un mandato d’arresto contro Ghidella e gli proibì ogni attività imprenditoriale in Italia. Cinque manager di Oto-Trasm furono arrestati a Bari. Il 15 luglio 1993 il consiglio di amministrazione della Saurer si riunì per un’assemblea straordinaria d’emergenza, il presidente Ghidella si dimise e fu sostituito dal tedesco Carl Hahn, ex presidente del gruppo industriale Volkswagen. Alcuni giorni più tardi Ghidella si presentò alle autorità italiane, fu arrestato e poco tempo dopo rilasciato, ma messo agli arresti domiciliari.(37)


IL CASO COGEFAR

Tettamanti non fu toccato personalmente dalle inchieste italiane. Si fece il nome, in relazione a Tangentopoli, solo di una ditta ticinese nel cui consiglio di amministrazone era stato per anni: l’impresa edile CSC Impresa Costruzioni SA (Lugano). Dello stesso consiglio di amministrazione faceva parte l’avvocato di Urn Franz Steinegger, presidente del partito liberale svizzero. Né Tettamanti né Steinegger hanno preso posizione pubblicamente sulle accuse provenienti dall’Italia secondo cui la CSC sarebbe servita alla società madre italiana come stazione di transito per tangenti.(38) Fino al 1989 la CSC era stata un’affiliata della società statale Cogefar. Poi il gruppo Fiat comprò la Cogefar e la unì alla propria impresa edile Impresit, trasformandola nella Cogefar Impresit.(39) Nuovi dirigenti di questa divennero Enzo Papi e Antonio Mosconi. Anche le casse dei fondi neri di Cogefar e Impresit vennero fuse. Nel maggio 1993 il nuovo presidente della Cogefar, Enzo Papi, confessò ai procuratori milanesi il pagamento di una tangente di due milioni di franchi a Maurizio Prada della Democrazia Cristiana. Il denaro proveniva presumibilmente da un fondo svizzero, accresciuto da una filiale in Camerun.(40) I conti delle tangenti della Cogefar-Impresit erano gestiti alla Overseas Bank and Trust (Nassau, Bahamas) ed erano intestati a Sacisa. La Sacisa era una società panamense con uffici a Lugano. Nello stessa sede della Sacisa c’era anche l’amministrazione di Entreprises et Travaux de Construction, una vecchia cassa di fondi neri della Fiat Impresit. Consigliere d’amministrazione della Entreprises era l’avvocato John Rossi dello Studio Tettamanti & Spiess, professionalmente anche rappresentante legale di Silvano Larini, titolare del Conto Protezione.(41)

UN RE ABDICA

Nel dicembre 1993 Ghidella e Tettamanti si dimisero dal comitato del consiglio di amministrazione della Saurer. Ghidella cedette inoltre tutte le funzioni operative al socio di Tettamanti Eugène Patry. Del nuovo comitato facevano parte Carlo Hahn e i tre uomini legati da stretta amicizia a Tettamanti: Alfonso Lodolo d’Oria, Neil Sunderland di Montecarloe Eugène Patry di Ginevra. Nel maggio 1994 la Saurer rendeva noto che la struttura binaria, introdotta da Tettamanti con la Arboner Holding e la Merchantbank, veniva meno e si ripristinava la vecchia unità d’azione. Tettamanti, promosso nel frattempo presidente onorario della Saurer, mantenne il suo pacchetto azionario, mentre Ghidella vendette la sua quota alla holding Zürcher BB Industrie della Bank am Bellevue (BB) e fu pagato con azioni della BB Industrie.(42) Tettamanti aveva così perduto il controllo della Saurer. In seguito questa società entrò in una crisi sempre più profonda, la costruzione di macchine tessili causava deficit enormi e la Schlafhorst andava sempre più in rosso. Parallelamente alla crescita del riporto delle perdite Ernst Thomke, uomo di punta della BB-Industrie, e Tettamanti si estraniarono sensibilmente. Dopo l’assemblea generale del maggio 1995, Melk Lehner, presidente del gruppo industriale, si ritirò e fu sostituito ad interim dalla “marionetta di Tettamanti” Eugène Patry, come alla BB-Industrie l’avrebbero chiamato secondo “Bilanz”.(43) La BB proclamò proprio capo, in contrapposizione a Patry, il famoso risanatore di industrie Ernst Thomke (Industria orologiera, Bally, Pilatus Flugzeugwerke Stans) e cominciò ad accrescere il suo pacchetto Saurer. Nell’agosto 1995 la BB affermò di controllare il 25%, mentre Tettamanti e i suoi soci possedevano ancora il 30%. Nei mesi successivi Tettamanti si ritirò progressivamente dalla Saurer. Nel dicembre 1995 la società vendette le attività di Investment-Banking a Montecarlo ad Alfonso Lodolo d’Oria e Kenneth Jones. Lodolo d’Oria diede contemporaneamente le dimissioni da vicepresidente del consiglio di amministrazione della Saurer. Nel febbraio 1996 infine la Saurer si liberò dell’ultima propaggine finanziaria offshore e vendette la partecipazione alla società finanziaria Naco (Montecarlo) ad un gruppo controllato da Tettamanti per 96.000 azioni Saurer. Il pacchetto azionario di Tettamanti si era così ridotto a non più del 14%. Il suo vecchio sogno, risalente al 1988, di fondere industria e merchantbanking, era naufragato definitivamente. Contemporaneamente Tettamanti si ritirò anche dalla Fidinam che resse bene al graduale allontanarsi del padre fondatore.(44) Fino a metà degli anni ’90 si sviluppò e divenne una delle più grandi società svizzere fiduciarie, di gestione e di revisione con un fatturato di circa 60 milioni di franchi e un guadagno netto di 1,5 milioni di franchi (1994). Alla sede principale del gruppo a Lugano-Cassarate,un edificio da 60 milioni del famoso architetto Mario Botta, lavoravano nel 1994 circa 200 persone e alcune centinaia di dipendenti erano occupati in filiali a Zurigo, Ginevra, Basilea, Bellinzona, Locarno, Zug e nell’estesa rete di società all’estero.(45) L’impresa era diretta da tre centri di potere: Tettamanti, la BSI e il management. Il consiglio d’amministrazione era composto di tre persone molto attempate: accanto al presidente Albert Salathé, quasi ottantenne, e all’ex direttore generale PTT Markus Redli della stessa età, Tettamanti, che andava per i settanta, era ancora il più giovane. Poiché Tettamanti non aveva formato alcun successore, la Fidinam prima o poi sarebbe passata alla BSI e con ciò al Bankverein. Nello stesso tempo in cui si ritirava dalla Fidinam e usciva ingloriosamente dalla Saurer, Tettamanti, trasferitosi a Londra, cominciava una nuova carriera come autore di libri. Nel febbraio 1994 apparve una traduzione tedesca del suo libro, pubblicato dapprima a Milano, ”Welches Europa?”[“Quale Europa?”].(46) Qui egli si presenta come critico dell’Unione europea in una prospettiva economica liberale, cosa che non meraviglia, dal momento che Tettamanti era solito chiamarsi “Libertario di destra”. Nell’aprile 1996 pubblicò insieme con il giornalista free lance Alfredo Bernasconi di Bellinzona, la traduzione tedesca del suo secondo libro: ”Manifest für eine liberale Gesellschaft” [“Manifesto per una società liberale”].(47) Qui gli autori chiedono un dibattito a più voci sul tema stato, dirigismo e burocrazia. E si oppongono ad un potere che si erga a tutore, definito “megameccanismo” e “stato Moloch”, che terrebbe il cittadino in una forma mite di schiavitù come una sorta di servo felice. In questa prospettiva i servizi tecnico-finanziari prestati a ricchi, siano essi italiani o di altri paesi, diventano legittimo rifiuto del Moloch insaziabile. Oltre alla pubblicazione di libri la “Fondazione internazionale per la civiltà europea”, sponsorizzata da Tettamanti, cominciò ad organizzare a Ginevra simposi sul futuro dell’Europa. Del comitato onorario di quest’ente per lo studio della storia e del futuro della civiltà europea facevano parte l’ex primo ministro francese Raymond Barre, l’ex consigliere federale Georges-André Chevallaz e l’ex presidente della Repubblica federale tedesca Walter Scheel. Nel marzo 1996 si tenne il secondo colloquio sul tema: un nuovo “contratto sociale per l’Europa”.


C’E’ QUALCHE RAPPORTO CON MARTIN EBNER?

Quella vecchia volpe di Tettamanti si è dunque trasformata definitivamente da finanziere in intellettuale? I suoi soci dei vecchi tempi non restano in ogni caso inattivi. Lo si capisce alla luce di un avvenimento del marzo 1996. Allora la BK Vision di Martin Ebner presentò, ad una conferenza stampa a Zurigo, uno studio in cui la Schweizerische Bankgesellschaft (SBG) viene accusata una volta di più di gestione inadeguata delle spese e di insufficiente redditività del capitale proprio. (48) La risposta del presidente della SBG Robert Studer fu immediata. Nel corso di una conferenza stampa, convocata in fretta, Studer criticò a sua volta lo studio: ”Da un amministratore patrimoniale di professione e stimato analista finanziario ci saremmo aspettati un lavoro più serio”.(49) Lo studio non professionale di un professionista lo portava a chiedersi quali fossero le motivazioni che ne erano alla base. Questo documento avrebbe rappresentato una diffamazione mirata della SBG e della sua dirigenza. Si potrebbe essere tentati di archiviarlo come semplice episodio delle dispute senza fine tra Ebner e la SBG. Ma desta l’attenzione il nome dell’autore: Richard Schäfer, presidente del consiglio d’amministrazione di Fidirevisa e della Banque de Patrimoines Privés (Ex-Karfinco) di Ginevra e consigliere d’amministrazione della fiduciaria Altra di Berna, che presentava personale in comune con il gruppo RAD. Un importante ex socio di Tettamanti appariva qui all’improvviso nel campo di Martin Ebner. L’uomo che all’inizio del 1994 era entrato come “Troubleshooter”, risolutore dei problemi, nella banca Karfinco sull’orlo del fallimento. L’uomo già comparso nel misteriosissimo gruppo RAD di Berna. Richard Schäfer nel ruolo di testimone principale di Ebner contro la SBG ? Chi può escludere che l’apparizione del socio di Tettamanti Richard Schäfer a fianco di Martin Ebner significhi che la BK Vision speculi segretamente anche con denaro proveniente dalla struttura offshore di re Tito?

Questo libro termina dunque con una domanda senza risposta. L’obiettivo di districare un poco i fili del grande e lucroso business è, si spera, raggiunto. Abbiamo cercato e interpretato fatti, tenendo a freno le fantasie. Ci sia permesso dunque di presentare, come epilogo, la speculazione sugli speculatori che segue.


Note:

(22) Auchi e la Paribas portarono la Banque Continentale du Luxembourg, fino allora la loro Joint-venture, nella CIPAF. La partecipazione alla Banque Continentale Auchi l’aveva comprata nello stesso 1982 dal suo fondatore Henri J.Leir. Leir è un misterioso finanziere ultraottantenne di New York che nel 1969 era stato collegato al cosiddetto “scandalo Plumbat”. Più tardi Leir passò in Lussemburgo. A New York c’era già una banca col nome francese La Banque Continentale (758 Fifth Avenue a Manhattan). La Banque Continentale apparteneva ad Arthur Roth della Franklin National Bank di New York, che nel 1972 era stata comprata dal banchiere della mafia Michele Sindona e nel 1974 era andata in bancarotta. (A proposito di Auchi cfr. anche p.196).

23) La holding belga Silbra ,prima Compagnie de Partecipations Internationales, contava tra i suoi azionisti la Pargesa Holding del magnate belga dell’acciaio e dei media Albert Frère e della francocanadese Power Corp. della famiglia Desmarais di Montreal così come il gruppo francese Pallas di Pierre Moussa, l’ultimo “Prèsident Directeur Générale “della Banque Paribas prima della nazionalizzazione da parte del governo socialista di Mitterand.

24) La Agemar di Lugano era diretta da Carlo Gilardi e Luigi Ottaviani della Banca del Gottardo, filiale del Banco Ambrosiano di Roberto Calvi in Svizzera.

25) ”Le Républicain Lorrain”, edizione del Lussemburgo, 4.11.92.Il giornale indicava come azionisti della CIPAF oltre alla Paribas e alla Banque Continentale du Luxembourg, anche la General Mediterranean Holding e la Saurer Group Investment di Tettamanti.

26) La DG Bank era la cassa centrale di circa 4000 banche popolari e casse rurali tedesche e controllava sulla piazza sette delle banche tedesche. Il presidente della DG Bank Helmuth Guthard faceva parte del consiglio di vigilanza di Veba, Thyssen Stahl e della holding Otto e fu un importante finanziatore dell’ascesa del grande commerciante cinematografico Leo Kirch.

27) L’ “Eco di Locarno” non mancò di informare che Tettamanti, nelle elezioni cantonali ticinesi del 1987 insieme con la Fidinam e la BSI, aveva appoggiato, se pur senza successo, come candidato al consiglio governativo il socialista di destra Rossano Bervini, per estromettere dall’incarico il suo collega di partito Pietro Martinelli, considerato troppo di sinistra. (“Eco di Locarno”, 6.8.91)

28) Edelman ha lasciato in eredità la sua eccellente collezione d’arte privata al comune del Vaud Pully, che dal 1992 espone i quadri al pubblico.

29) Nel tentativo della Coniston di acquisire la Gillette, CALpers ebbe una funzione chiave. Paul Tierney, socio della Coniston,andò personalmente a Sacramento e convinse la manager di CALpers, Greta Marshall, ad unirsi alla Coniston. Il presidente di Gillette Coleman Mockler jr., che pure pellegrinò allora a Sacramento, potè parlare solo con il sostituto della Marshall (“Fortune”, 23.5.88)

30) ”Bilanz”,10/88

31) Patry era consulente finanziario di fiducia dell’ex star cinematografica francese Alain Delon, residente periodicamente a Ginevra. E’ cognato del banchiere privato Andrè Mirabeau e cugino del giudice federale Jean Patry.

32) ”Schweizer Handelszeitung”, 19. 11. 87

33) ”Tages-Anzeiger”,17. 10.87

34) “Bilanz”, 7/91

35)

36)

37) Due anni più tardi, il 18 luglio 1995, Ghidella e altri cinque direttori di Oto-Trasm furono condannati da un tribunale di Bari in prima istanza a sei mesi di prigione e a una pena pecuniaria di 2 milioni di lire (allora circa 1.400 franchi). Ghidella e i cinque direttori furono accusati di violazione degli interessi dello stato italiano, false notizie su una società, spartizione di beni non conforme alla legge e manovre fraudolente.

38) Anche il consigliere d’amministrazione della Walliser JS-Holding Pierre de Chastonay faceva parte del consiglio di amministrazione della CSC Impresa Costruzioni (Lugano).

39) Il primo gennaio 1995 le imprese di costruzione Cogefar-Impresit, Girola e Lodigiani si sono fuse nella Impreglio.

40) ”Neue Zürcher Zeitung”, 27. 3. 93

41) ”L’Espresso”, 23.5.93

42) La BB Industrie Holding era una società di investimento quotata in borsa nella sfera della BB Bank di nuova fondazione a Zurigo.Ad essa riuscì ciò che per Tettamanti restò un sogno, vale a dire fare contemporaneamente sostanziosi investimenti nella Sulzer,nella Rieter,nella Saurer.Del consiglio di amministrazione della BB Industrie facevano parte Uli Sigg,Ernst Thomke e Hugo Tschirsky.

43) “Bilanz”,8/95

44) Il ritiro progressivo di Tettamanti dalla Fidinam era cominciato nel 1987, quando l’avventura in borsa a Wall Street e in Svizzera assorbì il suo tempo. Fu allora che Tito ingaggiò due direttori del Bankverein, Richard Schäfer e Hubert Baschnagel.Baschnagel entrò nel consiglio di amministrazione della FGNA, mentre Schäfer divenne presidente della società di revisione Fidirevisa e di quando in quando fece parte del consiglio d’amministrazione della Fidinam Holding. Tettamanti diede le dimissioni nel 1991 da presidente della Fidinam, ma rimase tuttavia nel consiglio di amministrazione. Nel 1993 si dimise anche dalla presidenza della Fidinam di Ginevra, giuridicamente autonoma, ma rimase anche qui nel consiglio di amministrazione.

45) L’organizzazione estera della Fidinam è giuridicamente separata dalle società svizzere. Al vertice della rete estera, strutturata secondo un complesso sistema di scatole cinesi o matrioske, c’era la Fidinam Services Holding International Inc. Panama, che controllava un fitto intreccio di società a Montecarlo, in Italia,Lussemburgo, Inghilterra, Australia, Panama, a Hongkong, nei Paesi Bassi, alle Bahamas e altrove, che muta continuamente in conseguenza di fondazioni e liquidazioni.

46) Tettamanti stesso ha definito il suo libro, apparso presso la casa editrice Amman di Zurigo, un “instant book”, nato in gran fretta - il recensore della “Neue Zürcher Zeitung“ ha usato in proposito la metafora: buona la rincorsa, corto il salto.(“Neue Zürcher Zeitung”, 9.2.94)

47) Alfredo Bernasconi, coautore, era dapprima funzionario dell’amministrazione cantonale ticinese e in quanto tale fu condannato nel 1974 per frode a danno del cantone e degli affittuari. Ebbe poi da Tettamanti un impiego come consulente immobiliare alla Fidinam. Più tardi diventò segretario per il Ticino dell’Associazione svizzera degli operai metallurgici e orologiai SMUV (Schweizerischer Metall-und UhrenarbeiterInnenverband). La rivista ticinese “Politica Nuova” informò il 18.12.87 che Bernasconi a suo tempo aveva consigliato al presidente dello SMUV, Fritz Reimann, un incontro con Tettamanti. Reimann non aveva tuttavia voluto saperne nulla e aveva consigliato invece a Bernasconi di cercarsi altri amici.

48) ”Neue Zürcher Zeitung”, 30./31.3.96

49) ”Neue Zürcher Zeitung”,3.4.96

mercoledì 15 luglio 2009

Il tesoro di Chiasso: le superbanconote americane

Il tesoro di Chiasso: le superbanconote americane che la FED non ha emesso
di Luigi Grimaldi, Liberazione, 15/07/2009

Nuovi sviluppi nel giallo dei 134,5 miliardi di dollari sequestrati a due giapponesi. Un intrigo che porta molto in alto

E' un intrigo internazionale. Il mistero dei 134,5 miliardi di dollari sequestrati a Chiasso lo scorso 3 giugno è sempre più allarmante e avrebbe origine nella crisi finanziaria giapponese del 1998.
Circolano banconote da un miliardo di dollari l'una ma non emesse dalla Fed. Una storia di finanza parallela con i servizi segreti Usa (e i nostri) in chiaroscuro. I due fermati a Chiasso hanno un nome: Mitsuyoshi Watanabe e Akihiko Yamaguchi, personaggi già abbondantemente "bruciati" in campo finanziario internazionale e coinvolti (nel 2004) nel caso di una emissione non autorizzata di bond giapponesi (i cosiddetti Japanese 57 Series Bond - titoli esclusivamente utilizzati in transazioni intergovernative) del valore di 500 miliardi di yen ognuno. Una operazione in cui si sospetta vi sia stato lo zampino della Cia. Inoltre Yamaguchi è stato indicato da fonti riservate come dirigente del ministero delle finanze giapponese e cognato di Toshiro Muto. Un nome che porta lontano e talmente in alto da far comprendere come mai, dopo un mese e mezzo, ancora non sia stato emesso un solo comunicato ufficiale.

Stati Uniti Giappone e Italia

Stati Uniti, Giappone e Italia appaiono in misura diversa imbarazzati protagonisti di uno scandalo di stato. Il giorno dopo il vertice del G8 dell'Aquila sarebbe arrivata conferma che una speciale commissione sarebbe in arrivo dagli States per stabilire finalmente se i titoli sequestrati, per un importo di dimensioni tali da collocarsi al quarto posto nella classifica dei maggiori creditori degli Usa, dopo la Russia e prima dell'Inghilterra, siano veri o falsi. In ogni caso si tratta del più ingente traffico valutario della storia. Ma dell'arrivo degli "esperti" americani si favoleggia inutilmente sin dal giorno successivo al sequestro di Como.

Anomali traffici di stato

Veri o falsi? Non ha molta importanza: è una cifra in grado di incidere sugli assetti valutari del dollaro. Una eventualità che ha messo in fibrillazione i servizi segreti e le banche centrali di tutto il mondo. La Banca d'Italia non ha voluto rilasciare commenti rinviando la palla al Ministero dell'Economia dove fonti anonime hanno confermato che nella vicenda il profilo valutario è il più preoccupante. In questa faccenda ci sono troppe cose che non funzionano. Tanto per cominciare, quelli sequestrati a Como sono titoli esclusi dalle normali negoziazioni trattandosi di importi e tagli utilizzati nelle transazioni e nei rapporti tra stati e governi e non è credibile che siano stati messi in circolazione per una tentata truffa. Fatto sta che il 3 giugno i finanzieri di Como vanno a colpo sicuro, secondo fonti del Il Giornale , imbeccati dalla Cia che ai primi di maggio avrebbero avvisato i nostri servizi del possibile arrivo in Italia di una valanga di titoli di Stato Usa che "il governo nordcoreano stava cercando di convertire in euro. I nostri servizi allertano così la Guardia di Finanza e i titoli, per un importo che la Corea del Nord non ha mai posseduto, arrivano puntualmente a Chiasso, trasportati da due orientali regolarmente attesi al varco.

I titoli e la pista Americana

Si tratta di 249 titoli. 10 Kennedy Notes da un miliardo di dollari l'uno e 239 titoli del Tesoro Americano da 500 milioni di dollari l'uno. Proprio dai Kennedy Notes arriva il bandolo per iniziare a sbrogliare questa intricatissima matassa. Non si tratta infatti di buoni del Tesoro ma di vera e propria carta moneta. Sissignori, si tratta di biglietti da un miliardo di dollari l'uno. Il fatto è però che l'emissione di tale Biglietto di Stato era, sino al sequestro di Como, se non proprio segreta, almeno non di dominio pubblico. Evidentemente è assai improbabile che un falsario riproduca, con assoluta perfezione (per la Guardia di Finanza si tratta di titoli indistinguibili dagli originali) un biglietto non in circolazione e di cui non è nota l'esistenza. Le super-banconote sarebbero state emesse nel 1998 e non sarebbero garantite dalla Federal Reserve che, in effetti, ha già dichiarato ufficialmente di non aver mai emesso titoli per il valore nominale di un miliardo di dollari.

La Fed non mente

I super-biglietti farebbero parte di una speciale emissione effettuata in base all'ordine esecutivo 11.110, firmato il 4 giugno 1963 dal presidente John Kennedy che aveva restituito al governo Usa il potere di emettere moneta, senza il coinvolgimento del Congresso, garantita attraverso le riserve federali di argento, e senza passare attraverso la Fed. Dopo l'assassinio del Presidente Kennedy l'ordine esecutivo 11.110 cadde in disuso e le banconote emesse dal governo furono ritirate dal mercato. Ma il fatto è che l'ordine esecutivo 11.110 non è mai stato formalmente abrogato. Si stima che nel 1998 il 99% delle banconote in circolazione erano "Banconote della Federal Riserve" mentre l'1% era costituito da "Banconote degli Stati Uniti". Bisogna sapere, per capirci qualcosa, che la stampa dei due tipi di banconote è quasi identica ad eccezione del fatto che una riporta la dicitura "Banconota della Federal Reserve" e l'altra "Banconota degli Stati Uniti". Inoltre, quelle della Federal Reserve hanno marchio e numero di serie verdi, quelle degli Stati Uniti marchio e numero di serie rossi. Basta guardare le foto diffuse dalla Guardia di finanza di Como per rendersi conto che le banconote da un miliardo di dollari sequestrate a Chiasso sono state messe dal Ministero del Tesoro Usa e non dalla Fed.

I consiglieri di Obama e la crisi del 1998

Al 1998 risale la grande crisi dello yen, con l'economia giapponese sull'orlo della bancarotta e il rischio di un tracollo dei mercati finanziari dello stesso tipo di quello che stiamo vivendo oggi.
Una eventualità allora scongiurata dall'intervento del governo americano deciso a sostenere il peso valutario dello yen in caduta libera. Nessuno si ricorda più di quella crisi ma all'epoca intervennero personalmente Rubin, ministro del Tesoro, e il suo vice: Larry Summers, oggi consigliere economico di Barak Obama e all'epoca inviato speciale di Washington nei Paesi nei guai, precipitatosi a Tokio il 18 giugno del 1998 per incontrare il ministro delle Finanze Hikaru Matsunaga e il suo vice, Eisuke Sakakibara, l'uomo conosciuto sui mercati come "Mister Yen".

Una trappola da romanzo

Ora il fatto davvero interessante è che i due giapponesi fermati a Chiasso, con la ciclopica cifra di 134,5 miliardi di dollari, sono personaggi abbondantemente "bruciati" essendo stati coinvolti in un precedente traffico miliardiario di titoli falsi in yen. In più le precauzioni assunte dai due per varcare la frontiera italo-svizzera sono da subito apparse agli investigatori assolutamente inadeguate al valore del traffico messo in atto. Una ingenuità incongruente con il curriculum dei due corrieri nipponici che invece hanno precedenti da professionisti dei traffici finanziari di altissimo livello. Yamaguchi in particolare sembra il personaggio più interessante e intorno al quale potrebbe cominciare a chiudersi il cerchio dei misteri sul "tesoro di Chiasso": se venisse confermato che si tratta di un ex alto funzionario del Ministero del Tesoro giapponese e se il suo nome porta effettivamente a Toshiro Muto i conti potrebbero cominciare a tornare. Toshiro Muto è stato infatti fino a poco tempo fa vice-governatore della Banca del Giappone ma anche, nel 1998, contestatissimo direttore del segretariato generale del ministero delle finanze di Hikaru Matsunaga e di Eisuke Sakakibara, i protagonisti, con Summers e Rubin, del "salvataggio dello yen" del 1998. Sakakibara fino a poco tempo fa è stato anche tra i più convinti sponsor della nomina di Muto a governatore della Banca centrale del Giappone. Insomma tutto fa pensare che i titoli del "tesoro di Chiasso" siano autentici e che rappresentino un acuto mal di pancia per l'entourage finanziario del governo Obama più che per quello Giapponese. Insomma, tira aria da colpi bassi.

Ritornano le minacce di fallimento?

Ritornano le minacce di fallimento?
di Mario Lettieri - Paolo Raimondi - 15/07/2009

Fonte: Arianna Editrice

L’Aquila è stato purtroppo un G8 veramente interlocutorio, una fermata di passaggio tra il G20 di Londra, dove le nuove regole della finanza sono state indicate senza però sfidare il peso e il modus operandi delle banche che ci hanno portato alla crisi globale, e il summit di Pittsburgh di fine settembre che rischia di sancire la superiorità del vecchio modello finanziario con “meno regole e meno stato”. Quello della City e di Wall Street!

Nonostante il fatto che i governi siano diventati con i soldi pubblici i creditori di ultima istanza di un sistema in bancarotta, nella partita tra l’autorità degli stati e le banche sono ancora le seconde a dettare le regole del gioco.

Anche Berlusconi, tra le esaltazioni del successo del summit, ha fatto una dichiarazione che merita una più attenta riflessione. “Si è manifestato il disappunto sul fatto che - ha detto nella conferenza stampa finale - sono riprese le speculazioni internazionali sugli hedge fund, sul petrolio come su altre materie prime, e anche per questo abbiamo dato mandato agli organi i internazionali di studiare un modo per intervenire”. In altre parole si ammette che dopo un anno, nonostante summit, decaloghi, tavole di condotta e quant’altro, certa finanza speculativa non ha mai cambiato comportamento e marcia speditamente verso una seconda fase della crisi.

Il Comptroller of the Currency, l’autority Americana che supervisiona anche il comportamento del sistema bancario, ha pubblicato recentemente il rapporto sugli andamenti finanziari del primo trimestre del 2009 in cui evidenzia che, nonostante la crisi e le annunciate misure antispeculative, i derivati over the counter (OTC) sottoscritti dalle banche USA sono saliti a 202.000 miliardi di dollari a fine marzo 2009, cioè 2.000 miliardi in più della fine del dicembre precedente.

Oltre il 90% di questa bolla è in mano solamente a 4 banche: la JP Morgan Chase, la Citi Bank, la Bank of America e la Goldman Sachs.

Ed è stata proprio quest’ultima, che vanta storiche amicizie e alleanze anche a casa nostra, a guidare questa ripresa speculativa nei prodotti derivati, portando la sua quota da 30 a 40.000 miliardi in solo tre mesi!

Da parte sua, la Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea ha pubblicato a fine giugno il suo rapporto semestrale in cui riporta che il valore nozionale dei derivati a livello globale nel secondo semestre del 2008 era invece sceso di ben 100.000 miliardi di dollari, assestandosi comunque sempre intorno all’impressionante livello di quasi 600.000 miliardi.

La BRI si premura anche di sottolineare che, mentre il valore nozionale diminuiva, saliva invece di 5.000 miliardi quello del Gross Market Value, cioè il costo per rimpiazzare tutti i contratti esistenti ad un dato momento. Il significativo aumento di questo indice dimostra che la volatilità e i rischi delle operazioni in derivati finanziari nel periodo di crisi e di collassi bancari sono aumentati drammaticamente e con essi i costi, i premi da pagare, per i derivati stessi.

Questi dati rivelano che particolarmente in America, nell’epicentro della crisi finanziaria, il comportamento speculativo non è cambiato affatto, nonostante il gran parlare di nuove regole e di controlli più stringenti.

La stampa ha poi presentato come un sensazionale risultato del G8 dell’Aquila l’aver concordato un impegno di 20 miliardi di dollari a sostegno dell’Africa nella lotta contro la fame e contro le emergenze sanitarie. Certamente ogni aiuto allo sviluppo dell’Africa è una cosa buona e doverosa, anche se per il momento si tratta solo di numeri sulla carta.

Noi vorremmo, però, far notare la sproporzione fra gli aiuti per l’intero continente africano e i 182,5 miliardi di dollari messi a disposizione lo scorso settembre per il salvataggio del gigante americano delle assicurazioni AIG.

Certo che il suo fallimento avrebbe portato con sé l’interno sistema assicurativo e pensionistico americano, ma la differenza è davvero enorme.

Inoltre, proprio mentre si prometteva il sostegno all’Africa, l’AIG subiva un tracollo in borsa tanto da far ventilare una nuova minaccia di fallimento.

A questo proposito ricordiamo che in gioco c’è anche la “bomba” da 193 miliardi di dollari in CDS (credit default swaps, una sorta di polizze di assicurazione per obbligazioni ad alto rischio) che l’AIG ha venduto soprattutto in Europa e il cui vero valore è tutto da stabilire.

Perciò concordiamo pienamente con il presidente Giorgio Napolitano, che, parlando ai capi di stato e ad altri dirigenti internazionali a L’Aquila, ha sottolineato l’importanza e l’urgenza di una nuova Bretton Woods. Non solo – ha detto il presidente – per avere “un complesso di più esigenti regole e standard internazionali per la conduzione delle attività finanziarie ed economiche” ma per definire soprattutto un modello di società più giusta e lungimirante che si può esprimere “nella cooperazione fra civiltà”.

Grand Theft Auto: How Stevie the Rat ...

Grand Theft Auto: How Stevie the Rat bankrupted GM

by Greg Palast
Wednesday, July 15, 2009

Yesterday, Steven Rattner was forced to resign as Obama's "Car Czar" - awaiting possible prosecution for bribery.

6 weeks ago, we identified Rattner as the man who designed the GM bankruptcy to benefit his banker buddies at the expense of auto workers.

Good riddance to Stevie the Rat and here's why...


ant-farm_2Screw the autoworkers.
They may be crying about General Motors' bankruptcy today. But dumping 40,000 of the last 60,000 union jobs into a mass grave won't spoil Jamie Dimon's day.

Dimon is the CEO of JP Morgan Chase bank. While GM workers are losing their retirement health benefits, their jobs, their life savings; while shareholders are getting zilch and many creditors getting hosed, a few privileged GM lenders – led by Morgan and Citibank – expect to get back 100% of their loans to GM, a stunning $6 billion.

The way these banks are getting their $6 billion bonanza is stone cold illegal.

I smell a rat.

Stevie the Rat, to be precise. Steven Rattner, Barack Obama's 'Car Czar' - the man who essentially ordered GM into bankruptcy this morning.

When a company goes bankrupt, everyone takes a hit: fair or not, workers lose some contract wages, stockholders get wiped out and creditors get fragments of what's left. That's the law. What workers don't lose are their pensions (including old-age health funds) already taken from their wages and held in their name.

But not this time. Stevie the Rat has a different plan for GM: grab the pension funds to pay off Morgan and Citi.

Here's the scheme: Rattner is demanding the bankruptcy court simply wipe away the money GM owes workers for their retirement health insurance. Cash in the insurance fund would be replaced by GM stock. The percentage may be 17% of GM's stock - or 25%. Whatever, 17% or 25% is worth, well ... just try paying for your dialysis with 50 shares of bankrupt auto stock.

Yet Citibank and Morgan, says Rattner, should get their whole enchilada - $6 billion right now and in cash - from a company that can't pay for auto parts or worker eye exams.

Preventive Detention for Pensions

So what's wrong with seizing workers' pension fund money in a bankruptcy? The answer, Mr. Obama, Mr. Law Professor, is that it's illegal.

In 1974, after a series of scandalous take-downs of pension and retirement funds during the Nixon era, Congress passed the Employee Retirement Income Security Act. ERISA says you can't seize workers' pension funds (whether monthly payments or health insurance) any more than you can seize their private bank accounts. And that's because they are the same thing: workers give up wages in return for retirement benefits.

The law is darn explicit that grabbing pension money is a no-no. Company executives must hold these retirement funds as "fiduciaries." Here's the law, Professor Obama, as described on the government's own web site under the heading, "Health Plans and Benefits."

"The primary responsibility of fiduciaries is to run the plan solely in the interest of participants and beneficiaries and for the exclusive purpose of providing benefits."

Every business in America that runs short of cash would love to dip into retirement kitties, but it's not their money any more than a banker can seize your account when the bank's a little short. A plan's assets are for the plan's members only, not for Mr. Dimon nor Mr. Rubin.

Yet, in effect, the Obama Administration is demanding that money for an elderly auto worker's spleen should be siphoned off to feed the TARP babies. Workers go without lung transplants so Dimon and Rubin can pimp out their ride. This is another "Guantanamo" moment for the Obama Administration - channeling Nixon to endorse the preventive detention of retiree health insurance.

Filching GM's pension assets doesn't become legal because the cash due the fund is replaced with GM stock. Congress saw through that switch-a-roo by requiring that companies, as fiduciaries, must

"...act prudently and must diversify the plan's investments in order to minimize the risk of large losses."

By "diversify" for safety, the law does not mean put 100% of worker funds into a single busted company's stock.

Yes, I know that there's an exception to the law: if a victim agrees to the theft, it's A-OK. In GM's case, the United Auto Workers union has given its blessing for The Rat's plan to snatch pension assets, but what choice did the UAW have? If the union didn't cave, Obama would have shut the Treasury's check book and made the GM workers eat dirt. In other words, the auto workers were given the "choice" of the color of the shovel used to bury them.

This is dangerous business: The Rattner plan opens the floodgate to every politically-connected or down-on-their-luck company seeking to drain health care retirement funds.

House of Rubin

Pensions are wiped away and two connected banks don't even get a haircut? How come Citi and Morgan aren't asked, like workers and other creditors, to take stock in GM?

As Butch said to Sundance, who ARE these guys? You remember Morgan and Citi. These are the corporate Welfare Queens who've already sucked up over a third of a trillion dollars in aid from the US Treasury and Federal Reserve. Not coincidentally, Citi, the big winner, has paid over $100 million to Robert Rubin, the former US Treasury Secretary. Rubin was Obama's point-man in winning banks' endorsement and campaign donations (by far, his largest source of his corporate funding).

With GM's last dying dimes about to fall into one pocket, and the Obama Treasury in his other pocket, Morgan's Jamie Dimon is correct in saying that the last twelve months will prove to be the bank's "finest year ever."

Which leaves us to ask the question: is the forced bankruptcy of GM, the elimination of tens of thousands of jobs, just a collection action for favored financiers?

And it's been a good year for Señor Rattner. While the Obama Administration made a big deal out of Rattner's youth spent working for the Steelworkers Union, they tried to sweep under the chassis that Rattner was one of the privileged, select group of investors in Cerberus Capital, the owners of Chrysler. "Owning" is a loose term. Cerberus "owned" Chrysler the way a cannibal "hosts" you for dinner. Cerberus paid nothing for Chrysler - indeed, they were paid billions by Germany's Daimler Corporation to haul it away. Cerberus kept the cash, then dumped Chrysler's bankrupt corpse on the US taxpayer.

("Cerberus," by the way, named itself after the Roman's mythical three-headed dog guarding the gates Hell. Subtle these guys are not.)

While Stevie the Rat sold his interest in the Dog from Hell when he became Car Czar, he never relinquished his post at the shop of vultures called Quadrangle Hedge Fund. Rattner's personal net worth stands at roughly half a billion dollars. This is Obama's working class hero.

If you ran a business and played fast and loose with your workers' funds, you could land in prison. Stevie the Rat's plan is nothing less than Grand Theft Auto Pension.

It doesn't make it any less of a crime if the President drives the getaway car.

******

Economist and journalist Greg Palast, a former trade union contract negotiator, is author of the New York Times bestsellers The Best Democracy Money Can Buy and Armed Madhouse. He is a GM bondholder and card-carrying member of United Automobile Workers Local 1981.

Major C.H. Douglas on "Causes of War"

A talk on BBC Radio in November 1934 by Major Clifford Hugh Douglas in a series on "The Causes of War". Douglas was the founder of the Social Credit movement.

Major C.H. Douglas on "Causes of War" - part 1

http://www.youtube.com/watch?v=sw28HmmvNNs

Major C.H. Douglas on "The Causes of War" - part 2

http://www.youtube.com/watch?v=gpHJdApvtO0&feature=related

Hedge fund realize gold ETFs are naked short

Einhorn's Greenlight Hedge Fund Switches Gold ETF to Bullion

By Saijel Kishan
Bloomberg News
Tuesday, July 14, 2009

http://www.bloombergnews.com/apps/news?pid=20601213&sid=arz6MqVbTVBs

NEW YORK -- Greenlight Capital Inc., the $5 billion hedge-fund firm run by David Einhorn, told investors it switched all of its holdings in a gold exchange-traded fund into bullion during the second quarter.

The New York-based fund said the cost of keeping gold in a storage facility is less than it paid in fees for the SPDR Gold Trust, according to a letter sent to investors yesterday.

Greenlight, started by Einhorn, 40, in 1996, told clients in January it was buying gold for the first time amid the threat of inflation from higher government spending. The firm held 4.2 million shares of SPDR Gold Trust in the first quarter, making the gold-backed ETF its biggest holding.

The firm's Greenlight Capital LP fund gained 16.3 percent in the second quarter, bringing its return this year to 21.5 percent, according to the letter, a copy of which was obtained by Bloomberg News. The fund lost 23 percent last year.

Hedge funds returned an average 9.4 percent this year through June after losing 19 percent in 2008, according to Hedge Fund Research Inc. in Chicago.

Steve Bruce, a spokesman for Greenlight, declined to comment on the fund’s switch.

Hedge funds are private, largely unregulated pools of capital whose managers can buy or sell any assets, bet on falling as well as rising prices and participate substantially in profits from money invested.

317 cars burned ahead of Bastille Day

317 cars burned ahead of Bastille Day --Disaffected youths frustrated with high unemployment rates and their view of France's failure to integrate ethnic minorities - 14 Jul 2009

French youths burned 317 cars and wounded 13 police officers overnight on the eve of the Bastille Day national holiday, police said Tuesday. By 6:00 am (0400 GMT), police headquarters in Paris had recorded 317 burnt out cars -- up 6.7 percent on 2008 -- and 240 arrests, almost double the total for the same period last year. These numbers were expected to increase as fresh reports came in. [more]

Call for Fed transparency grows louder

Call for Fed transparency grows louder

By Tom Braithwaite and Francesco Guerrera
Financial Times, London
Wednesday, July 15, 2009

http://www.ft.com/cms/s/0/e0d6766a-70c6-11de-9717-00144feabdc0.html

To conspiracy theorists, the Federal Reserve is a dangerous, shadowy, and unaccountable organisation -- like the Central Intelligence Agency but without the black helicopters.

For more than 200 years, central bank critics have railed about an alleged lack of transparency, a threat to the fabric of the US by un­elected moneymen.

For more than 20 years, Ron Paul, the Texan Republican, has been trying to pass a bill that would audit the Fed’s monetary policy decisions. He says US citizens need to know more about the inner workings of the organisation. But he has had little support.

However, in the past 12 months the possibility of more oversight of the Fed has dramatically increased. No longer confined to conspiracy theorists -- or the small libertarian wing of Mr Paul -- it is now the view of mainstream politicians. A majority in the House of Representatives and many in the Senate have decided the Fed needs a tighter leash. "We do not want to politicise our central bank but perhaps they are politicising themselves," says Richard Shelby, senior Republican on the Senate Banking Committee.

Majority opinion has coalesced around more oversight because of a coincidence of economic and political decisions in the Fed and the Treasury. Defenders of free-market capitalism worry about the actions of Ben Bernanke, Fed chairman, who is alleged to have coerced Bank of America into completing its acquisition of Merrill Lynch in spite of mounting losses.

There are opponents to the unconventional monetary policy moves from the Fed, which has vastly increased its own balance sheet and bought mortgage-related securities and Treasury paper in an attempt to restart the flow of credit.

Others, including prominent investors and some regulators, worry about giving the Fed more regulatory authority over the largest financial institutions. "Giving the Fed an oversight role would take away from its central focus, which is monetary policy," says William Donaldson, a former chairman of the Securities Exchange Commission.

There are vaguer fears of skulduggery that Mr Paul outlined as he cross-examined Donald Kohn, Fed vice-chairman, last week. "You say it's the public's interest, I don't think [that] reassures a lot of people because all of a sudden we think, 'What are you doing? Are you protecting the bankers' interests? Are you protecting some international [interests] another government ... another central bank, or what?'"

Advocates of an expanded role for the Fed -- including Tim Geithner, the former New York Fed president who is now Treasury secretary, and Barney Frank, the House financial services committee chairman -- are trapped. Even though the Fed's defenders concede that loose monetary policy contributed to the debt bubble, they are firmly of the belief that it is the only organisation capable of tackling systemic risks and, separately, that its monetary policy independence should not be compromised.

The Fed does not believe the sky will fall in if it faces more audits from the Government Accountability Office but is worried about the more congressional oversight and the potentially chilling effect on its board discussions.

The Fed warns of destabilised markets, higher inflation and long-term interest rates as investors worry about the potential for congressional pressure to keep monetary policy loose.

"Any substantial erosion of the Federal Reserve's monetary independence likely would lead to higher long-term interest rates as investors begin to fear future inflation," Mr Kohn told the financial services committee last week.

His warnings are unlikely to be enough, say both supporters and critics of the Fed in Congress. Barring an unexpected change of mood in both the House and the Senate there will be more oversight ordered by law.